There are 54.978 boxer records, at least 535.597 bouts and 10.315 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

SABATO MAYWEATHER-PACQUIAO, MONDIALE DEI PRIMATI

 

 

In diretta su Deejay Tv

Inizia alle 23 di sabato, con la trasmissione da Roma della serata imperniata su De Carolis-Alì Ndiaye per l’Internazionale supermedi IBF e il tricolore medi tra Buccheri e Manco.

A Las Vegas pioggia d’oro e di pugni: match del secolo e festival dei record

di  Giuliano Orlando

Giovedì 30 aprile 2015 – Averla definita la sfida del secolo, non è una frase fatta, ma una realtà conclamata dai numeri. Quella fissata il 2 maggio all’MGM di Las Vegas, tra Floyd Mayweather jr. e Manny Pacquiao, a giudizio personale, visti i primati che l’evento sforna a getto continuo, più che un match di pugilato ha tutta l’apparenza di una tabellina pitagorica. La difficoltà è seguirli tutti. L’aspetto tecnico è succedaneo al business che produce quotidianamente. Si passa da un primato all’altro, con una continuità perfetta, a conferma che la regia di questo spettacolo è gestita in maniera chirurgica, ogni mossa nel momento giusto. Inizialmente, parliamo di qualche mese addietro, quando all’accordo, dopo trattative infinite, mancavano solo le firme, si riteneva che il tetto dell’affare sarebbe arrivato a 300 milioni, parliamo sempre di dollari. In questi giorni gli esperti ritengono che il traguardo del mezzo miliardo possa essere addirittura superato. Cifra da capogiro. Scrivo informazioni di dominio pubblico. L’imbarazzo è da dove iniziare. Il record della pay per view, toccato per Mayweather-De La Hoya del 2007 di due milioni e mezzo si alza ad almeno un milione in più, e ogni acquirente paga una media sopra i 100 dollari.
 
 
Festa assicurata per Showtime e HBO le due emittenti che dopo discussioni infinite si sono accordate, assicurandosi il 50% della sontuosa torta, il restante spetta ai due pugili. Anche l’incasso al botteghino cancellerà ogni precedente. I quasi 18.000 spettatori assicurano non meno di 80 milioni all’organizzazione, che fa capo a Bob Arun e Mayweather. Sui biglietti, i conti è impossibile farli. I biglietti realmente venduti agli spettatori solo 500, gli altri ceduti ad agenzie che ci hanno guadagnato mediamente il 30%. Seguendo l’esempio delle maratona di New York, che non mette in vendita uno solo dei 30.000 pettorali, ma li cede alle agenzie di viaggio, assicurandosi l’introito senza alcun disturbo e spesa, gli organizzatori hanno seguito lo stesso meccanismo. I biglietti tra i 350 e i 2000 dollari, rivenduti dai bagarini dai 1500 ai 40.000. Per i ritardatari, disponibili qualche decina di ticket, saliti dai 2000 al tetto di 100.000. Il posto di bordo ring è una privilegio il cui prezzo per ottenerlo mediamente costa qualcosa come 500.000 dollari, che l’organizzazione non ha mai messo in vendita, già esaurito al nascere dell’evento. Inutile fare nomi, le star di Hollywood e i vip da miliardi di dollari in banca. I due protagonisti tra borse e introiti vari superano largamente i preventivati 200 milioni per l’americano che mette in palio le cinture welter WBC e WBA, mentre l’asiatico che rischia quella del WBO, tornerà nella sua nazione con non meno di 150 milioni. Altro canale d’oro riguarda le sponsorizzazioni, una cornucopia che assomiglia al pozzo di S. Patrizio. In questo Maywather è inarrivabile. Per il paradenti ha trovato il modo di farsene fare uno da 25.000 dollari e stamparne 100 copie da 10.000 dollari a testa, ovvero un milione. Parliamo dell’oggetto di minor costo. Pacquiao sui suoi pantaloncini ha un capitale di due milioni e mezzo, la metà di quelli di Pretty Money! Accappatoio e altro su quella linea. La Birra Tecate scuce quasi sei milioni per il tappeto. Magliette, cappellini, scarpe e tutto lo scibile, comprese le bandierine e i mini guantoni, le previsioni si attivano sui 20 milioni ma in difetto. Il movimento dell’evento, riguarda la città e in particolare il costo di alberghi, ristoranti, spettacoli, negozi di abbigliamento e pure i taxi hanno triplicato le tariffe. Ciò che attira l’attenzione dei turisti è lievitato fino al 300%. Un solo esempio, nella struttura che ospita l’evento, le stanze costano in media 200 dollari a notte, tra sabato e domenica “solo” 2200, tasse incluse. Una suite da 1200 a 4000. Il comune di Las Vegas ha quadruplicato gli agenti in servizio. Cresce la delinquenza? Anche quella, in particolare i borseggiatori, che contano sulla distrazione tipica dei turisti, per trasferire i portafogli da una tasca all’altra. Il vero problema riguarda l’arrivo in massa delle signorine di scarsa virtù. Un esercito alla caccia di clienti con argomenti suadenti. Purtroppo per loro, la legge del Nevada proibisce di svolgere questa professione e chi viene colto in fragranza di reato, corre il rischio di multe salate e soggiorni al fresco. Gli scommettitori danno Mayweather favorito abbastanza nettamente, ma il maggiori numero di puntate le hanno fatte i supporter di Manny. Le quote pagano 100 a 2000 il successo per Floyd, 175 a 100 sul filippino. Il pareggio indica un appetitoso 900 a 100, che ha indotto qualcuno a puntare 100.000 dollari, che tradotto in vincita, significherebbe quasi un milioncino. In questa disamina tipicamente americana, alle operazioni di peso sono entrati in cassa 120.000 dollari, pagati dai 12.000 presenti, ovvero 10 biglietti verdi a testa. C’è poi il circuito chiuso, che nella sola Las Vegas ha venduto 50.000 ticket, ma è solo la prevendita, i soliti informati assicurano che si toccheranno i 10 milioni, senza contare che anche su questa opportunità quello pagato all’origine è aumentato del 200%. Precisando che il fisco ovunque può, incassa almeno il 40% sul lordo. Ci sono anche le emittenti straniere, a ingrossare il bilancio, compresa la nostra Deejay Tv, alla quale facciamo gli auguri e i complimenti per la scelta, dimostrando una lungimiranza, mancata clamorosamente ad altre emittenti. La diretta inizia alle 23 di sabato, con la trasmissione da Roma della serata allestita da Buccioni, imperniata su De Carolis-Alì Ndiaye per l’Internazionale supermedi IBF e il tricolore medi tra Buccheri e Manco. A seguire alcuni speciali di avvicinamento alla serata di Las Vegas. Il collegamento americano a partire dalle 3 di notte fino alle 6. L’evento verrà ripetuto alle 9 della domenica, alle 14 e ancora alle 21.15. Hanno acquistato i diritti emittenti di tutti i continenti e solo quella filippina Solar Tv, ha pagato 10 milioni. Aggiungo un aspetto di raffronto, per leggere le qualità dei due. Mayweather ha iniziato nei pro nel ’96, dopo i Giochi di Atlanta dove giunse 3°, con tanti rimpianti, convinto di essere stato defraudato dall’opportunità di centrare l’oro. Quella subita da Floyd contro il bulgaro Todorov (9-10) è stata l’ultima sconfitta. Nei dilettanti ha vinto 84 volte e perduto otto match. Tra i professionisti è imbattuto dopo quasi vent’anni, con 47 vittorie. Campione del mondo in cinque categorie (superpiuma, leggeri, superleggeri, welter e superwelter), in pratica è iridato dal 1998. Non meno eclatante la carriera del filippino Pacquiao, nato a Kibawe il 17 dicembre 1978, 22 mesi più giovane di Mayweather. Professionista dal 1995 a 16 anni, militando nei mosca. Categoria dove conquista il primo mondiale (1998) al quale seguiranno altre cinque cinture (supergallo, superpiuma, leggeri, welter e superwelter). Il suo score indica 57 vittorie, 5 sconfitte e 2 pari. Cinque gli avversari in comune. Il messicano Juan Manuel Marquez, affrontato quattro volte da Pacquiao, due vittorie, un pari e una cocente sconfitta per ko al sesto round nel 2012, mentre l’americano ha vinto nel 2009 ai punti. Il portoricano Miguel Cotto ha perso da entrambi, ko al 12° con Pac, nel 2009, ai punti con Floyd nel 2012. Shane Mosley, battuto ai punti da entrambi, mentre l’inglese Ricky Hatton si è inchinato prima del limite con i due. Infine, il grande Oscar De La Hoya, battuto da May nel 2007, per split decision, molto contestata, mentre col filippino l’anno dopo ha ceduto all’8° round, per ferita, ed è stato l’ultimo match di una carriera inimitabile. Non secondario il ruolo dei due campioni. Mayweather è l’antipatico in assoluto, la sua storia è emblematica. Mamma drogata, papà poteva essere un campione di rango, tanto da sfidare Sugar Leonard, ma non aveva la testa giusta. In carcere per spaccio di eroina. Il figlio è stato spesso al limite delle regole, pur pagando pegno, ha saputo evitare il peggio. Fa anche beneficenza e non poca, ma su questo versante non è molto loquace. Il buono è Manny Pacquiao, idolatrato in patria, più popolare del presidente della Repubblica, che quando Pac rientra a casa, lo va ad accogliere all’aeroporto. In questo mese è uscito il film della sua vita, già nei circuiti Usa e in Canada, si chiama “Kid Kulafu”. Racconta l’infanzia di un bambino più povero dei poveri, che partendo dal nulla tocca la cima del mondo. Il film si ferma al debutto sul ring a 10 anni. Vinto per ko. Il resto è ancora in atto. Due modi diversi di vivere la ricchezza e anche il futuro. May farà sempre più affari, dove ha intuito e fortuna, mentre Pac pensa di far politica a tempo pieno per aiutare la sua gente. Che spera in futuro di vederlo salire alla presidenza delle Filippine.
Nella serata è inserita anche la difesa piuma WBO del fenomeno ucraino Vasyl Lomachenko, il dominatore nei dilettanti dal 2008 al 2012: due olimpiadi, titoli mondiali ed europei, contro Gamalier Rodriguez, un portoricano di 27 anni, imbattuto dal 2007. In altre occasioni, un clou con i controfiocchi, stavolta ignorato o quasi. Per non parlare degli altri cinque confronti in locandina. Per assurdo, neppure l’aspetto tecnico della sfida principale, va oltre l’orientamento generale di un Pacquiao all’assalto e May in difesa attiva, con discreto vantaggio per Pretty Money, ritenuto più abile e resistente, anche se ha quasi due anni in più: 38 contro 36. Questa è Las Vegas, lo specchio di una società capace di allestire un evento tra due quasi quarantenni che per una settimana oscura tutto il resto dello sport mondiale. E chiamateli fessi.
 
Giuliano Orlando

 

 

 

 

 

Archive

UN GIORNO COME OGGI, IL 23 OTTOBRE DEL 1979

Kalule, ugandese con licenza danese di Priminao Michele Schiavone Tra i tanti africani che trovarono nel vecchio continente il luogo ideale per realizzare i loro sogni ci fu Ayub Kalule, l’ugand...

23/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 22 OTTOBRE DEL 1977

Lassandro, tre volte titolare nazionale di Priminao Michele Schiavone L’elenco dei pugili diventati campioni italiani per tre volte nella stessa categoria contempla il nome di Damiano Lassandro,...

22/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 21 OTTOBRE DEL 1934

Edelweiss Rodriguez campione d'Italia di Priminao Michele Schiavone Uno dei primi pugili riminesi che si fece conoscere a livello italiano fu Edelweiss Rodriguez, vincitore del titolo nazionale profes...

21/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 20 OTTOBRE DEL 1979

John Tate vincitore di Gerrie Coetzee di Priminao Michele Schiavone Il primo campionato del mondo disputato in Sudafrica da pesi massimi fu ospitato a Pretoria il 20 ottobre 1979, combattuto tra il pu...

20/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 19 OTTOBRE DEL 1984

Mike McCallum, tre corone iridate di Priminao Michele Schiavone Dagli anni ’80 del secolo passato si è assistito alla crescita del numero di pugili che hanno voluto superare i primati di ...

19/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 18 OTTOBRE DEL 1968

Vittorio Saraudi sconfigge Giovanni Biancardi di Priminao Michele Schiavone Il terzo campione italiano di Civitavecchia fu Vittorio Saraudi, figlio di Carlo, precursore del pugilato nella città...

18/10/2017

CAMPIONI DEL MONDO DI ORIGINE ITALIANA, MIKE BELLOISE

Al secolo Michele Belloise di Pietro Anselmi e Vincenzo Belfiore La famiglia Belloise ebbe dieci figli, quattro femmine e sei maschi. Di questi tre divennero pugili: Mike, Steve e Sal. Gli ultimi ...

18/10/2017

ADDIO A WALTER CEVOLI

GRANDE CAMPIONE RIMINESE di Alfredo Bruno Un altro lutto ha colpito la boxe italiana. A Rimini ieri si è spento, all’età di 59 anni, Walter Cevoli, che fu campione italiano dei mediomassimi negl...

17/10/2017

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS