There are 55.017 boxer records, at least 535.932 bouts and 10.441 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

LA SCOMPARSA DI ROCCO MAZZOLA

 

Lutto per la scomparsa di Rocco Mazzola

di Alfredo Bruno

Oggi la Basilicata pugilistica conta principalmente per le origini di Roberto Cammarelle. Ma quando associ la boxe a Potenza viene fuori in maniera automatica il nome di Rocco Mazzola, il grande campione degli anni ’50 e ’60 scomparso all’età di 78 anni.
Era emigrato da giovane nel nord Italia stabilendosi per molti anni a Varese, dove si allenò più tardi con il gruppo della Ignis sotto la guida di Libero Cecchi.
 
Addio a Rocco Mazzola. La vittoria mancata per un soffioIl suo esordio fu bruciante con una bella serie di vittorie ove facevano spicco i successi prima del limite su Baccheschi e Milandri, ma soprattutto la netta vittoria ai punti su Don Ellis, un nero americano di grande esperienza.
Ma quando arrivò al titolo italiano trovò sul suo cammino Sandro “cucciolo” D’Ottavio, che riuscì a invischiarlo superandolo di misura.
Rocco si prese un’immediata rivincita sullo stesso avversario a Milano e a Saint Vincent sempre per il titolo.
Fu scelto poi dal campione d’Europa Erich Schoppner per una difesa volontaria nei mediomassimi, ma i 18mila spettatori di Dortmund accorsi per assistere ad un nuovo successo del loro beniamino quella sera tremarono, perché i colpi dritti di Rocco trovavano la strada per arrivare a segno anche duramente. Il successo dell’imbattuto tedesco fu striminzito e la stampa locale mise in luce la bella prova di Mazzola dicendo anche che Schoppner fu costretto a combattere come se fosse lo sfidante per ottenere la vittoria. A Mazzola mancò l’esperienza, ma soprattutto quella cattiveria propria del fighter.
Difficile trovare avversari al pugile lucano per cui l’elenco dei suoi match era di prima scelta con gente del calibro di Santo Amonti, Giulio Rinaldi e il sudafricano Mike Holt, sfidante al titolo mondiale.
Anche se viene battuto Rocco è sempre un osso duro, da prendere con le molle.
I tedeschi lo rivedono all’opera con un altro fuoriclasse, si tratta di Gustav “Bubi”Scholz senza titolo in palio. Si aspettavano tutti una vittoria prima del limite di Scholz e invece il match durò lungo l’arco delle dieci riprese condotte con affanno dal pugile di casa.
Mazzola, fisico asciutto, era piuttosto alto e a lungo andare ebbe qualche problema con la bilancia. Niente paura perché conquista anche il titolo della massima categoria e lo difende contro il padovano Federico Friso, pugile potente ma tecnicamente inferiore al lucano.
Mazzola ha un problema fisico che la sua boxe incisiva e di rimessa maschera con abilità: la spalla lo costringe a combattere con dolori lancinanti. Oltrettutto deve combattere con gente di 90 chili e passa.
Il suo ultimo avversario è Franco Cavicchi il colosso emiliano che era stato campione d’Europa. Mazzola perde il titolo italiano, lo fa onorevolmente viste le sue condizioni, ma dice basta dopo aver disputato in totale 42 incontri (+ 28, -11, = 3).
Solo una volta non arrivò al limite, ma fu una sconfitta per ferita quando era in vantaggio sul veneto Plinio Scarabellin.

A fine carriera ha messo su con la sua famiglia una fiorente attività. Il suo nome divenne famoso anche per altri motivi. Luchino Visconti, il grande regista, era un appassionato di boxe ed era quasi sempre presente alle riunioni che si svolgevano all’epoca a Milano. Al regista venne l’idea di un film sugli emigranti e la boxe all’epoca del boom economico. Il nome Rocco del suo protagonista lo prese proprio da Mazzola, che nel film ebbe anche una piccola parte. A Visconti piacque molto la storia di questo pugile e della sua famiglia. Il film fu considerato un capolavoro, e qualche merito indirettamente lo prese pure Rocco Mazzola, atleta serio e schivo, lontano dai riflettori.

 

 

Archive

UN GIORNO COME OGGI, IL 20 GENNAIO DEL 1993

Gianfranco Rosi, difesa mondiale in Francia di Priminao Michele Schiavone L’ultimo successo ottenuto nella qualità di campione del mondo da parte dell’italiano Gianfranco Rosi porta...

20/01/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 19 GENNAIO DEL 1977

Facciocchi, primo assalto al campionato italiano di Priminao Michele Schiavone La prima carta giocata dal cremonese Trento Facciocchi per il campionato italiano dei pesi medi la rivolse il 19 gennaio ...

19/01/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 18 GENNAIO DEL 1965

Morocho Hernandez campione mondiale di Priminao Michele Schiavone Il primo venezuelano campione mondiale di boxe fu Carlos Hernandez che il 18 gennaio 1965 tolse la corona dei pesi welter jr allo stat...

18/01/2018

CAMPIONI DEL MONDO DI ORIGINE ITALIANA, TIPPY LARKIN

Al secolo Antonio Pilleteri di Pietro Anselmi e Vincenzo Belfiore Tippy Larkin, nato con il nome di Antonio Pilleteri, è stato considerato uno dei più abili pugili italo-americani, quasi all...

17/01/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 17 GENNAIO DEL 1981

Marvelous Marvin Hagler, prima difesa mondiale di Priminao Michele Schiavone La prima messa in gioco del titolo mondiale ‘undisputed’ dei pesi medi da parte dello statunitense Marvin Hagle...

17/01/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 16 GENNAIO DEL 1969

Roy Jones Jr emette il primo vagito di Priminao Michele Schiavone Nella città statunitense di Pensacola, Florida, il 16 gennaio 1969 vide la luce Roy Jones Jr, futuro campione di pugilato, iscr...

16/01/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 15 GENNAIO DEL 1954

Antonini debutta a Ginevra di Priminao Michele Schiavone Il pugile umbro Franco Antonini compì la prima trasferta estera il 15 gennaio 1954, affrontando a Ginevra, Svizzera, il francese Simon P...

15/01/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 14 GENNAIO DEL 1961

Paul Pender piega Terry Downes di Priminao Michele Schiavone Come campione mondiale dei pesi medi l’americano di origine irlandese Paul Pender si trovò ad affrontare il 14 gennaio 1961 a ...

14/01/2018

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS