There are 55.039 boxer records, at least 536.089 bouts and 10.632 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

LA RIUNIONE EUROPEA VISTA DA GIUSEPPE GIALLARA

 

Sarritzu sconfitto per l’europeo dei mosca

di Giuseppe Giallara

Santa Teresa di Gallura (OT), 20.10.2012Andrea Sarritzu (33-6-5), pur fornendo una buona prova, ha fallito la conquista del titolo europeo dei pesi mosca davanti al detentore romeno di stanza a Madrid Silvio Olteanu (14-6-1) nel match clou della riunione allestita da Tonino Puddu e da Salvatore Cherchi nel palasport “Gianni D'Arco”. Il combattimento è stato pregevole sul piano della linearità e della correttezza (l'arbitro Green non è mai dovuto intervenire), ma non si è rivelato troppo esaltante su quello agonistico puro. Il verdetto è stato assegnato al campione in carica con i seguenti punteggi: 115-114 in favore di Olteanu (giudici Davies e Dolpierre) e 115-113 per Sarritzu (giudice Pasquier). Un verdetto non unanime, dunque, che rispecchia l'andamento tutto sommato equilibrato della contesa. Se il verdetto avesse sancito la parità non ci sarebbe stato nulla da obiettare, anche se ai fini pratici non sarebbe cambiato molto poiché la corona sarebbe rimasta in possesso del suo detentore. A ben pensarci, il pari sarebbe stato probabilmente il risultato più giusto poiché, ammesso che Sarritzu meritasse qualcosa in più nella considerazione dei giudici, il trentaquattrenne Olteanu, dimostratosi un campione degno, non meritava di perdere la corona. Il successo per Sarritzu, nonostante le recriminazioni del trentaseienne mosca isolano e del suo team, sarebbe certamente risultato ingeneroso nei confronti del boxeur romeno-iberico. Di solito, infatti, non si toglie il titolo in assenza di uno svantaggio evidente in suo sfavore (che in questo caso specifico non abbiamo colto) a un detentore che si è dato da fare dal suono del primo gong per prendere in mano le redini del combattimento attestandosi al centro del ring e facendo, come si suol dire, il match. Sarritzu ha combattuto soprattutto di rimessa, ha messo a segno colpi limpidi, da manuale, ma è mancato un po' sul piano della continuità e in alcune occasioni si è lasciato sorprendere da colpi efficaci portati dal rivale (per fortuna non supportati da grande potenza) che ha mostrato di non gradire, anche se ha sempre risposto con abilità e precisione. Una tattica, quella dello sfidante, che sarebbe stata perfetta a parti invertite, cioè se il titolo fosse stato in suo possesso; in tal caso gli sarebbe bastato controllare le azioni dell'antagonista per tenerlo a bada e aggiudicarsi il successo. Essendo lo sfidante, ci si aspettava che fosse lui a cercare di prendere l'iniziativa per mettere sotto pressione Olteanu. Certo, andando all'attacco, Sarritzu avrebbe corso qualche rischio in più in considerazione della mobilità e della velocità di esecuzione del boxeur madrileno di adozione. E tuttavia, avrebbe avuto in cambio l'opportunità di cogliere risultati che si sarebbero potuti rivelare determinanti ai fini del verdetto. Il peso mosca isolano ha scelto invece di affidarsi quasi totalmente alle repliche d'incontro e di rimessa, tenendosi pronto a trarre profitto dagli errori dell'antagonista, cosa che gli è riuscita in alcune occasioni. In particolare, ha impressionato favorevolmente la serenità con la quale Sarritzu ha accolto l'inconveniente di un taglio apertosi sotto la sua arcata sopracciliare sinistra nel secondo round a causa di una testata involontaria di Olteanu. Anzi, proprio nella tornata successiva lo sfidante ha dato prova di grande orgoglio portando a segno colpi pregevoli al volto e alla figura del rivale senza perdere in linearità e compostezza. Dopo un quarto round in parità, nella quinta è stato Olteanu a portare a bersaglio i colpi più incisivi, facendo un discreto movimento e incalzando lo sfidante. Il match è andato avanti su questa falsariga sino al nono round che faceva registrare una situazione di sostanziale equilibrio. Nel decimo tempo si è fatto leggermente preferire il mosca isolano, ma Sarritzu avrebbe poi dovuto dare fondo alle sue energie residue e tentare il tutto per tutto nelle ultime due tornate per far pendere in suo favore la decisione di tutti e tre i giudici. E' stato invece Olteanu a chiudere il match all'attacco, dando l'impressione di possedere maggiore vitalità e freschezza e andando a segno con colpi incisivi in serie, nonostante le buone repliche dello sfidante. E' stato certamente un peccato poiché Olteanu era decisamente alla portata del boxeur di Quartu Sant'Elena al quale è mancato, forse, un pizzico di decisione e di aggressività in più per potersi aggiudicare il titolo europeo per la terza volta nella sua carriera a torso nudo.
Al di là di ogni altra considerazione, il peso mosca sardo ha disputato un ottimo match che ha legittimato la fondatezza delle sue ambizioni a livello internazionale. E' mancato veramente poco perché egli riuscisse nell'impresa di riportare in Italia una corona europea che, nei pesi mosca, è appartenuta nel tempo a prestigiosi protagonisti italiani, tra cui alcuni sardi (basti pensare a Burruni, Udella, Atzori, Cherchi, Fanni e allo stesso Sarritzu). Considerato come sono andate le cose, non è detto che al boxeur di Quartu Sant'Elena non venga concessa l'opportunità di riprovarci a non lunga scadenza, come sicuramente merita.
Nel sotto-clou, il peso medio ventiquattrenne Alessandro Murgia (8-0-0) ha sconfitto ai punti il coriaceo ungherese Sandor Ramocsa (12-21-0) e acquisito un briciolo di esperienza in più. Il superleggero Michele “The king” Di Rocco (34-1-1), sfidante al titolo europeo, ha liquidato in meno di un round il fragile magiaro Laszlo Balogh (15-13-1) da lui già superato con identico risultato lo scorso anno in Sardegna.
Nella prima ripresa, raggiunto da una doppietta di ganci alla mascella, Balogh è crollato al tappeto e il match è finito lì.
Luciano “Bazooka” Abis (33-3-1) si è imposto ai punti sul battagliero lituano Arvydas Trizno (15-20-2) dopo aver attraversato un momento di difficoltà nel terzo round. Abis si è prontamente ripreso e ha colto una convincente vittoria su un avversario che si è confermato poco malleabile.
Il superleggero Vittorio Oi (17-1-1) ha battuto ai punti l'ungherese Istvan Kiss (10-5-0), detto “Iron soldier”, imponendogli anche un knock down nel corso del secondo round. Ritornato sul ring e alla vittoria, Oi potrà adesso puntare nuovamente a obiettivi di un certo peso.
 
RISULTATI
Professionisti
Superleggeri: Vittorio Oi (OPI 2000) b. Istvan Kiss (Ungheria) p. 6;
Superleggeri: Michele Di Rocco (OPI 2000) b. Laszlo Robert Balogh (Ungheria) ko 1;
welter: Luciano Abis (OPI 2000) b. Arvydas Trizno (Lituania) p. 6;
medi: Alessandro Murgia (Loreni) b. Sandor Ramocsa (Ungheria) p. 6.
Campionato europeo pesi mosca
Silvio Olteanu (Spagna), kg 50,600, b. Andrea Sarritzu (OPI 2000), kg 50,700, p. 12. Arbitro: Mark Green (Inghilterra); giudici: Richard Davies (Inghilterra), Andrè Pasquier (Francia) e Robin Dolpierre (Francia). Supervisore: Peter Stucki (Svizzera).
 

 

 

 

Archive

UN GIORNO COME OGGI, IL 27 MAGGIO DEL 1959

Salvatore Manca sfida Salvatore Burruni di Priminao Michele Schiavone Il laziale Salvatore Manca ebbe due occasioni di competere per il campionato italiano dei pesi mosca, trovandosi sul ring come avv...

27/05/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 26 MAGGIO DEL 1984

Victor Callejas campione del mondo di Priminao Michele Schiavone Il portoricano Victor Callejas diventò campione iridato nella categoria dei pesi supergallo il 26 maggio 1984 a Guaynabo, sua ci...

26/05/2018

SOTTO QUELLE LUCI, ultimo libro di Luca Delli Carri

Interviste, tranche de vie, storie: un viaggio nel mondo della boxe. Con 29 tavole fuori testo. Veloce Club Milano asd 352 pagine con 29 tavole illustrate, di cui 24 fotografie di Vito Liverani e 5 di...

25/05/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 25 MAGGIO DEL 1974

Rodrigo Valdez piega Bennie Briscoe di Priminao Michele Schiavone Il colombiano Rodrigo Valdez fu l’unico pugile in grado di sottomettere prima del limite l’americano Bennie Briscoe. L&rsq...

25/05/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 24 MAGGIO DEL 1942

Egisto Peyre batte Carlo Orlandi di Priminao Michele Schiavone L'ottavo campione d'Italia dei pesi welter fu il trevigiano Egisto Peyre che il 24 maggio 1942 a Milano spodestò il locale Carlo O...

24/05/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 23 MAGGIO DEL 1943

Morabito è campione d'Italia di Priminao Michele Schiavone Il calabrese Antonio Morabito divenne campione italiano dei pesi mosca il 23 maggio 1943, quando conquistò il vacante titolo de...

23/05/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 22 MAGGIO DEL 1970

Jorge Ahumada, il mondiale grazie al trasferimento di Priminao Michele Schiavone I pugili di valore assoluto nati in Argentina sono stati molti. Alcuni di essi hanno preferito emigrare per affermarsi ...

22/05/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 21 MAGGIO DEL 1966

Vargellini sconfigge Donati di Priminao Michele Schiavone Il forlivese Pietro Vargellini arrivò per la prima volta a combattere sulle 8 riprese il 21 maggio 1966 a Forlì, sua città...

21/05/2018

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS