There are 55.091 boxer records, at least 536.420 bouts and 10.817 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

DA 2 ANNI CIRCOLA LA STORIA DI VITTORIO TAMAGNINI

 

 

Riproponiamo l'articolo pubblicato il 6 novembre del 2013 che annuncia l'uscita del libro sul compianto campione di Civitavecchia.

Il libro è disponibile anche su  eBay  e  Amazon  allo stesso prezzo della libreria e senza spese per spedizioni nazionali.

Vittorio Tamagnini raccontato da Alessandro Bisozzi 

di Alfredo Bruno

Il mio primo e finora unico incontro con Alessandro Bisozzi si è svolto nella maniera più fortuita e impensabile, anche se per forza di cose le nostre strade avevano una direttiva obbligata, la boxe. Il 6 luglio allo Stadio Comunale Fattori, riunione con il mondiale ad interim di Silvio Branco, all’entrata c’è un banco con la presentazione e la vendita di un libro, una copertina semplice ma efficace con una bella foto di Vittorio Tamagnini. Un appassionato, o addetto ai lavori, come il sottoscritto non si può tirare indietro nell’acquistare un libro che parla di uno dei più grandi campioni che l’Italia abbia avuto, un pugile che segna insieme a Carlo Saraudi l’inizio di una storia che ha avuto ed ha ancora Civitavecchia grande protagonista. Devo essere sincero non avevo in quel periodo tempo per leggere e quindi l’ho messo nella mia biblioteca “pugilistica” in attesa. A risvegliarmi è stato qualche giorno fa Vincenzo Belfiore il quale mi decantò il libro di Bisozzi. Fu per me un benevolo “campanello d’allarme” che mi ha spronato a leggere finalmente Vittorio Tamagnini – L’uragano di Amsterdam.

Devo dire la verità che Bisozzi è stato una piacevole sorpresa: la boxe scopre in lui un altro appassionato oltreché uno storico della noble art. Civitavecchia, da sempre patria di questo sport, tra i suoi abitanti annovera alcuni personaggi, che oltre ad essere degli appassionati sono miniere preziose per la conoscenza storica di un ring che da tempo ha superato il secolo. Alessandro Bisozzi ama la storia e ama la boxe, che ha sempre seguita. Non si può lasciare un grande personaggio come Vittorio Tamagnini relegato semplicemente nei ricordi, che con il passare del tempo si affievoliscono immersi in una sorta di nebbia. Il libro, checché ne dicano gli estimatori dell’informatica, è sempre il miglior mezzo per non dimenticare. Questa è la sua prima opera e non credo che sarà l’ultima; forse Civitavecchia ha trovato il suo Omero, il cantore delle gesta dei suoi campioni. Bisozzi sceglie la strada più facile, senza voli pindarici, ed è quella della cronologia. Il libro al posto dei capitoli ha l’anno e inizia con il 1928, l’anno delle Olimpiadi di Amsterdam. L’ Italia conquista tre medaglie d’oro con Vittorio Tamagnini (gallo), Carlo Orlandi (leggero), Piero Toscani (medi), e un bronzo con Carlo Cavagnoli (mosca). Tamagnini, quasi un esordiente nella boxe, aveva appena 18 anni, quando fu il primo italiano a conquistare la medaglia d’oro. Era nato per la boxe e madre natura lo aveva dotato di tutto, come un eroe di Omero, per rimanere nel paragone: velocità incredibile, estrosità, ritmo frenetico, non un picchiatore, ma ugualmente potente per la secchezza e traiettoria dei suoi colpi, inesauribile.
 
Vittorio Tamagnini scherza con Primo Carnera
 
Tamagnini è il protagonista, ma diventa anche l’artefice per farci conoscere altri personaggi leggendari della sua epoca, che trovarono sulla loro strada colui che con il passare degli anni acquistava nuovi soprannomi partendo da “Moschettiere”, “Uragano di Amsterdam”, per diventare “Gatto”, “Mitragliatrice umana”, “Motorino”, “Elettrico”, “Garibaldino” e probabilmente qualche altro, che sfugge, ma significativi per descrivere le sue doti. Attraverso il libro di Bisozzi il lettore fa il tifo per Tamagnini, ma impara anche a conoscere Otello Abbruciati, “Il moro”, che lo incontrò 4 volte; Saverio Turiello, “La pantera di Milano”, Luigi Quadrini, contro il quale conquistò il suo primo titolo italiano dei piuma; per arrivare a quello che fu definito il suo capolavoro, la vittoria su Al Brown, il primo italiano che riuscì nell’impresa. A conquistare il titolo europeo ci riuscì al terzo tentativo battendo prima del limite il belga Raymond Renard in una categoria superiore, quella dei leggeri. Difende vittoriosamente il titolo continentale due volte, tra l’altro battendo un fuoriclasse come il francese Humery. Ma viene spodestato da un altro francese, Maurice Arnault, messo ko da un colpo fortuito causato da un suo imperdonabile errore, quando stava vincendo a mani basse. Ma da un po’ di tempo non era più il pugile di una volta. Forse questa metamorfosi era dovuta alla perdita della primogenita Agata, appena nove mesi, uccisa da una polmonite fulminante. Disputò ancora buoni incontri, ma non riuscì più a conquistare il titolo italiano, e l’Europa, ancora inseguita, sembrava sfuggirgli senza dargli altre possibilità. Poi la guerra. Il 23 settembre del 1945 Civitavecchia risorge dalle macerie e lo fa anche attraverso la boxe. Dopo vari anni Vittorio Tamagnini torna sul ring e batte Guerrino Cosmi, poi subito dopo annuncia il ritiro. Il 20 gennaio del 1981 Tamagnini, grande campione, muore e viene sepolto accanto alla moglie Rosa e alla figlia Agata. L’altro figlio, Roberto, giustamente voleva che la memoria del padre non avesse fine e trova sul suo cammino Alessandro Bisozzi, la persona giusta al momento giusto.
 
Alfredo Bruno
 

 

 

 

 

Archive

UN GIORNO COME OGGI, IL 19 LUGLIO DEL 1962

Federico Scarponi batte Mario D'Agata di Alfredo Bruno Il 19 luglio 1962 Federico Scarponi riconquistava il titolo italiano dei gallo, rimasto vacante, superando di misura ma con merito l’ex campione del mond...

20/07/2019

UN GIORNO COME OGGI, IL 17 LUGLIO DEL 1965

Aldo Pravisani batte Armando Scorda di Alfredo Bruno Il 17 luglio 1965 sul ring di Falconara, in una riunione organizzata da Ciarmato con la collaborazione di Silverio Cresta, erano chiamati a contendersi il titolo...

17/07/2019

SALUTIAMO VINCENZO BELFIORE

La boxe in lutto per la scomparsa di Vincenzo Belfiore, il suo storico per eccellenza di Alfredo Bruno Ci sono notizie che ti aspetti, ma quando arrivano diventano difficili da smaltire come se fossero improvvise. ...

15/07/2019

UN GIORNO COME OGGI, IL 13 LUGLIO DEL 1956

Artemio Calzavara batte Sandro D'Ottavio di Alfredo Bruno Il 13 luglio 1956 il Kursaal di Saint Vincent mostrava un pienone insospettabile per la riunione imperniata sul titolo italiano dei mediomassimi tra Artemio...

13/07/2019

UN GIORNO COME OGGI, L'11 LUGLIO DEL 1956

Duilio Loi batte Piet Van Klaveren di Alfredo Bruno L’ 11 luglio 1956 al Vigorelli di Milano grande riunione in bilico per la minaccia della pioggia dopo l’afa dei giorni precedenti. Ma quando c’&...

11/07/2019

UN GIORNO COME OGGI, L'8 LUGLIO DEL 1957

Giancarlo Garbelli batte Umberto Vernaglione di Alfredo Bruno L’8 luglio 1957 Giancarlo Garbelli conquistava a Bologna il titolo italiano dei welter battendo il campione Umberto Vernaglione. I due si erano già...

08/07/2019

UN GIORNO COME OGGI, IL 6 LUGLIO DEL 1956

Paolo Rosi batte Joey Lopes di Alfredo Bruno Il 6 luglio 1956 c’era grande attesa al Madison Square Garden di New York per vedere in azione il reatino Paolo Rosi, un leggero che aveva impressionato per ...

06/07/2019

UN GIORNO COME OGGI, IL 3 LUGLIO DEL 1965

Silvano Bertini batte Luigi Furio di Alfredo Bruno Il 3 luglio 1965 a Signa in una riunione mista Silvano Bertini, idolo della cittadina, affrontava un avversario difficile per la sua combattività ed esperie...

03/07/2019

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS