There are 54.990 boxer records, at least 535.762 bouts and 10.361 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

WSB, L'ITALIA PAGA SCOTTO PESANTE IN AZERBAIJAN

 

 

Battuta 4-1, una squadra sperimentale, con qualche verdetto casalingo.

La delusione si chiama Mangiacapre.

Prossimo impegno a Miami in Florida.

di  Giuliano Orlando

Le WSB, tra le situazioni negative, hanno il servilismo dei giudici, che in caso di equilibrio optano sempre per il pugile di casa. Lo fanno in Azerbajan, ma anche in Italia, come in altre sedi. L’AIBA conosce il problema ma fa spallucce. Gli errori sono bilanciati, così nulla cambia. Da tempo ripeto che si snatura la situazione, ma è come predicare al vento.

WSB-logo

Una voce, come una rondine, non fa primavera. A Quba, non a Baku, come insistono alcuni siti, l’Italia sperimentale ha pagato scotto pesante di fronte ai Fires che presentavano un quintetto di buona qualità, favorito sulla carta ma non impossibile da battere. I fatti hanno dimostrato che l’Italia è destinata a soffrire e non poco nel corso delle qualificazioni. Vietato fare drammi, ma un avvio così deludente era impensabile. Lello Bergamasco supportato da Maurizio Stecca, sanno benissimo che il team è tutto da sperimentare, come si è visto nel debutto. Poteva andare meglio, bastava che Mangiacapre fosse in condizioni normali e avremmo staccato quel 2-3 che valeva un punto prezioso. Purtroppo il capitano era irriconoscibile, diciamo abulico per condensare la situazione. La peggiore esibizione da quando lo seguiamo. L’azero Gadzhialiyev, tatticamente era un libro aperto: difesa a testuggine, testa bassa e scatto in avanti per portare sventole prevedibili. Il Mangiacapre di Londra o anche di Almaty, pur al 70%, avrebbe evitato il pericolo mettendosi fuori portata, con gli spostamenti che sono la specialità della casa. Stavolta era una statua di marmo, attaccava frontale, senza guardia e senza schivare. Facile per il pugile di casa fare un figurone centrando con incredibile facilità l’italiano, contato nel primo e nel secondo round, giusta la prima volta, meno la seconda, anche se non cambia la sostanza. Incredibile l’incapacità di Vincenzo a variare la tattica. Rifiutiamo di pensare che possa ripetere una prova tanto negativa, ma certo la faccenda fa riflettere. Il ritorno nei 64 kg. non è ancora digerito? Un vero peccato, perché stiamo parlando della punta italiana in proiezione Rio 2016. Italia sperimentale; i nomi sono quelli di Cavallaro nei medi e Turchi nei massimi. Il primo, giudizio personale, non aveva perduto contro il bielorusso Vesialou, strapagato dai giudici, in particolare nel quarto round, determinante per la sconfitta (2-1) del giovane mancino (19 anni), che ha margini di miglioramento notevoli.  Turchi è stato sfortunato o meglio ingenuo. Abdullayev non è un fuoriclasse, ma neppure una scartina. Pure lui ha pagato lo scotto del noviziato anni addietro, oggi non è facile batterlo. Sfrutta bene l’altezza e l’allungo, veloce e preciso, ha perfezionato quel montante mancino e Turchi ha pagato le conseguenze nel terzo round, contato e ferito ad entrambe le sopracciglie. Poteva andar meglio, ma nessun dramma. Tra i massimi il pericolo è sempre in agguato. Discutibile pure la sconfitta di Conlan (56) contro Gurbanov, molto concreto ma non superiore all’irlandese. Un match che i giudici hanno visto a senso unico. Mi chiedo perché i pugni a bersaglio di Michael valevano meno di quelli dell’azero? Una domanda: lo sanno i giudici che c’è anche il pari? Era il caso di poterlo dare. Unico dei nostri a vincere, l’altro irlandese Barnes (49), già nei Thunder la scorsa stagione. Ha trovato un Ibiyev su misura, che ha voluto scambiare colpo su colpo, dove Patrick va a nozze e vince comodo. Bergamasco che sa il fatto suo, non nasconde le difficoltà e sa benissimo che sarà un cammino impervio. Il parco dei pugili a disposizione è tenero anche se di buona qualità, ma in prospettiva. Tanto più che gli stessi pugili dei Thunder sono anche il fulcro della nazionale, che in questa stagione ha tre appuntamenti dove non può fare solo atto di presenza. Si tratta degli Europei Games maschili e femminili a Baku (Azerbajan) che servono per entrare ai mondiali dove c’è il numero chiuso. Poi gli europei a Sofia (Bugaria) in agosto e i mondiali (300 ammessi) a Doha nel Qatar dal  5 al 18 ottobre. Il ct deve gestire gli interessi in entrambi i fronti, ma non può sacrificare sull’altare delle WSB il meglio della nazionale. C’è poi il problema dell’APB, manifestazione che perde acqua come un colabrodo e dalla quale Vincenzo Picardi ne è uscito per tornare nei Thunder, Vista la categoria (52) potrebbe essere utile. Prossimo appuntamento ancora in trasferta, il 24-25 gennaio a Miami in Florida, ospiti dei Knockouts, non eccezionali ma protetti in casa, con giudici locali. Per noi ci sono l’indiano Bidhuri (52), a meno che non si recuperi Picardi, Introvaia (60), Evans (69), Manfredonia (81) e Vianello (+91). Un quintetto discretamente omogeneo, con le punte nei welter e mediomassimi, per il resto è tutto da scoprire. Anche stavolta prova tutta in salita, con pendenza inferiore di Quba. In una serata tanto nera, anche le voci televisive hanno dato una mano a confondere le cose. Speriamo si migliorino e non di poco.

Giuliano Orlando

 

 

 

 

Archive

UN GIORNO COME OGGI, IL 23 NOVEMBRE DEL 1966

Golfarini vincitore di Pellarin di Priminao Michele Schiavone Il nome del livornese Remo Golfarini occupa il posto numero 6 nell’albo d’oro dei campionati italiani dei pesi superwelter. Il...

23/11/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 22 NOVEMBRE DEL 1925

Edoardo Garzena s'impone a Pietro Bianchi di Priminao Michele Schiavone L'ultima difesa vittoriosa del titolo italiano dei pesi leggeri di Edoardo Garzena si svolse a Milano il 22 novembre 1925, contr...

22/11/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 21 NOVEMBRE DEL 1986

Ronzoni supera Scapecchi di Priminao Michele Schiavone Il campione italiano numero 17 dei pesi superleggeri fu Maurizio Ronzoni, che il 21 novembre 1986 tolse la cintura al grossetano Alessandro Scape...

21/11/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 20 NOVEMBRE DEL 1961

Truppi batte il tedesco Moll di Priminao Michele Schiavone Il peso medio modenese di origine brindisina Tommaso Truppi lasciò il ring di Modena da imbattuto la sera del 20 novembre 1961, quando...

20/11/2017

CAMPIONI DEL MONDO DI ORIGINE ITALIANA, MELIO BETTINA

Al secolo Emilio Antonio Bettina di Pietro Anselmi e Vincenzo Belfiore Melio Bettina. Anche se non viene annoverato tra i grandi della categoria fu sicuramente un ottimo pugile, un mediomassimo dal record...

19/11/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 19 NOVEMBRE DEL 1977

Azevedo pareggia con Backus di Priminao Michele Schiavone Il 19 novembre 1977 l’ex campione mondiale dei pesi welter Billy Backus, guardia destra originario di Canastota, New York, e nipote del ...

19/11/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 18 NOVEMBRE DEL 1972

Ugo Poli sconfigge Bruno Pieracci di Priminao Michele Schiavone La provincia di Sondrio trovò nel valtellinese Ugo Poli, originario di Ardenno, l’elemento di spicco per promuovere negli a...

18/11/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 17 NOVEMBRE DEL 1985

Giampiero Pinna vincitore di Mario Bitetto di Priminao Michele Schiavone Il sassarese Giampiero Pinna, divenuto campione italiano dei pesi mosca al terzo tentativo, il 17 novembre 1985, a Vercelli, so...

17/11/2017

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS