There are 54.687 boxer records, at least 532.660 bouts and 10.090 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

UN GIORNO COME OGGI, IL 13 FEBBRAIO 1981

 

 

Una riunione con Serreli, Tidu, De Montis, Aresti e Torsello

di Primiano Michele Schiavone

Nella riunione di Cagliari del 13 febbraio 1981, su 10 pugili impegnati la metà di loro arrivò a disputare il campionato italiano e due di essi riuscirono a vincerlo. Quella sera, nel gruppo di atleti entrati nel circuito tricolore ci fu il peso gallo cagliaritano Roberto Serreli vinse nella quinta ripresa quando l’avversario siciliano Corrado Infanti abbandonò il confronto. Serreli, professionista dall’aprile dell’anno precedente, arrivò alla sfida per il titolo italiano nel febbraio 1982, quando affrontò a Cagliari il campione Giuseppe Fossati, contro il quale rimase indietro nel punteggio dopo 12 tempi. Il cagliaritano ottenne un’altra chance in luglio a Pineto, in Abruzzo, dal nuovo titolare Valter Giorgetti, il cui confronto si concluse ancora ai punti in 12 tempi a favore del suo avversario. Serreli salì sul ring per l’ultima volta in dicembre e lasciò il pugilato dopo 20 incontri: 16-4-0. Seguì il peso leggero locale Giuseppe Tidu che dispose dell’invitto veneziano Angelo Ambrosio nella seconda sessione. Il cagliaritano iniziò la carriera a torso nudo nel febbraio dell’anno precedente e raggiunse l’appuntamento per il campionato nazionale nel novembre 1985, con la sfida al detentore napoletano Alfredo Raininger, combattuta a Casavatore, in Campania, e conclusa con la sconfitta decisa nella decima frazione da una ferita. La successiva sconfitta patita nell’aprile 1986 indusse Tidu a chiudere con la boxe, dopo 28 confronti: 23-3-2. Venne poi il turno dell’altro peso leggero di casa Bruno De Montis che mantenne l’imbattibilità dopo 8 riprese combattute con il brasiliano Josia Malquides da Silva, in vista del confronto per il vacante campionato italiano che affrontò due mesi dopo a Caserta e vinse a spese del locale Pellegrino Ventrone, costretto ad abbandonare nella decima sessione. Il dominio del mancino De Montis si concluse in settembre a Chianciano Terme, Siena, dove il pisano di origine avellinese lo superò al termine delle 12 riprese, togliendogli il titolo. Il sardo, dopo il fallito tentativo di riprendersi il primato nazionale dal ligure Luca De Lorenzi, contro il quale abbandonò nella ripresa iniziale, continuò a calcare il ring fino all’agosto1990, momento nel quale rinunciò all’attività con il record di 52 incontri: 33-14-5. Infine si affrontarono i pesi welter Francesco Aresti, atleta di casa, ed Antonio Torsello, tarantino di Mottola residente in Svizzera. Il cagliaritano, con esperienza a torso nudo risalente all’aprile 1978, superò il pugliese dopo 8 tempi ed allungò lo sguardo sul titolo italiano, il cui appuntamento arrivò nel settembre 1981 e lo realizzò favorevolmente nella sua città contro il riminese Pierangelo Pira, fermato nella decima ripresa. Aresti tornò su quel ring in dicembre, nella difesa del titolo programmata con Giuseppe Di Padova, foggiano di nascita residente a Mantova, al quale cedette nel terzo tempo. Fu quello il suo ultimo incontro, il numero 23: 18-2-3. Il pugliese Antonio Torsello, professionista in terra elvetica dall’ottobre 1973, disputò due campionati italiani, entrambi persi a causa di ferite: il primo nell’ottobre 1980 a Grosseto nella sfida a Pierangelo Pira; il secondo nell’agosto 1982 ad Alberobello, in provincia di Bari, contro Gianfranco Rosi. La carriera di Torsello si concluse nel luglio 1986 dopo 52 combattimenti: 26-26-0.

IL RICORDO DI UN ANNO PRIMA

13 febbraio 1971: Adinolfi batte Macchia

di Alfredo Bruno

Domenico Adinolfi aveva da pochi mesi conquistato il titolo italiano dei mediomassimi, togliendolo ad un Giulio Rinaldi sul viale del tramonto. Il giovane pugile di Ceccano, all’epoca aveva 25 anni, era chiamato ad un’insidiosa verifica del suo valore affrontando lo sfidante Gianfranco Macchia, pugile di Ferrara che già era stato titolare della categoria, detronizzato successivamente per squalifica proprio da Giulio Rinaldi. Una ruota che si era fermata nel Palasport romano, tempio della boxe che conta. Il match non tradì le aspettative e fu seguito con attenzione dal numeroso pubblico. Adinolfi si dimostrò all’altezza della situazione sciorinando alla perfezione il jab sinistro e il montante destro. Macchia non era tipo da tirarsi indietro e rispose per le rime. Nonostante la strenua resistenza dello sfidante Adinolfi aveva accumulato un bel vantaggio nei primi nove rounds. Ma dal decimo le cose cambiarono ed uno scatenato Macchia mise in difficoltà il campione. La situazione non cambiò nelle ultime due riprese. Due giudici optarono per Adinolfi, mentre il cartellino dell’arbitro, il signor Cecchi, vedeva chiaramente in vantaggio Macchia. Adinolfi vinse quindi per split decision, ma la stampa optò decisamente per lui, considerato la grande promessa del pugilato italiano. I due si rincontreranno l’anno dopo, sempre titolo in palio a Roma, e stavolta ad ottenere il verdetto sarà Macchia. Il ferrarese pur essendo considerato fra i migliori d’Europa non andò oltre il titolo italiano, mentre Adinolfi diventerà campione d’Europa nel 1974 con la fulminea vittoria sul tedesco Klein. Record di Domenico Adinolfi: + 51, 26 per ko, – 9, = 3. Record di Gianfranco Macchia: + 23, 13 per ko, – 9, =5. (pubblicato il 13 febbraio 2016)

Primiano Michele Schiavone
 

 

 

 

 

 

 

Archive

UN GIORNO COME OGGI, IL 23 MAGGIO DEL 1935

Heinz Lazek, campione sotto diverse bandiere di Primiano Michele Schiavone Con l’annessione dell’Austria alla Germania Nazista voluta dal Terzo Reich nel 1938, i migliori pugili austriaci ...

23/05/2017

CAMPIONI DEL MONDO DI ORIGINE ITALIANA, SAMMY MANDELL

Al secolo Salvatore Mandalà di Piero Anselmi e Vincenzo Belfiore Salvatore Mandalà è forse uno dei più grandi tra quelli ricordati in questa rassegna. Venne soprannomin...

22/05/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 22 MAGGIO DEL 1970

Jorge Ahumada, il mondiale grazie al trasferimento di Primiano Michele Schiavone I pugili di valore assoluto nati in Argentina sono stati molti. Alcuni di essi hanno preferito emigrare per affermarsi ...

22/05/2017

MORTO LUIS FOLLEDO, ICONA DELLA BOXE SPAGNOLA

Uno dei pugili iberici più carismatici di Primiano Michele Schiavone Lunedì 22 maggio 2017 – Luis Folledo, uno dei grandi della storia pugilistica spagnola, così definito dalla Fede...

22/05/2017

SECONDO RADUNO EX PUGILI MILITARI ALLA SMEF

Nella giornata delle rimembranze, dopo 30 anni dal loro primo incontro Lunedì 22 maggio 2017 – L’ex pugile Gianluca Ciarlariello ci ha fatto pervenire il racconto di una giornata vissuta dagli ex pugili...

22/05/2017

CRAWFORD SENZA PROBLEMI CONTRO DIAZ

In palio due cinture iridate delle 140 libbre di Primiano Michele Schiavone New York City, 20 maggio 2017 – Il Madison Square Garden è stato teatro di un’altra sfida mondiale quando lo statuniten...

21/05/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 21 MAGGIO DEL 1960

Jose Napoles da Cuba al Messico di Primiano Michele Schiavone Il cubano Jose Napoles dimostrò di avere doti particolari fin da quando combattete tra i pesi leggeri, privo ancora dell’appe...

21/05/2017

IL RICORDO DI NICOLA ALOÈ, EX PUGILE DI SAN SALVO

Ci ha lasciato Nicola Aloè: una vita dedicata al pugilato sansalvomare.it SAN SALVO | E’ morto oggi pomeriggio (20 maggio 2017) Nicola Aloè, pugile in età giovanile e poi allenatore di ...

21/05/2017

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS