There are 55.051 boxer records, at least 536.133 bouts and 10.693 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

ADDIO A GIULIO RINALDI

 

Lutto nella boxe: si è spento Giulio Rinaldi

Lunedì 18 Luglio 2011 06:31
Ufficio stampa - News FPI

Giulio_RinaldiNon solo la boxe ma tutto lo sport italiano è in lutto per la morte di Giulio Rinaldi, grande campione degli anni ’60. Da tempo lottava contro un male incurabile e alla fine la sua forte fibra ha ceduto all’età di 76 anni essendo nato il 13 febbraio 1935 ad Anzio. Le esequie si svolgeranno oggi 18 luglio ad Anzio nella chiesa di Sant’Antonio in piazza Pia alle ore 16. La Federazione e tutto il mondo della boxe si stringe con affetto attorno ai famigliari del Campione in questo triste giorno.

Giulio Rinaldi fu un ottimo pugile da dilettante e la sua carriera culminò con la partecipazione alle Olimpiadi di Melbourne nel 1956, dove dopo aver superato il primo turno non si presentò nel seguente per un infortunio subito. L’anno successivo esordì tra i professionisti affidandosi alle cure di Luigi Proietti, grande manager dell’epoca. Fu un personaggio particolare con atteggiamenti polemici, ebbe un gran seguito: oltre ai suoi fans molti andavano a vedere i suoi incontri per vederlo perdere. Rino Tommasi, giovane organizzatore, capì subito che l’anziate era il personaggio ideale per calamitare l’attenzione di pubblico e massmedia. Aveva un fisico eccezionale e un’agilità fuori del comune per la categoria dei mediomassimi, era anche furbo e tatticamente intelligente, con una discreta potenza che non guastava certo tra gente di 80 kg..Dopo 21 incontri divenne lo sfidante al titolo italiano detenuto da Sante Amonti, un beniamino del pubblico italiano. L’8 marzo del 1960 Giulio compì il suo primo capolavoro mettendo kot in due riprese tra la sorpresa generale il forte avversario. Era diventato campione d’Italia, ma aveva acquistato anche maggiore quotazione internazionale che confermò all’inaugurazione del Palasport all’Eur superando un test difficile come il francese Germinal Ballarin. Ormai era diventato una vera e propria vedette e la gente(molti lo odiavano) accorreva in massa riempendo il Palasport fino a 17mila spettatori. Le sue vittorie su uomini di valore mondiale come Donnie Fleeman e Johnny Halafihi diedero coraggio a Rino Tommasi di tentare una carta impossibile: far venire a Roma quello che era una leggenda, parliamo di Archie Moore. L’impresa riuscì all’organizzatore e la sera del 29 ottobre del 1960 in un Palasport stracolmo si potè assistere ad un’impresa memorabile. Moore forse aveva sottovalutato l’italiano e gli aveva lasciato l’iniziativa nei primi rounds. Ma quando il fuoriclasse americano si accorse che il suo avversario era pericoloso tirò fuori gli artigli con un sinistro da antologia. Le cose non si mettevano bene e Rinaldi ad un certo punto manifestò a Proietti l’intenzione di abbandonare, il manager lo redarguì aspramente. Nel nono round si vide il nostro pugile deciso a giocarsi fino in fondo le sue chances. Nel decimo Moore fu chiuso all’angolo e fu martellato duramente senza avere la possibilità di uscire, il pubblico capì che quella era la svolta e ci fu un vero e proprio boato quando l’arbitro contò il negro fino a 8. Fu una vittoria che fece scalpore e si organizzò la rivincita con il titolo mondiale in palio al Madison Square Garden. Quello che il 10 giugno si presentò nel Tempio della boxe americana non era il miglior Rinaldi e Moore vinse ai punti in 15 riprese. Accantonate momentaneamente le mire mondiali il pugile di Anzio dopo una bella serie di vittorie affrontò, sempre a Roma, lo scozzese Chic Calderwood, campione d’Europa. Rinaldi vinse nettamente ai punti in 15 riprese. Dopo questo successo fu inchiodato al pari dall’hawaiano Carl “Bobo” Olson, ex campione del mondo, e da Wayne Bethea. Quest’ultimo era l’uomo che aveva distrutto Franco De Piccoli. Fu un match molto rischioso per il nostro campione, tenendo conto che l’americano era molto più pesante. Questo Bethea incassava anche le bombe e faceva male. Rinaldi fece un match d’intelligenza e strappò il pari, che forse gli andava pure stretto. L’anziate si tolse un’altra soddisfazione difendendo il suo titolo europeo e fu quella di essere stato l’unico pugile a superare Erich Schoppner, grande campione tedesco, che fu per anni dominatore incontrastato in Europa. I tedeschi cercarono disperatamente la rivincita in una categoria che li aveva visti dominatori. Rinaldi accettò di andare a Dortmund ad affrontare un’altra leggenda: “Bubi” Gustav Scholz. Non fu un bel match ma l’italiano stava vincendo e l’arbitro spagnolo Sanchez Villar risolse il problema squalificando il nostro atleta al nono round.

Rinaldi_Giulio

Non finì li la carriera di Giulio che riconquistò il titolo ai danni di un altro tedesco, costringendolo al ritiro nel 13mo round. Nella difesa successiva Rinaldi si trovò di fronte l’emergente Piero Del Papa, che lo superò ai punti. Rinaldi aveva 31 anni, una carriera dura alle spalle, con qualche problema nel rientrare nel peso. Qualche sconfitta subita metteva a nudo le crepe del tempo, ma si tolse una piccola soddisfazione riconquistando il titolo italiano nel 1970 battendo per squalifica Gianfranco Macchia, titolo che poi lasciò in mano a Domenico Adinolfi. Questo fu il suo ultimo match. Per un periodo si allontanò dalla boxe per riapparirvi negli anni ‘80 aprendo una palestra. Salvatore e Pietro, i suoi figli, salirono sul ring, ma disputarono pochi matches.

Lo avevano fatto per accontentare il loro genitore. Giulio era molto presente alle riunioni dell’epoca, era spesso ospite d’onore. Ma un giorno qualcosa cambiò in lui, la diagnosi fu impietosa e incominciò l’ultimo combattimento, dove non avrebbe mai potuto vincere.

 

 

Archive

ADDIO A CAVICCHI, INDIMENTICATO CAMPIONE

Rimasto nella memoria degli appassionati di pugilato di Primiano Michele Schiavone Giovedì 23 agosto 2018 – Si è spento all’età di 90 anni compiuti l’ex campione...

23/08/2018

IL RICORDO DI GIANCARLO USAI

Scomparso a 68 anni compiuti di Primiano Michele Schiavone Mercoledì 1 agosto 2018 – Nella giornata di ieri è venuto a mancare, a 68 anni di età, l’ex pugile Giancarlo Usai, ...

01/08/2018

L'ULTIMO SALUTO A MANZARO

Morto dopo lunga malattia di Primiano Michele Schiavone Luglio 2018 – L’ex pugile professionista Antonio Manzaro, deceduto nella mattina del 3 luglio dopo molte sofferenze, ha avuto l’estremo omag...

18/07/2018

ADDIO A GIANCARLO DI MANNO

Terracina in lutto per la scomparsa di Giancarlo Di Manno di Alfredo Bruno La boxe di Terracina perde un altro dei suoi grandi protagonisti. Giancarlo Di Manno se ne è andato all’et&agrav...

07/07/2018

CAMPIONI DEL MONDO DI ORIGINE ITALIANA, MIKE ROSSMANN

Al secolo Alberto Del Piano di Pietro Anselmi e Vincenzo Belfiore Nato a Turnesville nel New Jersey l’1 Luglio 1955 da padre calabrese, che gli fece anche da manager, e da madre ebrea dalla ...

23/06/2018

ADDIO A FRANCO ZURLO

Morto a 77 anni compiuti di Primiano Michele Schiavone Lunedì 18 giugno 2018 – Dopo una breve malattia è venuto a mancare il più rappresentativo esponente del pugilato brindisino, F...

18/06/2018

CAMPIONI DEL MONDO DI ORIGINE ITALIANA, WILLIE PASTRANO

Al secolo William Raleigh Pastrano di Pietro Anselmi e Vincenzo Belfiore Era nato il 27 novembre 1935 a Miami in Florida, dove trascorse gran parte della sua vita. Era poco più che un bam...

10/06/2018

UN GIORNO COME OGGI, L'1 GIUGNO DEL 1974

Emili batte Masala sulla via del tricolore di Priminao Michele Schiavone Il segno dei tempi che il pugilato italiano sta vivendo, connesso ai suoi mutamenti, fornisce la stima del suo valore intrinsec...

01/06/2018

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS