There are 56.102 boxer records, at least 537.868 bouts and 10.862 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

ANGOLO ROSA, ARIANNA SALATINO

 

 

 

Arianna Salatino: l'arte del combattimento

di Alfredo Bruno

Arianna Salatino, 31 anni, record alla mano dovrebbe essere una principiante con i suoi 5 match disputati (+ 4, = 1) nell’arco di poco più di un anno. Vederla combattere spiazza chi è abituato a dar retta ai numeri: dimostra al contrario una padronanza unita a quella tranquillità, marchio inconfondibile, che ne fanno pugile in stand bye evitata con cura dalle altre ragazze. Non si nasce imparati e il segreto viene semisvelato dalla sua attività decennale negli sport da combattimento, Muay Thai e Kick in primis. Non sempre però le ragazze che praticano arti marziali si trovano a proprio agio nella noble art, non è il caso di questa ragazza calabrese, un po’ perfezionista, da una decina d’anni residente nella Capitale.
 
Apriamo il primo capitolo della boxe…
“Ho iniziato con gli sport da combattimento, con la kick boxing. Avevo 20 anni. Per puro caso passando davanti a una palestra dalla porta vedevo i ragazzi allenarsi, per cui ho provato e mi è piaciuto. Anche la carriera agonistica la possiamo dire casuale. Andando lì ogni giorno vedevo i progressi e questo mi appassionava. Quando poi si è offerta la possibilità di combattere non ci ho pensato due volte. Ho cominciato con la boxe tailandese, per cui ho fatto alcuni viaggi in Tailandia, in campi di allenamento e mi sono innamorata di questo sport associato allo stile di vita che richiedeva. Poi successivamente il mio maestro, Alessio Smeriglio, si è unito a Eugenio Agnuzzi nella palestra della Pro Fighting e quindi ho cominciato ad interessarmi della boxe, anche se un po’ grandicella d’età”.
 
Quando hai cominciato?
“Diciamo che sono due anni e mezzo, ma che faccio solo boxe a tempo pieno un anno e mezzo, il motivo per cui ho disputato pochi match. Certo è un gap difficile da colmare avendo iniziato tardi, però per fortuna ci sono tante motivazioni. Inizialmente vivevo la boxe per integrare e perfezionare gli sport da combattimento. Poi mi sono accorta che dedicarsi al pugilato richiede molto, è quasi un altro pianeta, senza nulla togliere all’impegno che richiedono le altre discipline. Mi è cominciata a piacere anche a livello tecnico, chiaramente conoscendola di più ho capito quanto sia complesso come sport. Soffro di esserci arrivata tardi, però sono contenta, ho dei grandi maestri, mi alleno con grandi pugili, non tutti hanno questa fortuna. Rubo con gli occhi e vivo anche la realtà di un professionismo che dovrebbe decollare di più”.
 
 
Come giudichi la boxe femminile?
“Sono contenta della piega che sta prendendo la boxe femminile, un boom quasi improvviso, grazie anche alla buona volontà di un gruppo di persone. E’ un circolo vizioso, se uno vede un ambiente dinamico molto attivo è un qualcosa di positivo come contagio sociale. C’è la boxe, ci va una mia amica, ci vado anch’io, è una diffusione quasi automatica. Mentre da un altro lato dedicarsi agli allenamenti per mesi e non avere la possibilità di combattere può far sentire demotivati, quando stavo nella kick boxing è capitato varie volte. Quindi questa attenzione da parte di allenatori, preparatori, promoter, è sicuramente un catalizzatore molto forte. Per il resto sta nell’incognita della persona, per cui lo vedi anche attraverso queste ragazze giovanissime. E’ una scelta personale”.
 
Che fai nella vita?
“E’ una brutta domanda, perché al momento sono disoccupata. Sono dottore in ricerche di Lettere e Filosofia, dopo una laurea all’Università di Roma Tre in studi cinematografici ho vinto questa borsa in dottorato, per cui ho lavorato nella ricerca universitaria per tre anni in attesa di Concorsi che non sono mai arrivati; per cui mi sono, tra virgolette, riciclata. Sembra un termine denigrativo, invece sono felice e grata allo sport, visto che tra l’altro insegno in alcune palestre di kick sia con i bambini, con cui mi trovo bene, sia con gli adulti la sera, per cui riesco a sopravvivere, anche se è una vita di precariato totale”.
 
Sei fidanzata e se si cosa pensa lui della boxe?
“Non ci sono problemi e partecipa molto, perché fa parte di questo mondo. Un motivo in più per una perfetta concordia”.
 
Hai qualche hobbies?
“Leggo molto. Senz’altro ha contribuito il mio lavoro all’Università, tre anni passati nelle biblioteche. Mi piacciono le lingue straniere, quindi anche viaggiare. Mi sono dedicata ad alcune traduzioni per monografie. Lo studio di ricerca nel settore umanistico mi è stato utile anche se, ahimè, si è trasformato in amore e odio. E’ uno studio che ti apre mentalmente, ma non è utile per trovare lavoro. Altri hobbies sono le cose che ognuno si ritaglia, per esempio musica e film”.
 
 
Che genere di film ?
“Va bene qualunque genere che mi arricchisca, un po’ come tutte le opere d’arte. Lo stesso discorso vale per la musica in cui spazio dal trash a Mozart. Quando sento qualcosa che mi emoziona va bene lo stesso nel momento, anche se non è valida qualitativamente”.
 
Il tuo colore preferito?
“Forse il verde perché è un colore molto lontano dai miei gusti. Inconsciamente è qualcosa che mi manca e di cui avrei bisogno: la speranza”.
 
Sei scaramantica?
“No, anzi rido quando mi succede qualcosa, mi metto a ridere sulla mia sfortuna”.
 
Il tuo carattere…
“Molto cuore e poco cervello, più impulsiva che riflessiva. Questo porta a vivere le cose in maniera intensa, ma porta a commettere errori”.
 
Hai paura prima di salire sul ring?
“E’ una paura bella che si unisce alla voglia di combattere, cosa che tutti i pugili conoscono. E’ una paura produttiva e non paralizzante, quindi è una sensazione particolare che fa battere il cuore”.
 
Alfredo Bruno

 

 

 

Archive

UN GIORNO COME OGGI, IL 19 SETTEMBRE DEL 1959

Rino Borra batte Ande Guyon di Alfredo Bruno Il 19 settembre 1959 nella sua Cremona il welter Rino Borra affrontava sulle 10 riprese il francese Andrè Guyon. Nella città lombarda questo e...

19/09/2019

UN GIORNO COME OGGI, IL 18 SETTEMBRE DEL 1991

Paziente Adobati batte Salvatore Curcetti di Alfredo Bruno Il 18 settembre 1991 a Marano sul ring allestito nel cortile della Scuola Media "D’Azeglio" Salvatore Curcetti metteva in palio il Tiolo It...

18/09/2019

UN GIORNO COME OGGI, IL 15 SETTEMBRE DEL 1971

Domenico Adinolfi batte Guerrino Scattolin di Alfredo Bruno Il 15 settembre 1971 ad Enna Domenico Adinolfi, che aveva posto fine nei mediomassimi al regno di Giulio Rinaldi, era chiamato ad una seconda difesa del t...

15/09/2019

UN GIORNO COME OGGI, IL 14 SETTEMBRE DEL 1962

Salvatore Burruni batte Pierre Rossi di Alfredo Bruno Il 14 settembre 1962 sul ring del Vigorelli non è certo una bella data da ricordare per la sconitta subita da Duilio Loi ad opera di Eddie Perkins in un ...

14/09/2019

UN GIORNO COME OGGI, IL 13 SETTEMBRE DEL 1958

Massimo Zanaboni batte Federico Friso di Alfredo Bruno Il 13 settembre 1958 alla Cavallerizza di Grosseto il colosso Massimo Zanaboni era chiamato ad un compito arduo ed era quello di affrontare il pugile patavino ...

13/09/2019

UN GIORNO COME OGGI, IL 9 SETTEMBRE DEL 1962

Pari tra Federico Scarponi e Giuseppe Linzalone di Alfredo Bruno Il 9 settembre 1962 al Palasport di Pesaro si disputava un derby, non di calcio, ma di pugilato. Federico Scarponi, residente a Porto S. Elpidio, aff...

09/09/2019

UN GIORNO COME OGGI, IL 7 SETTEMBRE DEL 1963

Sandro Mazzinghi diventa campione del mondo di Alfredo Bruno Il 7 settembre 1963 è una data storica per la boxe italiana. Al Vigorelli di Milano si disputa una grande riunione organizzata dalla SIS. Nell&rsq...

07/09/2019

UN GIORNO COME OGGI, L'1 SETTEMBRE DEL 1960

Giancarlo Garbelli batte Peter Muller di Alfredo Bruno L'1 settembre 1960 è una di quelle date che rimarrà scolpita nel cuore dei milanesi, Duilio Loi batte Carlos Ortiz e diventa campione del mondo d...

01/09/2019

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS