There are 55.017 boxer records, at least 535.932 bouts and 10.434 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

CLAMOROSO, MAYWEATHER VINCE E LASCIA. PACQUIAO PROSEGUE

 

 

Match tattico di alto livello tecnico, verdetto giusto.

Pubblico per il filippino.

di Giuliano Orlando

Non solo ha vinto, ma dopo il successo su Pacquaio, Mayweather ha voluto offrire il colpo di teatro. Rivolgendosi ai giornalisti ha detto “Sono curioso di conoscere cosa scriverete dopo questa vittoria. Voi parlate di campioni assoluti, di Marciano, Alì, Louis e Robinson. Benissimo, oggi però il numero uno sono io. Lo dovete ammettere, Inoltre di me conoscete ben poco. Io amo la mia famiglia e quello che ho fatto è stato per loro”. Una lunga pausa e il colpo a sorpresa: “Dopo questo incontro lascio tutte le cinture che ho guadagnato sul ring. A settembre disputerò l’ultimo incontro della carriera, senza alcun titolo in palio, solo per affiancarmi a Marciano e condividere con un grande campione questo primato. A quel punto sarò un ex campione rispettato da tutti”. Sorpresa e sconcerto, ma fino ad un certo punto. Vedremo se manterrà quanto dichiarato o ci sarà un ripensamento. Di certo non avrà problemi finanziari.

AP Photo/Isaac Brekken
 
Qualora desse corpo alla clamorosa dichiarazione, il confronto d’oro di Las Vegas avrà ancora più valore. Il timore che la montagna potesse partorire il classico topolino non si è avverato. La grande sfida tra Floyd Mayweather jr. e Manny Pacquiao, ha mantenuto le promesse, nel senso che ha espresso quello che si prevedeva. Non una battaglia muscolare, ma un gioco tattico ad alto livello, dove il filippino si è messo il match sulle spalle, attaccando per dodici round, mentre l’americano ha svolto il ruolo di attendista attivo, replicando e difendendosi con arte e mestiere, rasentando la perfezione e anche l’irritazione del rivale. Pochissime le riprese nette, quarta e sesta per Manny, decima e undicesima per Floyd, le altre per un paio di colpi in più. Tutte riprese in fotocopia, con Pacquiao che insegue e l’altro che balla e evita la lotta a corta distanza. Manca il pathos della lotta tra guerrieri, l’intensità di altre sfide. Niente a che vedere quando Pacquiao domò Cotto, Hatton e De La Hoya e quando affrontò Manuel Marquez, ma siamo negli anni d’oro del filippino, che nel 2010 seppe vince il mondiale medi jr. contro un Margarito dai pugni di piombo. E neppure alla tattica di Mayweather contro Saul Alvarez, dove mise sul ring orgoglio e voglia di domare un rivale che fa della potenza il suo biglietto da visita. A questo appuntamento sono arrivati sicuramente con qualche anno in ritardo, ma per chi ama la boxe dove i pugni sono messi al servizio del cervello, è stato un match perfetto. Per entrambi. Non sono d’accordo sui quattro punti di due giudici, non commento il 118-110 di Dave Moretti, per non trattarlo da incompetente. Personalmente ne avevo due, senza regalare nulla a Manny. Dico di più, non mi sarei scandalizzato di un pari, volendo premiare la generosità di Pac, al quale è mancata quella sostanza atletica che avrebbe fatto la differenza. Purtroppo tra i due, proprio il più anziano Floyd (38 anni, contro i 36 del rivale) è quello che ha fatto la differenza nel finale, senza rischiare, semplicemente azionando le lunghe leve con maggiore velocità, anticipando i colpi del rivale, motivato fino alla fine, ma senza quella consistenza, indispensabile per impensierire un campione di furbizia e riflessi, come il favorito. Ugualmente il confronto è piaciuto e la parte maggioritaria degli spettatori di fede filippina, ha contestato il verdetto. Trovando proprio nello sconfitto la stessa opinione: “Penso di aver vinto – ha detto Pacquiao in tutte le interviste – e non capisco il verdetto. Lui ha sempre rifuggito il contatto, ha solo pedalato all’indietro. L’ho inseguito e colpito spesso, per contro i suoi colpi non mi hanno mai messo in difficoltà. Un verdetto che non ho capito”.
Felice, ma misurato il campione in carica, che oltre alle cinture welter WBC e WBO, aggiunge quella del WBA e sale al vertice assoluto di tutte le categorie, fino a quando confermerà la decisione di lasciarle vacanti. “Sapevo che per battere Pacquiao dovevo ragionare e non cadere nella trappola dello scambio corto. Ha eseguito il compito alla perfezione. Dovevo vincere e l’ho fatto, Questo conta, il resto sono parole inutili. I risultati mi danno ragione”. Ma non confondiamo le 49 vittorie di Marciano, con le 48 di Floyd. Si tratta di due record dai connotati diversi. Marciano è stato il re dei massimi, Floyd di cinque categorie, tutta un’altra storia.
Di fatto questo confronto passa alla storia come la sfida che ha cancellato tutti i record e da domani si ricomincia. E’ il bello della boxe, che risorge sempre, quando i soliti disfattisti, gufano per assisterne al declino. Incredibile, quanto l’invidia per i successi altrui crei astio immotivato. La giornalista Sarah Spain di ESPN, emittente esclusa dalla torta che si sono divisi HBO e Showtime, consiglia a disertare la pay per view, che ha cancellato il precedente record, andando al ristorante e dando il resto in beneficenza, Poi scopri che la collega opera col baseball, in difficoltà di ascolti. C’è chi ha definito l’incontro come l’ultima spiaggia di uno sport in crisi. Il rilancio o il funerale. Difficile capire il concetto e come si possa affermare tale tesi. Mayweather-Pacquio semmai ha dimostrato la forza e il richiamo della boxe nel mondo. Che i suoi numeri siano difficili da ripetere al momento è indubbio. Anche se nessuno può pronosticare con certezza il futuro. Dopo Alì e dopo Tysonsi scrisse che la boxe era prossima al funerale. Poi sono arrivati i De La Hoya, i Klitschko e altri. Se altri sport avranno l’opportunità di far meglio sarà un fatto positivo per lo sport, non altro. Peccato che pochi ricordano che negli anni ’50 e ’60, indicati come irripetibili per la boxe, vigevano otto categorie e una sola sigla, oltre al mondo delle scommesse legato alla mafia, alla quale pochi si sottraevano. Oggi, in cui si parla di crisi, che qualche inesperto, collochi la boxe americana come sport di nicchia, facciamo notare che operano cinque e più sigle con 17 categorie di peso per ciascuna, ognuna delle quali ha emittenti che permettono attività continuativa, quindi lavoro per pugili, manager e tanta altra gente. Solitamente la crisi è ben diversa. Per quanto riguarda l’Italia, non si scopre nulla, sulle difficoltà del momento e sui problemi di vecchia data. Ammesso che non viaggi alla grande, resta il fatto che l’evento di Las Vegas non c’entra affatto con la situazione italiana. Paragone forzato, inopportuno e fuori strada.
 
Giuliano Orlando

 

 

 

 

 

Archive

UN GIORNO COME OGGI, IL 15 GENNAIO 1954

Antonini debutta a Ginevra di Priminao Michele Schiavone Il pugile umbro Franco Antonini compì la prima trasferta estera il 15 gennaio 1954, affrontando a Ginevra, Svizzera, il francese Simon P...

15/01/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 14 GENNAIO DEL 1961

Paul Pender piega Terry Downes di Priminao Michele Schiavone Come campione mondiale dei pesi medi l’americano di origine irlandese Paul Pender si trovò ad affrontare il 14 gennaio 1961 a ...

14/01/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 13 GENNAIO DEL 1950

Ivano Fontana si affaccia al professionismo di Priminao Michele Schiavone Il 13 gennaio 1950 segnò l'avvio della carriera a torso nudo di Ivano Fontana, teramano di Mutignano trasferitosi a Luc...

13/01/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 12 GENNAIO DEL 1955

Gavino Furesi sfidante al campionato italiano di Priminao Michele Schiavone Un altro pugile sardo che lottò strenuamente prima di avere l’occasionee di competere per un titolo nazionale p...

12/01/2018

LA BOXE IN LUTTO PER GIOVANNI GIRGENTI

Nobile figura del pugilato siciliano Articolo di Gianni Virgadaula Fonte: Alfredo Bruno 2out Giovedì 11 gennaio 2018 -- Oggi la boxe italiana è in lutto per un uomo tranquillo che aveva d...

11/01/2018

UN GIORNO COME OGGI, L'11 GENNAIO DEL 1942

Beniamino Serpi, campione nei fatti di Priminao Michele Schiavone Uno dei tanti italiani meritevoli di essere definiti campioni nazionali, purtroppo senza riuscirci, fu il sardo Beniamino Serpi, pugil...

11/01/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 10 GENNAIO DEL 1939

Henry Armstrong, campione simultaneo in tre categorie di Priminao Michele Schiavone Lo statunitense Henry Armstrong detenne contemporaneamente tre titoli mondiali in altrettante divisioni di peso: dei...

10/01/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 9 GENNAIO DEL 1931

Tommy Freeman batte Pete August di Priminao Michele Schiavone L’americano di origine irlandese Tommy Freeman quando era campione mondiale dei pesi welter si presentò più volte sul ...

09/01/2018

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS