There are 54.965 boxer records, at least 535.524 bouts and 10.274 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

ISLAM TIMURZIEV, UNA VITA STRONCATA DALLA LEUCEMIA

 

 

Leucemia fatale a Timurziev, il gigante russo morto a 32 anni.

Destinato ad una grande carriera, costretto al ritiro a 25 anni, dopo aver vinto l’europeo, titolare ai Giochi di Pechino.

di Giuliano Orlando

Islam Jachjajewitsch Timursijew, mussulmano sunnita, nella notte del 31 agosto chiude la sua breve vita, nell’ospedale di Sapsi, la città dove i Timurziev risiedevano dai primi del 1900, provenienti dalla Turchia. Islam aveva 32 anni, era nato il 9 gennaio 1983 a Nazran, fino al 2002 la capitale della Repubblica autonoma caucasica delI’Inguscezia. A 12 anni era entrato nella palestra locale, attratto dal pugilato, aiutato dal fisico robusto, oltre che da qualità atletiche notevoli. Una palestra sui generis, come ricorda il suo primo maestro Igor Bariev: “Un vecchio magazzeno dismesso, senza ring e con pochi attrezzi, ma Islam dimostrò subito di essere speciale. Sovrastava tutti i coetanei ed era molto maturo. Al compimento dei 14 anni, era il 1997, segnalai Islam alla sede di Mosca che lo convocò per uno stage. Quando nel ’98 vinse il titolo cadetti, con un anno di anticipo sul previsto, restò nel giro della nazionale. Ogni volta che tornava a casa, non dimenticava mai di venirmi a trovare, spesso accompagnato da mamma Khadi, sua grande tifosa”.
Durante i campionati europei dello scorso mese a Samokov in Bulgaria, chiesi ad Alex Lebzyak notizie su Timurziev. Il responsabile del team russo dal 2012, è nei quadri tecnici dal 2001, seguendo le giovanili e quindi Timurziev, che avevo visto a Mosca nel 2005, battere il cubano Solis, oro di Atene, che non conosceva sconfitte da diverse stagioni, riportandone una forte impressione per la boxe molto concreta anche se un po’ ripetitiva. Vista l’età (22 anni) pensai fosse il degno successore di Alex Povetkin, che nel quadriennio 2001-2004, aveva conquistato tutto (europei, mondiali e olimpiadi) e dopo l’oro di Atene, stava giustamente pensando al professionismo, per concretizzare sul piano delle borse, un futuro che a 25 anni, poteva riservargli lauti guadagni. Come è avvenuto. La risposta di Lebzyak non faceva presagire nulla di buono: “La leucemia non perdona e Islam negli ultimi anni è peggiorato, in particolare aveva quasi perduto la vista. Nel 2014 è stato operato in Turchia e in apparenza sembrava in recupero. Un miglioramento apparente. Al momento è in osservazione nell’ospedale di Sapsi e i medici non sono ottimisti”.
Purtroppo le previsioni drammatiche sono sfociate nella morte prematura a soli 32 anni, la stessa età in cui nel 2000, Alex Lebziak aveva vinto l’oro olimpico a Sydney, dopo la grande delusione sopportata nella stessa città nove anni prima, battuto in finale dal nostro Tommaso Russo, autentico outsider, che sconvolse tutti i pronostici. Proprio in quell’occasione conobbi Lebzyak. Amicizia che non si è mai interrotta.
I primi segnali della subdola malattia di Islam spuntano alla fine 2005, nel momento della piena maturità, dopo un cammino esaltante nei tornei giovanili. Oro europeo cadetti nel ’99 a Baku in Azerbajan nei +81, battendo il croato Preskar e in finale l’ucraino Medzhhydov 11-5. Nel 2000 ai campionati russi jr. si ferma in semifinale, battuto da Albora. Si rifà l’anno dopo, prima il titolo russo di categoria, battendo in finale il quotato Kamenv al primo round, poi il trionfo agli europei jr. (nel 2008 diventeranno youth), a Sarajevo in Bosnia: quattro incontri e altrettanti KO. Salah (Svezia), Bartkievwic (Pol), Helenius (Fin) e Medzhydov (Ucraina) le vittime. Nel 2002, anno degli europei di Perm, vinti nei +91 da Povetkim ai danni di Cammarelle, in una finale che altrove avrebbe premiato l’italiano, Timurziev disputa il torneo dei massimi a Vladivostok, presenti i più forti giganti russi. Timurziev è il più giovane (19 anni). Batte Chechenev nei quarti, ma cede nettamente di fronte a Povetkin (5-0), troppo esperto, mentre di fronte a Derevtsov finisce alla pari, come dice il verdetto di 2-3. Un quarto posto onorevole. Preludio alla prima presenza agli assoluti senior nel 2003, dove conquista un ottimo bronzo, fermato in semifinale ancora da Povetkin che a sorpresa, perde il titolo dal più anziano Lezin che aveva battuto meno di quattro mesi addietro a Vladivostok. Timurziev cresce anno dopo anno, la guida tecnica di Lebziak da i frutti sperati. Migliora la difesa, si muove meglio e aumenta il repertorio dei colpi, che fanno molto male. Se ne accorgono anche i compagni di allenamento, che faticano a tenere i suoi colpi. Impressione concretizzata ai campionati nazionali del 2004, disputati nel novembre a Samara. Timurziev li vince disputando un solo match, contro Adamov, visto che Sukhoverhkov e in finale Charitonov perdono per WO. Nel febbraio del 2005 prende parte allo storico torneo Strandja a Plovdiv in Bulgaria. Inizia costringendo all’abbandono il turco Keskin, ma viene dichiarato sconfitto dal locale Kubrat Pulev il beniamino di casa, con un verdetto bugiardo. Cinque mesi dopo, sullo stesso ring, in occasione degli europei, Pulev finisce ko al terzo round in semifinale. L’unico ad impegnarlo è il nostro Cammarelle nei quarti, mentre il croato Tomasovic e in finale il finnico Helenius cedono nettamente. La stagione iniziata alla grande, riserva a Timurziev una forte delusione a Baku nella tradizionale sfida tra Cuba e Russia della Coppa Nazioni. A distanza di un anno, ritrova Solis che dopo aver subito per due round, inizia il terzo deciso a capovolgere la situazione, dopo la strigliata del suo tecnico Salgado, che non ci sta ad una nuova sconfitta. Sorpreso dall’assalto del cubano, Timurziev viene contato e subisce ulteriori colpi, fino allo stop dell’arbitro che ritiene il russo incapace di difendersi. Sconfitta pesante e inattesa. Nel 2007 torna a combattere con rinnovato slancio. Prende parte agli assoluti a Yakutsk nel mese di maggio e ottiene l’argento, battendo Kamenev, Kharitonov e Arshba. Cede di stretta misura (22-19) a Sergeyev dalla boxe poco spettacolare ma utile a fare punti. Vince il primo Memorial Popenchenko a Mosca a fine agosto, superando due quotati rivali come Kuzmin e Pliyev e partecipa a novembre ai mondiali di Chicago. Inizia molto bene, superando l’irlandese McMonagle, l’azero Mammadov e il locale Hunter giungendo in semifinale. La sfida per la finale è contro Cammarelle, che nel frattempo è cresciuto, ma la notte precedente al match viene ricoverato d’urgenza in ospedale per un attacco di appendicite, Sfuma la rivincita e su Timurziev, cala un silenzio misterioso. Si rincorrono voci disparate, un intervento al cervello, in particolare. A sorpresa, appare il suo nome nei +91 quale titolare della Russia ai Giochi di Pechino 2008 a fine agosto. Al debutto sul ring del Workers’ Gymnasium affronta l’inglese David Price, sulla carta alla sua portata. All’angolo di Islam ci sono Kromov e Lebzyak. Timurziev inizia all’attacco, cercando la corta distanza per evitare l’allungo del più alto inglese, che appare intimorito. Si conclude il primo round con Timurziev, meno tonico del solito, ma avanti 2-0. Nella seconda tornata, un preciso diretto destro di Price arriva preciso al mento del russo che finisce clamorosamente al tappeto. Si rialza, cerca di replicare ma si espone ai colpi lunghi di un galvanizzato rivale che costringe il russo ad un nuovo kd, ancora sul destro. L’arbitro a questo punto ferma il match, con una decisione affrettata, poiché Timurziev appare lucido e pronto a riprendere la lotta. Mentre Price esulta, il russo è giustamente e decisamente contrariato. E’ l’ultima apparizione di Timurziev sul ring. Ha solo 25 anni e qualche mese dopo inizia la battaglia più difficile, dovendo combattere contro la leucemia che lo assale con ferocia. Islam ha lottato per sette anni, tra speranze e delusioni. Lo hanno aiutato sia la comunità mussulmana sunnita che lo stesso governo dell’Inguscezia, vicino al campione. Il ministro dello sport Iliaz Kotiev partecipa in solido alle spese per l’intervento in Turchia e il governo aiuta la famiglia alle costose cure, fino all’ultimo. Lo scorso aprile, Islam in una lunga intervista ad una emittente locale, appare fiducioso, non scartando una ripresa dell’attività. In realtà la condizione dell’ex campione non risulta certo ottimale, ma la speranza, dopo un parziale recupero della vista, è l’arma per non cedere. Purtroppo il sogno si spezza brutalmente pochi mesi dopo, a soli 32 anni. Di lui resta il ricordo di un campione che molto ha dato sul ring e ancor più ha lottato una volta sceso. Adesso riposa nel piccolo cimitero di Nazran dove era nato.
 
Giuliano Orlando

 

 

 

 

 

Archive

UN GIORNO COME OGGI, IL 25 SETTEMBRE DEL 1974

Freschi supera Bergamasco di Priminao Michele Schiavone L’udinese Bruno Freschi divenne campione italiano dei pesi superleggeri al secondo tentativo il 25 settembre 1974 a Forni di Sopra, in pro...

25/09/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 24 SETTEMBRE DEL 1964

Brandi batte Lopopolo di Priminao Michele Schiavone L’aretino Piero Brandi realizzò la sua sagace e penetrante prestazione della carriera professionistica la sera del 24 settembre 1964, q...

24/09/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 23 SETTEMBRE DEL 1958

Baccheschi sconfigge Mazzola di Priminao Michele Schiavone Il terzo appuntamento sul ring tra il toscano Domenico Baccheschi ed il lucano Rocco Mazzola ebbe luogo a Civitavecchia il 23 settembre 1958,...

23/09/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 22 SETTEMBRE DEL 1935

Magnolfi vincitore di Negri di Priminao Michele Schiavone Il fiorentino Alfredo Magnolfi divenne campione italiano dei pesi gallo la seconda volta il 22 settembre 1935, nella sua città, quando ...

22/09/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 21 SETTEMBRE DEL 1962

Fabio Bettini, romano campione di Francia di Priminao Michele Schiavone Il pugile Fabio Bettini godette di due cittadinanze, prima quella italiana per la sua nascita a Roma, poi la francese per scelta...

21/09/2017

'TORO SCATENATO' HA PERSO L'ULTIMA BATTAGLIA

LaMOTTA MORTO A 96 ANNI DOPO BREVE MALATTIA di Primiano Michele Schiavone Mercoledì 20 settembre 2017 – Dagli Stati Uniti è rimbalzata la notizia della morte dell’ex ca...

20/09/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 20 SETTEMBRE DEL 1942

Roberto Proietti, tre volte europeo di Priminao Michele Schiavone In un passato alquanto lontano capitò più volte che due italiani si affrontarono per la disputa di due campionati, cosa ...

20/09/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 19 SETTEMBRE DEL 1970

Zampieri su Proietti per ferita di Priminao Michele Schiavone Sono molti i casi in cui un pugile si afferma su un altro con il medesimo risultato prima del limite, nella stessa ripresa. Uno di questi ...

19/09/2017

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS