There are 55.027 boxer records, at least 535.984 bouts and 10.497 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

LA BOXE INGLESE IN LUTTO PER CHARNLEY

 

L’EX CAMPIONE INGLESE PASSATO A MIGLIOR VITA DOPO UNA BATTAGLIA CON IL CANCRO

di Alfredo Bruno

DARTFORD, 3.3.2012- Dave Charnley, uno dei più grandi campioni della boxe inglese se ne è andato all’età di 76 anni, vittima di un cancro ai polmoni.
 
 
La morte di Charnley fa seguito a quella avvenuta due mesi fa di Brian Curvis, tra l’altro suo avversario e amico. Dave era un mancino dalla potenza micidiale, i suoi fans lo chiamarono The Dartford Destroyer, un soprannome che ben gli si addiceva.
La sua fu una carriera intensa nell’arco di 11 anni dove incontrò i più forti leggeri e welter dell’epoca. Fu varie volte campione inglese, campione europeo e del Commonwealth britannico, ma non riuscì a conquistare il mondiale trovando disco rosso di fronte all’allora campione Joe Brown. Molte volte il suo nome fu accomunato a quello di Duilio Loi, una sfida che all’epoca richiedevano in molti soprattutto quando il triestino fu campione europeo dei leggeri. Questo match non si fece mai, nessun organizzatore ebbe il coraggio di attuarlo, sia italiano che inglese, e questo fu un peccato.
Nel 1957 dopo una bella serie di vittorie conquistò il titolo inglese battendo il quotato Joe Lucy, che dopo questo match si ritirò. Ma a dimostrare che il suo non era un episodio isolato Charnley subito dopo sconfisse prima del limite Johnny Gonsalves, un americano di caratura mondiale.
La sua ascesa fu fermata dal sudafricano Willie Toweel per il titolo del Commonwealth, un incidente di percorso che Dave cancellò due anni dopo mettendo ko il malcapitato Toweel.
Fu nominato sfidante ufficiale di Joe Brown e per questo fu costretto ad andare a Houston a casa del pugile di colore. Questo Brown era un pugile tecnicamente valido, ma era anche molto scorretto: la sua specialità era ferire le sopracciglia degli avversari. Questa sorte toccò a Charnley che fu costretto a non presentarsi per la gravità dei tagli alla sesta ripresa.
L’inglese allora puntò decisamente il suo sguardo in Europa. All’epoca il campione era Mario Vecchiatto che aveva conquistato il titolo lasciato vacante da Duilio Loi battendo ai punti il francese Lahouari Godih.
L’incontro tra Vecchiatto e Charnley si svolse a al Wembley Stadium di Londra. Il match viaggiò nel massimo equilibrio per nove round. Al decimo il gancio sinistro di Charnley pescò un disattento Vecchiatto che andò al tappeto e fu contato, logicamente quando l’italiano si era rialzato Charnley gli si avventò contro per finirlo. La serie di Charnley culminò con una spinta che buttò giù Vecchiatto, che si rialzò prontamente e mentre era contato fece un gesto di stizza con il braccio, che fu interpretato come un abbandono e il match finì li tra le proteste del clan italiano.
Charnley riprese anche la sua marcia mondiale battendo uomini di classifica come Paul Armstead e Gene Gresham.
Si trovò quindi ad affrontare per la seconda volta Joe Brown. I due stavolta si affrontarono a Londra all’Earls Court Arena davanti a 18mila spettatori. Fu un match entusiasmante e tirato allo spasimo per 15 round. Il gancio sinistro di Charnley si abbattè più volte contro la mascella di Brown, mentre questi mise in mostra un jab sinistro insidioso che tenne sempre in allarme l’aggressività del suo avversario. Al termine l’arbitro Tommy Little non ci pensò due volte ad alzare il braccio di Joe Brown. Ci furono molte polemiche, perché per molti aveva vinto Charnley.
Prima del match ci fu un episodio curioso. Il grande organizzatore inglese Jack Solomons il giorno prima andò all’aeroporto a prendere Brown e il suo seguito, ma rimase sconcertato quando vide Brown scendere dall’aereo con il braccio al collo, come se fosse infortunato, ma gli tornò il sorriso quando si accorse che quel burlone gli aveva fatto uno scherzo. Con Brown furono le uniche volte che Charnley si battè per il titolo mondiale perdendo, ma i due s’incontrarono una terza volta, senza titolo, e stavolta vinse l’inglese per ko su un avversario avviato al “viale del tramonto”.
Dopo la seconda sfida mondiale con Brown, Charnley venne a Roma per difendere l’europeo dall’assalto del bolognese Ray Nobile. L’incontro si svolse il 5 luglio del 1961 allo Stadio Flaminio davanti a circa 25mila spettatori. Indubbiamente fu fatto un passo più lungo della gamba. Nobile, fisicamente un peso piuma, si trovò davanti un Charnley, leggero naturale, che spesso affrontava anche dei welter. Il divario fisico fu evidente e Nobile ammainò bandiera dopo 4 round.
Charnley da parte sua non rifiutava certo gli avversari di peso superiore, ma non sempre le cose gli andarono bene come dimostra la sconfitta con Brian Curvis, ma soprattutto quella subita contro Emile Griffith, una punizione che finì al nono round quando l’arbitro fermò il match. Quello con Griffith fu l’ultimo incontro, Charnley aveva guadagnato tanto nella sua carriera e lo investì proficuamente e con successo soprattutto nel settore immobiliare, inaugurando anche un salone per parrucchiere.
 

 

 

Archive

UN GIORNO COME OGGI, IL 23 FEBBRAIO DEL 1935

Enrico Venturi vincitore del titolo italiano di Priminao Michele Schiavone Il romano Enrico Venturi brindò al riuscito tentativo di conquista del titolo italiano alla vigilia del decimo anno di...

23/02/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 22 FEBBRAIO DEL 1986

Angelo Liquori campione italiano al primo colpo di Priminao Michele Schiavone Il lombardo di adozione Angelo Liquori sfidò il campione italiano dei pesi superwelter Giuseppe Leto il 22 febbario...

22/02/2018

CAMPIONI DEL MONDO DI ORIGINE ITALIANA, JOEY MAXIM

Al secolo Giuseppe Antonio Berardinelli di Pietro Anselmi e Vincenzo Belfiore Joey Maxim nacque il 28 marzo 1922 a Cleveland, nell’Ohio, dove i genitori si erano stabiliti dopo aver lasciato Campo...

21/02/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 21 FEBBRAIO DEL 1926

Enea Marzorati, ultima sfida tricolore di Priminao Michele Schiavone L’ultimo combattimento disputato dal milanese Enea Marzorati per un campionato italiano porta la data del 21 febbraio 1926. L...

21/02/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 20 FEBBRAIO DEL 1940

Giuseppe Farfanelli campione d'Italia al secondo tentativo di Priminao Michele Schiavone L’esperienza tricolore dell’umbro Giuseppe Farfanelli durò solo sette mesi rispetto agli ott...

20/02/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 19 FEBBRAIO DEL 1958

Stefano Bellotti, terza sfida al campionato di Priminao Michele Schiavone Il pugile romano Stefano Bellotti ottenne la terza e ultima occasione tricolore della sua carriera dal milanese Giancarlo Garb...

19/02/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 18 FEBBRAIO DEL 1935

Innocente Baiguera, due volte campione d'Italia di Priminao Michele Schiavone Il ligure Innocente Baiguera fu uno dei primi pugili italiani ad aver vinto due volte il campionato italiano dei professio...

18/02/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 17 FEBBRAIO DEL 1941

Joe Louis abbatte Gus Dorazio di Priminao Michele Schiavone La sera del 17 febbraio 1941 la Convention Hall di Philadelphia, Pennsylvania, ospitò la quindicesima difesa del titolo mondiale dei ...

17/02/2018

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS