There are 54.971 boxer records, at least 535.570 bouts and 10.307 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

GIANCARLO GARBELLI RICORDATO DA ALFREDO BRUNO

 

 

La scomparsa di Giancarlo Garbelli

La fine di quello che fu un grande campione e personaggio

Fu l'unico a mettere in difficoltà il leggendario Laszlo Papp

di Alfredo Bruno

Lurago d’Erba, 16.03.2013Giancarlo Garbelli si è spento nella sua residenza a Lurago d’Erba. Scompare, così , all’età di 81 anni quello che fu senz’altro uno dei più grandi campioni che ha fatto la storia del nostro sport. Uno spirito estroverso e indomabile, capace di grandi imprese, protagonista anche di match deludenti, comprensibili in buona parte per una sua particolare sensibilità nei riguardi di avversari in difficoltà, tanto che i suoi sempre più numerosi tifosi lo timbrarono con il soprannome di “scrupoli”. Inquieto e geniale aveva radicata anche una vena artistica che trasmetteva coi suoi quadri, che ebbero un discreto successo. Si affermò pure come pranoterapeuta, una cosa, questa, che diede l’occasione di invitarlo al Maurizio Costanzo Show insieme ad un altro grande campione, Sandro Mazzinghi. Quella sera Garbelli rubò la scena al suo compagno di trasmissione, cosa non facile conoscendo la vena polemica dell’avversario di Nino Benvenuti. Il pubblico del Teatro Parioli rimase affascinato da questo signore con una barba ispida, sale e pepe, per l’età ormai da pensionato. Davanti alla gente apparve un uomo lucido, riflessivo, dotato di buon senso, che elencò i suoi errori nella vita, ma dichiarò il suo amore per uno sport che gli insegnò il coraggio e la forza di non mollare mai. Per la boxe, che all’epoca non viaggiava in buone acque, fu un bello spot. Se poi andiamo a stringere anche la sua esistenza pugilistica fu un controsenso: inizio da peso leggero, campione italiano da peso welter e fine carriera da medio.
 
 
 
Nel mondo del pugilato entrò giovanissimo. Il padre si chiamava Cesare e fu un ottimo pugile. Segno che una particella del DNA l’aveva trasmessa al figlio. 120 incontri da dilettante furono il preludio per il suo esordio nel professionismo che avvenne il 7 dicembre del 1952 a Milano contro Luciano Giusti. Si vide subito che aveva stoffa con un modo di combattere spericolato e spettacolare. Ci vuole un Ernesto Formenti in grande forma per fermare l’ascesa di questo giovane scalpitante. Formenti è un intoppo passeggero perché Garbelli continua a mietere successi su successi dove fa spicco la vittoria su Bruno Visintin, un mostro di tecnica e di bravura. Duilio Loi che allora era campione d’Europa avrebbe fatto volentieri a meno di affrontare questo soggetto imprevedibile, pugilisticamente parlando, e indomabile, ma il pubblico milanese reclamava a gran voce il match fra due suoi beniamini, alla fine si fece e fu organizzato in breve tempo. Garbelli la sera del 2 luglio del 1957 non si presentò sul ring milanese nelle migliori condizioni, aveva faticato non poco per rientrare nei limiti di peso, ma nonostante ciò rese dura la vita al campione per tutte e 15 le riprese; i due dopo il match rimarranno fraternamente amici, così pure con Bruno Visintin, con il quale formarono all’epoca un trittico invidiato da tutto il mondo.
Garbelli tentò la fortuna in America, logicamente da peso welter. Fu una tournèe alterna come risultati con una sconfitta per ferita ad opera di Charley Tomstone Smith, pugile dalla potenza micidiale, con il quale si prenderà la sua bella rivincita a Milano. Nel 1957 conquistò il titolo italiano battendo per squalifica il detentore Umberto Vernaglione. Titolo che tenne per circa un anno, fino a quando fu sconfitto da Bruno Visintin, che così si prese la rivincita. Fu una strana coincidenza, ma anche questa sconfitta, come in precedenza quella con Loi, fu il preludio per il passaggio di categoria. Nei medi Garbelli regalava qualcosa agli avversari, ma questo non gli impedì di compiere alcune imprese eccezionali grazie alla sua tempra e soprattutto grazie al suo coraggio. Pareggiare e poi superare un soggetto come Ted Wright non era cosa da poco. 
Il suo capolavoro è datato 26 dicembre 1960 dentro lo scenario del Palazzo dello Sport di Milano. Sul ring contro di lui c’era Laszlo Papp, l’ungherese che aveva vinto tre Olimpiadi di fila. Papp, che all’epoca aveva 34 anni, aveva avuto una deroga speciale per passare professionista, era reduce da una serie positiva di 11 incontri con un solo pareggio ottenuto contro il francese Germinal Ballarin, ma in quell’occasione il gitano aveva combattuto con una mano sola. Era già, dopo pochi incontri, sfidante ufficiale di Gustav Scholz in Europa. Stiamo parlando di uno dei più forti picchiatori della storia della boxe con un inconfondibile stile, lui mancino, con i guantoni all’altezza del viso e ondeggiante sul tronco. Ogni colpo era studiato per abbattere l’avversario.
Garbelli grazie ad un fisico ancora integro e all’abilità con cui accompagnava i colpi dell’avversario era uscito indenne dopo le prime 6 riprese incassando anche mazzate senza aver dato mai l’impressione di accusare. Ma proprio dalla sesta ripresa il milanese decideva di battersela alla pari con il temibile avversario, vincendo tra l’altro la nona ripresa. Alla decima ripresa le sorti del match erano favorevoli all’ungherese. Garbelli si scagliò su Papp come una furia costringendolo alle corde e tempestandolo di colpi. Era il suono del gong a salvare il suo avversario, ma la sua smorfia di sofferenza era tutto un programma. Arbitro era lo svizzero Bobby Seidel, che non se la sentì di assegnare la vittoria,come forse era giusto all’ungherese, ma alzò le braccia dei due atleti decretando il pareggio alla presenza di un pubblico entusiasta. Anche in questa occasione prevalse il “cuore d’oro” di Garbelli che forse avrebbe potuto abbattere con un colpo in più quel monumento e invece gli diede la possibilità di terminare in piedi, aveva voluto rendere onore ad un uomo che aveva dedicato la vita al pugilato.
Quell’incredibile match per certi versi fu il canto del cigno di Giancarlo Garbelli che si ritirerà pochi anni dopo; mentre il suo grande avversario conquisterà il titolo europeo dei medi, lasciato vacante da Scholz, ma non avrà l’opportunità di battersi per il mondiale a quell’epoca detenuto da Gene Fullmer, infatti il “Mormone dell’Utah” si guarderà molto bene dall’affrontare una simile “polveriera”, come era definito all’epoca Laszlo Papp, che tra l’altro era osteggiato anche dalla sua nazione che non vedeva di buon occhio il professionismo.
Garbelli combattè ancora fino al 1963 con buoni risultati e rendendo la vita dura a pugili che andavano per la maggiore. Non rifiutava mai un avversario, semmai poteva succedere il contrario. L’ultimo match lo disputò contro Yolande Leveque, campione francese, e fu una sofferenza tremenda, anche se il milanese restò in piedi e non diede all’avversario la soddisfazione di una vittoria prima del limite. Per la verità Garbelli dieci anni dopo tornerà ancora sul ring. Il match durò appena due round e Garbelli fu rimandato all’angolo per una ferita, parlando in gergo non aveva più il fisico.
La sua vita fuori dal ring fu ugualmente dura. Ma dopo ogni crollo c’era la risalita, che sembrava rinforzare il suo carattere indomabile. Mestieri tanti, traversie tante, difficile scovare la tranquillità in quest’uomo che a più riprese si dimostrò geniale anche fuori del ring. Non versava in condizioni economiche floride, ma per le sue imprese gli venne riconosciuto nel 2008 il vitalizio “Giulio Onesti” che gli ha permesso di vivere con dignità gli ultimi anni.
 

 

 

 

Archive

ADDIO A WALTER CEVOLI

GRANDE CAMPIONE RIMINESE di Alfredo Bruno Un altro lutto ha colpito la boxe italiana. A Rimini ieri si è spento, all’età di 59 anni, Walter Cevoli, che fu campione italiano dei mediomassimi negl...

17/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 17 OTTOBRE DEL 1986

Jacobsen, un danese che fece la differenza di Priminao Michele Schiavone La storia pugilistica della Danimarca, anche se scritta da pochi pugili rispetto al maggior numero dei colleghi di altre nazi...

17/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 16 OTTOBRE DEL 1964

La rivincita di Serti su Mastellaro di Priminao Michele Schiavone Uno dei pochi pugili che conquistarono il titolo italiano per la prima volta, al secondo tentativo, dopo aver perduto la cintura europ...

16/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 15 OTTOBRE DEL 1969

Carmelo Coscia, un campione di lungo corso di Priminao Michele Schiavone Uno di quei pugili che si spesero a lungo prima di arrivare all’appuntamento con il campionato italiano professionistico ...

15/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 14 OTTOBRE DEL 1983

A Milano, un programma, tre titoli di Priminao Michele Schiavone Quando il capoluogo lombardo poteva essere definito un baluardo dell’organizzazione pugilistica italiana, il promoter milanese Eg...

14/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 13 OTTOBRE DEL 1956

Guido Mazzinghi batte Marino Faverzani di Priminao Michele Schiavone La prima ed unica difesa del titolo italiano dei pesi medi sostenuta dal toscano Guido Mazzinghi avvenne il 13 ottobre 1956 a Milan...

13/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 12 OTTOBRE DEL 1974

Efisio Pinna vincitore in Sudafrica di Priminao Michele Schiavone Il pugile cagliaritano Efisio Pinna fu l’unico vincitore prima del limite del sudafricano Kokkie Oliver, che affrontò a J...

12/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, L'11 OTTOBRE DEL 1984

Luigi Marini, due volte campione nazionale di Priminao Michele Schiavone Tra i pugili che hanno conquistato più di una volta il titolo italiano si trova il marchigiano Luigi Marini che l'11 ott...

11/10/2017

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS