There are 54.971 boxer records, at least 535.570 bouts and 10.309 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

DE CAROLIS, UN CAMPIONE IN ATTESA DI RISPOSTE

 

 

A tu per tu con Giovanni De Carolis

di Alfredo Bruno

Incontriamo Giovanni De Carolis (+ 20, 10 per ko, - 5) dentro la palestra della Team Boxe Roma XI dove ancora qualche volta viene ad allenarsi, portando con se alcuni giovani della sua palestra di Mazzano. Dopo la positiva prova in Germania contro Abraham si sono perse le tracce del giovane supermedio, l’occasione diventa ghiotta per saperne di più in un periodo in cui i nostri professionisti girano il “mondo” in cerca d’avventura.
“Sono in attesa di proposte. Spero di avere l’opportunità di battermi per un titolo italiano oppure a riprovare a livello internazionale con qualche bel match- esordisce il pugile romano- Si cerca un avversario per la riunione del 15 marzo. Giulio Spagnoli mi ha garantito che a maggio avrò un avversario importante”.

La grinta di Giovanni De Carolis mostrata nella foto di Renata Romagnoli

Adesso cosa fai?
“Ho aperto da tempo una palestra a Mazzano e per fortuna lavora molto. Mi dà la possibilità di allenarmi e di allenare un bel gruppo di agonisti, una decina, che porto spesso qui alla Team Boxe Roma XI. I ragazzi hanno modo di allenarsi con altri, un motivo per crescere e acquistare più sicurezza”.
 
Hai qualche rimpianto riguardo al tuo ultimo match con Abraham?
“In un certo senso si, col senno del poi riguardando il match mi sono reso consapevole di essere stato troppo prudente. Noi sapevamo benissimo che Abraham è uno che se ti prende, o all’inizio o alla dodicesima ripresa, fa male, è sempre pericoloso. Io mi ero prefissato di fare alcune cose contro di lui. Tre le ho fatte, ma non sono riuscito a fare quella più importante. E’ stata una questione di “testa”, forse mi mancava l’abitudine a quel tipo di ambiente”.
 
Cioè?
“Mi ero prefissato di non dargli mai un bersaglio fisso, di essere il più mobile possibile e di non fermarmi alle corde, però dovevo cercare di rientrare coi colpi, cosa che ho fatto poco. Saltuariamente sono riuscito a prenderlo, e ho notato che quando era attaccato si trovava in difficoltà nel rimettere i colpi d’incontro. Di questo non ho approfittato. A volte lui si scopriva e potevo colpirlo tranquillamente, ma non l’ho fatto. In sostanza ho cercato solo di non farmi colpire, ad onor del vero non ho mai sentito uno che fa così male quando arriva a segno. Però ho avuto sempre la possibilità di recuperare, perché ha bisogno di pause”.
 
Hai fatto la tua esperienza, ma soprattutto hai visto che potevi stare là a combattere con un avversario di valore mondiale…
“Il rammarico è di non aver fatto quello di cui sono capace e che era nelle mie possibilità. Quando sono entrato nell’ Arena è stato un impatto impressionante mettendo a confronto le riunioni che si svolgono in Italia, siamo ad un livello nettamente superiore, quasi scioccante, per di più contro un simile avversario”.
 
Tu hai anche affrontato in passato un pugile del calibro di Bursak recente campione d’Europa, sia pure destituito, considerato ai primi posti nel ranking mondiale…
“Quando ho affrontato Bursak ero agli inizi e in quell’occasione è stato fatto il passo più lungo della gamba. Bursak era già un pugile affermato, n. 1 in Ukraina, mentre io avevo fatto solo con dei collaudatori. Comunque quella sconfitta mi aveva aperto gli occhi e fatto capire che avevo tanto da lavorare ancora. La boxe è uno sport dove non puoi improvvisare. Il rammarico è che diventa sempre più difficile organizzare dei match accettabili in Italia. I pugili validi per combattere pretendono giustamente i soldi, ma per salvare la riunione sei costretto ad ingaggiare i collaudatori. Poi quando vai all’estero ti accorgi che c’è una realtà ben diversa e magari prendi la mazzata”.
 
Alfredo Bruno

 

 

 

 

Archive

UN GIORNO COME OGGI, IL 18 OTTOBRE DEL 1968

Vittorio Saraudi sconfigge Giovanni Biancardi di Priminao Michele Schiavone Il terzo campione italiano di Civitavecchia fu Vittorio Saraudi, figlio di Carlo, precursore del pugilato nella città...

18/10/2017

CAMPIONI DEL MONDO DI ORIGINE ITALIANA, MIKE BELLOISE

Al secolo Michele Belloise di Pietro Anselmi e Vincenzo Belfiore La famiglia Belloise ebbe dieci figli, quattro femmine e sei maschi. Di questi tre divennero pugili: Mike, Steve e Sal. Gli ultimi ...

18/10/2017

ADDIO A WALTER CEVOLI

GRANDE CAMPIONE RIMINESE di Alfredo Bruno Un altro lutto ha colpito la boxe italiana. A Rimini ieri si è spento, all’età di 59 anni, Walter Cevoli, che fu campione italiano dei mediomassimi negl...

17/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 17 OTTOBRE DEL 1986

Jacobsen, un danese che fece la differenza di Priminao Michele Schiavone La storia pugilistica della Danimarca, anche se scritta da pochi pugili rispetto al maggior numero dei colleghi di altre nazi...

17/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 16 OTTOBRE DEL 1964

La rivincita di Serti su Mastellaro di Priminao Michele Schiavone Uno dei pochi pugili che conquistarono il titolo italiano per la prima volta, al secondo tentativo, dopo aver perduto la cintura europ...

16/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 15 OTTOBRE DEL 1969

Carmelo Coscia, un campione di lungo corso di Priminao Michele Schiavone Uno di quei pugili che si spesero a lungo prima di arrivare all’appuntamento con il campionato italiano professionistico ...

15/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 14 OTTOBRE DEL 1983

A Milano, un programma, tre titoli di Priminao Michele Schiavone Quando il capoluogo lombardo poteva essere definito un baluardo dell’organizzazione pugilistica italiana, il promoter milanese Eg...

14/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 13 OTTOBRE DEL 1956

Guido Mazzinghi batte Marino Faverzani di Priminao Michele Schiavone La prima ed unica difesa del titolo italiano dei pesi medi sostenuta dal toscano Guido Mazzinghi avvenne il 13 ottobre 1956 a Milan...

13/10/2017

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS