There are 54.971 boxer records, at least 535.570 bouts and 10.309 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

MODUGNO SI CONFERMA CAMPIONE ITALIANO

 

 

Impiega 6 riprese per demolire l’irriducibile Tuiach

Salò, Brescia, 23 agosto 2013 – Nella Piazza Vittoria della cittadina lombarda, situata sulla sponda meridionale del lago di Garda, il campione italiano dei pesi massimi Matteo Modugno, emiliano di 26 anni, ha effettuato la seconda difesa della sua cintura incrociando i guanti con Fabio Tuiach, triestino di 33 anni. L’esito è stato favorevole al campione che ha chiuso il conto a 2:36 della sesta ripresa.
La differenza tra i due è apparsa elevata: alle operazioni di pesatura del giorno prima Modugno (nella foto di Marco Chiesa) ha fatto registrare kg 123 mentre il peso di Tuiach è stato di kg 99.200. Un vantaggio in termini di peso per il titolare nazionale pari a kg 23.800, estremamente marcato contro lo sfidante che ha espresso il meglio delle sue qualità, soprattutto in termini di potenza, nella categoria inferiore dei pesi massimi-leggeri. Ricordiamo che Tuiach ha iniziato a militare nella massima divisione di peso solo la scorsa estate quando è ritornato a combattere dopo l’inattività di oltre 3 anni.
Il divario netto nella precedente difesa sostenuta da Modugno contro il meno esperto Rosario Guglielmino, pure ex cruiserweight che saliva nella categoria maggiore, si è palesato nella terza ripresa dopo alcuni scambi favorevoli allo sfidante.
Il campione, imbattuto tra i professionisti, è tornato a conoscere la sconfitta nel torneo WSB, stagione 2012-2013, nel quale ha riportato 2 insuccessi contro 4 trionfi. Modugno non combatteva dal 12 aprile passato quando è stato sconfitto prima del limite dal pericoloso mancino ucraino Oleksandr Usyk, medaglia d’oro alle ultime olimpiadi nella categoria 91 kg e vincitore di Clemente Russo nella finale.
Il confronto tra Modugno e Tuiach inizia con lo sfidante proteso in avanti con molta determinazione. Le sue serie a due mani impongono al campione di arretrare. Col passare dei secondi Modugno trova la misura per anticipare con l’uno-due e dimostrare all’avversario che la cintura gli potrebbe essere sottratta a costo di caro prezzo.
Anche nella seconda frazione Tuiach inizia in fase offensiva. Il campione riprende la distanza e colpisce con l’uno-due. Lo sfidante arretra sulle corde e permette a Modugno di farsi sotto con colpi pesanti.
Nel terzo round Modugno sale in cattedra con scelta di tempo e precisione. Tuiach deve subire e non trova lo spazio per replicare con efficacia. Lo sfidante preferisce portarsi sulle corde dove spera di replicare di rimessa ai fendenti dell’emiliano. Tuiach non trova il tempo per frenare gli attacchi mentre il campione appare sempre più fiducioso.
Lo sfidante inizia la quarta ripresa girando lungo le corde. Modugno mantiene il centro del ring ed usa entrambe le mani per tenere a distanza l’avversario. Tuiach è molto rigido, appare un bersaglio facile e perde addirittura il paradenti.
Anche nel quinto tempo il paradenti del triestino finisce sulla stuoia. Il campione si fa più audace e bombarda di colpi l’avversario chiuso in difesa con la schiena appoggiata sulle corde. La foga spinge Modugno ad usare persino la testa. L’arbitro prontamente lo ammonisce. Il confronto riprende a centro ring e Modugno perde a sua volta il paradenti.
Modugno si lascia sfuggire nuovamente il paradenti all’inizio del sesto round. Il campione, nonostante la supremazia sul friulano, porta sotto gli occhi i segni del combattimento. A sinistra gocce di sangue gli rigano la guancia. Con il calare della vitalità di Tuiach cresce l’agonismo del campione. Il ritmo di Modugno si fa sempre più incessante e le sue serie a due mani scagliate al capo sono precise e pesanti. Nelle combinazioni di colpi dritti un montante sinistro del campione manda in crisi il tetragono triestino che perde l’equilibrio ed accenna a cadere in avanti. L’arbitro Sergio D’Agnano, tesserato lombardo di origine brindisina, inizia il conteggio in piedi che interrompe per dichiarare il knockout tecnico. Sono trascorsi 2 minuti e 36 secondi dall’inizio della sesta ripresa.
Così Modugno mantiene la cintura italiana dei pesi massimi ed il record professionistico immacolato con 13 trionfi (7 prima del limite),
Tuiach deve scrivere sul suo palmares l’insuccesso numero 3 a fronte di 25 vittorie (15 anzitempo).
 
La serata professionistica inizia con la vittoria dell’udinese Nicola Ciriani, kg 77.600, che si impone sulla distanza delle 6 riprese all’ungherese Attila Tibor Nagy, kg 77.590. Entrambi hanno 25 anni compiuti. Ciriani vince ai punti per la prima volta dopo 5 successi prima del limite.
 
Segue il rientro sul ring di Adriano Nicchi, reduce dalla pesante sconfitta sofferta contro il bielorusso Sergey Rabchenko nella sfida per il titolo europeo dei pesi superwelter.
Nel round di apertura Nicchi, kg 72, manifesta un poco di emozione anche se si trova di fronte un pugile che non ha grosse doti. Il mancino Giuseppe Rauseo, kg 71, più basso del suo avversario, di solito esaurisce le sue potenzialità entro la terza ripresa. Entrambi hanno 36 anni ma le esperienze maturate tra i professionisti sono nettamente diverse. Nicchi ha lasciato la canottiera nel 2006 mentre Rauseo ha dismesso la maglietta 6 anni dopo, sommando solo 7 combattimenti (0-5-2).
Dopo una primo tempo stentato l’aretino inizia ad alimentare il confronto con piccoli spostamenti in avanti. Le sue azioni di attacco sono discontinue ma sufficienti per tenere il match sotto controllo. Il suo avversario ama boxare scagliando ganci larghi. Il campano poi, a corto di energie, si muove all’indietro per evitare i colpi precisi del toscano. Di tanto in tanto interrompe la supremazia con larghi colpi volanti mirati al volto. Alla fine delle 6 riprese dirette dall’arbitro Giovanni Poggi il verdetto viene assegnato a Nicchi, 21-4-2 (9).
 
Il terzo preludio al titolo nazionale vede l’ex campione italiano superleggeri Samuele Esposito, Kg 64.500, imporsi allo slovacco Ivan Godor, Kg 62.800, per arresto del combattimento nel sesto ed ultimo round. L’impetuoso italiano inizia col botto facendo ruzzolare il 33enne avversario. Esposito, salernitano di 27 anni, continua ad aggredire Godor che usa il mestiere per evitare la soluzione prima del limite. L’italiano continua a mulinare le braccia con l’intento di chiudere anzitempo la partita ma il suo oppositore, tra scivoloni, tenute e colpi maligni di rimessa riesce a far passare le riprese. Nell’ultima in programma Godor non riesce ad evitare l’ennesimo colpo al capo e cade sul tappeto. All’arbitro Giovanni Fiorentino, tesserato lombardo originario di San Giovanni Rotondo, non resta che contarlo e fermarlo per knockout tecnico. Esposito, 16-1-0 (8), ha inanellato la vittoria numero 14 da quando ha conosciuto l’unica sconfitta subita per ferita.
 
Primiano Michele Schiavone
 

 

 

 

 

Archive

UN GIORNO COME OGGI, IL 18 OTTOBRE DEL 1968

Vittorio Saraudi sconfigge Giovanni Biancardi di Priminao Michele Schiavone Il terzo campione italiano di Civitavecchia fu Vittorio Saraudi, figlio di Carlo, precursore del pugilato nella città...

18/10/2017

CAMPIONI DEL MONDO DI ORIGINE ITALIANA, MIKE BELLOISE

Al secolo Michele Belloise di Pietro Anselmi e Vincenzo Belfiore La famiglia Belloise ebbe dieci figli, quattro femmine e sei maschi. Di questi tre divennero pugili: Mike, Steve e Sal. Gli ultimi ...

18/10/2017

ADDIO A WALTER CEVOLI

GRANDE CAMPIONE RIMINESE di Alfredo Bruno Un altro lutto ha colpito la boxe italiana. A Rimini ieri si è spento, all’età di 59 anni, Walter Cevoli, che fu campione italiano dei mediomassimi negl...

17/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 17 OTTOBRE DEL 1986

Jacobsen, un danese che fece la differenza di Priminao Michele Schiavone La storia pugilistica della Danimarca, anche se scritta da pochi pugili rispetto al maggior numero dei colleghi di altre nazi...

17/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 16 OTTOBRE DEL 1964

La rivincita di Serti su Mastellaro di Priminao Michele Schiavone Uno dei pochi pugili che conquistarono il titolo italiano per la prima volta, al secondo tentativo, dopo aver perduto la cintura europ...

16/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 15 OTTOBRE DEL 1969

Carmelo Coscia, un campione di lungo corso di Priminao Michele Schiavone Uno di quei pugili che si spesero a lungo prima di arrivare all’appuntamento con il campionato italiano professionistico ...

15/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 14 OTTOBRE DEL 1983

A Milano, un programma, tre titoli di Priminao Michele Schiavone Quando il capoluogo lombardo poteva essere definito un baluardo dell’organizzazione pugilistica italiana, il promoter milanese Eg...

14/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 13 OTTOBRE DEL 1956

Guido Mazzinghi batte Marino Faverzani di Priminao Michele Schiavone La prima ed unica difesa del titolo italiano dei pesi medi sostenuta dal toscano Guido Mazzinghi avvenne il 13 ottobre 1956 a Milan...

13/10/2017

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS