There are 54.971 boxer records, at least 535.570 bouts and 10.309 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

GUANTO D'ORO DI LUSSO A BERGAMO

 

 

De Filippo e Squeo vincono nei 64 e 91 kg

di  Giuliano Orlando

BERGAMO. Tre pugliesi in finale: De Filippo e Squeo trionfano, Gena è d’argento, sfiorando la vittoria. Bilancio ottimale per la regione. A giudizio unanime, una delle migliori edizioni del Guanto d’Oro - Trofeo Aldo Garofalo, la rassegna riservata agli under 23, nata nel 2007. Livello medio decisamente alto, quando si pensi che alcuni eliminati nel primo turno hanno dato filo da torcere ai vincitori del torneo. E’ il caso di Mazzei nei 52 kg. sconfitto 2-1 da Obbadi che ha rivinto il trofeo per la terza volta, del milanese Faretina nei 60 kg. alla pari con Boufrakech, ligure di origine marocchina, che ha poi messo alla frusta Cosenza il vincitore, assai discusso. Il mediomassimo campano Valentino, ha impegnato all’esordio Scardina trionfatore nella categoria. Un torneo sviluppatosi in tre giorni, con il primo turno asfissiante: 32 incontri, no-stop. Una forzatura inutile. A parte questo, la rassegna è stata organizzata nel modo migliore dalla Bergamo Boxe, composta dalla famiglia Bugada, papà Egidio e i figli Massimo e Fabrizio, tutti con un passato agonistico d’eccellenza.
 
I vincitori schierati sul ring insieme a Nino Benvenuti
 
A livello statistico, dei nove vincitori, tre sono arrivati al terzo titolo (Obbadi, De Filippo e Perugino) quattro al bis (Gasparri, Cosenza, Di Russo e Scardina), per Squeo e Vianello è il primo centro. Osservatori molto attenti, il c.t. Raffaele Bergamasco e Francesco Damiani responsabile tecnico dei Thunder Italia alle WSB.
Non meno interessati il presidente federale Alberto Brasca e il consigliere nazionale Rosa. 
 
Mohammed Obbadi (Pug. Fiorentina) e Gianluca Conselmo (Melluzzo Totip)  /  foto: Fabio Bozzani
 
Nei 52 kg. ennesima conferma di Obbadi, allievo di Boncinelli il maestro di Bundu, ancora marocchino nonostante risieda da 8 anni a Firenze. Un brevilineo dalla continuità impressionate, ottime basi e un montante sinistro di ottima fattura. Ha cotto tutti gli avversari grazie al ritmo. Il più tenace è stato il calabrese Mazzei, 19 anni, al debutto, mentre Grande e il siciliano Conselmo, per l’ennesima volta hanno ceduto alla distanza.
 
Stefano Gasparri (GS Fiamme Oro) e Samuele Lo Porto (Pol Little Club) / foto: Fabio Bozzani
 
56 kg. Conferma anche per Gasparri, 20 anni a ottobre. Il romano delle FFOO, boxe un po’ troppo svolazzante, muscolarmente ancora da formare, ha velocità di gambe e braccia, in crescita dopo una stagione (2013) intensa a livello youth. Sfortunato Cubeddu, fermato per ferita all’esordio, mentre il siciliano Lo Porto (20 anni) mancino ostico, otteneva l’accesso in finale ai danni di Splendori (FFOO) altro romano, che si era imposto nel 2012 a Firenze. In finale ha tentato l’impossibile, ma Gasparri era imprendibile. Ancora verde il romano Forte, in regresso il toscano Sannino, stabile Tassi ma troppo rinunciatario. 
 
Donato Cosenza (GS Fiamme Oro) e Fateh Benkorichi (Pug Domino) / foto: Fabio Bozzani
 
Kg. 60. Il bis del campano Cosenza (FFOO), classe ’92 non è stato per nulla facile, come dimostrano i 2-1 in semifinale e finale contro Boufrakech, ottimo elemento residente in Liguria, italiano a tutti gli effetti e ancor più contro il ventenne Benkourichi, allievo della Domino di Milano, che non solo ha impegnato il pluricampione italiano e titolare azzurro, ma a giudizio quasi unanime aveva vinto il confronto, grazie ad una boxe fantasiosa con un repertorio vario.
 
Fateh Benkorichi (Pug Domino)  /  foto: Fabio Bozzani
 
Il 2-1 in effetti gli fa torto, visto che i due giudici esclusi per sorteggio, lo avevano visto in vantaggio. Inconcepibile il 30-27 di Lagala della Liguria. Cosenza ha confessato di faticare troppo per restate nei leggeri, ventilando il passaggio ai 64 kg. Magnesi, titolare nel 2013 è uscito battuto da Benkourichi a conferma del valore di questo giovane.
 
Michele V. De Filippo (Pol. Vivere Solidale) e Sebastian Mendizabal (Pro Fighting Roma SSD) / foto: Fabio Bozzani
 
Kg. 64. Assente Festosi, ormai verso i 69 kg. l’ha spuntata il pugliese De Filippo giunto al terzo trofeo, uno nei 60 kg. In finale ha affrontato il basco Mendizabal residente a Roma. Boxe speculare impostata sullo scambio a corta distanza, con prevalenza di De Filippo, più concreto nei colpi. Il campione italiano youth Perrulli, della Rocky Marciano di Cinisello Balsamo (Mi), battuto da Mendizaball all’esordio, ha mostrato solo a sprazzi le qualità che possiede. Deve crescere.
 
Kg. 69. Un Di Russo tonico, ha confermato di poter riprendere il vertice della categoria, che Morello gli aveva soffiato. Si è concesso il bis, vincendo sempre chiaramente. Per contro, il calabrese Morello è uscito in semifinale, battuto sia pure di poco dal romano Bevilacqua, finalista come nel 2013, e ancora superato da Di Russo. 
 
Kg. 75. Giuseppe Perugino casertano di Capua Vetere, famiglia dove si mastica da decenni pane e boxe, ha rischiato contro il pugliese Gena di interrompere la striscia vincente che dura dal 2012. Contato nel primo round, ha vinto il secondo e solo la fatica accumulata da Gena, calato nel finale gli ha permesso di aggiudicarsi il terzo trofeo. Per la cronaca i due si sono affrontati sei volte (5+ e un pari). Non male il romano Faraoni, quasi ventenne e Carmelo Morello emiliano-calabro.
 
Daniele Scardina (Pug. Domino) e Antonio Lavitola (Bruzia Boxe) / foto: Fabio Bozzani
 
Kg. 81. Il milanese Scardina si è confermato, trovando in finale ancora una volta il calabrese Lavitola, generoso all’inverosimile, capace di superare in semifinale il georgiano Gogiashvili abitante da 8 stagioni a Giugliano (Na). Se il georgiano sapesse a gestire in modo più lucido il potenziale atletico, otterrebbe ben altri risultati. Non male Valentino, 18 anni di Marcianise.
 
Daniele Scardina (Pug. Domino)  /  foto: Fabio Bozzani
 
Claudio Giuseppe Squeo (Quero-Chiloiro) ed Emanuele D'Ippolito (Eagle ASD) / foto: Fabio Bozzani
 
Kg. 91. Squeo (classe ’91) conquista il trofeo per la gioia dei pugliesi, un premio alla generosità, in una categoria dove si è visto poco. Il siciliano D’Ippolito ha il fisico, ma il resto latita. Non male il moldavo Onuta residente a Ferrara.
 
Claudio Giuseppe Squeo (Quero-Chiloiro) e Nino Benvenuti / foto: Fabio Bozzani
 
Guido Vianello (GS Forestale) ed Alessio Spahiu (Bergamo Boxe)  /  foto: Fabio Bozzani
 
Kg. +91. Il campione italiano Vianello, vent’anni, ha vinto meritatamente, ma il premio generosità spetta ad Alessio Spahiu, bergamasco d’Albania, il vero eroe di questa categoria. Ha combattuto tre incontri con un taglio al sopracciglio, battendo Rossano il campione uscente e tenendo botta con Vianello che lo sovrasta di 15 m. Non male Alfredo Thun, 22 anni, ancora inesperto, ma dal gran fisico. 
 
Alessio Spahiu (Bergamo Boxe)  /  foto: Fabio Bozzani
 
Il c.t. Lello Bergamasco, riassume così questo Guanto d’Oro. “Livello medio sicuramente superiore al passato. Match molto spettacolari e pugili motivatissimi. Purtroppo, salvo poche eccezioni si cura poco la difesa. Non ho condiviso alcuni verdetti, in particolare le sconfitte dei leggeri Boufrakech e Benkorichi contro Cosenza. A mio giudizio avevano vinto entrambi.. Convocherò i due leggeri al prossimo raduno. Spero venga nazionalizzato Obbadi nei 52 kg. il miglior mosca attuale. Ho visto un buon De Filippo vincere molto bene. Ci sono alcune categorie in sofferenza come i superleggeri e i massimi, dove mancano i ricambi. Nei medi Perugino è stato sotto il suo standard, mentre ho rivisto un buon Di Russo nei 69m kg. Crescono sia Gasparri (56) che Vianello, mentre Carbotti (+91) è troppo acerbo. Da seguire Lo Porto (56) e Mazzei (52), Caputo e Faretina (60). Non mi ha convinto Morello”.
 
Giuliano Orlando

 

 

 

Archive

UN GIORNO COME OGGI, IL 18 OTTOBRE DEL 1968

Vittorio Saraudi sconfigge Giovanni Biancardi di Priminao Michele Schiavone Il terzo campione italiano di Civitavecchia fu Vittorio Saraudi, figlio di Carlo, precursore del pugilato nella città...

18/10/2017

CAMPIONI DEL MONDO DI ORIGINE ITALIANA, MIKE BELLOISE

Al secolo Michele Belloise di Pietro Anselmi e Vincenzo Belfiore La famiglia Belloise ebbe dieci figli, quattro femmine e sei maschi. Di questi tre divennero pugili: Mike, Steve e Sal. Gli ultimi ...

18/10/2017

ADDIO A WALTER CEVOLI

GRANDE CAMPIONE RIMINESE di Alfredo Bruno Un altro lutto ha colpito la boxe italiana. A Rimini ieri si è spento, all’età di 59 anni, Walter Cevoli, che fu campione italiano dei mediomassimi negl...

17/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 17 OTTOBRE DEL 1986

Jacobsen, un danese che fece la differenza di Priminao Michele Schiavone La storia pugilistica della Danimarca, anche se scritta da pochi pugili rispetto al maggior numero dei colleghi di altre nazi...

17/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 16 OTTOBRE DEL 1964

La rivincita di Serti su Mastellaro di Priminao Michele Schiavone Uno dei pochi pugili che conquistarono il titolo italiano per la prima volta, al secondo tentativo, dopo aver perduto la cintura europ...

16/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 15 OTTOBRE DEL 1969

Carmelo Coscia, un campione di lungo corso di Priminao Michele Schiavone Uno di quei pugili che si spesero a lungo prima di arrivare all’appuntamento con il campionato italiano professionistico ...

15/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 14 OTTOBRE DEL 1983

A Milano, un programma, tre titoli di Priminao Michele Schiavone Quando il capoluogo lombardo poteva essere definito un baluardo dell’organizzazione pugilistica italiana, il promoter milanese Eg...

14/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 13 OTTOBRE DEL 1956

Guido Mazzinghi batte Marino Faverzani di Priminao Michele Schiavone La prima ed unica difesa del titolo italiano dei pesi medi sostenuta dal toscano Guido Mazzinghi avvenne il 13 ottobre 1956 a Milan...

13/10/2017

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS