There are 55.027 boxer records, at least 535.984 bouts and 10.495 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

EGIDIO ROVERSI, UN PUGILE DA RICORDARE

 

 

Il 10 marzo 1936 il suo cuore cessò di battere

di Alessandro Bisozzi

Egidio Roversi era nato a Civitavecchia nel 1907.
Amico e quasi coetaneo del suo futuro collega Alberto Guainella, con lui cominciò a frequentare la palestra della Società Sportiva "Giovinezza" fin da bambino.
Era bravo Egidio, un talento naturale a cui la pratica del pugilato forgiò presto un fisico da peso medio massiccio e potente.
La sua carriera comincia nella palestra aperta a Civitavecchia da Romolo Parboni, poi ad appena sedici anni lascia il noviziato per esordire nei dilettanti. Non vince moltissimo e non perché non sia forte, tutt'altro, ma perché difetta di una qualità fondamentale per un pugile, la versatilità.
Roversi fa sempre fatica ad assimilare il gioco dell'avversario, lui carica a testa bassa e avanza come un carro armato e spesso questa condotta lo espone a rischi letali. La forza bruta, in uno sport che si gioca sulla punta dei piedi, non è la sola dote indispensabile.
Nel 1926 Egidio decide di lasciare l'Italia e cercare fortuna in America, così come aveva fatto, poco prima, il suo compaesano Carlo Saraudi.
Quando arriva a Philadelphia non ha che diciannove anni e pochi spiccioli in tasca e l'unica prospettiva di ingaggi, per uno sconosciuto pugile proveniente dall'Europa come lui, era quella di farsi massacrare come sparring partner nelle palestre. Era comunque un'occasione per mettersi in mostra e i risultati arrivano presto, perché quando gli offrono delle opportunità, Egidio non se le lascia sfuggire.
Il ragazzetto, che nel frattempo ha adottato il nomignolo americano di Tony Gildo ed è passato professionista, conquista in breve le simpatie del pubblico; ha un modo tutto suo di combattere: irruente e ostinato non si tira mai indietro davanti a nessuno.
La sua tecnica migliora sensibilmente e gli avversari cominciano, così, a farsi importanti.
Jimmy McAllister, challenger al titolo americano dei pesi medi, dopo averlo battuto una prima volta gli concede la rivincita, al termine della quale è sonoramente battuto ai punti.
Il 1927 è l'anno più ricco di impegni per Roversi che ha la possibilità di mettere in luce le sue formidabili qualità di irriducibile picchiatore, oltre a quella di incassatore a prova di bomba.
Sono anni difficili e duri per il giovane, anni di sacrifici e incertezze, vissuti tra la preoccupazione costante di mantenere sempre il massimo dell'efficienza per uno sport che richiedeva di salire sul ring con una frequenza anche di una volta al mese.
Conquistare un incontro sottoclou di un evento più importante era un privilegio a cui si accedeva solo dopo immani sacrifici in palestra e dopo aver subìto le più dure prove contro sparring partner che sembrava venissero pagati apposta non tanto per allenarti, quanto per spedirti all'ospedale.
Una carriera decorosa e attivissima per lui, tra pesanti sconfitte e clamorose affermazioni, come quelle su Marty Summers (vincitore del futuro campione del mondo Mickey Walker) e su Tiger Johnson, o quella strepitosa su Carmen Spagnolia, che gli fece meritare il passaporto per salire sul ring con Joe Schlocker, l'uomo che aveva battuto il campione del mondo Salvatore Lazzara, in arte Joe Dundee.
È l'occasione della sua vita, Egidio si trova a due passi dal vertice e combatte il più bel match della sua carriera, una lotta all'ultimo sangue che si chiude con uno scarto minimo di punti a favore del pugile californiano.
Quattro giorni dopo, l'ultimo incontro americano per Roversi che spedisce ko il nero Frankie Luther alla quarta ripresa. (Egio Roversi fotografato negli Stati Uniti quando combatteva con il nome di Tony Gildo)
Il civitavecchiese era esausto, negli ultimi tre mesi aveva affrontato sette combattimenti durissimi, mentre i suoi incassi rimanevano, in buona sostanza, quelli di un modesto galoppino di terza serie.
Nell'aprile del 1929, raccoglie le sue poche cose, si compra un biglietto di terza classe sul piroscafo Conte Biancamano e torna in Italia.
È ancora giovane e vorrebbe ricominciare a vincere, ma per uno strano caso riesce a farlo solo combattendo in casa, davanti ai suoi concittadini. Gli organizzatori cominciano a temere che il forte peso medio sia giunto al termine della carriera, ravvisando in quella debolezza gli effetti dei gravosi e trascorsi impegni americani.
Insomma, Tony Gildo sarebbe stato spremuto fino all'osso, secondo alcuni, mentre per altri la verità era più semplice ed evidente.
Roversi lavorava come facchino nel porto di Civitavecchia e questa attività, all'epoca molto gravosa a causa dei pesanti carichi da trasportare (un fardello a cui lui non si sottraeva mai per rispetto dei colleghi), influiva negativamente sulla tenuta fisica di un atleta che doveva anche allenarsi in maniera costante e piuttosto intensa.
Dopo il 1933, gli ingaggi si assottigliano al lumicino; Egidio però continua ad allenarsi, trovando anche il modo di dare lezioni di boxe ai giovani allievi nella palestra dell' "Estudiantes Sporting Club".
L'11 novembre 1935, nella spaziosa sala del Dopolavoro portuale di Civitavecchia, Roversi affronta e batte nettamente il rumeno Nicolas Jorgulescu al termine di dieci appassionanti riprese. Non può sapere che sarà il suo ultimo combattimento.
Alcuni mesi dopo, dalle pagine di un giornale, egli lancia pubblicamente una sfida a tutti i pari peso, ed in particolare ad Amedeo Deyana e Alfredo Oldoini, nel tentativo di risollevare intorno a sé quell'interesse ormai sopito da tempo. Alberto Guainella vorrebbe organizzare con lui un incontro, ma il destino non permetterà ai due amici di scontrarsi sul ring.
La mattina del 10 marzo 1936, Egidio Roversi si trova al lavoro come sempre.
C'è da scaricare del carbone dalla motonave greca Mimosa. È un lavoro pesantissimo perché il combustibile arriva sfuso e per raggiungerlo bisogna calarsi direttamente nella stiva attraverso una stretta gradinata saldata sui due lati delle fiancate. Man mano che la stiva veniva svuotata, la scalinata si scopriva fino a raggiungere il fondo.
Si scende sul carbone lungo un lato e si risale dall'altro, per non ostacolarsi. Ogni facchino si carica una grossa cesta di vimini sagomata, la "gerla", che viene velocemente riempita a palate dai colleghi più anziani incaricati poi di sollevarla e sistemarla tra il collo e la schiena del compagno, allacciata al "ciuffo", una specie di grosso telo che veniva indossato come un cappuccio e che distribuiva parte del peso sulla fronte.
Il lavoratore poi agguantava il cesto dal manico con entrambe le mani, da sopra le spalle, tirandolo davanti a sé, e in questo modo risaliva lungo la scalinata.
Era da poco passato mezzogiorno, Roversi arriva di nuovo "da basso", pronto per l'ennesimo viaggio. Gli stanno caricando un'altra cesta, quando all'improvviso, senza un lamento, stramazza sulla catasta del carbone sotto gli occhi dei compagni. Sembra uno svenimento, ne accadono spesso lavorando in quelle condizioni, ma qualcuno si accorge subito che quel corpo tutto coperto di fuliggine scura non dà più segni di vita.
Roversi viene immediatamente trasferito a terra e adagiato su un carretto trainato da due muli. L'ospedale è appena fuori del porto; la corsa è breve, disperata e purtroppo inutile.
Il giovane cuore dell'uomo che lottò contro i migliori pugili americani del tempo aveva smesso di battere nella sudicia e fredda stiva di un bastimento greco, sopra tonnellate di carbone.
Ad appena ventinove anni, Egidio Roversi muore per arresto cardiocircolatorio.
 
Alessandro Bisozzi

 

 

 

Archive

UN GIORNO COME OGGI, IL 22 FEBBRAIO DEL 1986

Angelo Liquori campione italiano al primo colpo di Priminao Michele Schiavone Il lombardo di adozione Angelo Liquori sfidò il campione italiano dei pesi superwelter Giuseppe Leto il 22 febbario...

22/02/2018

CAMPIONI DEL MONDO DI ORIGINE ITALIANA, JOEY MAXIM

Al secolo Giuseppe Antonio Berardinelli di Pietro Anselmi e Vincenzo Belfiore Joey Maxim nacque il 28 marzo 1922 a Cleveland, nell’Ohio, dove i genitori si erano stabiliti dopo aver lasciato Campo...

21/02/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 21 FEBBRAIO DEL 1926

Enea Marzorati, ultima sfida tricolore di Priminao Michele Schiavone L’ultimo combattimento disputato dal milanese Enea Marzorati per un campionato italiano porta la data del 21 febbraio 1926. L...

21/02/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 20 FEBBRAIO DEL 1940

Giuseppe Farfanelli campione d'Italia al secondo tentativo di Priminao Michele Schiavone L’esperienza tricolore dell’umbro Giuseppe Farfanelli durò solo sette mesi rispetto agli ott...

20/02/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 19 FEBBRAIO DEL 1958

Stefano Bellotti, terza sfida al campionato di Priminao Michele Schiavone Il pugile romano Stefano Bellotti ottenne la terza e ultima occasione tricolore della sua carriera dal milanese Giancarlo Garb...

19/02/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 18 FEBBRAIO DEL 1935

Innocente Baiguera, due volte campione d'Italia di Priminao Michele Schiavone Il ligure Innocente Baiguera fu uno dei primi pugili italiani ad aver vinto due volte il campionato italiano dei professio...

18/02/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 17 FEBBRAIO DEL 1941

Joe Louis abbatte Gus Dorazio di Priminao Michele Schiavone La sera del 17 febbraio 1941 la Convention Hall di Philadelphia, Pennsylvania, ospitò la quindicesima difesa del titolo mondiale dei ...

17/02/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 16 FEBBRAIO DEL 1992

Robert Quiroga, un mondiale a Salerno di Priminao Michele Schiavone Lo statunitense Robert Quiroga tornò per la terza volta in Italia nelle vesti di campione del mondo il 16 febbraio 1992, quan...

16/02/2018

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS