There are 54.971 boxer records, at least 535.570 bouts and 10.307 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

LA PRIMA TLB AI FALCHI LEGIONARI

 

 

La coppa della Prima Talent League of Boxing va ai Falchi Legionari

di  Alfredo Bruno

A Roma si è conclusa la carrellata interessantissima di questa Talent League of Boxing “inventata e ideata” da Roberto Cammarelle con una finale da codice rosso sportivamente e positivamente parlando che ha visto sfidarsi sul ring del PalaTiziano i Falchi Legionari e gli Squali Borboni, una edizione moderna, riveduta e corretta, di una sfida storica tra Lazio e Campania (anche se a quest’ultima si è aggiunta per necessità di partecipazione la Calabria). L’impianto romano ha rispolverato la scena per cui era nato, rivedendo il suo look per indossare lo smoking dei giorni migliori. Per quello che è avvenuto si tratta purtroppo di un miracolo che si è potuto realizzare grazie all’intervento del CONI, non insensibile al richiamo della FPI del Presidente Brasca e del Segretario Tappa. Oggi purtroppo per far risalire ai fasti meritati occorrono più voci: l’ospitalità della Virtus di Pallacanestro, una sinergia di sport che aiuta un altro sport, di Roma Capitale con il suo Assessorato Qualità della Vita, Sport e Benessere e una sfilata di sponsor e Social Partner rimasti affascinati dal progetto di Roberto Cammarelle. Il pubblico ha risposto bene e la comunicazione ha prodotto un tam tam, gergo primitivo ma efficace, che ha coinvolto tutte le testate sportive e alcune non, logicamente trovando anche adesione “satellitare” via internet e via etere.
 
L'esultanza dei vincitori al termine della finale
 
E’ stata reinventata dopo anni una tribuna vip con campioni di altri sport (Stefano Pantano, Luca Massaccesi, Elio Verde, Francesco D'Aniello, Fabrizio Donato, Alessio Sakara, Daniele Pantoni, Kelum Perera, Laurent Ottoz), vip istituzionali e del mondo dello spettacolo (Carlo Toti, presidente della Virtus, Alberto Brasca, presidente FPI, Roberto Aschi, presidente Comitato Laziale FPI, Enrico Apa, presidente Campania FPI, Pino Insegno, Tiziana Rocca, Giulio Base e Pinno Scaccia). Oltre ai pugili il protagonista principale è stato il pubblico con un campanilismo che ha trovato la sua giusta dose e correttezza senza uscire mai dalle righe, uno spot per tutto lo sport in generale.
 
Si comincia puntuali…le esigenze televisive non perdonano.
 
Nei 56 kg. “ il falco” Mauro Forte se la vede con “lo squalo” D’Andrea, unico calabrese insieme alla riserva Lavitola, un avversario dai denti aguzzi, per rimanere in tema, da tempo perno fisso della nazionale con titoli conquistati da paura. Forte fa onore al suo cognome, se la gioca sulla sua non indifferente potenza ma ha di fronte un avversario sgusciante e rapido che fa scattare le braccia come molle. Forte in guardia destra ha grinta e coraggio in quantità e lo si vede nel secondo round quando costringe l’avversario con uno scambio al cardiopalma. Nel terzo round D’Andrea trova la misura giusta e crea qualche problema al laziale, che stringe i denti per una onorevole sconfitta.
 
Nei 60 kg. gli “Squali” giocano quella che avrebbe dovuto essere la carta vincente. Donato Cosenza, anche lui titolare della Nazionale, affronta Valerio Nocera, giovane promessa uscita dal vivaio di Stefano Vagni e Fabio Carice. Il laziale non mostra alcun timore riverenziale e risponde per le rime. Qui la fortuna e la sorte, che spesso vanno a braccetto, giocano la loro parte. Cosenza esce con visibile taglio da uno scontro accidentale di teste. Il medico tampona provvisoriamente la ferita. Logicamente i ferri si riscaldano con un bello scambio, Nocera spara un gancio destro, che sembra teleguidato, e lo spacco si riapre. Per il medico non ci sono dubbi…il match è finito. Attesa per il verdetto: due giudici vedono Nocera e uno Cosenza. Quel gancio destro galeotto è stato determinante. Una sfortuna che ha fatto il bis con quella avvenuta l’anno scorso a Marcianise contro Michael Magnesi, altro pugile laziale. Nocera inconsapevolmente è stato determinante bloccando il superfavorito.
 
Nei 64 kg. Un Marco Ambrosi (Falco) pimpante e determinato prende subito l’iniziativa contro Gianluca Picardi, fratello del plurimedagliato Antonio. Il pugile campano soffre l’aggressività e il ritmo che gli impone l’avversario. Sente un destro nel secondo round, dopo uno scambio si accascia al tappeto, sembra stanco, probabilmente ha accusato un colpo, cosa che si è portato appresso fino alla fine. I Falchi passano in vantaggio.
 
Nei 69 kg. Altra sfida interessante e inedita. Stefano Zaccagno, passato alla “scuola” di Carlo Maggi, affronta Vincenzo Scannapieco. Quest’ultimo fa parte della schiera dei giovani emergenti ma ha di fronte un problema di non facile soluzione. Zaccagno è pugile di attacco, un demolitore pericoloso, che non concede tregua. Il match diventa duro fin dall’inizio. Scannapieco cerca di replicare, ma non sembra a suo agio di fronte all’incalzare dell’avversario. Nel secondo round accusa un forte dolore alla mano destra che richiede l’intervento del medico che decreta lo stop.
I Falchi prendono il largo.
 
Nei 75 kg. si entra nel regno di Raffaele Munno. Per Scaringella c’è una sola strada da seguire i colpi dritti e mantenere la distanza. E’ più facile a dire che a fare. Munno ha una sua abilità tutta particolare ad accorciare la distanza e sparare ganci e montanti in un fazzoletto di spazio. Scaringella ci mette il massimo impegno e per lui diventa già un merito non essere travolto. Gli Squali si avvicinano.
 
Negli 81 kg. Le speranze di un match ai punti si sciolgono già in partenza conoscendo il modo di combattere e la potenza di Nika Gogiashvili georgiano di Giugliano e l’aggressività di Matteo Guainella. Quest’ultimo sceglie la strada più impervia con lo scambio frontale. Lo spettacolo ci guadagna con battiti cardiaci in accelerazione. Dopo aver vinto il primo round Guainella pensa che quella sia la strada giusta, ma è come se avesse gettato un fiammifero acceso su una polveriera. All’ennesimo scambio sbarella visibilmente, l’arbitro lo conta e giustamente ferma il match, anche se il romano vorrebbe continuare. Tutto da rifare, siamo in parità.
 
Nei 91 kg. Nicolò Barsotti (Falco) e Domenico Norvetta (Squalo) si sono già incontrati in queste TLB. La vittoria era stata assegnata a Barsotti. Il romano si ripete con gli interessi. Norvetta prova a frenarlo con il destro, ma le mazzate dell’allievo di Pili lasciano subito il segno. Il naso di Norvetta sanguina, ma diventa quasi un motivo provvidenziale per fermare il match nel secondo round. I Falchi passano in vantaggio, mentre gli Squali puntano tutto sul match seguente.
 
Tra i +91 kg. C’è al di là del punteggio per la vittoria la sfida più interessante della giornata. Si parla della successione di Roberto Cammarelle. Mirko Carbotti e Tommaso Rossano si sono già incontrati due volte con una vittoria ciascuno. Tra loro è in palio la bella e si decide anche il risultato della squadra che vincerà la Talent League. L’inizio di Carbotti non è dei migliori, il laziale appare contratto di fronte ad un avversario più preciso. Ma sul finire il romano lascia partire un violento gancio destro che fa piegare le gambe all’avversario. Sembra il campanello di una riscossa. Carbotti lascia da parte ogni prudenza e attacca duramente, si becca anche un richiamo, ma si dimostra più efficace. Nel terzo round i due sembrano giocarsi tutto dalla leadership alla Nazionale con uno scambio intenso. Carbotti ha più benzina e finisce in crescendo. Vittoria chiara e i Falchi Legionari ricevono, anzi è Carbotti come capitano a riceverla da Cammarelle, la grande coppa che sancisce il loro trionfo. Le novità non finiscono qui perché il riconoscimento al miglior pugile del Torneo è andato a Nicolò Barsotti…tutto sommato più che giusto visto che il romano ha sempre vinto e ha fatto tutto e bene con la massima semplicità.
 
Alfredo Bruno

 

 

 

 

Archive

ADDIO A WALTER CEVOLI

GRANDE CAMPIONE RIMINESE di Alfredo Bruno Un altro lutto ha colpito la boxe italiana. A Rimini ieri si è spento, all’età di 59 anni, Walter Cevoli, che fu campione italiano dei mediomassimi negl...

17/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 17 OTTOBRE DEL 1986

Jacobsen, un danese che fece la differenza di Priminao Michele Schiavone La storia pugilistica della Danimarca, anche se scritta da pochi pugili rispetto al maggior numero dei colleghi di altre nazi...

17/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 16 OTTOBRE DEL 1964

La rivincita di Serti su Mastellaro di Priminao Michele Schiavone Uno dei pochi pugili che conquistarono il titolo italiano per la prima volta, al secondo tentativo, dopo aver perduto la cintura europ...

16/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 15 OTTOBRE DEL 1969

Carmelo Coscia, un campione di lungo corso di Priminao Michele Schiavone Uno di quei pugili che si spesero a lungo prima di arrivare all’appuntamento con il campionato italiano professionistico ...

15/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 14 OTTOBRE DEL 1983

A Milano, un programma, tre titoli di Priminao Michele Schiavone Quando il capoluogo lombardo poteva essere definito un baluardo dell’organizzazione pugilistica italiana, il promoter milanese Eg...

14/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 13 OTTOBRE DEL 1956

Guido Mazzinghi batte Marino Faverzani di Priminao Michele Schiavone La prima ed unica difesa del titolo italiano dei pesi medi sostenuta dal toscano Guido Mazzinghi avvenne il 13 ottobre 1956 a Milan...

13/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 12 OTTOBRE DEL 1974

Efisio Pinna vincitore in Sudafrica di Priminao Michele Schiavone Il pugile cagliaritano Efisio Pinna fu l’unico vincitore prima del limite del sudafricano Kokkie Oliver, che affrontò a J...

12/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, L'11 OTTOBRE DEL 1984

Luigi Marini, due volte campione nazionale di Priminao Michele Schiavone Tra i pugili che hanno conquistato più di una volta il titolo italiano si trova il marchigiano Luigi Marini che l'11 ott...

11/10/2017

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS