There are 55.037 boxer records, at least 536.089 bouts and 10.579 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

2 MAGGIO, MAYWEATHER-PACQUIAO DOPO 7 ANNI DI ATTESA

 

 

Proposto dal 2008, dopo i successi di Pretty Boy su Hatton e di Pac Man vincitore di De La Hoya.

Esempio di longevità eccezionale.

Las Vegas si conferma la capitale della grande boxe.

di Giuliano Orlando

Milano, 24 aprile 2015 – Non è mai troppo tardi. La massima, disegna l’evento di sabato 2 maggio all’MGM di Las Vegas alla perfezione. Come la capitale del gioco, che ospita gli incontri di Floyd dal lontano 2006, ben 12 in aggiunta ad altri 12 disputati in precedenza. Di Floyd Mayweather jr. contro Manny Pacquiao se ne parla dal 2008, dopo il trionfo di “Pretty Boy” contro l’inglese Ricky Hatton, dell’8 dicembre 2007. Entrambi imbattuti, l’inglese con 43 successi contro le 38 dell’ americano, che mette in palio lo scettro dei welter WBC, conquistato l’anno prima a spese di Zab Judah. Il match, dopo i primi tre round equilibrati, diventa un monologo di May, troppo abile di fronte ad un panzer che para tutto con la faccia. La soluzione per ko, alla decima. A quel punto, il campione esprime l’intenzione di appendere i guantoni al chiodo, non avendo più stimoli per proseguire. Promessa da marinaio, durata quasi due anni (22 mesi), periodo nel quale incentiva le diverse attività, compresa la sua casa discografica, oltre agli immobili e ai capitali investiti in borsa, che agenti abilissimi fanno crescere come la margherite a primavera. Per tenersi in forma, accetta di battersi nella grande serata (75.000 spettatori)  sempre a Las Vegas, intitolata “Wrestlemania”, ridicolizzando “The Big Show”, indicato come il big della specialità. Impegno pagato dagli organizzatori “solo” 20 milioni di dollari.

La metà destinati in beneficenza. Aspetto poco noto, ma effettivo. Nella marea di dollari che gonfiano il suo conto in banca, qualcosa viene indirizzato a chi è meno fortunato di lui. Materiale scolastico, computer soprattutto, per i bambini poveri. Ricordandosi la madre, tossicodipendente, ha creato una fondazione che aiuta i genitori ad uscire dal buio della droga. Non è poi così arido questo immenso campione del ring. Per molti è antipatico, ma potrebbe essere un gioco mediatico, che alla fine si rivela positivo. Fa anche lui errori marchiani, come quando picchia duramente Harris Josie, la mamma dei suoi due figli. Gesto sconsiderato che gli costa parecchi milioni e la condanna al carcere. Questo nel 2013, alla vigilia del confronto con Robert Guerriero, disputato il 5 aprile. Nell’occasione il giudice posticipa l’arresto, permettendo la disputa del match, perché a suo giudizio: “Essendo l’attività pugilistica la professione del signor Floyd Mayweather – scrive il giudice – quindi fonte di guadagno, si rinvia l’arresto subito dopo il confronto, fissato in data 4 maggio 2012”. Una settimana dopo il match, entra nel carcere di Las Vegas, scontando solo 65 dei previsti 87 giorni, grazie alla buona condotta. Nei restanti 22, è impegnato ai servizi sociali.     

Il filippino Manny Pacquiao, nasce nel dicembre 1978, due anni scarsi, più giovane del rivale, ha sulle spalle quasi un trentennio di ring. I primi pugni a dieci anni, nella palestra di Kinawe, il paesino natale, il debutto al professionismo nel gennaio 1995, ancora sedicenne nei pesi mosca. Categoria nella quale conquista la cintura WBC nel dicembre 1998. Da allora scala i vertici assoluti, cingendo l’iride nei supergallo (2001-2003), quello dei superpiuma (2008), dei leggeri (2008-2009), dei welter (2009-2012) fino ai superwelter (2010-2011). Il 15 marzo 2008, mette in bacheca il titolo superpiuma, a spese del messicano Juan Marquez, col quale nel 2004 era stato costretto al pari, fallendo la conquista delle cinture WBA e IBF nei piuma. Tre mesi dopo, sale nei leggeri e ne diventa campione per il WBC, mettendo ko al nono round David Diaz, il mancino di Chicago, compagno di Mayweather nella nazionale USA ad Atlanta nel 1996. Manny è una furia inarrestabile, il pubblico di Las Vegas e l’immensa platea televisiva ne fanno un idolo. Lui non tradisce, semmai aumenta il credito. Nel dicembre di quel magico 2008, supera un ormai stanco Oscar De La Hoya, che dopo quella sconfitta annuncia il ritiro dal ring. A quel punto i media insistono nel proporre le sfida che vuole la gente: Mayweather-Pacquiao. Sono trascorsi sette anni, prima che questo match si realizzasse. Troppo tardi? Sicuramente entrambi hanno lasciato sul ring molte energie, in particolare il filippino che ha dovuto mettere nel conto qualche sconfitta ingiusta, come quella contro Tim Bradley nel 2012, vendicata lo scorso anno, riprendendosi la cintura WBO welter, ingiustamente sottratta, ma pure quella ben più violenta di fronte all’indomabile messicano Manuel Marquez, nel quarto scontro delle serie, disputato sulla stesso ring dell’MGM che ospita il big evento il 2 maggio, Match drammatico, contati entrambi, finito al sesto round, con una combinazione micidiale del messicano. Pacquiao crolla al tappeto privo di sensi e per qualche minuto si teme il peggio. Al momento del ko, il filippino è in vantaggio per tutti e tre i giudici. Meno di un anno dopo, Bob Arum gli prepara il rientro sul quadrato di Macao, in Cina. Batte in modo disinvolto l’apprezzabile Brandon Rios sui 12 round, per la vacante cinturina Internazionale welter WBO. Poi la rivincita contro Bradley di cui abbiamo già detto. Infine, il 23 novembre 2014 ancora a Macao, la difesa volontaria di fronte all’ex superleggero Chris Algieri che aveva destato sensazione superando il bomber russo Ruslan Provodnikov, sfilandogli il cintura iridata superleggeri WBO, dopo un match sul filo dell’equilibrio. Di fronte al filippino, il trentenne di Huntington, lunga carriera nella kick, passato al pugilato a 24 anni nel 2008, evita la battaglia, anche se non riesce a evitare un paio di conteggi. L’ultimo incontro di “Pac Man”, prima della sfida attesa sette anni. Molto meno intensa l’attività di Pretty Boy, dal 2009 ad oggi è salito sul ring otto volte, un match all’anno, con l’eccezione del 2014, dove ha concesso il bis all’argentino Maidana, arricchendo il record, giunto a quota 47 senza macchia. Per contro il filippino ha disputato undici match, mettendo nel conto anche due sconfitte. L’americano ha incamerato vittorie nette con Marquez, Mosley, Ortiz, Miguel Cotto, Guerrero e il messicano di pelo rosso Saul Alavarez, nonostante che un giudice, la signora Cynthia Ross, avesse visto un pari fantascientifico. Non era alla prima svista, anche nel 2012 era stata protagonista in negativo assegnando la vittoria Bradley contro Pacquiao. Tra l’altro non lo faceva gratis, variando il compenso dai 7000 ai 10.000 dollari. Per fortuna è stata bloccata e rimandata a svolgere il lavoro di vendita o acquisti di case. Questo l’iter agonistico dei due attori che fra dieci giorni, faranno crollare tutti i record non solo nel mondo della boxe. Ma di questo parleremo alla vigilia. In fondo Mayweather-Pacquiao val bene due articoli.
 
Giuliano Orlando

 

 

 

 

 

 

 

Archive

UN GIORNO COME OGGI, IL 22 APRILE DEL 1946

Origo sfida Cortonesi per il titolo di Priminao Michele Schiavone Al ligure Dario Origo toccò competere per il campionato italiano dei pesi piuma il 22 aprile 1946 nella sua Genova, contro il c...

22/04/2018

CAMPIONI DEL MONDO DI ORIGINE ITALIANA, TONY DE MARCO

Al secolo Leonardo Liotta di Pietro Anselmi e Vincenzo Belfiore Tony De Marco è stato il quarto pugile, con sangue italiano nelle vene, a conquistare la corona mondiale dei pesi welter dopo...

21/04/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 21 APRILE DEL 1934

Carlo Cavagnoli pareggia con Edelweis Rodriguez di Priminao Michele Schiavone La prima difesa del titolo italiano dei pesi mosca da parte del campione Carlo Cavagnoli ebbe luogo a Parma il 21 aprile 1...

21/04/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 20 APRILE DEL 1985

Lupino, più volte campione d'Italia di Priminao Michele Schiavone Il sardo-piemontese Maurizio Lupino partecipò al suo primo campionato professionistico il 20 aprile 1985, a Ceriale in p...

20/04/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 19 APRILE DEL 1985

Julio Cesar Chavez liquida Ruben Castillo di Priminao Michele Schiavone Il messicano Julio Cesar Chavez mise in gioco per la prima volta la sua cintura mondiale WBC dei pesi superleggeri contro Ruben ...

19/04/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 18 APRILE DEL 1969

Luigi Patruno è campione d'Italia di Priminao Michele Schiavone Il 18 aprile 1969 a Napoli si svolse il vacante campionato italiano dei pesi medi tra il locale Mario Lamagna e Luigi Patruno, ao...

18/04/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 17 APRILE DEL 1969

Italo Biscotti a un passo dal titolo italiano di Priminao Michele Schiavone Il piemontese di origine pugliese Italo Biscotti dovette superare la prova di una eliminatoria per giungere al traguardo tri...

17/04/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 16 APRILE DEL 1927

Victorio Campolo sgomina Erminio Spalla di Priminao Michele Schiavone La sfida tra i pesi massimi Victorio Campolo, argentino nato in italiana, e il piemontese Erminio Spalla, combattuta...

16/04/2018

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS