There are 55.017 boxer records, at least 535.898 bouts and 10.393 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

ACCADDE OGGI, FRANCO SCISCIANI A LONDRA

 

 

23 febbraio 1960, Franco Scisciani contro Henry Speedie

di Alessandro Bisozzi

Nato l'8 gennaio 1934 a Civitavecchia, Franco Scisciani era cresciuto tra i giovani allievi della palestra del grande Carlo Saraudi.
Frequentando gli ambienti dove erano ancora fresche le orme dei fortissimi pugili civitavecchiesi del passato, e allenandosi con atleti che sarebbero diventati campioni, come gli stessi figli di Carlo Saraudi, Giulio e Vittorio, Franco cominciò l'attività agonistica giovanissimo.
Il fascino del ring, in una città che vanta una prestigiosa tradizione pugilistica, fu per lui irresistibile. Era diventato la mascotte della "Pugilistica Civitavecchiese", il ragazzetto sempre presente intorno alle faccende della palestra e delle numerosissime riunioni organizzate alla "Boxe Arena". Nelle foto scattate sul ring prima dei combattimenti, la sua faccetta impertinente e vivace appariva spesso accanto ai pugili famosi del tempo.  (Henry Speedie e Franco Scisciani prima del match)
Peso welter poi medio, Franco da dilettante aveva disputato una settantina di incontri, conquistando il primo successo importante nel 1955 a Barcellona, quando vinse la medaglia d'argento ai Giochi del Mediterraneo.
Nello stesso anno partecipò ai campionati europei a Berlino, dove ai quarti di finale subì un'ingiustizia clamorosa dopo l'incontro col sovietico Scharerjan, quando fu eliminato addirittura dopo essere stato proclamato vincitore. Una beffa che scatenò l'inferno all'interno dello Sportpalast, dove si erano riunite cinquemila persone in stragrande maggioranza di nazionalità italiana. Una vergognosa decisione che spinse i dirigenti della squadra pugilistica ad abbandonare le gare.
Nel 1956 divenne campione internazionale militare, titolo che riconquistò l'anno successivo, prima di partecipare alle Olimpiadi.
A Melbourne ebbe la sfortuna di incontrare un fenomenale portoricano (con passaporto americano), un pugile che da professionista diventò per quattro volte campione mondiale dei medio-massimi: Jose Torres. Non senza una certa difficoltà, Scisciani fu battuto da Torres il quale poi dovette inchinarsi, in finale, di fronte alla straordinaria classe dell'ungherese Laszlo Papp.
Passato professionista nel 1957, il civitavecchiese si distinse per una lunga serie di vittorie, alcune delle quali ottenute grazie alla sua pesante mazzata di destro, un pugno particolarmente violento e capace di chiudere il match fin dalle prime battute.
Egli conservò l'imbattibilità per quasi due anni, per perderla contro il potente campione d'Italia dei pesi medi Italo Scortichini. Ferito gravemente al naso e al sopracciglio sinistro, Franco venne infatti fermato dall'intervento del medico alla nona ripresa.
Nel novembre del 1959, a Civitavecchia, Scisciani batté il bolognese Remo Carati e conquistò il titolo italiano dei pesi medi.
Quattro mesi dopo, il suo primo combattimento all'estero da professionista.
Il grande promoter inglese Jack Solomons lo inserisce in una riunione all'Empire Pool di Wembley, a Londra. Il suo avversario è il giovane campione sudafricano Henry Speedie.
Aspirante al titolo del Commonwealth Britannico, il mancino Speedie aveva un ruolino di marcia di tutto riguardo. Passato professionista appena diciannovenne, aveva destato subito notevole impressione per quel suo sinistro al fulmicotone, un diretto pericolosissimo che sapeva lanciare da distanze siderali con la velocità della luce. Il suo connazionale Piet Pieterse, che ne subì i dolorosi effetti, disse che quel colpo era più rapido del battito di ciglio.
Dopo essere diventato campione sudafricano dei pesi medi, nel 1959, Speedie si trasferì in Inghilterra per intraprendere il lungo percorso necessario al tentativo di conquista del più ambito titolo dell'ex impero britannico.
Lo Sports Arena di Wembley sorge dove in origine c'era una piscina, la Empire Pool appunto, e la sera del 23 febbraio 1960, otto incontri di professionisti allietarono i quasi diecimila spettatori presenti.
Il match di Scisciani è arbitrato da una vecchia conoscenza del pugilato italiano, l'inglese Jack Hart, colui che nel lontano 1933, a Milano, stava per assegnare il primo titolo del mondo al nostro Domenico Bernasconi, squalificando per scorrettezze il suo avversario, il leggendario Panama Al Brown. Quella decisione rientrò per merito del giudice americano Sparks che fece applicare alla lettera il regolamento che prevede, prima della squalifica, un richiamo ufficiale.
Per la cronaca, Bernasconi non riuscì a vincere quel match e non conquistò il primo titolo del mondo per un pugile italiano, primato che spetta di diritto a Primo Carnera.
Jack Hart, apprezzato giudice internazionale, fu più volte al centro di polemiche per le sue decisioni tendenti a favorire pugili connazionali. La sua lunghissima carriera, iniziata nel 1926, terminò quasi quarant'anni dopo, nel 1965!
Scisciani era al suo esordio oltreconfine da professionista e i rischi a cui andava incontro, affrontando Speedie a Londra, erano altissimi. Erano tanti i pugili italiani che in Inghilterra non avevano ottenuto dei verdetti "cristallini", e un rimedio da tenere in dovuta considerazione, per lui, era senz'altro quello della soluzione prima del limite.
Il sudafricano era un pugile ostico soprattutto per il fatto di essere mancino, cosa non gradita a nessuna guardia sinistra ed in particolare a Scisciani che dell'in-fighter faceva la sua arma migliore.
Il civitavecchiese parte come un missile, vuole prendere l'avversario in contropiede e ci riesce in pieno, perché con un destro d'incontro spettacolare al viso lo spedisce subito al tappeto.
Speedie ce l'avrebbe fatta lo stesso a rialzarsi nei dieci secondi previsti, tuttavia l'arbitro gli concede un ulteriore margine, temporeggiando nel riaccompagnare personalmente all'angolo opposto l'italiano.
Il recupero è veloce e il sudafricano si rimette presto in linea, seppure costretto a parare di continuo le numerose iniziative dell'avversario che lo incalza senza tregua.
Scisciani fa di tutto per portare il combattimento alla corta distanza, le sue poderose mazzate giungono a segno più volte mentre Speedie col diretto sinistro cerca di tenerlo lontano.
Il civitavecchiese è in buona giornata, mobilissimo ed efficiente, anche se a volte, durante le cariche, non riesce a controllare nel modo giusto la sua irruenza.
Ogni più piccola breccia, ogni esitazione ed errore dell'altro è un'occasione per il velocissimo sinistro di Henry, che scatta puntuale e potente come una cannonata.
Il sudafricano comunque ha adottato una tattica sfuggente, evita gli scambi in spazi corti e quando non può tirarsene fuori ricorre spesso al clinch, e a qualche abile scorrettezza, per bloccare il solido destro dell'avversario.
Verso la metà dei dieci round previsti l'incontro si infiamma, una lunga serie di scambi violentissimi tra i due caratterizza questa fase del confronto, il mancino sfrutta il fattore sorpresa e la sua maggior velocità, l'italiano la sua potenza. Il pubblico inglese apprezza la combattività di entrambi applaudendo a lungo le fasi più concitate della battaglia.
Il velenoso sinistro di Speedie centra più volte il bersaglio con precisione, mettendo a dura prova la solidità di Scisciani, robusto incassatore, il quale nonostante sia sottoposto ad un feroce contrattacco non molla la possibilità di poter chiudere la partita prima del limite.
Il civitavecchiese appare ancora in buone condizioni di freschezza e all'inizio dell'ottavo round riprende decisamente l'iniziativa, scaricando sull'avversario una serie ininterrotta di colpi durissimi dalla corta distanza, combinazioni precise e pulite che demoliscono le difese del sudafricano costringendolo ad arretrare. Ed è proprio durante uno di questi scambi che un formidabile gancio sinistro, portato con una rapida rotazione del corpo, colpisce la mandibola di Speedie mandandolo al tappeto per la seconda volta.
Anche in questa circostanza, il conteggio inizia con un notevole ritardo da parte dell'arbitro, una dilazione a favore del suono del gong che salva il pugile di Durban, ormai alla frutta.
Le restanti due riprese offrono poco allo spettacolo e all'iniziativa di Scisciani, costantemente ostacolato dalle manovre ostruzionistiche di un pugile che voleva solo arrivare alla fine del match.
Il verdetto sorprese il civitavecchiese più per la rapidità con la quale fu emesso che per l'esito; l'arbitro, infatti, sollevò il braccio di Speedie prima ancora che questi rientrasse all'angolo.
 
Franco Scisciani ed Alessandro Bisozzi ritratti nell'ottobre 2013
 
Incontro spesso il mio amico Franco Scisciani, persona dai modi garbati d'altri tempi, il quale mi parla sempre volentieri della boxe del passato.
Di quell'incontro, di quel giudizio scandaloso e assolutamente partigiano, egli usa un'espressione che mi ha sorpreso per la delicata gentilezza con la quale ha voluto tradurre il concetto di fregatura.
Franco finisce di raccontarmi quell'episodio con un sorriso disincantato e una frase di una semplicità disarmante; egli dice: «Sono stato buggerato, tutto qui, sono stato buggerato
Dietro quella frase si nasconde, secondo me, un disappunto profondissimo, inasprito anche dall'esito di un'altra decisione, a dir poco affrettata, subita quattro mesi più tardi durante il match con Bruno Fortilli a Saint Vincent, quando Franco perse il titolo d'Italia in seguito a squalifica al decimo round.
Per un atleta dall'integrità morale come lui furono ingiustizie intollerabili, e quest'ultima la classica goccia che fa traboccare il vaso, una disillusione verso il mondo del pugilato che lo spinse sulla via del ritiro dall'attività ad appena ventisei anni.
 
Alessandro Bisozzi

 

 

 

 

Archive

UN GIORNO COME OGGI, IL 16 DICEMBRE DEL 1950

Sugar Ray Robinson in Svizzera di Priminao Michele Schiavone Uno dei più grandi pugili a livello mondiale, l’americano Sugar Ray Robinson, al secolo Walter Smith Jr, originario della Geor...

16/12/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 15 DICEMBRE DEL 1947

Correggioli, seconda vittoria su Bondavalli di Priminao Michele Schiavone Il sedicesimo campione italiano dei pesi piuma, il rodigino Enzo Correggioli, mise in palio per la prima volta il suo titolo a...

15/12/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 14 DICEMBRE DEL 1960

Alvaro Nuvoloni sovrasta Giovanni Fattori di Priminao Michele Schiavone Il romano Alvaro Nuvoloni affrontò il concittadino Giovanni Fattori il 14 dicembre 1950 a Cagliari, senza mettere in pali...

14/12/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 13 DICEMBRE DEL 1960

Piero Rollo pareggia con Ugo Milan di Priminao Michele Schiavone Nel secondo regno italiano dei pesi gallo il sardo Piero Rollo si trovò a fronteggiare il veneziano Ugo Milan, determinato a tog...

13/12/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 12 DICEMBRE DEL 1975

Vincenzo Ungaro professionista in Svizzera di Priminao Michele Schiavone Il 12 dicembre 1975 a Ginevra, Svizzera, il bresciano Vincenzo Ungaro chiuse la sua prima stagione professionistica, iniziata ...

12/12/2017

UN GIORNO COME OGGI, L'11 DICEMBRE DEL 1975

Vincenzo Ungaro professionista in Svizzera di Priminao Michele Schiavone Il 12 dicembre 1975 a Ginevra, Svizzera, il bresciano Vincenzo Ungaro chiuse la sua prima stagione professionistica, iniziata s...

11/12/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 10 DICEMBRE DEL 1982

Daniele Zappaterra supera Rosario Pacileo di Priminao Michele Schiavone Gli sportivi di Copparo esultarono la sera del 10 dicembre 1982, quando a Ferrara il loro beniamino Daniele Zappaterra conquist&...

10/12/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 9 DICEMBRE DEL 1982

Epifani e De Souza per la terza volta di Priminao Michele Schiavone Il 9 dicembre 1982 a Taranto il locale Eupremio Epifani affrontò per la terza volta il brasiliano Eloi Emiliano De Souza, il ...

09/12/2017

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS