There are 54.970 boxer records, at least 535.565 bouts and 10.305 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

WSB, ITALIA THUNDER NAUFRAGA IN UCRAINA

 

 

KIEV ANCORA LETALE

Ukraine Otamans vs Dolce & Gabbana Italia Thunder 4-1

Kiev, 13 dicembre 2013 – Il primo match della serata è quello affidato a due giovanissimi, nemmeno ventenni: l'italiano Gianluca Conselmo per Dolce & Gabbana Italia Thunder e l'ucraino Vadym Kudryakov per i Ukraine Otamans. La categoria di peso è quella dei minimosca. Il primo round entra subito nel vivo, gli scambi sono equilibrati e Conselmo tiene bene il ring fino a che un buon sinistro di Kudryakov scuote leggermente il siciliano, che viene contato dall'arbitro. Il mancino ucraino è solido e preciso, Conselmo deve stringere i denti e riprendere la sua distanza, tanto che anche un suo buon sinistro va a destinazione nel secondo round e l'ucraino va in difficoltà, dovendo ricorrere anche a qualche irregolarità. I giudici però continuano a scegliere Kudryakov, perché Conselmo si vede poco in fase offensiva. Nel terzo round, Conselmo inizia meglio, ma è l'ucraino che controlla con più mestiere e penetra maggiormente in mezzo alla guardia dell'italiano. Anche nei round finali l'italiano non sfigura, ma il match lo fa Kudryakov, più veloce, più reattivo e più preciso. Conselmo è contato ancora proprio nel finale; giusta la vittoria unanime che si aggiudica il pugile ucraino.

Vadym Kudryakov – Gianluca Conselmo  3-0

50-45; 50-45; 50-45

Spetta al peso gallo professionista francese Khedafi Djelkhir, uno dei grandi acquisti di quest'anno, tentare di rimettere subito il confronto sul pari affrontando un buon pugile come Mykola Butsenko che, a differenza del transalpino ha maggiore esperienza nelle WSB. Butsenko prova a muovere il sinistro di sbarramento, il francese è chiuso dietro una guardia stretta e attacca senza sosta. Il primo round si scalda, si vede qualche buono scambio e già un gran ritmo. Il secondo round vive sulla stessa falsa riga, Djelkhir attacca senza sosta e tocca al corpo, Butsenko faticosamente tenta di tenerlo a distanza, ma il francese non molla. Djelkhir cerca di far valere la maggiore esperienza e prende confidenza, Butsenko pare stanco, ma non molla e il match diventa vibrante, con il francese che piazza qualche spettacolare montante e i colpi più pesanti. Anche nel quarto round l'ucraino è costretto a combattere arretrando, Djelkhir colpisce e attacca senza sosta alla ricerca del colpo pesantissimo. Nei cartellini c'è un pari per due giudici mentre il terzo è per il francese, si decide tutto all'ultimo round, che Djelkhir si aggiudica. Finisce il match, vince Djelkhir per split decision.

Mykola Butsenko – Khedafi Djelkhir  1-2

48-47; 45-50; 47-48

Per il terzo match, nei pesi super leggeri, l'esordio stagionale di Branimir Stankovic, fuoriclasse serbo della franchigia italiana, che stasera se la vede con l'esordiente lituano Evaldas Petrauskas, bronzo olimpico e pugile temibile. Il tema del match è quello della ricerca del colpo pesante di Petrauskas e del maggiore movimento di Stankovic, ma il lituano è pericoloso se accorcia la distanza e può lavorare al corpo. Stankovic deve un po' subire la pressione dell'avversario, il serbo deve sicuramente puntare sul movimento e l'eleganza dei colpi. Nella seconda, ripresa Stankovic fa valere la sua tecnica, Petrauskas però attacca e diventa molto pericoloso se va nella sua distanza preferita, ma il serbo raramente gliene dà l'opportunità. I ritmi sono altissimi all'inizio del terzo round, Stankovic controlla come un veterano, il lituano attacca senza sosta e resta pericoloso. Il serbo colpisce preciso da lontano, Petrauskas incassa e riparte senza fermarsi. E' un match spettacolare e molto equilibrato. Nel quarto round Stankovic è da preferirsi in fase difensiva e cerca continuità anche in quella offensiva, il lituano è più stanco, ma è pericoloso se parte con i colpi, e il pugile della squadra italiana può cercare l'anticipo. Nei cartellini dei giudici la situazione è in perfetta parità, un giudici con il pari, uno ciascuno gli altri due. L'ultima ripresa è decisiva, Petrauskas cerca la soluzione di forza, Stankovic prima subisce, poi cerca la continuità d'azione che lo può far preferire. Il lituano tocca con qualche colpo isolato, anche il serbo carica i suoi e replica con eleganza, i due pugili non si risparmiano e si arriva alla fine in maniera equilibrata. La parola finale spetta ancora ai giudici: uno è per Stankovic, due sono per Petrauskas. Per il serbo è una bella prestazione, ma è pur sempre perdente.

Evaldas Petrauskas – Branimir Stankovic  2-1

47-48; 49-46; 48-47

Il medio francese Michel Tavares e l'ucraino degli Otamans, Dmytro Mytrofanov, si conoscono benissimo perché si sono già affrontati due volte nelle precedenti stagioni di WSB, con una vittoria ciascuno. Il mancino Tavares, più alto e con maggiore allungo, imposta subito il match in attesa delle sfuriate di Mytrofanov, e fa bene il suo lavoro sfruttando gli spazi che l'avversario gli lascia attaccando, ma anche il pugile di casa non sta a guardare e replica soprattutto sul finale del primo round. Mytrofanov accorcia bene la distanza all'inizio del secondo round, Tavares è fermo sulle gambe e deve subire la pressione avversaria, prova la replica, ma senza dargli continuità. Nel terzo round Tavares si vede solo nel finale, e l'ucraino prende il largo nei cartellini dei giudici. Tavares alza il ritmo nel quarto round, ma Mytrofanov non va mai in grande difficoltà. Quando inizia l'ultima ripresa per Tavares c'è solo la ricerca della soluzione di forza, ma Mytrofanov continua ad avere un controllo totale sul match, con il francese che in breve è ancora in balia dei suoi colpi e si aggiudica un punto di penalità, una sconfitta nettissima.

Dmytro Mytrofanov – Michel Tavares  3-0

50-44; 50-44; 49-45

Tocca quindi al fresco campione del mondo Clemente Russo cercare la vittoria per prendere un punto fondamentale per la classifica. Il peso massimo campano se la deve vedere contro il bielorusso Siarhei Karneyeu, con una buona esperienza nelle WSB due stagioni fa, argento europeo e bronzo mondiale. Karneyeu cerca di tenere il centro del ring e attaccare un Russo come al solito velenoso se trova spazio da sfruttare. La classe dell'italiano è da sola sufficiente a tenere a bada il bielorusso, che infatti deve subire. Karneyeu prova insistentemente l'affondo, ma Russo non fornisce mai un bersaglio fisso e mostra una mobilità e un'eleganza lontana dalle possibilità dell'avversario, oltre che i soliti colpi saettanti che ormai sono il suo marchio di fabbrica. Nel terzo round Russo carica i colpi e va pesantemente a segno, Karneyeu va avanti boccheggiando mentre l'italiano si muove con grande naturalezza. Nel quarto round Karneyeu va avanti con insistenza, Russo fa il minimo per controllare con ordine e replicare, ma il bielorusso si fa preferire e tutto si decide nell'ultimo round, con Russo che deve fare qualcosa in più per non incappare in una sconfitta. Russo allora riprende a colpire con pesantezza e sono suoi i colpi migliori nei corpo a corpo che chiudono il match. La parola è in mano ai giudici che con un incredibile verdetto per ciò che si è visto nel complesso del match, danno la vittoria a Karneyeu. Per la squadra italiana si chiude così una serata sfortunata.

Siarhei Karneyeu – Clemente Russo   2-1

48-47; 47-48; 48-47

 

Guia Peres
Dolce & Gabbana Italia Thunder
Press Office
 
Mobile + 39 342 6114798
www.italiathunder.com

Fonte: Alfredo Bruno

Clemente Russo in azione

 

 

 

 

Archive

UN GIORNO COME OGGI, IL 16 OTTOBRE DEL 1964

La rivincita di Serti su Mastellaro di Priminao Michele Schiavone Uno dei pochi pugili che conquistarono il titolo italiano per la prima volta, al secondo tentativo, dopo aver perduto la cintura europ...

16/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 15 OTTOBRE DEL 1969

Carmelo Coscia, un campione di lungo corso di Priminao Michele Schiavone Uno di quei pugili che si spesero a lungo prima di arrivare all’appuntamento con il campionato italiano professionistico ...

15/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 14 OTTOBRE DEL 1983

A Milano, un programma, tre titoli di Priminao Michele Schiavone Quando il capoluogo lombardo poteva essere definito un baluardo dell’organizzazione pugilistica italiana, il promoter milanese Eg...

14/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 13 OTTOBRE DEL 1956

Guido Mazzinghi batte Marino Faverzani di Priminao Michele Schiavone La prima ed unica difesa del titolo italiano dei pesi medi sostenuta dal toscano Guido Mazzinghi avvenne il 13 ottobre 1956 a Milan...

13/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 12 OTTOBRE DEL 1974

Efisio Pinna vincitore in Sudafrica di Priminao Michele Schiavone Il pugile cagliaritano Efisio Pinna fu l’unico vincitore prima del limite del sudafricano Kokkie Oliver, che affrontò a J...

12/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, L'11 OTTOBRE DEL 1984

Luigi Marini, due volte campione nazionale di Priminao Michele Schiavone Tra i pugili che hanno conquistato più di una volta il titolo italiano si trova il marchigiano Luigi Marini che l'11 ott...

11/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 10 OTTOBRE DEL 1986

Claudio Nitti campione d'Italia di Priminao Michele Schiavone Il tarantino Claudio Nitti tornò al successo dopo il fallito tentativo di conquistare la cintura italiana dei pesi superpiuma con u...

10/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 9 OTTOBRE DEL 1965

Maurice Tavant avversario di sette italiani di Priminao Michele Schiavone Tra le tante sfide continentali combattute tra italiani e francesi, quella tenuta il 9 ottobre 1965 a Lione, in Francia, tra i...

09/10/2017

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS