There are 54.964 boxer records, at least 535.496 bouts and 10.262 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

DALLA SARDEGNA, SARRITZU-YANCHY ED ALTRI PROTAGONISTI

 

 

Un europeo molto combattuto ed il suo contorno

di Giuseppe Giallara

TORTOLI' (Sardegna), 26.10.2013 – Il match che valeva l'assegnazione del vacante titolo europeo dei pesi mosca, in palio fra il trentasettenne Andrea Sarritzu (34-8-5, 13 ko) e il bielorusso-iberico Valery Yanchi (22-3-2, 7 ko) si è concluso con un risultato di parità che ha lasciato le cose come stavano. Questo il responso dei giudici: 114-114, 117-112 per l'italiano, 117-114 per il fighter di stanza in Galizia. Un verdetto sostanzialmente accettabile ma che, tutto considerato, è sembrato togliere qualcosa a Yanchi il quale, a differenza di Sarritzu, nel corso del match non ha palesato segni di evidente difficoltà. In ogni caso, i cartellini della giuria non possono non lasciare perplessi poiché sono stati emessi tre giudizi diversi e contrastanti fra loro: pari (Lades), 5 punti per Sarritzu (Davies), 3 punti per Yanchi (Rukavina).
 
Valery Yanchy con i suoi secondi  /  foto: Giuseppe Giallara
 
Ma veniamo al fight. Attestatosi subito al centro del ring, il trentaseienne co-challenger bielorusso con passaporto iberico ha puntato a comandare le operazioni allo scopo di mantenere il combattimento sulla media distanza. Più alto e più rapido dell'antagonista, il peso mosca nativo di Lida ha arginato l'offensiva di Sarritzu con il jab destro, con i diretti e con il gancio sinistro ai quali ha fatto seguire abbastanza spesso il montante al corpo. Il boxeur isolano ha attaccato nel tentativo di accorciare le distanze, ha portato a segno precisi diretti e ganci soprattutto nella terza e nella settima ripresa, ha scambiato a viso aperto nell'ottava, si è prodotto in un finale veemente ma non ha mai variato i temi, diventando non di rado prevedibile e consentendo a Yanchi di prenderlo sul tempo per poi sottrarsi con rapidi spostamenti nelle gambe e sul tronco. Nella nona ripresa il peso mosca di stanza a La Coruna ha intensificato le sue azioni e ha caricato maggiormente i colpi in quella successiva, nel corso della quale ha raggiunto spesso il bersaglio con diretti, ganci e montanti al corpo e al volto che hanno messo in seria difficoltà Sarritzu il quale ha chiuso il round provato e scoraggiato. Nelle due tornate conclusive, incitato a gran voce dal pubblico, il generoso pugile di Quartu Sant'Elena ha gettato nella mischia le ultime energie, approfittando del fatto che Yanchi puntava a non correre troppi rischi per evitare di mettere a repentaglio quanto di buono aveva fatto sino a quel momento. Così facendo, il boxeur galiziano di adozione ha lasciato più spazio del dovuto a Sarritzu il quale ha chiuso il match in crescendo, mentre avrebbe dovuto darsi più da fare soprattutto nell'ultimo round. Da sottolineare, infine, che il match non è venuto meno sul piano della spettacolarità e che è stato assai corretto, tanto che l'arbitro, l'inglese Mark Green, non è quasi mai dovuto intervenire. 
Alla lettura dei cartellini, Valery Yanchi si è limitato ad abbozzare un sorriso sottilmente ironico, quasi divertito, con il quale ha espresso il suo disappunto per non essersi visto assegnare il verdetto e con esso il titolo. Nessuna protesta plateale da parte sua, a dimostrazione che il suo nick-name di “Gentleman” è giustificato.
Il match è da rifare, il titolo va assegnato. Sarritzu e Yanchi, pertanto, si troveranno di fronte ancora una volta per dirimere una questione di superiorità rimasta in sospeso.
Nel sotto-clou, il trentatreenne romano Emanuele “Ruspa” Della Rosa (33-1-9, 9 ko), quarto nella classifica mondiale Wbc, sfidante al titolo europeo e attualmente campione Intercontinental Ibf, ha sconfitto ai punti in sei round il lettone ventisettenne Semjons Moroseks (18-22-1, 7 ko), un mestierante battagliero e dal destro secco che talvolta riserva ai suoi antagonisti delle spiacevoli sorprese. Della Rosa, ha attaccato incessantemente, senza badare troppo alla difesa, con il chiaro intento di spedire ko il rivale. Così facendo si è però esposto ai maligni diretti e montanti del boxeur di Riga scagliati al volto e al corpo, finendo per incassare colpi che avrebbe potuto evitare. A lungo andare, tuttavia, la costante offensiva di Della Rosa ha finito per dare i suoi frutti, anche se Moroseks, richiamato ufficialmente nella quinta ripresa, per quanto nettamente battuto, non si è mai dato per vinto sino al termine. Acquisito il successo numero 34 della sua carriera a torso nudo, Della Rosa continuerà a pensare ai grandi match internazionali e al titolo europeo in possesso dell'imbattuto bielorusso Sergey Rabchenko.
La serata, organizzata dalla Promosport Sardegna di Tonino Puddu con la collaborazione della OPI 2000, ha ospitato il rientro sul ring della “Mamba Negra” italo-iberica Luca Giacon (22-1-0, 20 ko) dopo la sconfitta per il titolo europeo dei leggeri da questi subìta per ko tecnico alla seconda ripresa contro Emiliano Marsili. Giacon, per la prima volta da superleggero, ha affrontato il lungo ungherese diciottenne Mate “Long rifle” Hornyak (9-2-1, 3 ko) la cui unica sconfitta portava la firma del polacco Patryk Szymanski per il vacante titolo WBO Youth dei welter. Tranquillo e con la guardia alta, il boxeur nativo di Fuengirola (Malaga) ha preso subito a saggiare la consistenza del rivale che si dava da fare scagliando diretti e montanti d'incontro per tenerlo a distanza. Poi, nella seconda tornata Giacon ha incominciato a caricare i colpi e “Lungo fucile” Hornyac si è venuto a trovare in gran difficoltà. Raggiunto da un potente gancio destro al volto, il boxeur magiaro ha sbandato, è stato contato e ha ripreso la lotta, ma solo per essere investito da una serie al corpo e da un gancio sinistro alla mascella che lo ha fatto inginocchiare sulla stuoia. Hornyak ha trovato le energie per concludere il round, ma non quelle necessarie per riprendere il combattimento al gong della terza ripresa. Il venticinquenne Luca Giacon (che è un beniamino del pubblico sardo) è così ritornato alla vittoria e riprenderà a puntare gradualmente ai grandi obiettivi internazionali.
Il ventiseienne foggiano Andrea Scarpa (12-2-0, 7 ko), campione italiano dei superleggeri, ha battuto il magiaro ventisettenne Mate Sebok (2-8-1), costringendolo alla resa nel secondo round. Una conclusione che ribadisce la potenza di Scarpa il quale, dopo essersi aggiudicato il titolo tricolore, farà in modo di provare a dire la sua anche in Europa.
RISULTATI. Professionisti - Superleggeri: Luca Giacon (OPI 2000) b. Mate Hornyac (Ungheria) kot 3; Andrea Scarpa (OPI 2000) b. Mate Sebok (Ungheria) kot 2; superwelter: Emanuele Della Rosa (OPI 2000) b. Semjons Moroseks (Lettonia) p. 6. Campionato Europeo pesi mosca: Andrea Sarritzu (OPI 2000) e Valery Yanchi (Spagna) pari 12. Arbitro: Mark Green (Inghilterra); giudici: Jerome Lades (Francia), Richard Davies (Inghilterra), Zvonko Rukavina (Croazia). Supervisore: Marco Giuliani (Belgio).
 
Fonte: Alfredo Bruno

 

 

 

 

Archive

UN GIORNO COME OGGI, IL 19 SETTEMBRE DEL 1970

Zampieri su Proietti per ferita di Priminao Michele Schiavone Sono molti i casi in cui un pugile si afferma su un altro con il medesimo risultato prima del limite, nella stessa ripresa. Uno di questi ...

19/09/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 18 SETTEMBRE DEL 1951

Luigi Valentini batte Michele Palermo di Priminao Michele Schiavone L’undicesimo campione italiano dei pesi welter fu il romano Luigi Valentini che il 18 settembre 1951, nella capitale, spodest&...

18/09/2017

CAMPIONI DEL MONDO DI ORIGINE ITALIANA, TONY MARINO

Al secolo Antonio Marino di Pietro Anselmi e Vincenzo Belfiore Antonio Marino è l’unico tra tutti gli italo-americani elencati in questa rassegna di cui non abbiamo potuto trovare altri ind...

17/09/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 17 SETTEMBRE DEL 1975

Fanali, tre volte campione d'Italia di Priminao Michele Schiavone Il livornese Romano Fanali conquistò il titolo italiano dei pesi superleggeri per la terza volta il 17 settembre 1975 a Livorno...

17/09/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 16 SETTEMBRE DEL 1965

Bruno Santini supera Luciano Lugli di Priminao Michele Schiavone Il campione italiano dei pesi medi numero 27 fu il toscano Bruno Santini, arrivato alla conquista del titolo nel 1965, dopo l’abb...

16/09/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 15 SETTEMBRE DEL 1957

Garbelli vince contro Malè di Priminao Michele Schiavone La sera del 15 settembre 1957 il lombardo Giancarlo Garbelli rischiò il suo titolo italiano dei pesi welter a Viterbo contro il l...

15/09/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 14 SETTEMBRE DEL 1946

Fausto Rossi, Re senza corona di Priminao Michele Schiavone Il 14 settembre 1946 a Roma il locale di origine marchigiana Fausto Rossi affrontò per la settima volta il trevigiano Giovanni Martin...

14/09/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 13 SETTEMBRE DEL 1953

Duilio Loi, campione completo di Priminao Michele Schiavone La terza difesa del titolo italiano dei pesi leggeri da parte del campione Duilio Loi, avvenne il 13 settembre 1953 a Grosseto, contro il lo...

13/09/2017

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS