There are 54.978 boxer records, at least 535.610 bouts and 10.316 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

ACCADDE OGGI, 28 OTTOBRE

 

 

Nel 1952, sul ring di Washington, D.C., USA

di Alessandro Bisozzi
 
Jimmy Cooper era un mestierante espertissimo, padrone nell'arte del menar le mani come pochi altri. Aveva avuto decine di buone occasioni per mettersi in luce, ma la sua carriera era altalenante, lunatica come il suo carattere. Se fosse stato un calciatore sarebbe stato un buon mediano, se un ciclista un buon gregario, ma era un pugile e nella boxe non hai ruoli o classifiche. Vinci o perdi, non puoi nasconderti dietro il mucchio.
Ecco, Cooper faceva esattamente questo, a volte vinceva, a volte perdeva, ma sempre ad altissimi livelli, senza mai scendere nel limbo dei perfetti sconosciuti.
È il destino di migliaia di pugili che si massacrarono in estenuanti incontri senza mai raggiungere i grandi successi, mai un titolo, sempre all'ombra dei predestinati, dei primi della classe, dei campioni.
Nicola Funari era di Civitavecchia, appena arrivato dall'Italia in cerca di soldi e di fama.
Era bravo Nicola, un tecnico di alta classe, un peso piuma alla Tamagnini, suo compaesano, veloce e astuto. Anche lui non aveva ancora vinto niente, solo diciotto incontri su trenta, ma nessun titolo.
Nel 1949 aveva battuto il grande Gino Bondavalli, ormai alla fine della carriera, e pochi mesi prima Raymond Grassi, il futuro campione di Francia dei pesi piuma. Era assolutamente un bravissimo pugile, ma la strada che stava percorrendo non gli riservò mai alcuna gloria; tante vittorie, ma nessun trofeo incassato.
Anche lui un valido subalterno, che saliva e scendeva i ring con la stessa fredda imperturbabilità con cui un capotreno salta sopra un vagone in partenza alla stazione.
Il 28 ottobre 1952, Jimmy Cooper e Nicola Funari si incontrano all'Uline Arena di Washington, un gigantesco edificio a forma di hangar, capace di oltre ottomila posti.
Sono di fronte due abili professionisti. L'americano è leggermente più alto e di oltre due chili più pesante, inoltre gode di una solida esperienza avendo disputato quasi il triplo degli incontri dell'altro.
Ad accompagnare il civitavecchiese sul ring c'era il suo amico e concittadino Francesco Fratalia, anche lui bravo pugile professionista, ormai stabilitosi negli Stati Uniti da qualche anno.
La sfida è diretta da un arbitro d'eccezione, il neocampione del mondo dei pesi massimi Rocky Marciano che spesso si dilettava a salire sul ring senza guantoni ed in maniche di camicia.
Quasi tutte le dieci riprese previste sono a totale appannaggio dell'italiano, il quale sfodera una tattica decisamente molto aggressiva ed una superiorità schiacciante che appassiona tutto il pubblico presente. Al decimo round, forse a causa della stanchezza, Funari rallenta il ritmo, riuscendo comunque a controllare un avversario molto provato dai numerosi colpi subiti.
All'improvviso, il colpo di scena: centrato da un saettante gancio destro di Cooper, che lo raggiunge alla mandibola, il civitavecchiese finisce al tappeto.
Sembra un k.o. in piena regola, ma il pugno è stato in parte schivato e Funari, ormai quasi alla fine del match, si prende tutto il tempo concesso dalla conta di Marciano.
Quando al nono secondo scatta in piedi, Cooper, sicuro di finirlo, gli si avventa addosso come una belva. Il risultato fino ad allora era scontato e niente riuscì a strappare la vittoria dalle mani dell'italiano.
Per la cronaca, i due giudici a bordo ring assegnarono la vittoria a Funari, mentre Marciano si pronunciò a favore dell'americano.
Il commissario della federazione pugilistica di Washington, Henry Miller, impressionato dalle grandi qualità stilistiche del pugile italiano, lo definì come: "il miglior prodotto venuto dall'Europa dopo Marcel Cerdan".
 
Alessandro Bisozzi
 

 

 

 

Archive

UN GIORNO COME OGGI, IL 24 OTTOBRE DEL 1980

Pira batte Torsello di Priminao Michele Schiavone Il pugliese con licenza svizzera Antonio Torsello venne ingaggiato per una difesa volontaria accordata al campione italiano dei pesi welter Pierangelo...

24/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 23 OTTOBRE DEL 1979

Kalule, ugandese con licenza danese di Priminao Michele Schiavone Tra i tanti africani che trovarono nel vecchio continente il luogo ideale per realizzare i loro sogni ci fu Ayub Kalule, l’ugand...

23/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 22 OTTOBRE DEL 1977

Lassandro, tre volte titolare nazionale di Priminao Michele Schiavone L’elenco dei pugili diventati campioni italiani per tre volte nella stessa categoria contempla il nome di Damiano Lassandro,...

22/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 21 OTTOBRE DEL 1934

Edelweiss Rodriguez campione d'Italia di Priminao Michele Schiavone Uno dei primi pugili riminesi che si fece conoscere a livello italiano fu Edelweiss Rodriguez, vincitore del titolo nazionale profes...

21/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 20 OTTOBRE DEL 1979

John Tate vincitore di Gerrie Coetzee di Priminao Michele Schiavone Il primo campionato del mondo disputato in Sudafrica da pesi massimi fu ospitato a Pretoria il 20 ottobre 1979, combattuto tra il pu...

20/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 19 OTTOBRE DEL 1984

Mike McCallum, tre corone iridate di Priminao Michele Schiavone Dagli anni ’80 del secolo passato si è assistito alla crescita del numero di pugili che hanno voluto superare i primati di ...

19/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 18 OTTOBRE DEL 1968

Vittorio Saraudi sconfigge Giovanni Biancardi di Priminao Michele Schiavone Il terzo campione italiano di Civitavecchia fu Vittorio Saraudi, figlio di Carlo, precursore del pugilato nella città...

18/10/2017

CAMPIONI DEL MONDO DI ORIGINE ITALIANA, MIKE BELLOISE

Al secolo Michele Belloise di Pietro Anselmi e Vincenzo Belfiore La famiglia Belloise ebbe dieci figli, quattro femmine e sei maschi. Di questi tre divennero pugili: Mike, Steve e Sal. Gli ultimi ...

18/10/2017

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS