There are 54.990 boxer records, at least 535.762 bouts and 10.357 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

MUHAMMAD ALI COMPIE 70 ANNI

 

Muhammad Ali compie 70 anni

'Leggero come una farfalla, pungente come un’ape'

di Marco Rossi

Domani Cassius Clay, Muhammad Ali, compie 70 anni. E’ nato a Louisville il 17 gennaio 1942 e, forse, è il più leggendario sportivo dell’era moderna. Tutto nasce da un bimbetto di colore al quale il padre, pittore d’insegne, aveva regalato una bici. Il dodicenne esce per fare un giro e non trova più il veicolo dei suoi sogni, corsa disperata al distretto di polizia ma niente bicicletta, solo un poliziotto che dice:”Ragazzo hai mai provato a tirare di boxe?”. Da un episodio così marginale nasce la carriera del più famoso pugile di sempre.

muhammad_ali_296


l ragazzo sveglio e fisicamente perfetto impara presto e meraviglia i romani nel 1960 quando vince l’oro olimpico dei mediomassimi mostrando uno stile mai visto con movimento continuo intorno all’avversario (la farfalla) e una serie di jab che fanno male (l’ape).

A Roma nasce un campione, ma soprattutto un personaggio mediatico mai presente prima sulla scena pugilistica. Nel 1961 Clay passa al professionismo e batte in successione Lamar Clark e Doug Jones, poi nel 1964 uno dei primi episodi che faranno parlare del giovane di Louisville per anni.

Il 25 febbraio 1964 diventa campione dei massimi battendo Sonny Liston ma “The bad big bear” come era chiamato Liston non era un pugile qualsiasi:cresciuto in una piantagione fu mandato nei campi dal padre a tre anni con queste parole:”Se può sedere a tavola può anche andare a lavorare “. anni.

Dotato di un fisico impressionante e di una forza bestiale era considerato invincibile e, probabilmente, lo era. Di qui i sospetti mai sopiti di combine nei due match vinti da Clay. Nel primo, Liston inspiegabilmente attacca poco, dopo essersi presentato sul ring con problemi alla spalla. Clay vince al settimo round per un contestato kot. La rivincita fu ancora più controversa: Liston va giù alla prima ripresa a causa di un pugno fantasma (anche se molti sostenevano che Clay avesse colpito fulmineamente l’avversario alla tempia). In tempi successivi Liston e il suo manager fecero intendere che dietro gli strani incontri c’era la mafia e un colossale giro di scommesse. Lo stesso Joe Louis, altro mito del pugilato, sostenne di aver saputo delle combine però rivelò che Clay era all’oscuro di tutto. Ombre a parte era nata una stella. Dal ’64 al ’67 è campione del mondo difendendo il titolo per otto volte.

Già dal 1964 Clay si era convertito all’Islam prendendo il nome di Muhammad Alì. L’influenza delle rivendicazioni dei neri e una crescente consapevolezza politica fecero del ragazzo di Louisville un’icona sociale e politica. L’epilogo fu il ritiro della licenza nel 1967 per essersi rifiutato di combattere in Vietnam. Accusato di renitenza alla leva e incarcerato commentò:”Non ho niente contro i Vietcong, loro non mi hanno mai chiamato nigger”. Ormai Alì era un simbolo degli anni ’60 ma dovette aspettare fino al 1971 per tornare sul ring battendo per ko prima Jerry Quarry e poi l’argentino Oscar Bonavena però il destino era in agguato e aveva il nome di Joe Frazier che al Madison Square Garden nel cosiddetto incontro del secolo difende la corona battendo Alì ai punti. Ci furono altri due match tra i due: il secondo vinto ai punti da Alì, il terzo disputato a Manila e battezzato “Thrilla in Manilla” è passato alla storia per la violenza e il sacrificio dei due grandi avversari. Il manager di Frazier gettò la spugna all’inizio del quindicesimo round ed entrambi i contendenti dissero di “aver temuto di morire sul ring”.

Dopo 10 vittorie, Alì conobbe un’altra sconfitta ad opera di Ken Norton che trovò il “gancio della domenica”, ma un altro capitolo della storia della boxe stava per essere scritto. Nel 1974 il campione era George Foreman, Clay si presenta come sfidante e l’evento diventa planetario. Ne rimane una documentazione esaltante nel film documentario di Leon Gast “Quando eravamo re” che ha avuto 20 anni di gestazione.


Originariamente previsto come un film sul concerto di musica soul che doveva precedere il match tra Foreman e Alì a Kinshasa nello Zaire, in seguito divenne una cronaca ad ampio spettro del rapporto tra i due pugili e la popolazione africana che vede in Alì una specie di Messia. Foreman, più nero di Alì, viene considerato il nemico, Alì è mitizzato. Resta celebre il coro ossessivo “Alì, boma ye” (Alì, uccidilo!). Foreman è più potente e più giovane di Alì e il match è avvincente: Foreman attacca con foga per otto riprese, lo sfidante si attacca alle corde e rimbalza ad elastico per attenuare i colpi e ripartire in velocità, alla fine dell’ottavo round Foreman è stremato e Alì parte con una serie impressionante di jab e uppercut: è ko e Alì è di nuovo sul tetto del mondo dopo aver scritto un’altra pagina indimenticabile dello sport.

Fu l’apice della sua carriera e sarebbe triste ricordare il lento declino che dal 1976 ha portato Alì verso una sorte che neanche il più pessimista tra i romanzieri avrebbe potuto disegnare: nel 1984 gli fu diagnosticato il morbo di Parkinson , ma l’indomito ragazzo del Kentucky non si è mai arreso. Ha commosso il mondo quando è stato l’ultimo tedoforo alle olimpiadi di Atlanta tremante e balbettante, ma sempre fiero. Gli sono state conferite decine di onorificenze tra cui la Medaglia Presidenziale della libertà, il più alto riconoscimento civile negli Usa, oggi a Louisville è in atto una vera kermesse con la presenza di parenti amici, ex avversari e tutto il circo mediatico di star e vip che fa tanto americano, ma agli amanti dello sport piace ricordare il “labbro di Louisville” che parlava e danzava sul ring sfidando prima ancora degli avversari tutti i pregiudizi e le ingiustizie della società contemporanea. Non c’è festeggiamento che possa aggiungere qualcosa al mito del “Più grande”.

Fonte:  www.televideo.rai.it/televideo/pub/articolo.jsp

 

Archive

UN GIORNO COME OGGI, IL 20 NOVEMBRE DEL 1961

Truppi batte il tedesco Moll di Priminao Michele Schiavone Il peso medio modenese di origine brindisina Tommaso Truppi lasciò il ring di Modena da imbattuto la sera del 20 novembre 1961, quando...

20/11/2017

CAMPIONI DEL MONDO DI ORIGINE ITALIANA, MELIO BETTINA

Al secolo Emilio Antonio Bettina di Pietro Anselmi e Vincenzo Belfiore Melio Bettina. Anche se non viene annoverato tra i grandi della categoria fu sicuramente un ottimo pugile, un mediomassimo dal record...

19/11/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 19 NOVEMBRE DEL 1977

Azevedo pareggia con Backus di Priminao Michele Schiavone Il 19 novembre 1977 l’ex campione mondiale dei pesi welter Billy Backus, guardia destra originario di Canastota, New York, e nipote del ...

19/11/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 18 NOVEMBRE DEL 1972

Ugo Poli sconfigge Bruno Pieracci di Priminao Michele Schiavone La provincia di Sondrio trovò nel valtellinese Ugo Poli, originario di Ardenno, l’elemento di spicco per promuovere negli a...

18/11/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 17 NOVEMBRE DEL 1985

Giampiero Pinna vincitore di Mario Bitetto di Priminao Michele Schiavone Il sassarese Giampiero Pinna, divenuto campione italiano dei pesi mosca al terzo tentativo, il 17 novembre 1985, a Vercelli, so...

17/11/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 16 NOVEMBRE DEL 1967

Franco Innocenti supera Antonio Villasante di Priminao Michele Schiavone L’aretino Franco Innocenti tornò al successo il 16 novembre 1967, nella sua città, dove affrontò l&r...

16/11/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 15 NOVEMBRE DEL 1973

Giorgio Braconi sconfigge Cosimo Convertino di Priminao Michele Schiavone Il bresciano Giorgio Braconi per accedere al campionato italiano dei pesi superleggeri dovette disputare una semifinale al tit...

15/11/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 14 NOVEMBRE DEL 1970

Luciano Sarti vince contro Mario Lamagna di Priminao Michele Schiavone Il padovano Luciano Sarti divenne campione d’Italia dei pesi medi il 14 novembre 1970, nella sua città, dove vinse s...

14/11/2017

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS