There are 54.990 boxer records, at least 535.762 bouts and 10.354 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

MATANO SCALZA DI FIORE DOPO 10 RIPRESE

 

Gli toglie la cintura nazionale superwelter

Ferrara, 27.09.2013Marcello Matano è pervenuto al primo successo importante della sua giovane carriera togliendo la cintura italiana dei medi jr a Francesco Di Fiore, dopo 10 intense riprese, che gli hanno regalato un ampio successo scandito da tre pressoché equanimi giudizi finali. Questi i cartellini della vittoria: 98-92, 97-93 e 97-94.
Matano (nella foto di Marco Chiesa), ferrarese di 27 anni compiuti, ha lasciato il ring con l’immacolata strisca di 9 successi (3 prima del limite) su altrettanti confronti.
Di Fiore, pratese di origine napoletana, ha chiuso il suo secondo regno italiano riportando la sconfitta numero 9 a fronte di 15 vittorie (5 anzitempo) e 2 risultati di parità.
Il confronto tra Di Fiore, kg 69.900 e Matano, kg 69.400, inizia in surplace, per usare un termine ciclistico, con i due attori calati nella parte di chi deve studiare l’avversario. I due si conoscono bene per aver fatto diverse sedute di guanti e non vogliono scoprire le carte per evitare passi falsi. Dopo la prima fase di convenevoli tattici lo sfidante espone le sue intenzioni con timidi attacchi. Il campione arretra usando il sinistro lungo di disturbo.
Di Fiore, 36 anni in ottobre, continua con la tattica del sinistro di sbarramento anche nella seconda ripresa. Matano punta al tronco con il sinistro lungo per poi passare al capo con gancio larghi a due mani. Il campione si muove sul tronco per accompagnare i colpi avversari. Il ferrarese mette a segno diverse serie veloci ma inefficaci. Di Fiore tenta la replica ma va a vuoto.
Nel terzo round Di Fiore si porta al centro del ring e parte deciso all’attacco. Mantiene la guardia alta e scaglia colpi lunghi, mirati al capo. Matano accentua il movimento sulle gambe. Si sposta lateralmente, a destra e sinistra, per confondere le idee all’avversario e scaglia colpi larghi volanti.
Di Fiore continua il suo fraseggio aggressivo nel quarto tempo con Matano che appare confuso in fase difensiva ma non demorde e cerca di rispondere agli attacchi. Il campione usa bene anche il montante destro che centra il mento del più basso avversario. I suoi uno-due dritti al viso centrano spesso Matano che continua a muoversi sulle gambe, entrando ed uscendo dall’area calda del confronto, usando anche la mani seppure con imprecisione. Il ferrarese vuole colpire ed allontanarsi subito dal fuoco incrociato del pratese per poi ripartire all’attacco e reiterare la tattica del colpire ed arretrare. Il colpo più usato da Matano è il gancio destro, che giunge aperto sulla parte alta dell’avversario. Di Fiore insiste con colpi solidi, fatti di diretti a due mani alternati con pochi ganci al capo.
 
Marcello Matano portato in trionfo dai suoi secodi e sostenitori  /  foto di Marco Chiesa
 
Anche nella quinta ripresa Matanto insiste nella tattica fondata sul movimento rapido di gambe e braccia. Impegna Di Fiore, sotto l’aspetto fisico che deve muoversi costantemente dinanzi alla sua rapidità. Il campione insiste nel suo incedere in avanti con colpi lunghi portati per linee interne.
Il sesto round inizia e si chiude con la stessa intensità. Nessuno dei due pugili vuole mollare la presa. Di Fiore è intento a braccare l’avversario. Matano continua il suo “moto perpetuo” interpretato per esaltare la sua azione. Quando il ferrarese si ferma sulle gambe il confronto s’infiamma a corta distanza. Gli scambi ravvicinati aumentano con il passare dei secondi.
La musica non cambia nella settima frazione. Matano scatta in avanti ed all’indietro mulinando le braccia. Di Fiore avanza e colpisce con precisione. Questi si avvantaggia quando porta l’avversario alle corde ed appare indeciso quando rimane al centro del quadrato. In questi frangenti l’arabesco movimento del pugile locale viene sottolineato da fragorosi applausi del pubblico presente nel palazzetto dello sport.
I toni non si attenuano neanche nell’ottava frazione, caratterizzata da scambi furiosi a corta distanza. I due sono convinti di poter avere la meglio sull’altro e moltiplicano le energie residue per contrastare e sedare l’avversario.
La nona ripresa inizia all’insegna dell’acredine sportiva più accentuata. Gli attacchi incrociati continuano accaniti. Di Fiore conosce solo il senso unico in avanti e induce l’avversario ad arretrare. Poi si riparte dalla corta distanza per infiammare il confronto ed i due strenui contendenti non si risparmiano per raggiungere la meta da vittoriosi.
Nel decimo ed ultimo round Matano trama una ragnatela di colpi nell’arretrare sotto l’incalzare
incessante dell’avversario. Di Fiore continua a sopravanzare con valanghe di colpi dinanzi ad un funambolo oppositore che replica veloce e si sposta.
L’ultimo gong, quello di chiusura, porta di due avversari ad abbracciarsi platealmente. Alla fine i tre giudici devono consacrare il loro convincimento e consegnano, convinti della preferenza espressa con il cartellino, la palma del miglior a Matano, gongolante e fiero di indossare la meritata cintura di campione italiano dei pesi superwelter che gli consegna il supervisore Adrio Zannoni.
 
Il match tricolore è stato preceduto, oltre che da confronti tra dilettanti, da due combattimenti professionistici. Il campano Riccardo Mellone, kg 67.500, ha debuttato a torso nudo pareggiando sulla distanza delle 6 riprese con il piemontese Marco Francia Germani, kg 66. Il toscano Giacomo Mazzoni, kg 66.600, ha superato con verdetto ai punti in 6 tempi il veneto Lorenzo Zaniboni, kg 67.200.
 
Primiano Michele Schiavone
 

 

 

 

 

Archive

UN GIORNO COME OGGI, IL 18 NOVEMBRE DEL 1972

Ugo Poli sconfigge Bruno Pieracci di Priminao Michele Schiavone La provincia di Sondrio trovò nel valtellinese Ugo Poli, originario di Ardenno, l’elemento di spicco per promuovere negli a...

18/11/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 17 NOVEMBRE DEL 1985

Giampiero Pinna vincitore di Mario Bitetto di Priminao Michele Schiavone Il sassarese Giampiero Pinna, divenuto campione italiano dei pesi mosca al terzo tentativo, il 17 novembre 1985, a Vercelli, so...

17/11/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 16 NOVEMBRE DEL 1967

Franco Innocenti supera Antonio Villasante di Priminao Michele Schiavone L’aretino Franco Innocenti tornò al successo il 16 novembre 1967, nella sua città, dove affrontò l&r...

16/11/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 15 NOVEMBRE DEL 1973

Giorgio Braconi sconfigge Cosimo Convertino di Priminao Michele Schiavone Il bresciano Giorgio Braconi per accedere al campionato italiano dei pesi superleggeri dovette disputare una semifinale al tit...

15/11/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 14 NOVEMBRE DEL 1970

Luciano Sarti vince contro Mario Lamagna di Priminao Michele Schiavone Il padovano Luciano Sarti divenne campione d’Italia dei pesi medi il 14 novembre 1970, nella sua città, dove vinse s...

14/11/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 13 NOVEMBRE DEL 1977

Giancarlo Usai batte Vincenzo Quero a Rimini di Priminao Michele Schiavone La seconda stagione come campione italiano dei pesi leggeri del sardo Giancarlo Usai fu proficua rispetto alla precedente, qu...

13/11/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 12 NOVEMBRE DEL 1949

Belardinelli batte Fattori per il titolo di Priminao Michele Schiavone Il 12 novembre 1949, nella sua Roma, il campione italiano dei pesi mosca Otello Belardinelli difese per la prima volta la sua cin...

12/11/2017

UN GIORNO COME OGGI, L'11 NOVEMBRE DEL 1967

Mirko Rossi supera Armando Pellarin di Priminao Michele Schiavone Il miglior anno professionistico di Mirko Rossi, veneziano di nascita cresciuto a Genova, fu l’ultimo della sua carriera, quando...

11/11/2017

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS