There are 55.039 boxer records, at least 536.089 bouts and 10.627 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

EBU LEGGERI, MARSILI RESPINGE DI SILVIO

 

 

Marsili rimane campione, Di Silvio degno antagonista

di Alfredo Bruno

C’è ressa attorno al ring, ma è una ressa pacifica anche se c’è tensione per l’attesa del verdetto per gli oltre 1000 spettatori. La sensazione al 90% è che Emiliano Marsili abbia conservato il titolo, ma una speranzella i numerosi tifosi di Pasquale Di Silvio, autore della più bella prova da quando è passato professionista, ce l’hanno soprattutto in quei rounds equilibrati dove la visione dei giudici può essere influenzata da varie valutazioni. La lettura del “roboante” Valerio Lamanna fa capire subito la situazione quando esordisce con “verdetto all’unanimità. Il pubblico intuisce e rimane la curiosità per i numeri: per Adrio Zannoni il computo è di 115 a 112, per Massimo Barrovecchio e Giuseppe Quartarone c’è un giudizio all’unisono di 116-111. A pelle per chi ha vissuto la serata come noi da spettatori neutrali il punteggio di Zannoni sembra il più giusto, ma con il senno del poi riusciamo anche a capire il giudizio degli altri due considerando l’atterramento del primo round che vale doppio e gli ultimi tre round che hanno visto un Marsili crescere alla distanza e un Di Silvio affaticato che gettava nella lotta le ultime estenuanti energie rimaste. Se fossi il fautore del “secondo il mio personale cartellino”, tanto caro a Rino Tommasi, mi piacerebbe dire che Marsili ha meritato la vittoria per due punti, quelli del primo round, poi è stato rincorrersi con capovolgimenti di fronte incredibili che hanno entusiasmato e trascinato il pubblico, anche lui protagonista con un tifo acceso, ma improntato alla massima correttezza se pensate che i fans di Marsili e Di Silvio stavano gomito a gomito. Il match visto ieri sera a Tolfa potrebbe sprigionare quella retorica che per certi versi solo la boxe, da sport del singolo, può dare. Siamo sicuri che chi ha visto il match in televisione sia rimasto favorevolmente “intrappolato” dallo spettacolo che i due hanno offerto.

Fase di studio tra lo sfidante Di Silvio ed il campione Marsili  /  foto di  Renata Romagnoli

Il Palazzetto di via della Purificata ha forse avuto il battesimo del tutto pieno, posto in piedi esaurito, scrivendo una sua personale storia insieme alla ridente cittadina di Tolfa, patria di cavalli e di fiorente artigianato del pellame. Il sindaco Luigi Landi ha colto un doppio obiettivo: quello di presentare uno spettacolo memorabile e quello di tornare a far parlare di questa località. A tutto è collegata l’abilità di Alessandra Branco e Rino Romagnolo, con la supervisione della OPI 2000 di Salvatore e Alessandro Cherchi, sotto l’egida della Lega Pro Boxe, rappresentata da Carlo Nori, di aver saputo trovare una piazza per un evento così importante come può essere un titolo europeo disputato da due pugili italiani, da due pugili che vivono a 100 km. uno dall’altro nell’ hinterland romano. Tanti i personaggi presentati sul ring prima del match: dalla politica con il sindaco di Tolfa, con Pietro Tidei e Gianni Moscherini, ex sindaci di Civitavecchia, all’attore Enzo Salvi, grande appassionato e tifosissimo di Di Silvio; dai grandi campioni del passato come Alessandro Duran e Patrizio Kalambay, ai campioni attuali come Silvio Branco, Emanuele Della Rosa, Orlando Fiordigiglio, Davide Dieli, Mirko Larghetti. Nel cuore del Lazio c’è anche un minuto di silenzio per la scomparsa di Josè Sulaiman, storico presidente del WBC.
 
 
Il gong d’inizio tra Marsili arriva quasi liberatorio in un silenzio che viene interrotto automaticamente quando i due vanno a segno. Il round sembra scivolare via, ma non è così perché quasi allo scadere il civitavecchiese lascia partire un destro preciso al mento seguito da un sinistro velenoso che scuotono Di Silvio che va al tappeto. “Il Puma” si alza un po’ frastornato, comprensibile per un colpo a freddo, ma fa appello al suo orgoglio e quando suona il gong si avvia all’angolo per rassicurare Marcello Paciucci e Roberto D’Elia che è tutto a posto. Il secondo round è frenetico e le braccia sembrano intrecciarsi quando scambiano e Di Silvio prova a forzare i tempi su un Marsili che lo aspetta al varco cercando la replica con il suo sinistro. Nel terzo round il pugile romano sembra più preciso e raccoglie qualche frutto. La sensazione nel quarto e quinto è che Di Silvio abbia rosicchiato qualcosa al tesoretto del primo round. Nel quinto round “Il puma” si scatena con serie velocissime e Marsili si fa sorprendere da vari colpi pur non rinunciando alla replica. Round decisamente per Di Silvio. Marsili capisce che deve riprendere le redini, ma il suo avversario è abile nel tenersi fuori portata e nel legare al momento opportuno. Nell’ ottavo round una testata accidentale provoca un taglio allo zigomo sinistro del campione, che si innervosisce, e allo scadere c’è il replay per fortuna senza ulteriori danni, nonostante il sangue. Di Silvio capisce di trovarsi al confine di un’impresa e si scatena con una serie impressionante, stoppato e scosso, a sua volta, da un micidiale sinistro dell’avversario. Decima ripresa all’insegna della “cattiveria” con una gomitata involontaria di Marsili e un dente di Di Silvio che si spacca, ma c’è l’impressione che le energie del romano siano vicine al capolinea, anche se ancora funzionanti grazie all’orgoglio. Prova il tutto per tutto lo sfidante, ma la replica è immediata e viene scosso da un tremendo sinistro. Prima del suono del gong i due si abbracciano, un segno di stima e di amicizia che non li ha mai abbandonato. L’ultimo round conferma che il più fresco e più lucido è Marsili, che costringe il suo avversario sulla difensiva. Inutile descrivere alla fine l’entusiasmo del pubblico quantificato dallo share di applausi al sommo decibel.
 
La serata è iniziata con un match di dilettanti: per Christian Beltrano (Santa Marinella) e Stefano Ramundo forse scatterà un giorno “io c’ero”. I due ragazzi ce la mettono tutta. Inizia bene Ramundo che tiene sotto pressione l’avversario per due riprese, ma cala nella terza per la maggior consistenza del pugile di Santa Marinella, a cui va il verdetto.
 
Tra i professionisti con curiosità è atteso l’esordio di Diego Di Luisa, buon passato tra i dilettanti, ma assente sul ring da qualche anno per infortuni. Il giovane dà segnali giustificabili di ruggine, ma dà anche segnali con sprazzi di quella boxe estrosa che gli si riconosceva. Csipak fa il suo dovere di buon collaudatore e il match fila via piacevole per quattro round. Rimangono scolpiti nella memoria del pubblico una bella serie nel secondo round e alcuni pregevoli montanti, che già da soli giustificano la netta vittoria di Di Luisa.
 
Tocca quindi a Carel Sandon che sale sul ring con l’immancabile cappello da Ranger seguito come un’ombra da Kalambay. L’avversario è il lettone Fjodorovs, pugile di grande esperienza, pericoloso nelle sue improvvise reazioni. Carel utilizza molto il sinistro, ma sembra poco propenso a doppiare con il destro. Il match, tenuto saldamente sotto controllo dal nostro pugile, si ravviva nel terzo round con un bello scambio culminato da un insidioso destro di Fjodorovs. Sandon controlla tranquillamente il match senza gettarsi allo sbaraglio per una chiara vittoria in attesa della sfida per il titolo italiano che dovrebbe avvenire ad aprile.
 
Sale sul ring quindi anche Andrea Di Luisa per rispolverare la sua fama di picchiatore. Pojonisevs più basso sembra intenzionato fin dall’inizio a non passare per vittima designata e tiene allertato l’avversario con pericolose “sventolacce”. Il match sembra avere la sua conclusione al terzo round quando Pojonisevs colpito al corpo si accascia in ginocchio e fa segno al rientro nel suo angolo di aver sentito il colpo. Il match sembra un monologo di Di Luisa fino all’ultimo minuto quando il lettone tenta il tutto per tutto, ma logicamente senza successo.
 
Manuel Lancia, campione italiano dei leggeri, replica indirettamante al suo sfidante, Carel Sandon, affrontando l’Horvath di turno, quel Zoltan che a guardarlo non gli dai un soldo bucato, mentre sul ring è abituato a rendere la vita difficile a chi lo affronta. L’ungherese toglie spazio al pugile di Guidonia, che deve badare a non ricevere una testata che potrebbe compromettere la sua difesa al titolo. Manuel porta colpi isolati, ma deve far fronte alla bagarre che il suo avversario gli impone. Negli ultimi due rounds l’allievo di Pino Fiori schioda dal “legame” avversario con il passo indietro per incrociarlo con il suo destro, che non è certo una carezza. Il finale è molto duro per lo stoico Horvath che incassa e sbarella sotto l’azione efficace di Lancia.
 
RISULTATI
Dilettanti
Kg. 64 Cristian Beltrano (Santa Marinella) b. Stefano Ramundo (Boxe Pescara).
Professionisti
SUPERWELTER: DIEGO DI LUISA DEBUTTO ITALIA b. ARON CSIPAK 0-8 UNGHERIA a.p. 4.
LEGGERI: CAREL SANDON 16-1 (6 KO) ITALIA SFIDANTE UFFICIALE TITOLO ITALIANO b. JEVGENIJS FJODOROVS 9-43-6 (4 KO) LETTONIA a.p. 6.
SUPERMEDI: ANDREA DI LUISA 14-2 (11 KO) ITALIA b. RUSLANS POJONISEVS 15-29-1 (11 KO) LETTONIA a.p. 6.
LEGGERI: MANUEL LANCIA 9-0-1 (3 KO) ITALIA CAMPIONE ITALIANO b. ZOLTAN HORVATH 1-23 (1 KO) UNGHERIA a.p. 6.
CAMPIONATO EUROPEO PESI LEGGERI – 12 ROUNDS
EMILIANO MARSILI 27-0-1 (12 KO) ITALIA CAMPIONE EUROPEO b. PASQUALE DI SILVIO 17-5-1 (5 KO) ITALIA SFIDANTE a.p.
Arbitro: Luigi Muratore (Italia)
Giudici: Massimo Barrovecchio (Italia), Adrio Zannoni (Italia), Giuseppe Quartarone (Italia)
Supervisore: Enza Jacoponi (Italia).
Commissario di Riunione: Rolando Barrovecchio.
Arbitri/Giudici: Marco Marzuoli, Francesco Ramacciotti, Raffaele Derasmo.
 
Alfredo Bruno

 

 

 

 

Archive

UN GIORNO COME OGGI, IL 23 MAGGIO DEL 1943

Morabito è campione d'Italia di Priminao Michele Schiavone Il calabrese Antonio Morabito divenne campione italiano dei pesi mosca il 23 maggio 1943, quando conquistò il vacante titolo de...

23/05/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 22 MAGGIO DEL 1970

Jorge Ahumada, il mondiale grazie al trasferimento di Priminao Michele Schiavone I pugili di valore assoluto nati in Argentina sono stati molti. Alcuni di essi hanno preferito emigrare per affermarsi ...

22/05/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 21 MAGGIO DEL 1966

Vargellini sconfigge Donati di Priminao Michele Schiavone Il forlivese Pietro Vargellini arrivò per la prima volta a combattere sulle 8 riprese il 21 maggio 1966 a Forlì, sua città...

21/05/2018

CAMPIONI DEL MONDO DI ORIGINE ITALIANA, JOEY GIARDELLO

Al secolo Carmine Orlando Tilelli di Pietro Anselmi e Vincenzo Belfiore La vicenda sportiva ed umana di Carmine Orlando Tilelli, nato a Brooklyn il 16 luglio 1930 da padre calabrese e da madre napoletana,...

20/05/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 20 MAGGIO DEL 1946

Ezzard Charles supera Archie Moore di Priminao Michele Schiavone Lo statunitense Ezzard Charles, soprannominato "Cincinnati Kid" in onore della città dell’Ohio dove si stabil&ig...

20/05/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 19 MAGGIO DEL 1921

Erminio Spalla debutta negli Stati Uniti di Priminao Michele Schiavone Il piemontese Erminio Spalla rimase contagiato dal diffuso desiderio dei suoi colleghi italiani di combattere negli Stati Uniti e...

19/05/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 18 MAGGIO DEL 1979

Felicioni sfida Salvemini di Priminao Michele Schiavone Il laziale Roberto Felicioni si guadagnò il diritto di competere nel campionato italiano professionistico dei pesi medi e il 18 maggio 19...

18/05/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 17 MAGGIO DEL 1968

Biancardi prepara la sfida italiana di Priminao Michele Schiavone Negli anni in cui l’Europa dell’est vietava l’attività professionistica, le organizzazioni italiane ingaggiav...

17/05/2018

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS