There are 54.965 boxer records, at least 535.524 bouts and 10.275 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

JEJU 2014, MONDIALI IN ROSA CON TANTO AZZURRO

 

 

Tre italiane in semifinale con Gordini, Davide e Mesiano

Solo Russia e Cina fanno meglio

di Giuliano Orlando

Jeju (Corea Sud) C’è molto azzurro ai mondiali in svolgimento nell’isola di Jeju nella parte meridionale coreana. L’Italia porta tre atlete sul podio, impresa storica, non era mai accaduto in passato. Solo nel 2001 e 2002 ci era riuscita con due. A Scranton negli Usa con La Galassi (oro) e la Cerpi (bronzo) e l’anno dopo ad Antalya in Turchia, sempre la Galassi e la Davide, allora ventiduenne, che colsero oro e argento. Stavolta la squadra del tecnico Emy Renzini si è superata, confermando la crescita generale, che conta ormai su diverse atlete in grado di esprimersi ad alto livello. Sul ring dell’ampio Gymnasium, struttura del vasto complesso polisportivo, dove si svolgono partite di basket, volley, calcio e baseball e dove si giocarono anche diverse patite di calcio ai mondiali in Corea, l’Italia avrebbe meritato qualcosa in più. 

14 Gordini Jeju 4

La Marenda (60) e l’Alberti (64) in particolare sono state punite da sconfitte immeritate. La prima aveva battuto la bulgara Eliseeva negli ottavi, ma ancor più scandaloso il verdetto che assegnava il successo alla coreana Shim, dal sapore politico, portata di peso in semifinale, trattamento che ricordava l’edizione olimpica dell’88 di Seul, dove alcuni verdetti, furono talmente scandalosi  che intervenne il CIO, minacciando di escludere la boxe dai Giochi. L’anno dopo vennero istituite le macchinette che peggiorarono la situazione, perché è sempre l’uomo che decide.
Domani la Gordini (51), la Davide (54) e la Mesiano (57) si giocheranno l’accesso alla finale che assegna l’oro iridato. La romagnola, argento nel 2012, si è confermata ai vertici battendo nei quarti la favorita bulgara Petrova campionessa europea, grazie alla giusta scelta tattica con colpi lunghi e difesa intelligente. Prossima rivale l’inglese Whiteside alla sua portata.  L’inossidabile Davide, che porta i suoi 34 anni con la leggerezza di una ventenne, offre boxe sopraffina, tutta impostata sulla rapidità dei colpi e un gioco di gambe eccezionale. Dopo aver superato l’ucraina Kholodova, si è imposta nettamente anche sulla cinese Gao, che per quattro riprese ha inseguito una rivale imprendibile. Domani contro la turca Tast, brevilinea votata all’attacco ci aspettiamo dalla campana, l’ennesima prova di classe per volare in finale. In medaglia anche la romana Mesiano, debuttante al mondiale, capace di confermare le speranze che già aveva mostrato agli europei, con la conquista del bronzo. Per farlo ha domato prima la turca Burcu, prendendosi la rivincita della sconfitta peraltro ingiusta al torneo di Istanbul e poi l’ostica romena Perijoc, combattente molto forte. In semifinale ritrova la russa  Dobrynina, che l’ha battuto di misura agli europei di Bucarest lo scorso maggio, sempre in semifinale. La voglia di capovolgere il verdetto è forte.
Non è riuscita a salire sul podio la +81 Severin, battuto dalla gigantesca cinese Wang, un monumento di 120 kg. su una struttura di quasi 2 metri, che a soli 19 anni, mostra l’esperienza di una trentenne. In precedenza erano uscite prima dei quarti la piccola Calabrese contro la Pin, atleta di Taipei, molto alta e dalla grande scelta di tempo, con un verdetto al capello, per preferenza. Stessa sorte per la Amato (75) di fronte all’esperta tedesca Strohmaier, pagando lo scotto del debutto.
Un torneo stressante e durissimo, che ha visto in cinque giorni e mezzo svolgersi 240 incontri, con quattro match che possono arrivare a sei con l’accesso alla finale. Decisamente troppi. Le 40 promosse al podio, sono il frutto della selezione di 280 atlete in partenza. Che rappresentavano 67 nazioni, ridotte a sole 20 in zona medaglia. In questo contesto nella giornata che assegnava l’accesso al podio, la grande sconfitta è stata la Russia, che pur mantenendo il vertice, ha dimezzato la presenza, passando da dieci a sole cinque promosse. In particolare ha lasciato per strada la Isaeva (48) per merito della giapponese Wada, una mancina molto potente. Clamorosa l’esclusione della Sagateva (51) argento europeo, sconfitta dalla brasiliana Marquez che ha messo il cuore oltre l’ostacolo. Fuori anche nei leggeri, per infortunio, evitando il confronto con la Taylor, l’irlandese oro di Londra, che punta al quinto mondiale. Nulla da fare nei 75 kg. contro la stella di questo torneo, la Shields (Usa), classe 1995, un talento naturale, fisico perfetto, capace di esprimere boxe elegante e potente. Lo hanno capito sia la polacca Fidura, una guerriera indomita, sua coetanea, con la quale si era già battuta lo scorso anno ai mondiali youth, perdendo come stavolta, dopo una battaglia intensa. Stessa sorte per la russa Jakushiva, non male ma inferiore all’americana che veleggia verso il suo primo titolo iridato. Anche se l’olandese Fortin, esperta e titolata le darà filo da torcere.
Una rassegna con diverse punte e giovani molto promettenti. In particolare la Cina che ne porta in medaglia quattro, comprese le due gigantesche Yang (81) e Wang (+81), fatte con lo stesso stampino. A quota tre ci sono arrivati gli USA, la Turchia e l’Italia, che si porta ai vertici, grazie al lavoro del tecnico Renzini, molto apprezzato anche all’estero. E’ doveroso anche dire che da un paio di stagioni la FPI ha programmato la giusta promozione anche nel settore femminile e i frutti stanno arrivando, come dimostra la  costante presenza azzurra nei campionati internazionali giovanili in zona medaglia. Domani vedremo se il traguardo del bronzo è l’attuale limite o se i sogni azzurri possono tingersi di metallo più prezioso.

Giuliano Orlando

 

 

 

Archive

UN GIORNO COME OGGI, IL 26 SETTEMBRE DEL 1985

Kalambay, una cittadinanza feconda di Priminao Michele Schiavone La cittadinanza italiana concessa allo zairese Sumbu Kalambay lo proiettò in campo tricolore, permettendogli la chance al campio...

26/09/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 25 SETTEMBRE DEL 1974

Freschi supera Bergamasco di Priminao Michele Schiavone L’udinese Bruno Freschi divenne campione italiano dei pesi superleggeri al secondo tentativo il 25 settembre 1974 a Forni di Sopra, in pro...

25/09/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 24 SETTEMBRE DEL 1964

Brandi batte Lopopolo di Priminao Michele Schiavone L’aretino Piero Brandi realizzò la sua sagace e penetrante prestazione della carriera professionistica la sera del 24 settembre 1964, q...

24/09/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 23 SETTEMBRE DEL 1958

Baccheschi sconfigge Mazzola di Priminao Michele Schiavone Il terzo appuntamento sul ring tra il toscano Domenico Baccheschi ed il lucano Rocco Mazzola ebbe luogo a Civitavecchia il 23 settembre 1958,...

23/09/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 22 SETTEMBRE DEL 1935

Magnolfi vincitore di Negri di Priminao Michele Schiavone Il fiorentino Alfredo Magnolfi divenne campione italiano dei pesi gallo la seconda volta il 22 settembre 1935, nella sua città, quando ...

22/09/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 21 SETTEMBRE DEL 1962

Fabio Bettini, romano campione di Francia di Priminao Michele Schiavone Il pugile Fabio Bettini godette di due cittadinanze, prima quella italiana per la sua nascita a Roma, poi la francese per scelta...

21/09/2017

'TORO SCATENATO' HA PERSO L'ULTIMA BATTAGLIA

LaMOTTA MORTO A 96 ANNI DOPO BREVE MALATTIA di Primiano Michele Schiavone Mercoledì 20 settembre 2017 – Dagli Stati Uniti è rimbalzata la notizia della morte dell’ex ca...

20/09/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 20 SETTEMBRE DEL 1942

Roberto Proietti, tre volte europeo di Priminao Michele Schiavone In un passato alquanto lontano capitò più volte che due italiani si affrontarono per la disputa di due campionati, cosa ...

20/09/2017

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS