There are 55.039 boxer records, at least 536.089 bouts and 10.627 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

INTERVISTA A MOUHAMED ALI NDIAYE, CAMPIONE EU

 

 

INTERVISTA A MOUHAMED ALI NDIAYE, CAMPIONE EUROPEAN UNION

di Giuseppe Giallara
 
CAGLIARI, maggio 2012 – Il 26 di questo mese in Sardegna, in sede ancora da stabilire, Mouhamed Ali Ndiaye (21-1-0) difenderà volontariamente il titolo EU dei supermedi dall'assalto dell'ex campione di Spagna Jose Maria Guerrero (29-3-1).
Lo sfidante ufficiale è il ventiseienne imbattuto campione di Francia Rachid Jkitou (20-0-0) che ha nel record 13 successi per ko. Per pensare a lui, tuttavia, c'è ancora tempo.
Ex campione d'Italia dei supermedi, Ali ha combattuto una prima volta per il titolo dell’Unione europea il 14 marzo del 2008 in Danimarca, fallendo la chance a causa di un verdetto non unanime contro Lolenga Mock (30-13-1).
Il trentaduenne boxeur di Pikine (Senegal) da anni residente in Italia, a Pontedera, da allora ha puntato a ottenere una valida possibilità di diventare campione d'Europa e il match con Guerrero rappresenta una tappa importante verso questo obiettivo.
Nella stessa riunione, il campione EU dei welter Luciano Abis (32-2-1) difenderà a sua volta il titolo contro il polacco Rafal Jackiewicz (40-10-1).
Il “Bazooka” sardo ha tentato una volta senza successo, proprio contro Jackiewicz in Polonia nel 2009, la carta continentale ed è stato tradito da un infortunio al gomito destro. Questa contro Jackiewicz è una difesa volontaria, oltre che una rivincita, poiché lo sfidante ufficiale è il georgiano residente a Stoccolma Karlo Tabaghua (17-3-0). In caso di vittoria, il welter cagliaritano dovrebbe diventare lo sfidante di Leonard Bundu. Due storie che un pò si assomigliano, quelle di Abis e di Ndiaye, i quali sono in forza alla OPI 2000.
 
Mouhamed Ali Ndiaye
 
“Mi alleno da tre mesi - fa presente Ali - prima a Pontedera e adesso a Milano per curare la parte tecnica con il mio trainer Franco Cherchi. Sono in peso e non ho problemi di alcun genere, per cui dovrei salire sul ring al top della forma”.
 
Cosa sa di Guerrero?
“Non lo conosco, so solo che è un bel fighter, è alto e ha un buon record. Ciò che mi interessa, però, non sono le caratteristiche del mio avversario ma come sto io. Se io mi sento bene, penso di essere in grado di gestire il match e di vincerlo. È un incontro che non posso perdere per vari motivi, il primo dei quali è che battendo Guerrero verrei nominato sfidante al titolo europeo. Inoltre, voglio confermare ulteriormente il mio valore. Se mi offrissero anche una chance mondiale la accetterei senza indugi, non importa contro chi e per quale sigla”.
 
Ha fretta di arrivare?
“Credo che sia venuto il momento di raccogliere, dopo tutto quello che ho seminato e continuo a seminare nella boxe. Il mio padrino di battesimo, il grande Muhammad Ali, era solito dire che non c'è nulla di impossibile. Penso che avesse ragione”.
 
Dopo Guerrero ci sarà lo sfidante ufficiale, il francese Jkitou.
“Oggi non posso dire se lo incontrerò o se potrò puntare a qualcosa di più importante della difesa EU. In ogni caso, mi piace fare un passo alla volta. Prima penseremo a battere lo spagnolo per arrivare al titolo europeo, poi si vedrà”.
 
Un nuovo match con Di Luisa?
“Non credo che ci incontreremo per la terza volta. Sarebbe un match che non mi servirebbe. Lui è bravo, è un campione e farà la sua strada, che sarà diversa dalla mia. Nella vita, tuttavia, non si può mai dire. Certo, se mi proponessero di battermi con lui per una semifinale mondiale, non mi tirerei certo indietro”.
 
Come si giudica in veste di pugile nel momento attuale?
“Molto migliorato, grazie anche agli insegnamenti di Franco Cherchi che mi segue benissimo sul piano tecnico; su quello atletico si occupa di me anche un ottimo preparatore, Alessandro Filippi della “New Body fitness” di Càscina. Mi ha preparato anche al match con Di Luisa, facendomi acquistare fiato e resistenza. Mi sento pronto per puntare in alto”.
 
L'ottimismo non le manca ...
“Più che ottimismo è fiducia nelle mie potenzialità. Sento una voce dentro di me che mi dice: “Ali, sarai campione del mondo!”. Io ci credo. Voglio andare avanti e vincere per me, per la mia famiglia, per l'Italia e per il Senegal”.
 
Sino a questo momento è andata più o meno così.
“Si, non ho mai perso, tranne una volta in cui soltanto la giuria mi ha visto battuto. È successo quattro anni fa contro Lolenga Mock per il titolo dell’Unione europea. È una cosa che ancora non mi è andata giù. Adesso, però, devo guardare avanti”.
 
Che effetto fa lasciare un paese e realizzare qualcosa in un altro?
È la vita. Adesso il mio paese è l'Italia, ed è qui che devo pensare a costruire. Il Senegal rimane sempre il Senegal, ci sono nato e cresciuto, lì sono rimasti i miei parenti, le mie radici. Qui, però, ho messo su una nuova famiglia, ho mia moglie e i miei figli”.
 
Un solo figlio...
“Sorpresa! È in arrivo il secondo. Sappiamo che sarà una bambina. Mia moglie e io siamo felicissimi”.
 
Felicitazioni. Avere più luoghi da amare significa anche ricevere in cambio più affetto?
“Per me è così. A parte in Senegal, dove è iniziata la mia storia, mi hanno voluto e mi vogliono bene anche in altri luoghi. Per un periodo sono stato a Cagliari e vi ho lasciato tanti amici che colgo l'occasione per salutare. Li sento spesso, e ogni volta che combatto prendono l'aereo per venire a incoraggiarmi. A Pontedera, dove vivo, mi aiutano tutti. Hanno persino creato per me un comitato di sostegno che si chiama “Ali sino al mondiale” per consentirmi di allenarmi senza problemi economici e di lavoro. Il suo presidente onorario è il grandissimo ex campione del mondo Sandro Mazzinghi che non ha certo bisogno di presentazioni”.
 
Ciò significa che lei sa farsi volere bene.
“Ho rispetto e considerazione per gli esseri umani e per il creato, e voglio il bene di tutti, per cui mi comporto di conseguenza. Penso che questo lo si avverta”.
 
Come si fa a non ripagare tanto affetto conquistando un titolo iridato.
“Proprio così. È quello che cercherò di fare, per loro e per la mia famiglia, anche con l'aiuto di Dio che ringrazio sempre per le cose che mi vanno bene e anche per quelle che mi vanno meno bene”.
 
Speriamo che stavolta vada tutto per il meglio.
“Inshallah! Lo spero proprio. Posso già contare sulla fede, e in più ci metto anche la volontà e la determinazione”.

Giuseppe Giallara

 

 

 

Archive

UN GIORNO COME OGGI, IL 23 MAGGIO DEL 1943

Morabito è campione d'Italia di Priminao Michele Schiavone Il calabrese Antonio Morabito divenne campione italiano dei pesi mosca il 23 maggio 1943, quando conquistò il vacante titolo de...

23/05/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 22 MAGGIO DEL 1970

Jorge Ahumada, il mondiale grazie al trasferimento di Priminao Michele Schiavone I pugili di valore assoluto nati in Argentina sono stati molti. Alcuni di essi hanno preferito emigrare per affermarsi ...

22/05/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 21 MAGGIO DEL 1966

Vargellini sconfigge Donati di Priminao Michele Schiavone Il forlivese Pietro Vargellini arrivò per la prima volta a combattere sulle 8 riprese il 21 maggio 1966 a Forlì, sua città...

21/05/2018

CAMPIONI DEL MONDO DI ORIGINE ITALIANA, JOEY GIARDELLO

Al secolo Carmine Orlando Tilelli di Pietro Anselmi e Vincenzo Belfiore La vicenda sportiva ed umana di Carmine Orlando Tilelli, nato a Brooklyn il 16 luglio 1930 da padre calabrese e da madre napoletana,...

20/05/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 20 MAGGIO DEL 1946

Ezzard Charles supera Archie Moore di Priminao Michele Schiavone Lo statunitense Ezzard Charles, soprannominato "Cincinnati Kid" in onore della città dell’Ohio dove si stabil&ig...

20/05/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 19 MAGGIO DEL 1921

Erminio Spalla debutta negli Stati Uniti di Priminao Michele Schiavone Il piemontese Erminio Spalla rimase contagiato dal diffuso desiderio dei suoi colleghi italiani di combattere negli Stati Uniti e...

19/05/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 18 MAGGIO DEL 1979

Felicioni sfida Salvemini di Priminao Michele Schiavone Il laziale Roberto Felicioni si guadagnò il diritto di competere nel campionato italiano professionistico dei pesi medi e il 18 maggio 19...

18/05/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 17 MAGGIO DEL 1968

Biancardi prepara la sfida italiana di Priminao Michele Schiavone Negli anni in cui l’Europa dell’est vietava l’attività professionistica, le organizzazioni italiane ingaggiav...

17/05/2018

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS