There are 56.751 boxer records, at least 539.725 bouts and 11.104 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

ECHI DAL PASSATO: PADDY DE MARCO CAMPIONE MONDIALE

 

 

5 marzo 1954: Paddy De Marco batte James Carter

di Alfredo Bruno

Quando Paddy De Marco salì sul ring del Madison Square Garden di Mew York erano in pochi a credere che ce l’avrebbe fatta a detronizzare James Carter, campione del mondo dei leggeri. Gli scommettitori davano perdente il piccolo paisà, nato da genitori italiani, residente a Brooklyn. La madre era di Rogliano Calabro e il padre di Benevento. Il suo nome originario era Pasquale, che fu americanizzato in Pat e poi divenne familiarmente Paddy. De Marco era diventato lo sfidante al titolo grazie alle sue precedenti vittorie su Carlos Chavez e soprattutto su Ralph Dupas, considerato all’epoca il numero uno. Nel suo record pur avendo riportato 67 vittorie erano segnati in rosso ben 11 sconfitte, sia pure subite quasi tutte da uomini di primissimo piano come ad esempio Orlando Zulueta, George Araujo, Willie Pep e quel Tony De Marco, che sarebbe diventato campione dei welter, il quale pur avendo lo stesso cognome non era affatto suo parente. Invece tra i suoi successi oltre ai due già citati facevano spicco nomi come Sandy Saddler, Billy Graham, Teddy Davis ecc.
 
 
Paddy che era soprannominato l’ariete, perché si scagliava contro gli avversari a testa bassa, era passato professionista nel 1945 a 17 anni. Nessuno avrebbe mai sospettato che quel bambino diligente e rispettoso, che passava il suo tempo in parrocchia e che faceva il chierichetto, sarebbe diventato un pugile; infatti, quando cominciò a frequentare la scuola media, dimostrò una forte propensione nei riguardi dello sport, iniziando con il basket e il baseball, e da lì per arrivare alla boxe la strada fu brevissima. La cosa curiosa è che il suo naso schiacciato, non fu causato dai pugni, ma da un incidente mentre giocava a baseball.
Quella sera davanti a De Marco c’era una sorta di “mostro sacro”. Paddy veniva da Brooklyn, un quartiere povero dove abitavano molti italiani, mentre Carter era nato nel Bronx e aveva imparato fin da piccolo a servirsi dei pugni per difendersi e per attaccare. Era passato professionista, pur avendo 5 anni di più, un anno dopo rispetto a De Marco, ma aveva avuto una carriera intensissima con annate dai 10 ai 15 match. Era campione del mondo dal 25 maggio del 1951 quando battè prima del limite Ike Williams. Dopo in pratica combattè in difesa del titolo altre 7 volte (subendo una sola sconfitta ad opera di Lauro Salas, prontamente ripagata). Carter possedeva una potenza eccezionale per il suo peso, ed erano in molti a ritenerlo tra i primi 10 in una classifica dei migliori di tutti i tempi.
I numerosi italoamericani presenti al match stavano in religioso silenzio, timorosi che Paddy non ce l’avrebbe fatta contro un avversario da molti soprannominato “Assassino”. Quando,però, a cominciare dalla quinta ripresa De Marco intensificò le sue cariche e i suoi ganci sembravano trovare un percorso preferenziale verso la mascella di Carter, il pubblico cominciò a scaldarsi e a prendere coraggio. L’italo-americano accettava pure gli scambi, dai quali ne usciva spesso vincitore, incamerando punti preziosi. Nelle ultime tre riprese (l’incontro era sulle 15 riprese) Carter, avendo capito di essere in svantaggio, costrinse l’avversario a scambi furiosi, ma Paddy replicò colpo su colpo e conquistò il titolo mondiale. Dopo si precipitò subito a casa dove l’aspettava la pizza con le mandorle e i fichi secchi, sua grande passione, preparata dalla madre per festeggiare. La sua “festa” durò poco più di 8 mesi perché Carter si prese rivincita e titolo battendolo per kot alla 14ma ripresa. Fu un match tremendo, che senz’altro incise nella sua carriera, per cui De Marco rimase pur sempre buon pugile, ma non raggiunse più i livelli di prima.
 

 

 

 

Archive

Americani di origine italiana: Patsy Kline

Un peso piuma di assoluto valore mondiale di Pietro Anselmi e Primiano Michele Schiavone La persistente ricerca di pugili americani di origine italiana ci ha portati a indagare sulla carriera di ...

02/08/2020

Americani di origine italiana: Tommy Daly

Al secolo Tommaso Brescia, esempio di pugile per la stampa italiana di Pietro Anselmi e Primiano Michele Schiavone Tommy Daly, al secolo Tommaso Brescia, nativo di San Costantino Albanese nell&rs...

24/07/2020

UN GIORNO COME OGGI, IL 18 LUGLIO DEL 1963

Mario Vecchiatto batte Franco Brondi per il tricolore di Alfredo Bruno Il 18 luglio 1963 a Lignano Sabbiadoro sul ring installato nella pista di pattinaggio, ripreso in TV, si svolgeva il campionato italiano dei leggeri. I...

18/07/2020

Americani di origine italiana: Tony Ross

peso massimo, sfidante mondiale di Jack Johnson di Pietro Anselmi e Primiano Michele Schiavone 1024x768 ...

17/07/2020

UN GIORNO COME OGGI, IL 15 LUGLIO DEL 1962

Duilio Loi batte Fortunato Manca per l'europeo di Alfredo Bruno Il 15 luglio 1962 l’Amsicora di Cagliari registrava il tutto esaurito nonostante il caldo torrido. Non si trattava di calcio, ma di boxe. In palio il ti...

15/07/2020

Americani di origine italiana: Joe Coster

Due incontri con etichetta mondiale, uno vinto di Pietro Anselmi e Primiano Michele Schiavone Joe Coster, nato a Casteldaccia in provincia di Palermo il 26 gennaio 1889 con il nom...

11/07/2020

UN GIORNO COME OGGI, L'11 LUGLIO DEL 1979

Pari tra Zanon e Righetti per l'europeo di Alfredo Bruno L'11 luglio 1979 si tornò a parlare molto di pugilato a casa nostra anche perché al Palasport riminese si sarebbe disputato il campionato europeo dei m...

11/07/2020

UN GIORNO COME OGGI, IL 9 LUGLIO DEL 1970

Carmelo Bossi diventa campione del mondo di Alfredo Bruno Il 9 luglio 1970 allo Stadio Sada di Monza i cancelli non ressero l’urto di un numeroso gruppo che voleva entrare per assistere al match mondiale tra Carmelo ...

09/07/2020

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS