There are 54.965 boxer records, at least 535.524 bouts and 10.274 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

SCOPRIAMO KOVALEV, VINCITORE DI BERNARD HOPKINS

 

 

Ora è titolare di tre cinture

Ha lasciando la Russia nel 2009 per cercare fortuna negli USA

di  Giuliano Orlando

C’è sempre il momento del cambio. Per Bernard Hopkins (55-7-2-1), 50 anni a gennaio si chiama Kovalev, un russo degli Urali. Era scritto e per questo il ritorno a casa, nella sua bella villa di Hockessin, la cittadina fondata dai quaccheri nel 1688, nello stato del Delaware, uno dei più piccoli del grande paese, dove il campione del mondo mediomassimi IBF risiede da una dozzina d’anni con la moglie Jeanette e la figlia Latrice, non c’è malinconia, semmai consapevolezza che era giunto il tempo del passaggio ad altri del tesoro. E’ tornato un po’ più povero, non sul piano finanziario, avendo aumentato il conto in banca di oltre un milione di dollari, ma a livello di titoli mondiali. Sul ring di Atlantic City (Usa), il picchiatore russo Sergey Kovalev, 31 anni, lo ha battuto mantenendo la cintura mediomassimi WBO e conquistando quelle WBA e IBF che deteneva il campione di Filadelfia, al quale sono rimasti tutti i primati di longevità da campione del mondo. Nessuno come lui. Il match ha detto che contro l’impossibile non puoi farcela. Ma ci sono sconfitte e sconfitte. Quella sopportata da Hopkins è più che dignitosa. Con l’onore delle armi.
 
 
E pensare che era iniziata nel modo peggiore per l’americano. Colpito da un destro terribile, è scivolato al tappeto, subendo il giusto conteggio. Altri si sarebbero disperati. Hopkins ha assorbito la botta e ha iniziato la giusta tattica, che era quella di non farsi mettere ko. Incontro tattico, dominato dalla maggiore vigoria atletica del russo, molto concentrato e preciso, che ha vinto tutte le 12 riprese. Hopkins, è stato abile e non concedere altre opportunità al rivale. Nel dodicesimo round, Kovalev ha tentato di chiudere, ma oltre ad uno sberleffo, ha pure incocciato in un destro pesante. Considerata la diversa età, la prova dell’americano è stata eccezionale, resistendo ad un picchiatore (26 vittorie, 23 ko). Per i giudici: 120-107 (2), 120-106. Kovalev lo ha indicato come il miglior avversario, con una difesa impenetrabile. Hopkins, non intende ritirarsi. “Debbo pensarci. Ho finito con buone sensazioni. Potrei tornare campione. E’ già successo”. L’americano professionista dal 1989, mondiale medi dal ’95 al 2005, venti difese, iridato mediomassimi dal 2011 fino al 2014, salvo il 2012. Reggere i 12 round era il traguardo massimo, 19 anni di differenza sono una montagna invalicabile, se ha le sembianze di un pugile di qualità come Kovalev, russo di Chelyabinsk negli Urali, ottimo anche da dilettante, campione nazionale medi nel 2005, battendo in finale Shcherbakov, dopo l’argento del 2004, superato in finale da Korobov. A 18 anni veste la divisa, conquistando tre medaglie ai mondiali militari dal 2005 al 2007. Nel 2009 decide di tentare la fortuna da professionista, portando moglie e figlia a Grensboro nel Nord Carolina. Nessuno lo conosce e inizia la gavetta in grande umiltà. Confessa che per 19 incontri le borse non hanno mai superato i 5000 dollari. “Non nuotavo nell’oro, semmai il contrario. Ma volevo arrivare in alto, convinto delle mie possibilità”. Il primo salto a Las Vegas, quando conquista il titolo americano NABA dei mediomassimi, mettendo ko Douglas Otieno, mancino keniano detto “Al Capone” in due riprese. Gli esperti cominciano a seguire questo medio possente, un po’ rigido ma dai pugni al cloroformio. Il manager Egis Klimas inizia ad avere contatti importanti e le sigle lo inseriscono nei piani alti. Sempre nel 2011 debutta in Russia nell’enclave di Ekaterinburg, spedendo il connazionale Roman Simakok dall’ottimo record (19-2) out al secondo round e conquistando il titolo asiatico WBC.
Il WBO lo fa salire in alto e arriva anche il momento della sfida iridata. Va in casa di Nathan Cleverly, fino a quel momento imbattuto (26) a Cardiff la città del carbone, dove all’Arena ci sono oltre 10.000 tifosi per il loro beniamino, che ha grinta e orgoglio. Match drammatico, al secondo round il russo è ferito al sopracciglio destro. Cleverly si getta allo sbaraglio per chiudere il match, ma non ha fatto i conti col destro di Kovalev, che lo castiga inesorabilmente: ko alla quarta, dopo due kd nel terzo round. Il sogno del ragazzo russo si è avverato e con la vittoria giunge il primo contratto con i Duva. Inizia a combattere per borse decorose. Difende due volte la cintura con successo ad Atlantic City che lo ha adottato. La terza è una sfida storica, perché l’avversario si chiama Bernard Hopkins, un monumento della boxe. Come da pronostico la spunta lui, il favorito, che ha avuto il merito di non sbagliare nulla a conferma che con buoni insegnanti puoi migliorare. I consigli di John David Jackson, antico avversario di Hopkins, fanno effetto e lo si è visto proprio alla Boardwalk Hall, col tutto esaurito. Dove ha ricevuto gli applausi che spettano al vincitore. Adesso è lui il supercampione dei medi, con tre cinture ai fianchi. Resta quella WBC che detiene il canadese Adonis Stevenson (24-1) non più giovanissimo: 37 anni. Dubitiamo punti al poker. Semmai i Duva stanno già pensando alla prima difesa, volontaria, quindi abbastanza facile. Più avanti dovranno pensare a sfidanti di qualità, assicurando al campione quelle borse che in passato ha solo sognato e adesso debbono diventare realtà. A Hopkins restano primati inavvicinabili. Il tempo più lungo da campione dei medi (10 anni, 2 mesi e 17 giorni), superando Tommy Ryan dopo oltre un secolo, meglio di Monzon nelle difese, 20 contro 17, il campione più anziano sia nei medi che nei mediomassimi, sopravanzando Ray Sugar Robinson e Archie Moore. In vetta anche come campione meno giovane in assoluto, (46 anni, 5 mesi 6), scalzando George Foreman.
 
Giuliano Orlando

 

 

 

Archive

UN GIORNO COME OGGI, IL 25 SETTEMBRE DEL 1974

Freschi supera Bergamasco di Priminao Michele Schiavone L’udinese Bruno Freschi divenne campione italiano dei pesi superleggeri al secondo tentativo il 25 settembre 1974 a Forni di Sopra, in pro...

25/09/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 24 SETTEMBRE DEL 1964

Brandi batte Lopopolo di Priminao Michele Schiavone L’aretino Piero Brandi realizzò la sua sagace e penetrante prestazione della carriera professionistica la sera del 24 settembre 1964, q...

24/09/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 23 SETTEMBRE DEL 1958

Baccheschi sconfigge Mazzola di Priminao Michele Schiavone Il terzo appuntamento sul ring tra il toscano Domenico Baccheschi ed il lucano Rocco Mazzola ebbe luogo a Civitavecchia il 23 settembre 1958,...

23/09/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 22 SETTEMBRE DEL 1935

Magnolfi vincitore di Negri di Priminao Michele Schiavone Il fiorentino Alfredo Magnolfi divenne campione italiano dei pesi gallo la seconda volta il 22 settembre 1935, nella sua città, quando ...

22/09/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 21 SETTEMBRE DEL 1962

Fabio Bettini, romano campione di Francia di Priminao Michele Schiavone Il pugile Fabio Bettini godette di due cittadinanze, prima quella italiana per la sua nascita a Roma, poi la francese per scelta...

21/09/2017

'TORO SCATENATO' HA PERSO L'ULTIMA BATTAGLIA

LaMOTTA MORTO A 96 ANNI DOPO BREVE MALATTIA di Primiano Michele Schiavone Mercoledì 20 settembre 2017 – Dagli Stati Uniti è rimbalzata la notizia della morte dell’ex ca...

20/09/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 20 SETTEMBRE DEL 1942

Roberto Proietti, tre volte europeo di Priminao Michele Schiavone In un passato alquanto lontano capitò più volte che due italiani si affrontarono per la disputa di due campionati, cosa ...

20/09/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 19 SETTEMBRE DEL 1970

Zampieri su Proietti per ferita di Priminao Michele Schiavone Sono molti i casi in cui un pugile si afferma su un altro con il medesimo risultato prima del limite, nella stessa ripresa. Uno di questi ...

19/09/2017

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS