There are 54.965 boxer records, at least 535.524 bouts and 10.273 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

WSB, SPLENDIDA ITALIA METTE KO L'UCRAINA

 

 

Storico 5-0

Grazie a Selby, Conceicao, Mangiacapre, Benchabla e Nistor

Prima nel girone A

di Giuliano Orlando

Cinque ragazzi in gamba, cinque successi di valore e il premio del primato nel girone A. Tutto in una serata. Per mettere la ciliegina sulla torta, il successo di Vincenzo Mangiacapre, segnava anche la centesima vittoria dei Thunder Italia nelle quattro edizioni delle WSB. Brava Italia in guantoni. Un trionfo atteso ma in sede di previsione non facile, considerato che l’Ucraina giunta a Gela non era certo un quintetto di seconda fascia. Metteva sul ring il campione europeo dei leggeri Ishenko, e quattro titolari ai mondiali di Almaty. Puntavano a vincere, pur sapendo che bastava una sconfitta di misura per mantenere la testa del girone e avere il vantaggio di evitare Cuba in semifinale. Questo nelle previsioni del ct. Valentyn Sobolyevskyy, che guida il team dall’esordio nelle WSB. Stavolta ha fatto i conti senza l’oste, raffigurato dalla franchigia guidata da Francesco Damiani, che ha messo sul ring cinque ragazzi in gamba, capaci di dare il 100% del rendimento e anche più. Questa la differenza tra le due squadre, evidenziata da un risultato storico. Nessuno aveva mai inflitto il 5-0 all’Ucraina. Che all’andata era stata l’unica ad averci battuto. Buon colpo d’occhio al PalaCossiga di Gela, non l’esaurito ma quasi. Dicevamo un 5-0 che neppure i più ottimisti davano per scontato. Il fatto è che l’emulazione ha fatto da spinta in più per tutti. Nei 52 , il gallese Selby, pluritolato in Europa e nel mondo, ha vanificato l’ardore combattivo del kirghiso Usenaliyev, 22 anni, ad alti livelli dal 2009 a Milano, che muove le braccia velocemente ma conosce solo l’assalto frontale, molto gradito ad Andrew, mobilissimo e di una linea tecnica superiore. L’amico Patrizio Oliva al microfono di Fox Sport 2, era impressionato dal fuoco offensivo dell’asiatico, ma sottovalutava Selby, non solo più completo ma anche tatticamente superiore. Dopo averlo fatto stancare a dovere, lo impallinava e nel finale giocava, senza dannarsi più di tanto. Tra i 60 kg. il brasiliano Conceicao ha corso qualche rischio solo nel primo round, quando le spaventose batterie di Ischenko, titolare europeo a Minsk nel 2013, sia pure con molti dubbi, erano al massimo voltaggio. In particolare un destro bomba che centrava la faccia del carioca, comunque bravissimo ad assorbire il colpo e replicare subito dopo. Il resto è stato tutto per l’argento mondiale, tempista e mobile. Anche se ancora legnoso nei movimenti, sa evitare i colpi e rientra alla grande. Ischenko è un randellatore spesso inguardabile, si lascia trascinare dalla tranche agonistica e combatte più fuori che dentro le regole. L’arbitro azero Huseynov ha lasciato correre troppe volte, richiamandolo per spallata, il reato minore. Ignorando testate e colpi scorretti. Era molto atteso Mangiacapre, il triplo bronzo (europeo, mondiale e olimpico), reduce dalla prima sconfitta nel torneo, rimediata a Miami contro il francese Cissocko. L’avversario lo conosceva bene, avendolo battuto nei quarti di Almaty, sia pure solo a maggioranza. Il casertano di Marcianise è partito lento ma attento, crescendo nel proseguo dei round, finendo da dominatore di un Lazarev che pur lottando scemava di rendimento e precisione fino alla rassegnazione finale. Vincenzo ha lasciato buona impressione, importante in proiezione futura a tutti gli eventi. Da come si è irrobustito nei pettorali diventa complicato pensare ad un ritorno nei 64 kg. Sapevamo che Banchebla (81) avrebbe rischiato nei primi round contro il tosto Ganzulia, costruito bene, campione nazionale 2012, ottima impressione ad Almaty, proprio nella sconfitta contro La Cruz, il cubano doppio oro mondiale. La sua partenza è stata micidiale, una pressione sull’algerino da far paura. Chiudeva la distanza e colpiva preciso girando i guantoni per far male. L’algerino è stato eroico digerendo bordate pesanti. Quello che non ti aspetti è il crollo atletico di un giovanotto di 21 anni dopo i primi tre minuti. Ansimante, braccia e gambe di cemento, incapace di evitare i pugni di un pugile che punzecchia, privo di potenza. Incredibile, Ganzulia è rimasto in piedi per orgoglio, in balia di un rivale padrone del ring. Nei +91, ritroviamo il romeno Nistor che ad ogni apparizione perde sempre più l’immagine del ciccione e prende forme atletiche decorose. Non solo, migliora anche sul piano tecnico. Lontano lo sbraccione di un anno addietro. Colpisce girando il guantone, si sposta lateralmente per rientrare in velocità. La bassa statura è diventata un’arma a suo vantaggio. Chiedere a Plevako, rintronato nei tre round disputati, come mai gli era accaduto. Per sua fortuna, o sfortuna, il plastico giovanotto di Kiev ha una resistenza incredibile, ma certe botte non fanno bene a nessuno. Una ferita all’occhio sinistro dava l’occasione al medico per fermare il match, ormai segnato a favore di Nistor.
Questo il percorso di un 5-0 importante, che apre la strada al primato del girone, traguardo che pareva impossibile dopo la sconfitta di metà dicembre nell’andata, proprio contro l’Ucraina a Brovary con un 4-1 pesante come un macigno. Da quel momento i Thunder Italia davano la svolta. Da formichine diligenti inanellavano quattro vittorie (due in trasferta: USA e Germania) e approfittando della sconfitta ucraina in Argentina, vedevano il traguardo del primato proprio a Gela. Per farcela dovevano vincere almeno 4-1, senza lasciare un punto ai rivali. Operazione riuscita al meglio. Francesco Damiani soddisfatto, ma realista frena gli entusiasmi, senza sminuire l’impresa. “I ragazzi sono stati meravigliosi, tutti hanno dato il 101%. Ma restano ancora due incontri e non dobbiamo cantare vittoria prima di averli superati al meglio. Sabato a Caserta contro gli USA e l’8 marzo in Algeria. Siamo favoriti e dobbiamo mantenere il ruolo. A Caserta in linea di massima combatteranno Barriga, Crudetti, Stankovic, Juratoni e Russo, tutti motivati. A Blida vedremo”.
Nel nostro girone, USA e Algeria vincono in casa contro Germania e Argentina col minimo scarto. Resta ancora aperto il discorso per il terzo e quarto posto tra Germania e Usa. Mentre nel girone B, tutto deciso, con Messico e Polonia fuori. Quest’ultima è riuscita a centrare la prima vittoria, battendo di misura in casa i messicani. Goleada di Cuba, davanti al proprio pubblico con i quotati kazaki, che raccolgono un 5-0 umiliante.
I risultati del 9° turno. Girone A: Italia-Ucraina 5-0; Usa-Germania 3-2, Algeria-Argentina 3-2. Classifica: 1. Italia 20, 2. Ucraina 19, 3. Germania 11; 4. Usa 10; 5. Argentina 7; 6. Algeria 6. Girone B: Cuba-Kazakistan 5-0, Azerbajan-Russia 3-2; Polonia- Messico 3-2. Classifica: 1 Cuba 24; 2. Kazakistan 19; 3. Azerbajan 17; 4. Russia 14; 5. Messico 7; 6. Polonia 4. 10° giornata delle qualificazioni. Girone A. 28-2-14: Ucraina-Algeria; 1-3-14: Italia-Usa; Argentina-Germania. Girone B. 28-2-14: Cuba-Azerbajan; Messico-Russia; 1-3-14: Kazakistan-Polonia. Restano da disputare i recuperi. Girone A. 8-3-14: Algeria-Italia; Germania-Ucraina, Girone B: 12-3-14: Russia.Cuba
 
Giuliano Orlando

 

 

 

 

Archive

UN GIORNO COME OGGI, IL 24 SETTEMBRE DEL 1964

Brandi batte Lopopolo di Priminao Michele Schiavone L’aretino Piero Brandi realizzò la sua sagace e penetrante prestazione della carriera professionistica la sera del 24 settembre 1964, q...

24/09/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 23 SETTEMBRE DEL 1958

Baccheschi sconfigge Mazzola di Priminao Michele Schiavone Il terzo appuntamento sul ring tra il toscano Domenico Baccheschi ed il lucano Rocco Mazzola ebbe luogo a Civitavecchia il 23 settembre 1958,...

23/09/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 22 SETTEMBRE DEL 1935

Magnolfi vincitore di Negri di Priminao Michele Schiavone Il fiorentino Alfredo Magnolfi divenne campione italiano dei pesi gallo la seconda volta il 22 settembre 1935, nella sua città, quando ...

22/09/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 21 SETTEMBRE DEL 1962

Fabio Bettini, romano campione di Francia di Priminao Michele Schiavone Il pugile Fabio Bettini godette di due cittadinanze, prima quella italiana per la sua nascita a Roma, poi la francese per scelta...

21/09/2017

'TORO SCATENATO' HA PERSO L'ULTIMA BATTAGLIA

LaMOTTA MORTO A 96 ANNI DOPO BREVE MALATTIA di Primiano Michele Schiavone Mercoledì 20 settembre 2017 – Dagli Stati Uniti è rimbalzata la notizia della morte dell’ex ca...

20/09/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 20 SETTEMBRE DEL 1942

Roberto Proietti, tre volte europeo di Priminao Michele Schiavone In un passato alquanto lontano capitò più volte che due italiani si affrontarono per la disputa di due campionati, cosa ...

20/09/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 19 SETTEMBRE DEL 1970

Zampieri su Proietti per ferita di Priminao Michele Schiavone Sono molti i casi in cui un pugile si afferma su un altro con il medesimo risultato prima del limite, nella stessa ripresa. Uno di questi ...

19/09/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 18 SETTEMBRE DEL 1951

Luigi Valentini batte Michele Palermo di Priminao Michele Schiavone L’undicesimo campione italiano dei pesi welter fu il romano Luigi Valentini che il 18 settembre 1951, nella capitale, spodest&...

18/09/2017

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS