There are 55.017 boxer records, at least 535.932 bouts and 10.440 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

FPI: DIELI TORNA CAMPIONE ITALIANO PIUMA

 

Dieli nuovo campione dei piuma

Sabato 30 Luglio 2011 11:16
Ufficio stampa - News Professionisti

  
I_preliminari
 
ROMA, 29. 07. 2011 - ( Alfredo Bruno)-  Davide Dieli è diventato campione italiano per la seconda volta e lo ha fatto ribaltando un pronostico che non lo vedeva certo favorito: dopo Massimo Morra la stessa sorte è toccata a “Chico” Simone Califano al termine di 10 riprese frenetiche che hanno entusiasmato i numerosi presenti nell’Isola Tiberina e i telespettatori di RaiSport1 che ancora una volta hanno avuto la conferma che un titolo italiano è un marchio doc, garanzia di spettacolo sicuro, e così è stato. In conferenza stampa Califano ha detto di temere la testardaggine di Dieli, ma c’era anche un altro fattore da considerare: l’allievo di Piatti è un libro aperto dal lato tecnico, un clichè che può essere interrotto solo dalla sua potenza; mentre Dieli tatticamente ha una visione più chiara dell’andamento del match, per poi imporsi alla corta distanza con i suoi rabbiosi ganci, destro e sinistro, con la stessa precisione, che rende i colpi anche efficaci.
La televisione fa una sorpresa e anticipa i tempi di trasmissione. Thomas Graziosi, giovane protagonista di Amici, canta l’Inno e a lui su assist di Luigi Galdiero, speaker e ringannouncer, fa seguito il pubblico, che inavvertitamente diventa protagonista di una bella pagina di boxe, dove l’Isola Tiberina si staglia nella sua bellezza, quasi a voler accarezzare la manifestazione. Una sensazione da brividi in una serata che ha dichiarato tregua con il minaccioso tempo della giornata. Antonio del Greco, Vicepresidente Vicario FPI,  mostra la bella Cintura di campione che a fine match verrà consegnata al vincitore. Il parterre è ricco di personalità: dall’attrice Claudia Gerini a Franco Califano, il “Califfo” non è voluto mancare all’appuntamento con il suo amico e omonimo “Chico”; ci sono Lorenzo Renzi e Mauro Meconi, il Sergio Buffoni e il Fierolocchio della fiction Romanzo Criminale; c’è anche la presenza assidua di Federico Zampaglione, cantautore e regista, fondatore del gruppo pop e rock Tiromancino, tra l’altro molto esperto del boxing mondiale. Presenze istituzionali, come Roberto Rea, responsabile IBF per l’Europa, e Giulio Spagnoli, ex promoter, sono spettatori interessati, coinvolti dalla bella organizzazione proposta dalla Lupa Boxe, ben coadiuvata dagli amici Luigi Galdiero e Fedele Bellusci, che tutti ricordano protagonisti in una serata che fece epoca e che si disputò nel deposito Trambus di via Prenestina. Gente e personaggi solidi che vogliono bene alla città e alla boxe. E’ l’arbitro Montanini al suono del primo gong a far iniziare le ostilità. Califano prende subito il centro del ring e lascia partire da distanza i suoi colpi indirizzati al corpo dell’avversario. Dopo un round interlocutorio assegnato al più attivo Califano, Dieli mostra le sue credenziali dalla corta distanza dove a raffica partono tre colpi, mentre il gancio sinistro stoppa un attacco di “Chico”. Il match è entrato subito nel vivo: i due si conoscono a memoria per avere fatto i guanti insieme a più riprese. Nel terzo c’è un duro scambio terminato con un montante di Califano, che mantiene l’iniziativa nel tentativo di fiaccare la resistenza dell’avversario. Il refrain è lo stesso: attacco kamikaze di Califano che deve fare i conti con la maggior velocità e precisione di Dieli  che guadagna il quarto e quinto round. L’allievo di Piatti prova il diretto sinistro e il montante destro su un Dieli sempre vigile. Nel settimo round il match sembra prendere una svolta decisamente favorevole a Califano sempre più aggressivo. Il suo destro e il montante sembrano aver trovato la strada giusta. Ma è un illusione perché Dieli risorge dalle ceneri, risponde e sorprende l’avversario con il suo gancio, che diventa un incubo per l’avversario. La sensazione è che Califano accusi stanchezza, lo capisci da come arrivano a segno i colpi di Dieli, che lo anticipa anche con un fastidioso jab sinistro. Califano spara mazzate a occhi chiusi, ma il radar visivo di Dieli evita con facilità i suoi colpi. L’allievo di Piatti prova i colpi dritti, ma non vede una serie di Dieli, che sembra essere diventato padrone del ring. Suona il gong e i due amici tornano nella realtà di tutti i giorni e si abbracciano. Una nota, non tanto marginale, va fatta: i due sono stati sempre corretti e leali dal primo all’ultimo minuto, tanto che l’arbitro Montanini non è mai intervenuto, come se fosse uno spettatore da angolazione privilegiata. C’è stata quindi la lettura dei cartellini (Cardullo 96-94, Rutigliani 95-95, Massimi 96-94) a sanzionare la vittoria di Davide “½ gancio” Dieli, che diventa il nuovo campione italiano dei piuma.
Negli altri incontri tra i professionisti abbiamo assistito ai successi di Domenico Salvemini e Sven Paris. Salvemini aveva di fronte un avversario, Zsolt Hamza, che non incuteva certo timore fisicamente. Il pugliese inizia il martellamento progressivo, come è sua caratteristica. Sul finire del secondo round invia all’avversario “messaggi” che non sono certo carezze. Nel terzo round Hamza accusa e viene contato, poco dopo una serie efficace lo costringe al tappeto, viene nuovamente contato e rimandato all’angolo. Salvemini ottiene così il suo quinto successo e la sua scalata tra i superwelter italiani comincia ad entrare in zona titolo.
Nell’altro incontro si rivede Sven Paris ( + 29, -5) in perfetta forma fisica e con il padre Dheni all’angolo. The White Warrior, inizialmente contratto, prende con il passare dei minuti le redini del match in mano. Jozsef Gerebecz è avversario dignitoso, nel suo record figura addirittura una vittoria per ferita sul campione italiano Samuele Esposito, ma anche battute d’arresto con Bucciarelli e Focosi. Nel terzo round Sven non concede tregua al suo avversario, lo martella al corpo e al viso con colpi caricati. L’ungherese sembra scosso e all’inizio del quarto round abbandona lamentando dolori. Galdiero chiede a Paris quali sono le sue intenzioni dopo questo terzo successo sulla strada della rinascita. La risposta è semplice, prima una quindicina di giorni di riposo, visto che è stato un anno di sacrifici con l’allenamento, poi si vedrà.
Anche i dilettanti hanno svolto la loro parte, incastonati per esigenze televisive all’inizio e alla fine della serata. Bousarsar, origine tunisine, dimostra maggior precisione nei suoi colpi, anche se l’iniziativa e la quantità stanno dalla parte di Caporro, che subisce un richiamo e un conteggio, preludio della sconfitta. Sardi contro Guajardos sfrutta bene il suo maggior allungo creando una barriera agli attacchi dell’avversario: un conteggio e un richiamo non scalfiscono la sua vittoria. Noce, che si è messo in luce al Torneo Regionale, supera Fam Samir che cerca lo scambio duro, ma si fa irretire dai colpi dritti dell’avversario. Infine lotta tra massimi. Simone Federici sembra aver acquistato grande sicurezza nei suoi mezzi e trova in Gaba un avversario valido e resistente, che mette in risalto le sue qualità anche dal lato tecnico.     
La foto è di Renata Romagnoli. 
RIUNIONE
 
Dilettanti
Kg. 64  Nizar Bousarsar (Lupa  Boxe) b. Davide Caporro (Boxe Attilio Volpe).
Kg. 69 Davide Sardi ( Gladiators) b. Giulio Porfirio Guajardo (Bellusci Boxe Arvalia).
Kg. 60  Lorenzo Noce (The Champion) b. Askamdar Fam Samir (Bellusci Boxe Arvalia).
Kg. 91  Simone Federici (Zonfrillo&Federici) b. Elidon Gaba ( Franco Valente).
 
Professionisti
Superwelter: Domenico Salvemini (De Clemente) b. Zsolt Hamza (Ungheria) kot 3.
Welter: Sven Paris (De Clemente) b. Jozsef Gerebecz (Ungheria) ab. 4.
Piuma: Davide Dieli (De Clemente) b. Simone Califano (De Clemente) a.p.10r. Titolo Italiano.
Supervisore FPI: Antonio del Greco.
Arbitri: Zannoni (c.r.), Barrovecchio M., Marzuoli, Bianco, Massimi, Rutigliani, Cardullo.
Medico: dott. Italo Guido Ricagni, dott. Claudio Fabbricatore.
 
 

 

Archive

UN GIORNO COME OGGI, IL 19 GENNAIO DEL 1977

Facciocchi, primo assalto al campionato italiano di Priminao Michele Schiavone La prima carta giocata dal cremonese Trento Facciocchi per il campionato italiano dei pesi medi la rivolse il 19 gennaio ...

19/01/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 18 GENNAIO DEL 1965

Morocho Hernandez campione mondiale di Priminao Michele Schiavone Il primo venezuelano campione mondiale di boxe fu Carlos Hernandez che il 18 gennaio 1965 tolse la corona dei pesi welter jr allo stat...

18/01/2018

CAMPIONI DEL MONDO DI ORIGINE ITALIANA, TIPPY LARKIN

Al secolo Antonio Pilleteri di Pietro Anselmi e Vincenzo Belfiore Tippy Larkin, nato con il nome di Antonio Pilleteri, è stato considerato uno dei più abili pugili italo-americani, quasi all...

17/01/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 17 GENNAIO DEL 1981

Marvelous Marvin Hagler, prima difesa mondiale di Priminao Michele Schiavone La prima messa in gioco del titolo mondiale ‘undisputed’ dei pesi medi da parte dello statunitense Marvin Hagle...

17/01/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 16 GENNAIO DEL 1969

Roy Jones Jr emette il primo vagito di Priminao Michele Schiavone Nella città statunitense di Pensacola, Florida, il 16 gennaio 1969 vide la luce Roy Jones Jr, futuro campione di pugilato, iscr...

16/01/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 15 GENNAIO DEL 1954

Antonini debutta a Ginevra di Priminao Michele Schiavone Il pugile umbro Franco Antonini compì la prima trasferta estera il 15 gennaio 1954, affrontando a Ginevra, Svizzera, il francese Simon P...

15/01/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 14 GENNAIO DEL 1961

Paul Pender piega Terry Downes di Priminao Michele Schiavone Come campione mondiale dei pesi medi l’americano di origine irlandese Paul Pender si trovò ad affrontare il 14 gennaio 1961 a ...

14/01/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 13 GENNAIO DEL 1950

Ivano Fontana si affaccia al professionismo di Priminao Michele Schiavone Il 13 gennaio 1950 segnò l'avvio della carriera a torso nudo di Ivano Fontana, teramano di Mutignano trasferitosi a Luc...

13/01/2018

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS