There are 55.039 boxer records, at least 536.089 bouts and 10.627 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

L'ITALIA GIOVANE IN ROSA VOLA AD ASSISI

 

 

Tra Junior e Youth dieci medaglie che lanciano le azzurre ai vertici europei

di  Giuliano Orlando

Attiva dal 2008, con la prima edizione svoltasi a Yambol in Bulgaria, la rassegna giovanile (jr. e youth) del boxing femminile è l’ultima arrivata nel calendario europeo, sia pure in anticipo sui mondiali, battezzati nel 2011 ad Antalya in Turchia. L’Italia ha esordito in campo europeo nel 2012 sul ring di Wladyslawowo in Polonia con tre rappresentanti nelle youth (Cosenza, Canonica e De Felice) e altrettante junior, due delle quali, lasciarono la Polonia con preziosi bronzi: la piacentina Roberta Bonatti 46) e Irma Testa (50), talento campano di Torre Annunziata, allieva degli Zurlo, allora quindicenne, il primo segnale di una carriera che l’ha già portata a mettere nella bacheca due medaglie iridate: oro jr. (2013) e argento youth quest’anno a Sofia nei 51 kg. oltre al fresco titolo europeo ad Assisi salendo a 54 kg. Una potenziale Galassi, con un bagaglio tecnico non inferiore e il vantaggio della verde età. Ad Assisi la azzurre, sotto la guida di Emanuele Renzini che si avvale di uno staff decisamente di qualità (medici, fisioterapisti e mental coach) hanno superato ogni più ottimistica previsione. Come dimostrano le dieci medaglie complessive, che non sono il frutto di combinazioni favorevoli, nulla è stato regalato alle italiane, semmai un pizzico di rimpianto per qualche verdetto sul filo dell’equilibrio dato alle avversarie. Vedasi il successo della russa jr. Khuzakhmetova, poi oro, contro la Gioia in semifinale. Ma ci sta tutto questo, in un torneo lungo e faticoso.

14Carini Assisi-1

Quello che a mio giudizio conforta è il livello medio della squadra junior più che delle youth, brave ma con qualche categoria ancora sguarnita. Tra le più giovani sono salite sul podio in sette e tre hanno conquistato con pieno merito l’oro, le altre il bronzo. Tutte hanno ottimi fondamentali e stanno costruendosi un bagaglio tecnico a cui accoppiano la fantasia di una boxe che non è quella statica di un tempo, ma un prezioso gioco di movimento e scelta di tempo, spesso a guardia bassa ma raramente senza un senso logico. La tre vincitrici hanno mostrato una bellissima boxe, mettendo in riga avversarie sulla carta più quotate. Nei 46 kg. Maddalena Barretta della gloriosa Excelsior di Marcianise, casertana allieva di Brilantino, ha tenuto sotto controllo la bulgara Todorova che si era sbarazzata della russa Lishchenko in semifinale, ancor meglio ha fatto Concetta Marchese, altra campana, nei 57 kg. offrendo boxe spettacolo con cambiamenti di passo, oltre ad una varietà di colpi cha fanno sperare di poter affiancare alla Testa, una nuova protagonista di vertice. Ha dominato la russa Kopeykina, che si era fatta largo dimostrando potenza e mestiere a spese della magiara, dell’irlandese e della turca. Altro capolavoro, quello della Carini (66), nata alla Boxe Matesina (dedica la vittoria al papà), allieva del grande Corbo, contro una scatenata Isayeva, vincitrice di tornei internazionali e una delle punte russe. Non è stata una passeggiata perché l’italiana pagava il gap atletico a favore della rivale, un carro armato, per fortuna senza il talento dell’italiana che ha supplito all’handicap della minore forza con la precisione e gli spostamenti. Onore anche alle altre, la Gioia, la Garofalo poco fortunata contro l’inglese Jones, vincitrice e bronzo mondiale nei 50 kg., la Gallo e la Cammarota, che faranno tesoro dell’esperienza di Assisi. Ancora tenera la Albini ma lo si sapeva. Tra le youth, discorso molto più difficile, perché molte delle atlete viste all’opera puntano tutto sulla forza e dimostrano ben più più dell’età anagrafica (17-18 anni). Nelle categorie pesanti (75, 80 e +80) la turca Busenaz e le russe Kalacheva e Shishmareva fanno parte dei soggetti che farebbero paura anche ai maschi, tanto sono pesanti i colpi che scagliano. Molto potente l’inglese Reid nei 70 kg. ma su livelli normali, come la sua avversaria polacca Gojko dalla boxe speculare, ma meno resistente sui 4 round. L’argento di Monica Floridia nei superleggeri, reduce dal bronzo mondiale a Sofia dello scorso aprile, è il frutto di una torneo molto positivo, costruito con i successi sulla turca Satlmis e l’azera Jabralova di una linea sotto la nostra. In finale ha vinto la vigoria fisica della russa Nemtseva, inferiore tecnicamente come dimostrato nel primo round, quando l’azzurra ha fatto valere anticipo e spostamenti, poi la stanchezza ha giocato un ruolo predominante, anche se la differenza è stata di una sfumatura, col quarto round che meritava la Floridia. Ottimo il bronzo della Martusciello, in bella crescita, capace di non farsi travolgere dalla svedese Alexiusson, forte e completa, che non ha trovato ostacoli per arrivare all’oro, neppure contro la tosta irlandese O’Neill, che le ha tentate tutte, ma invano, per farcela. Poco concreta la Bonatti (51), mentre la Ferlick ha cuore, ma ancora non riesce a coordinare le azioni offensive. Al momento il nostro vivaio limitato ma di ottima qualità, non annovera ragazze oltre i 70 kg. ma non è detta l’ultima parola. L’immagine delle nostre azzurre vincenti dovrebbe dare una spinta ulteriore al movimento in rosa. Rinnovo i complimenti ai gruppo azzurro, sicuro che questo gruppo ha molte frecce all’arco per salire in alto. Non ero presente ad Assisi, anche se per onore di verità, il presidente europeo e vice mondiale Franco Falcinelli, mi ha telefonato invitandomi a titolo personale, alla rassegna. Invito giunto all’ultima ora e, sia pure con rammarico, non onorato. Ugualmente ho seguito i campionati per la sua durata, non perdendomi nessun incontro di semifinali e finali dal computer. Per questo mi sono permesso di dare qualche giudizio personale...
 
Giuliano Orlando

 

 

 

Archive

UN GIORNO COME OGGI, IL 23 MAGGIO DEL 1943

Morabito è campione d'Italia di Priminao Michele Schiavone Il calabrese Antonio Morabito divenne campione italiano dei pesi mosca il 23 maggio 1943, quando conquistò il vacante titolo de...

23/05/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 22 MAGGIO DEL 1970

Jorge Ahumada, il mondiale grazie al trasferimento di Priminao Michele Schiavone I pugili di valore assoluto nati in Argentina sono stati molti. Alcuni di essi hanno preferito emigrare per affermarsi ...

22/05/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 21 MAGGIO DEL 1966

Vargellini sconfigge Donati di Priminao Michele Schiavone Il forlivese Pietro Vargellini arrivò per la prima volta a combattere sulle 8 riprese il 21 maggio 1966 a Forlì, sua città...

21/05/2018

CAMPIONI DEL MONDO DI ORIGINE ITALIANA, JOEY GIARDELLO

Al secolo Carmine Orlando Tilelli di Pietro Anselmi e Vincenzo Belfiore La vicenda sportiva ed umana di Carmine Orlando Tilelli, nato a Brooklyn il 16 luglio 1930 da padre calabrese e da madre napoletana,...

20/05/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 20 MAGGIO DEL 1946

Ezzard Charles supera Archie Moore di Priminao Michele Schiavone Lo statunitense Ezzard Charles, soprannominato "Cincinnati Kid" in onore della città dell’Ohio dove si stabil&ig...

20/05/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 19 MAGGIO DEL 1921

Erminio Spalla debutta negli Stati Uniti di Priminao Michele Schiavone Il piemontese Erminio Spalla rimase contagiato dal diffuso desiderio dei suoi colleghi italiani di combattere negli Stati Uniti e...

19/05/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 18 MAGGIO DEL 1979

Felicioni sfida Salvemini di Priminao Michele Schiavone Il laziale Roberto Felicioni si guadagnò il diritto di competere nel campionato italiano professionistico dei pesi medi e il 18 maggio 19...

18/05/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 17 MAGGIO DEL 1968

Biancardi prepara la sfida italiana di Priminao Michele Schiavone Negli anni in cui l’Europa dell’est vietava l’attività professionistica, le organizzazioni italiane ingaggiav...

17/05/2018

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS