There are 55.027 boxer records, at least 535.984 bouts and 10.489 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

L'EX IRIDATO MALIGNAGGI APPRODA A MILANO

 

 

Al "Principe" l'ex plurimondiale debutta, pensando all'europeo welter.

In programma i rientri Moscatiello e De Donato

di Giuliano Orlando

MILANO. L’”intuizione” della OPI2000, chiamata Pauli Malignaggi (nella foto) non poteva essere migliore. I motivi sono palesi e partono dal fatto che l’ex campione mondiale superleggeri e welter è il più italiano degli americani di vertice con radici nostrane. Anche se ha compiuto 35 anni, e l’apogeo agonistico possa definirsi dietro le spalle, situazione più che giustificata dopo 15 anni d’attività superlativa, affrontando i migliori delle due categorie, ben dieci incontri per un mondiale, basterebbe ricordare Porter, Broner, Hatton, Khan, Cotto, Judah, Ndou, l’impresa contro l’imbattuto Senchenko (32) a Donetsk, nel 2012, quando scalzo l’ucraino dal mondiale welter, fino a Danny Garcia, per quantificare il valore del pugile. Il cui legame con l’Italia è sempre rimasto solido. Doveroso dare atto alla OPI2000 dei Cherchi e in particolare all’intuizione di Alex il più giovane della famiglia, di cercare sempre qualcosa che stuzzichi l’interesse del pubblico per continuare nel cammino di una rinascita del pugilato a Milano. L’operazione partita il 5 maggio 2014, riaprendo il Principe di Milano, dopo un silenzio di oltre mezzo secolo, ha percorso tappe importanti con titoli italiani, due europei e una cintura Silver, premiata dalla partecipazione del pubblico, segnale importante di una piazza che si era disamorata per silenzi troppo lunghi. Dopo la pausa estiva, serviva un richiamo importante per ridestare gli stimoli giusti.. Rafforzato dalla sua storia personale, come ricorda il padre che vive in Sicilia e lo accoglie ogni volta che Pauli torna in Italia.“Anche se ha svolto l’attività pugilistica negli Usa, gli è sempre rimasto il cuore italiano e non poteva essere diverso. Paul è nato a New York nell’80, un anno dopo esserci trasferiti in America dalla Sicilia. Io giocavo al calcio, me la cavavo bene, ho disputato anche un paio di campionati negli USA e pure in Messico, ma se come calciatore funzionavo, in famiglia non era la stessa cosa. Un momento difficile: ci dividemmo, io restai a New York, mia moglie col piccolo tornarono in Sicilia. A 6 anni Paul rientra a New York, accolto dai nonni e dagli zii che lo accudiscono con amore. mentre io rientro definitivamente in Sicilia. Che fosse un ragazzino sveglio non c’erano dubbi, ma il quartiere dove viveva non era come Manhattan. E se la necessità aguzza l’ingegno, esasperava anche l’aggressività del piccolo, per cui il nonno decise di portarlo in palestra, per contenere nei limiti l’esuberanza. Aveva 15 anni, e fu una buona scelta, visto che oltre ad aver vinto diverse volte il Guanto d’Oro, se le scelte fossero state corrette e non politiche, avrebbe meritato la maglia di titolare nel 2000 ai Giochi olimpici di Sydney. Come conferma il titolo USA assoluto conquistato nel 2001, prima di passare professionista. Dove i risultati parlano da soli, nonostante abbia spesso combattuto col solo sinistro, perché la destra l’ha fatto soffrire fin dal tempo dei dilettanti. Non ricordo neppure più quanti interventi ha subito. Adesso non deve dimostrare più niente, ma questo desiderio di arrivare all’europeo da italiano mi trova d’accordo. Intanto l’esordio in Italia è una bella notizia e spero che i milanesi ne capiscano l’importanza, andando a vederlo. Paul sa offrire spettacolo, è un cultore della belle boxe, quindi è una garanzia. D’altronde questo desiderio gli fa onore, perché una volta raggiunto il traguardo continentale non gli mancheranno le prospettive future. Preparatissimo, conosce quattro lingue, come intervistatore televisivo, ruolo che svolge ormai da tempo, conosce tutto il mondo americano della boxe, ha grande personalità e professionalità, nel giro di pochi anni saprà ripetere quanto ha fatto sul ring”. Le dichiarazioni del papà, illustrano il valore di questo campione che sabato sera al Principe di Milano, per la Principe Boxing Events, esordirà nella patria dei genitori, con la dichiarata intenzione di combattere da italiano per la cintura europea, al momento detenuta dal Gianluca Branco, pronto a mettere la cintura in palio, per un derby che ci riporta a sfide storiche del passato. Avversario, il magiaro Lazslo Fazekas (Ung. 27-21-1-1nc), già visto in Italia, battersi con Alex Caccia a Roma nel 2014. Nel corposo cartellone, in programma, un altro rientro importante, quello di Moscatiello (18-2-1), l’esplosivo welter, già campione italiano, fermo per un intervento alla retina, ben deciso a recuperare il tempo perduto. Un altro beniamino dei milanesi, il mancino Renato De Donato (15-3) da superleggero, col proposito di tornare al titolo nazionale. Anche per loro rivali magiari, si tratta di Jozsef Gerebecz (7-13-2) e Gyula Tallosi (9-5). Da non sottovalutare la presenza di ben otto neo pro. Il futuro della nostra boxe, dopo l’istituzione della Lega Pro, anche se l’AIBA, allontanato il coreano Kim, direttore esecutivo, potrebbe rivedere la situazione sia dell’APB che delle normative restrittive messe in atto. I biglietti si possono acquistare presso la OPI Gym (Corso di Porta Romana 116/A, tel. 02-89452029, sito web www.opigym.com) e il negozio Leone 1947 (Via Crema 11, tel. 02-90725198, sito web www.leone1947.com).
 
Giuliano Orlando

 

 

 

 

 

 

Archive

UN GIORNO COME OGGI, IL 18 FEBBRAIO DEL 1935

Innocente Baiguera, due volte campione d'Italia di Priminao Michele Schiavone Il ligure Innocente Baiguera fu uno dei primi pugili italiani ad aver vinto due volte il campionato italiano dei professio...

18/02/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 17 FEBBRAIO DEL 1941

Joe Louis abbatte Gus Dorazio di Priminao Michele Schiavone La sera del 17 febbraio 1941 la Convention Hall di Philadelphia, Pennsylvania, ospitò la quindicesima difesa del titolo mondiale dei ...

17/02/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 16 FEBBRAIO DEL 1992

Robert Quiroga, un mondiale a Salerno di Priminao Michele Schiavone Lo statunitense Robert Quiroga tornò per la terza volta in Italia nelle vesti di campione del mondo il 16 febbraio 1992, quan...

16/02/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 15 FEBBRAIO DEL 1978

Leon Spinks batte Muhammad Ali di Priminao Michele Schiavone Uno degli eventi di maggiore stupore nel pugilato fu l’esito del primo combattimento tra Muhammad Ali e Leon Spinks, tenutosi a Las V...

15/02/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 14 FEBBRAIO DEL 1959

Germano Cavalieri sfidante al titolo italiano di Priminao Michele Schiavone Il veneziano Germano Cavalieri arrivò al suo unico appuntamento tricolore il 14 febbraio 1959, quando a Udine sfid&o...

14/02/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 13 FEBBRAIO DEL 1993

James Toney, da medio a massimo con disinvoltura di Priminao Michele Schiavone Lo statunitense James Toney ha conquistato il titolo mondiale nella seconda divisione di peso dei supermedi il 13 febbrai...

13/02/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 12 FEBBRAIO DEL 1966

Vicente Saldivar, Zurdo de Oro di Priminao Michele Schiavone Il messicano Vicente Saldivar fece la sua più breve difesa del titolo mondiale dei pesi piuma il 12 febbraio 1966 a Città del...

12/02/2018

UN GIORNO COME OGGI, L'11 FEBBRAIO DEL 1989

Rene Jacquot, sorpresa dell'anno di Priminao Michele Schiavone Il risultato conseguito dal transalpino Rene Jacquot nel Palais des Sports di Grenoble, in Francia, l’11 febbraio 1989 fu un vero e...

11/02/2018

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS