There are 55.017 boxer records, at least 535.932 bouts and 10.442 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

MAZZINGHI, PRIMO ITALIANO MONDIALE DEI MEDI JR

 

 

50 anni fa Mazzinghi conquistava il mondiale

Di Alfredo Bruno

Nella notte a cavallo tra il 6 e il 7 settembre del 1963, parliamo di 50 anni fa, la boxe italiana pubblicò una delle più belle pagine di storia grazie alla conquista del titolo mondiale dei superwelter ad opera di Sandro Mazzinghi, che faceva seguito alle precedenti imprese di Primo Carnera, Mario D'Agata e Duilio Loi. Un capolavoro organizzativo che arrivò con l’avversario giusto al momento giusto. Sandro aveva esordito al Teatro Puccini di Firenze liquidando in due round Severino Gagliardi. La potenza del toscano e la sua forza erano note ed ebbe tempo di dimostrarlo anche da dilettante. Sandro, che aveva all’angolo il fratello Guido e come procuratore Adriano Sconcerti, aveva iniziato la sua carriera con un buon numero di vittorie prima del limite, anche se in alcuni match aveva creato qualche perplessità. Era stato sconfitto a sorpresa da Paolo Melis e aveva dovuto faticare per avere ragione in un paio d’occasioni di fronte a Fabio Bettini. Il suo primo exploit lo ebbe a Parigi quando disintegrò in un round l’idolo locale Charles Attali. I cugini transalpini cercarono subito il riscatto e chiamarono a cancellare l’onta patita Hippolyte Annex, un gitano dalla potenza devastante. Annex fu distrutto in 9 round e per certi versi furono i francesi a tenere a battesimo e a lanciare il nostro pugile, un po’ come avvenne in precedenza con Tiberio Mitri, quando il triestino umiliò Jean Stock e Laurent Dauthuille. Mazzinghi dopo queste due vittorie praticamente era uscito allo scoperto acquistando notorietà in campo internazionale. Quando il 5 maggio del 1963 a Sandro fu proposto il mormone Don Fullmer, molti storsero la bocca definendo questo passo avventato. Il toscano ancora una volta smentì tutti costringendo Fullmer a subire la più dura sconfitta della sua carriera. L’eco di questa vittoria varcò l’Oceano e fece clamore negli Stati Uniti.
Il 22 luglio dello stesso anno Vittorio Strumolo, presidente della SIS, convocò la stampa specializzata in un noto ristorante milanese per dire che aveva raggiunto l’accordo per il titolo mondiale tra Sandro Mazzinghi e il detentore Ralph Dupas, 28enne pugile di St. Louis che aveva iniziato la carriera professionistica a 15 anni. Le trattative avevano avuto esito positivo grazie all’intervento di Steve Klaus e alla sua amicizia con Angelo Dundee, il manager del campione. Milano e la SIS avevano bruciato sul traguardo la ITOS e Rino Tommasi, ma la curiosità maggiore era data dal fatto che Mazzinghi, appena 24 anni, era arrivato ad un simile traguardo prima di Nino Benvenuti.
Il toscano, appena avuta la notizia, cominciò subito ad allenarsi con il fratello Guido (nella foto con Sandro) e Steve Klaus a Comerio e a Porto Recanati. Non si nascondevano le difficoltà di questo match, ma in giro c’era una certa euforia. Ralph Dupas era un pugile di riguardo, una vecchia volpe, conoscitore di trucchi del mestiere anche illeciti. Aveva avuto un’infanzia durissima e povera, ma aveva imparato l’arte della sopravvivenza nei quartieri malfamati di New Orleans. Era il re del “tocca e scappa”, una tattica che gli aveva fatto ottenere un incredibile numero di vittorie navigando tra i leggeri fino ad arrivare nei medi, categoria quest’ultima dove si permise il lusso di battere Joey Giardello, che più tardi conquisterà il mondiale. Dupas era stato un ottimo peso leggero, un buon welter, da peso superwelter era pericoloso ma non imbattibile. Si presentò una settimana prima del match a Milano scorazzando per le strade a bordo di una macchina dove campeggiava il suo nome ed era scortato dalla stradale in motocicletta. Contro Carmelo Bossi in allenamento diede un assaggio della sua pericolosità colpendo di striscio il milanese e facendogli uscire il sangue dal labbro.
 
Sandro Mazzinghi, sanguinante, impegnato con Rakph Dupas
 
La notte del 6 settembre è difficile tenere il conto delle persone presenti al Vigorelli. Mazzinghi, 24 anni e 29 match disputati, ignaro delle 15 riprese, ha la più grande opportunità che possa avere un pugile e non se la lascia sfuggire. Dupas aveva fatto i conti senza l’oste: “il scappa e vai” non aveva funzionato perché il pugile italiano non aveva abboccato e non si era gettato allo sbaraglio, anzi dimostrava di saperci fare anche tecnicamente. Il campione era stato costretto a rivedere i suoi piani soprattutto dopo aver assaggiato la potenza di Sandro ed essere stato contato per 8” nel secondo round. Il match era duro, velenoso: ben presto il viso di Mazzinghi aveva preso a sanguinare dallo zigomo sinistro, altri tagli sembravano pennellate. L’arbitro Neuhold ammonì a più riprese Dupas, dicendogli che rischiava la squalifica se continuava con le sue irregolarità. Ma non poteva durare: alla nona ripresa il campione viene incrociato da un destro e cade in avanti, si rialza al sei, è imbambolato e rimane con le mani abbassate fino all’out. Il pubblico impazzisce, l’ Italia pugilistica ha un nuovo idolo: si chiama Sandro Mazzinghi ed è un guerriero senza paura, che continua a tenere alto l’onore di questo sport ancora oggi dopo 50 anni.

una foto recente dell'ex campione del mondo

 

 

 

Archive

UN GIORNO COME OGGI, IL 21 GENNAIO DEL 1989

Juan Martin Coggi, argentino caro agli abruzzesi di Priminao Michele Schiavone L’argentino Juan Martin Coggi, ritenuto di origini italiane, in particolar modo di derivazione abruzzese, trov&ogra...

21/01/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 20 GENNAIO DEL 1993

Gianfranco Rosi, difesa mondiale in Francia di Priminao Michele Schiavone L’ultimo successo ottenuto nella qualità di campione del mondo da parte dell’italiano Gianfranco Rosi porta...

20/01/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 19 GENNAIO DEL 1977

Facciocchi, primo assalto al campionato italiano di Priminao Michele Schiavone La prima carta giocata dal cremonese Trento Facciocchi per il campionato italiano dei pesi medi la rivolse il 19 gennaio ...

19/01/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 18 GENNAIO DEL 1965

Morocho Hernandez campione mondiale di Priminao Michele Schiavone Il primo venezuelano campione mondiale di boxe fu Carlos Hernandez che il 18 gennaio 1965 tolse la corona dei pesi welter jr allo stat...

18/01/2018

CAMPIONI DEL MONDO DI ORIGINE ITALIANA, TIPPY LARKIN

Al secolo Antonio Pilleteri di Pietro Anselmi e Vincenzo Belfiore Tippy Larkin, nato con il nome di Antonio Pilleteri, è stato considerato uno dei più abili pugili italo-americani, quasi all...

17/01/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 17 GENNAIO DEL 1981

Marvelous Marvin Hagler, prima difesa mondiale di Priminao Michele Schiavone La prima messa in gioco del titolo mondiale ‘undisputed’ dei pesi medi da parte dello statunitense Marvin Hagle...

17/01/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 16 GENNAIO DEL 1969

Roy Jones Jr emette il primo vagito di Priminao Michele Schiavone Nella città statunitense di Pensacola, Florida, il 16 gennaio 1969 vide la luce Roy Jones Jr, futuro campione di pugilato, iscr...

16/01/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 15 GENNAIO DEL 1954

Antonini debutta a Ginevra di Priminao Michele Schiavone Il pugile umbro Franco Antonini compì la prima trasferta estera il 15 gennaio 1954, affrontando a Ginevra, Svizzera, il francese Simon P...

15/01/2018

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS