There are 56.776 boxer records, at least 540.126 bouts and 11.161 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

NICCHI CONSERVA IL TITOLO ITALIANO DEI MEDI JR

 

Terza vittoria di Nicchi contro Di Fiore, questa per decisione divisa

Il titolo italiano dei pesi superwelter ha visto i riflettori puntati per la seconda volta quest’anno.
Il campione in carica Adriano Nicchi, dopo la difesa effettuta lo scorso gennaio contro l’allora imbattuto Domenico Salvemini, ha accettato di esibirsi a Prato contro Francesco Di Fiore, pratese di adozione, al quale strappò la cintura nazionale nel novembre del 2010.
Il pugile aretino nel 2011 ha potuto sostenere solo una difesa, obbligando all’abbandono nella settima ripresa il campano Salvatore Annunziata.
Da allora il 31enne toscano si è guadagnato la stima del Comitato classifiche dell’EBU ed occupa l’undicesimo posto nel ranking continentale. Il titolo è vacante e sarà conteso tra il bielorusso Siarhei Rabchenko ed il britannico Ryan Rhodes.
Il 34enne Di Fiore, dopo aver assimilato il secondo insuccesso per mani di Nicchi che gli è costato il primato tricolore, ha sommato due vittorie che lo hanno confortato nella rimonta della classifica per riproporsi al cospetto del leader nazionale dei pesi medi jr. Di Fiore è collocato al quattordicesimo posto nella classifica dell’Unione europea il cui campione è il francese Cedric Vitu.
I precedenti davano favorito il campione in carica ma la chance dello sfidante rappresentava la sua ultima spiaggia per ritornare campione italiano e rimettersi sulla cresta dell’onda. Questa ipotesi incarnava per Di Fiore l’ispirazione, la sferza e l’incoraggiamento per non fallire l’impresa.
 
Nicchi e Di Fiore la sera prima del match, dopo le operazioni di peso
 
Per assecondare la sua aspirazione si sono mossi in tanti. La Boxe Cavallari ha avuto la collaborazione della Pugilistica Pratese, Asd Scuola Calcio Prato ed il patrocinio di Provincia e Comune di Prato.
Il resto lo doveva mettere Di Fiore e lui ha fatto tutto il possibile per non deludere le aspettative e riscattare le due precedenti prove fornite contro Nicchi. Parte della terna giudicante ha valutato il match diversamente da come è stato interpretato dallo sfidante ed il risultato finale gli ha dato torto. Alla fine delle 10 riprese dirette dall’arbitro Roberto Di Mario il verdetto è stato diviso con due 97-93 a favore del campione ed un 96-94 a vantaggio dello sfidante.
La prima ripresa è iniziata con lo sfidante impostato con la guardia alta che si muove in avanti per trovare il bersaglio. Di Fiore usa il sinistro contro un abile campione che indietreggia ma usa le mani per non lasciare l’iniziativa al suo avversario. Di Fiore usa doppiare i colpi. Il suo avversario lo aspetta per poi muoversi sul tronco, spostarsi e rientrare. Lo sfidante predilige i colpi al capo mentre il suo opponente scaglia pugni al tronco.
Nel secondo round Di Fiore si muove in attacco e detta il ritmo del match. Nicchi si porta alle corde con la guardia chiusa e lascia scaricare le serie dello sfidante. Poi il campione guadagna la distanza e si muove con la guardia bassa, forse per dimostrare la superiorità. Nicchi si affida ai montanti portati con fare isolato mentre vienne pressato dall’avversario che infittisce il destro lungo.
La tattica del campione di muoversi lungo le corde va avanti anche nel terzo tempo. Poi impone la lunga distanza con saltelli, giochi di gambe e movenze sul tronco, inframmezzati da uppercut di sbarramento. Di Fiore continua a fare il match ed impone gli scambi che il campione predilige all’angolo.
Anche nella quarta frazione lo sfidante pressa il suo avversario costringendolo all’angolo. Smaltite le serie Nicchi trova lo spazio per ritornare a saltellare con le mani basse. Poi scaglia montanti ma l’incalzare dell’avversario lo costringe a fermarsi lungo corde. Qui Di Fiore infittisce gli attacchi e costringe il campione a difendersi con scambi intensi.
La quinta ripresa segue il canovaccio delle precedenti con Nicchi che predilige le corde e Di Fiore che insiste con aggressività, portando colpi al capo ed ai fianchi. Il campione è costretto a scambiare per non rimanere imbrigliato dall’offensiva avversaria.
Anche nel sesto round il campione preferisce muoversi sulle gambe per eludere gli attacchi dello sfidante che non demorde e continua ad attaccare. Nicchi trova la misura con alcuni destri al volto intercalati con montanti. Di Fiore fonda le sue azioni di attacco con solidi combinazioni alternate alla figura ed al capo.
Il ritmo continua elevato anche nel settimo tempo. Nicchi si affida molto alle gambe ed al tronco che muove con agilità. Si muove all’indietro con la guardia bassa. Si sposta su un lato e fa partire il montante. Poi riguadagna la distanza e riprende a scoccare colpi con lo stesso target. Di Fiore è continuo e costante nel mulinare le braccia ed andare a segno con serie.
Nell’ottava frazione il campione appare meno disposto alla lotta ed usa abilmente il gioco di gambe per spostarsi. Lo sfidante comunque accorcia la distanzaed attacca a due mani. Nicchi appare ferito lungo l’arcata sopracciliare sinistra. Dopo il controllo dell’arbitro il match s’infiamma e si vedono ripetuti scambi di colpi ravvicinati.
Nel nono assalto i copi dei due pugili s’incrociano ripetutamente. Nicchi pedala all’indietro e si affida al destro. Di Fiore è più continuo e porta colpi in serie. La cadenza del confronto rimane alta. Entrambi vogliono la vittoria anche se le esecuzioni delle parti sono opposte.
La decima ed ultima ripresa fornisce l’apoteosi delle due contrapposte ambizioni. I due pugili spendono le residue energie con scambi di colpi incrociati portati a viso aperto. Nicchi si muove sul tronco per scampare ai colpi più lineari dell’avversario e scaglia ganci al capo. Di Fiore appare più regolare con le asfissianti combinazioni a due mani portate sopra la cintola ed al capo del campione.
La proclamazione del verdetto ha confermato Nicchi campione italiano dei pesi superwelter. Così Nicchi, kg 69, ha difeso con successo la sua cintura nazionale per la terza volta ed ha migliorato il record con 18 vittorie (7 prima del limite), 3 sconfitte e 2 pareggi.
Di Fiore, kg 69.800, ha scritto sul suo record l’insuccesso numero 7 a fronte di 13 trionfi (4 anzitempo) ed 1 verdetto di parità.
 
In precedenza il confronto tra i compagni di scuderia Giacomo Mazzoni e Riccardo Pintaudi ha visto il trionfo di quest’ultimo nella quinta ripresa.
Il welter Mazzoni, fiorentino di 30 anni, ha perduto l’imbattibilità dopo 6 vittorie. Pintaudi, milanese prossimo a compiere 29 anni, è rimasto invitto con 4 successi (2 prima del limite).
 
Brutto match tra i pesi piuma Nicola Cipolletta, campano prossimo a compiere 24 anni, e Suat Laze, 32enne albanese residente a Como, che si sono affrontati sulla distanza delle 6 riprese.
Al termine la vittoria è andata al lombardo d’adozione.
Cipolletta, troppo più alto dell’avversario, non è riuscito a fare uso dell’allungo per tenere a distanza il focoso Laze.
Il mancino albanese è apparso molto scomposto nella foga di andare a bersaglio ma è stato il pugile che ha usato di più le braccia per offendere. A volte è andato fuori misura e più volte è caduto quando il bersaglio mobile del suo avversario diventava evanescente.
Cipolletta ha combattuto di rimessa girando lungo le corde ma non è riuscito a frenare l’ardore del piccolo guerriero che aveva di fronte.
Laze lo ha aggredito senza sosta. Dal quarto round ha aumentato gli incisivi attacchi ed ha finito il match in crescendo.
Laze, EBU # 14, vanta il record di 20 vittorie (6 prima del limite), 4 sconfitte, 1 pareggio ed 1 no-contest.
Cipolletta ha conosciuto l’insuccesso numero 2 dopo 8 trionfi (2 anzitempo).
 
 Primiano Michele Schiavone
 

 

 

 

Archive

UN GIORNO COME OGGI, IL 20 SETTEMBRE 1961

A Roma, per una riunione d'altri tempi di Primiano Michele Schiavone Sono anni che non vengono varate riunioni italiane come quella presentata a Roma il 20 settembre del 1961, con sei combattimenti a ...

20/09/2020

UN GIORNO COME OGGI, IL 19 SETTEMBRE 1964

A Milano, con argentini residenti in Italia di Primiano Michele Schiavone Quando in Italia la presenza argentina arricchiva le nutrite manifestazioni di pugilato professionistico, a Milano, la sera de...

19/09/2020

UN GIORNO COME OGGI, IL 18 SETTEMBRE 1966

A Verona, per sostenere la sfida tricolore di un concittadino di Primiano Michele Schiavone Presso il grande anfiteatro romano vantato da Verona, conosciuta per essere la città di Romeo e Giuli...

18/09/2020

UN GIORNO COME OGGI, IL 17 SETTEMBRE 1969

A Cecina, per una interessante rivincita tricolore di Primiano Michele Schiavone Il 27enne livornese Romano Fanali veniva impiegato a Cecina per la terza difesa del titolo italiano dei pesi superlegge...

17/09/2020

UN GIORNO COME OGGI, IL 16 SETTEMBRE 1971

A Milano, in attesa di una vedette locale di Primiano Michele Schiavone La seconda difesa del titolo italiano dei pesi medi da parte del padovano Luciano Sarti trovava luogo a Milano la sera del 16 se...

16/09/2020

UN GIORNO COME OGGI, IL 15 SETTEMBRE 1976

A Mestre, per una sfida tricolore tra laziali di Primiano Michele Schiavone Il 15 settembre 1976 si aveva a Mestre, alle porte di Venezia, un singolare confronto tra pugili laziali impegnati nella dis...

15/09/2020

UN GIORNO COME OGGI, IL 14 SETTEMBRE 1963

A Pisa, per sostenere il propio campione di Primiano Michele Schiavone Il pisano Piero Del Papa combatteva per la prima volta nella sua città da campione d’Italia dei pesi mediomassimi la...

14/09/2020

UN GIORNO COME OGGI, IL 13 SETTEMBRE 1972

A Quartu Sant'Elena, per un campionato d'Europa di Primiano Michele Schiavone La città costiera sarda di Quartu Sant'Elena, in provincia di Cagliari, ospitava il 13 settembre 1972 una riunione ...

13/09/2020

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS