There are 54.971 boxer records, at least 535.570 bouts and 10.309 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

ACCADDE OGGI, TAMAGNINI A TUNISI

 

 

Il 28 novembre 1933, Tamagnini defraudato contro Perez

Ottant'anni fa una sfida ai massimi livelli internazionali

di Alessandro Bisozzi 

Erano passati otto mesi da quando Vittorio Tamagnini aveva affrontato Victor Young Perez, nell'elegante salone del Palais de la Mutualité di Parigi. Ora si preparava a concedergli la rivincita.
 
Vittorio Tamagnini ritratto a New York
 
In quell'occasione, Vittorio lo aveva battuto piuttosto nettamente e per l'ex campione mondiale dei pesi mosca, il prodigioso tunisino che cominciò la carriera professionistica a sedici anni, fu un boccone difficile da digerire.  
Quell'incontro, organizzato dall'impresario americano Robert Diamond (Diamant prima di trasferirsi in Francia), fu per Tamagnini l'ennesimo successo dopo aver sconfitto il campione d'Europa dei pesi gallo Domenico Bernasconi e il campione del mondo Panama Al Brown.
Il piccolo peso piuma di Civitavecchia diventò così famoso dopo quelle tre vittorie, che il più grande organizzatore di incontri di pugilato in Europa, l'americano Jeff  Dickson, si scomodò da Parigi, suo quartier generale, e arrivò a Roma per convincerlo a firmare un contratto con lui. Avrebbe fatto qualsiasi cosa per averlo nella sua scuderia, già piena zeppa di campioni.
Young Perez aveva ventidue anni ed era già stato campione di Francia e del mondo. Un cavallo di razza il tunisino, un talento naturale rivestito da cinquantaquattro chili di muscoli assolutamente adattati al pugilato.
Due anni prima aveva affrontato il portentoso Valentin Angelmann, al Salle Wagram di Parigi, e al termine di quindici bellissime riprese si portò a casa il titolo francese dei pesi mosca.
Quattro mesi dopo, sempre a Parigi, nello stupendo scenario del Palais des Sports, a strappare il titolo del mondo al "vecchio" Frankie Genaro (medaglia d'oro alle Olimpiadi di Anversa del 1920) ci provò inutilmente prima Angelmann, poi Victor tre settimane più tardi.
Alla seconda ripresa, un crochet destro alla mascella manda al tappeto l'italo americano che per riprendersi aspetta in ginocchio il conteggio dell'arbitro. Frastornato dal potente colpo subìto, Genaro fa male i suoi conti e quando si rialza l'arbitro ha già sollevato in aria il braccio del tunisino. Ad appena vent'anni, Perez era campione del mondo di pugilato.
 
Victor Young Perez
 
Il 28 novembre 1933, nella grande sala del cinema "Palmarium" di Tunisi, sua città natale, Victor Perez ha l'occasione di riscattare la bruciante sconfitta subita da Vittorio Tamagnini.
I suoi detrattori lo vedevano già finito dopo alcune prove poco convincenti, soprattutto dopo la seconda battuta d'arresto che Jackie Brown gli aveva imposto dopo avergli strappato il titolo del mondo l'anno prima. Qualcuno attribuiva il suo scarso rendimento alle tante fughe d'amore che Victor si concedeva sempre più spesso con l'attrice Mireille Balin.
Ma non era così e appena un mese prima di affrontare Tamagnini, il tunisino lo dimostrò con una prestazione superba, imponendosi sul meraviglioso bantam Kid Francis (il napoletano Francesco Bonaugurio), al Palais des Sports di Parigi.
Il cinema "Palmarium" è stracolmo all'inverosimile la sera del 28 novembre, mentre alcuni screzi tra i giudici francesi e la delegazione italiana ritardano l'inizio delle ostilità.
L'avvio è bruciante. Con un riuscito montante al mento Tamagnini scaraventa l'avversario alle corde, poi lo centra di rimbalzo con un diretto sinistro che si pianta, come una picconata, tra lo zigomo e il naso. Perez accusa, è costretto alla fuga e il civitavecchiese lo chiude alle corde dove lo tempesta con una grandinata di colpi. Il confronto prosegue con il tunisino in chiara difficoltà davanti all'irruente azione offensiva del rivale che col passare del tempo sembra intensificare gli attacchi.
Alla quinta ripresa il tunisino appare sfinito, sembra sul punto di cedere quando all'improvviso, nel mezzo di un fitto scambio di colpi, alza un braccio e segnala un colpo basso.
L'arbitro sospende l'incontro per consultare i giudici. Era fin troppo evidente a tutti che nessuna irregolarità era stata commessa, ma intanto Perez ha modo di riprendersi.  
La seconda parte del match vede la netta supremazia di Tamagnini che riesce a dare al combattimento un ritmo assolutamente insostenibile per l'ex campione del mondo, il quale è costretto più volte ad interrompere le azioni offensive ricorrendo al clinch.
La comunità italiana è tutta in piedi, esaltata dallo stupendo combattimento appena concluso.
Tamagnini ha vinto ed è quello che hanno visto tutti.
Tutti, meno i due giudici francesi i quali danno la vittoria a Young Perez tra l’incredulità, subito mutata in gioia, perfino degli stessi spettatori tunisini.
Tutti i cronisti presenti, perfino quelli francesi, trovarono il verdetto ingiusto. I giornali italiani gridarono allo scandalo, mentre i quotidiani del posto, cautamente, parlarono di «... infelice decisione», dichiarando, senza sbilanciarsi troppo, che un verdetto di parità sarebbe stato più giusto.
Tamagnini non recrimina e rimanda il riscatto alla prossima occasione che purtroppo per lui non avverrà mai.
 
Vorrei consigliare a tutti la visione del bellissimo film di Jacques Ouaniche, in uscita in questi giorni nelle sale cinematografiche italiane, che parla della vita e della triste fine di uno dei più grandi pugili di ogni tempo: Victor Young Perez.
 
Alessandro Bisozzi

 

 

 

Archive

UN GIORNO COME OGGI, IL 18 OTTOBRE DEL 1968

Vittorio Saraudi sconfigge Giovanni Biancardi di Priminao Michele Schiavone Il terzo campione italiano di Civitavecchia fu Vittorio Saraudi, figlio di Carlo, precursore del pugilato nella città...

18/10/2017

CAMPIONI DEL MONDO DI ORIGINE ITALIANA, MIKE BELLOISE

Al secolo Michele Belloise di Pietro Anselmi e Vincenzo Belfiore La famiglia Belloise ebbe dieci figli, quattro femmine e sei maschi. Di questi tre divennero pugili: Mike, Steve e Sal. Gli ultimi ...

18/10/2017

ADDIO A WALTER CEVOLI

GRANDE CAMPIONE RIMINESE di Alfredo Bruno Un altro lutto ha colpito la boxe italiana. A Rimini ieri si è spento, all’età di 59 anni, Walter Cevoli, che fu campione italiano dei mediomassimi negl...

17/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 17 OTTOBRE DEL 1986

Jacobsen, un danese che fece la differenza di Priminao Michele Schiavone La storia pugilistica della Danimarca, anche se scritta da pochi pugili rispetto al maggior numero dei colleghi di altre nazi...

17/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 16 OTTOBRE DEL 1964

La rivincita di Serti su Mastellaro di Priminao Michele Schiavone Uno dei pochi pugili che conquistarono il titolo italiano per la prima volta, al secondo tentativo, dopo aver perduto la cintura europ...

16/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 15 OTTOBRE DEL 1969

Carmelo Coscia, un campione di lungo corso di Priminao Michele Schiavone Uno di quei pugili che si spesero a lungo prima di arrivare all’appuntamento con il campionato italiano professionistico ...

15/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 14 OTTOBRE DEL 1983

A Milano, un programma, tre titoli di Priminao Michele Schiavone Quando il capoluogo lombardo poteva essere definito un baluardo dell’organizzazione pugilistica italiana, il promoter milanese Eg...

14/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 13 OTTOBRE DEL 1956

Guido Mazzinghi batte Marino Faverzani di Priminao Michele Schiavone La prima ed unica difesa del titolo italiano dei pesi medi sostenuta dal toscano Guido Mazzinghi avvenne il 13 ottobre 1956 a Milan...

13/10/2017

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS