There are 56.776 boxer records, at least 540.126 bouts and 11.164 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

BAKU BATTEZZA GLI EUROPEAN GAMES

 

 

La boxe con 43 nazioni (24 con le donne) e 278 atleti (211 maschi e 67 femmine).

Italia presenta Picardi, D’Andrea, Cosenza, Mangiacapre, Morello, Cavallaro, Manfredonia e Vianello; Gordini, Davide, Marenda, Alberti e Amati nel torneo femminile.

di Giuliano Orlando

La bella struttura Crystal Zali 2, di Baku in Azerbajan, ospita il primo Torneo pugilistico degli European Games, iniziato martedì con ben 40 nazioni, il più popolato tra le varie discipline presenti. Il settore maschile ha 211 iscritti, quello femminile (cinque categorie) 67 atlete per 24 paesi. Semifinali e finali, tra il 24 e il 27 giugno. Tre nazioni al completo con 15 presenze: Azerbajan, Russia e Germania, 14 l’Ungheria, 13 Turchia e Italia, 12 Ucraina, Irlanda, Gran Bretagna, Bulgaria e Francia, 11 Moldovia e Bielorussia. Fanalino di coda l’Austria, un iscritto. I padroni di casa si presentano al meglio, alcuni titolari alle WSB e un paio di ex campioni d’Europa, come Alizada (49) e Mammadov (91) sceso nei mediomassimi, oltre ad Abdullayev (91) vincitore di Russo e Turchi. Proseguendo nella politica della nazionalizzazione facile, dopo Migitinov, Medzhidov, Ibiyev e altri, è stata la volta del leggero Selimov, già promosso a Rio con le WSB, 29 anni, per anni una colonna della nazionale russa, europeo piuma 2006 e 2010, campione iridato nel 2007 battendo in finale Lomachenko che l’anno dopo ai Giochi di Pechino, lo eliminò al primo turno. Bronzo ai mondiali di Milano nel 2009 mentre a Baku 2011, perse subito per squalifica dal venezolano Manzanilla, colpito sotto la cintura. Campione russo nel 2006 e 2007, argento nel 2006. Ricordiamo che nel 2014, subì una sconfitta nelle WSB dal nostro Valentino. A Rio difenderà i colori dell’Azerbajan che rischia di avere nelle proprie file altri russi nazionalizzati. Per contro la Russia ha aperto ai giovani, portando a Baku atleti nati dal 1990 in avanti, salvo il medio Koptyakov, 28 anni compiuti, campione nazionale ed europeo nel 2011, argento russo nel 2013 e bronzo nel 2014, in concorrenza con Khamukov già promosso a Rio e Chebotarev che punta a Sofia. L’altra veterana è Elena Seveleva, 31 anni, nella categoria dei gallo. Diversi i nomi reduci dalle WSB e anche dall’APB. Citiamo il nostro Picardi, gli azeri Mamishzada, Aliyev, Baghirov e Musalov, l’estone Karlson, i francesi Cissokho e Yoka, bocciato anche nell’APB, gli inglesi Fowler e Joyce, i tedeschi Touba, El Hag, Sopa, Radovan e Teziev, gli irlandesi Walsh, Nolan e O’Neill, l’Italia è al completo con i reduci WSB, come molti moldovi come Riscan e Gojan, l’olandese Mullenberger, i polacchi, i romeni e i russi da Besputin a a Gimbatov, diversi turchi, tra cui Sipal già promosso ai Giochi. L’Ucraina ha scelto il rinnovamento totale e non poteva fare altrimenti, visto il passaggio al professionismo di tutti i presenti a Londra e altri titolati. Per quanto riguarda le donne, il 90% era presente ai mondiali a Je-Ju in Corea del Sud, comprese le campionesse come la bulgara Petrova, vincitrice della nostra Davide e le russe Dobrynina e Beliakova e la veterana Saveleva, bronzo in Corea.
 
Il team azzurro presente a Baku
 
La pattuglia italiana scelta da Bergamasco (maschi) e Renzini (donne) ha giustificate ambizioni, ma anche oggettive difficoltà per arrivare a medaglia. I più accreditati sono Mangiacapre (64) e Manfredonia (81), entrambi prime teste di serie. Vianello (+91) e Cavallaro (75) trovano ostacoli fin dai quarti, come l’irlandese Gardiner e poi Yoka o Bernath che hanno molta esperienza, anche se il gigante romano può sorprendere essendo in costante crescita tecnica. Il mancino Cavallaro ha superato il primo turno battendo il serbo Drenovak, senza incantare. L’inglese Fowler è il prossimo rivale e in caso di successo, improbabile, avrebbe il russo Koptyakov, campione d’Europa 2011, un girone di ferro. Sulla carta il cammino di Picardi (52), D’Andrea (56), Cosenza (60) e Morello (69) dovrebbe fermarsi nei quarti, l’ingresso in semifinale sarebbe una piacevole sorpresa. Più agevole appare la situazione femminile. La Gordini l’ostacolo più impegnativo, prima delle semifinali è quello di venerdì, la russa Sagataeva, comunque alla sua portata. Molte speranze sono riposte sulla titolata Davide, argento mondiale in carica, penalizzata dal sorteggio, comunque in un girone discretamente favorevole. Visto che la russa Saveleva, l’irlandese Walsh, l’azera Alimardanova e l’iridata bulgara Petrova si scornano direttamente. Nei leggeri la Marenda se supera la romena Mera in avvio e la tosta francese Mossely, ha buone possibilità di entrare in zona medaglia, mentre nella parte bassa del girone i grossi calibri come la plurititolata irlandese Katie Taylor, al debutto domenica contro la bulgara Elissea, avrà in semifinale la russa Dobrynina, salita di categoria, che non si arrenderà facilmente. Se tutto andrà come ci auguriamo, finalmente per la Marenda il premio dopo tante imprese sfiorate. Buone prospettive anche per la Alberti (64) almeno fino alle semifinali. Meno facile per la Amato (75) circondata da avversarie che la sovrastano in titoli ed esperienza. Già battere l’ucraina Shambir risulterebbe una bella impresa, oltre non sembra possibile.
In un bilancio generale, tornare a casa con tre ori e un paio di altri podi, sarebbe un bottino più che buono. Russia, Azerbajan, Turchia e forse la Germania, sembrano le più quotate alla frequenza sul podio, l’Ungheria ha molte ambizioni e ottimi atleti. Buone punte da Irlanda, Gran Bretagna, Bielorussia, Armenia, Bulgaria, Moldovia e Francia. Polonia e Romania da scoprire come la nuova Ucraina. Sperando che i giudici siano corretti. Conoscendo l’aria di Baku, dubitiamo sull’equità, per cui le previsioni potrebbero andare a farsi benedire, se saranno guidate e non libere.
 
Giuliano Orlando

 

 

 

 

 

 

Archive

UN GIORNO COME OGGI, IL 22 SETTEMBRE 1983

A Roseto degli Abruzzi, per un campionato europeo di Primiano Michele Schiavone Nella cittadina rivierasca di Roseto degli Abruzzi, in provincia di Teramo, la sera del 22 settembre 1983 aveva luogo un...

22/09/2020

UN GIORNO COME OGGI, IL 21 SETTEMBRE 1974

A Forlì, per un campionato nazionale di Primiano Michele Schiavone Il 21 settembre del 1974 vedeva raccolto a Forlì un gran numero di tifosi per il beniamino locale Sauro Soprani, impegn...

21/09/2020

UN GIORNO COME OGGI, IL 20 SETTEMBRE 1961

A Roma, per una riunione d'altri tempi di Primiano Michele Schiavone Sono anni che non vengono varate riunioni italiane come quella presentata a Roma il 20 settembre del 1961, con sei combattimenti a ...

20/09/2020

UN GIORNO COME OGGI, IL 19 SETTEMBRE 1964

A Milano, con argentini residenti in Italia di Primiano Michele Schiavone Quando in Italia la presenza argentina arricchiva le nutrite manifestazioni di pugilato professionistico, a Milano, la sera de...

19/09/2020

UN GIORNO COME OGGI, IL 18 SETTEMBRE 1966

A Verona, per sostenere la sfida tricolore di un concittadino di Primiano Michele Schiavone Presso il grande anfiteatro romano vantato da Verona, conosciuta per essere la città di Romeo e Giuli...

18/09/2020

UN GIORNO COME OGGI, IL 17 SETTEMBRE 1969

A Cecina, per una interessante rivincita tricolore di Primiano Michele Schiavone Il 27enne livornese Romano Fanali veniva impiegato a Cecina per la terza difesa del titolo italiano dei pesi superlegge...

17/09/2020

UN GIORNO COME OGGI, IL 16 SETTEMBRE 1971

A Milano, in attesa di una vedette locale di Primiano Michele Schiavone La seconda difesa del titolo italiano dei pesi medi da parte del padovano Luciano Sarti trovava luogo a Milano la sera del 16 se...

16/09/2020

UN GIORNO COME OGGI, IL 15 SETTEMBRE 1976

A Mestre, per una sfida tricolore tra laziali di Primiano Michele Schiavone Il 15 settembre 1976 si aveva a Mestre, alle porte di Venezia, un singolare confronto tra pugili laziali impegnati nella dis...

15/09/2020

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS