There are 54.971 boxer records, at least 535.570 bouts and 10.309 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

BUNDU ESPUGNA LONDRA

 

 

Una macchina da pugni che stordisce lo sfidante

Londra, Inghilterra, 14 dicembre 2013 – Il campione europeo dei pesi welter Leonard Bundu ha messo volontariamente in palio la cintura EBU contro l’inglese Lee Purdy e, dopo una prestazione di primissimo piano, ha riportato in patria l’alloro continentale. L’italiano ha fatto faville dinanzi alla stoica resistenza dello sfidante fino a vederlo sulla stuoia alla fine del confronto. Mancavano solo 7 secondi al termine della dodicesima ripresa quando l’arbitro tedesco Juergen Langos ha ritenuto di fermare il mulinare di braccia del campione sullo sfinito avversario. Purdy si era appena rialzato mentre il conteggio arbitrale andava avanti quando si è ritrovato nuovamente nella bufera e bene ha fatto l’arbitro a chiudere il match. L’italiano ha registrato la quinta difesa vittoriosa del titolo conquistato nel novembre del 2011. Professionista dal 2005, ha mantenuto il record immune da sconfitte con 30 trionfi (10 prima del limite) e 2 risultati di parità. A 39 anni compiuti Bundu ha combattuto con un vigore fisico che appartiene a colleghi molto più giovani di lui. Ora Bundu dovrà pensare alla difesa ufficiale che lo vedrà impegnato contro il connazionale Gianluca Branco, altro giovanotto di 43 anni suonati.

Nell’ExCeL del quartiere londinese Dockland, il campione ha combattuto contro Purdy, 26 anni compiuti, con il manuale pugilistico alla mano. Ha iniziato il confronto lasciando intendere le sue non celate intenzioni di custodire la cintura europea ad ogni costo. Bundu è partito all’attacco, cambiando guardia, colpendo a due mani, sotto e sopra. Il più alto Purdy è stato colto sul tempo ed è rimasto sorpreso dalla velocità dell’italiano. Il campione ha sfoggiato tutto il repertorio appreso in tanti anni di pugilato, diretti per linee interne, ganci, montanti, tutti colpi caricati con la spalla, scagliati al viso ed alla figura con velocità e precisione. L’inglese ha usato la tattica di avanzamento con l’intento di bloccare l’italiano nello scambio a corta distanza e scagliare i suoi potenti colpi. A tratti vi è riuscito ma ha dovuto pagare un costo altissimo che lo ha portato al sacrificio descritto nell’ultimo round.
Il timore paventato alla vigilia del match per l’italiano, rappresentato dal rischio di una ferita che lo ha tartassato negli ultimi combattimenti, è rimasto come un’ombra. Chi si è ferito è stato l’inglese che ha riportato nella seconda frazione un taglio sotto l’arcata sopracciliare sinistra, frutto di un preciso destro del campione.
Mentre Bundu continuava a colpire a due mani con energia l’atteggiamento irridente dell’inglese si ripeteva puntuale alla fine di ogni ripresa. Il campione non è rimasto irretito dal comportamento spocchioso dello sfidante ed ha continuato a recitare la parte del migliore, fino in fondo.
Bundu ha continuato con costanza a cambiare guardia, arretrando e colpendo, sempre con serie efficaci. Non ha concesso spazi allo sfidante e gli ha sempre rubato il tempo per rimanere preda delle azioni pesanti che si presentavano di tanto in tanto.
Purdy ha continuato l’azione demolitrice con il montante sinistro al tronco pensando che il campione prima o poi avrebbe ceduto il passo. Bundu non lo ha fatto mai ed ha continuato a praticare il pugilato razionale che gli dava ragione, ripresa dopo ripresa, fondato sulla velocità dei colpi, sugli spostamenti con le gambe, ora a destra, ora a sinistra e all’indietro. Le azioni di attacco con colpi caricati erano seguite da spostamenti per trovare nuove posizioni da dove scagliare altri colpi pesanti.
Certamente il match non si presentava come una “passeggiata” per l’italiano che dalla sesta ripresa ha mostrato i segni della lotta sotto l’occhio destro.
Bundu continua a servirsi della guardia falsa per continuare il gioco tattico più favorevole. Nel settimo round il combattimento si è tradotto con azioni a corta distanza e l’inglese ha trovato gli spazi per affondare i suoi colpi maligni. Il campione ha continuato a picchiare ma è rimasto statico sulle gambe offrendosi al pugilato dello sfidante.
Nell’ottavo tempo Bundu ha ripreso a spostarsi all’indietro lanciando colpi di sbarramento. Ha ritrovato la mobilità sulle gambe che gli ha permesso di apparire come un funambolo. Purdy non trovava il bersaglio che un secondo prima era a portata di pugni.
Il campione si è ripresentato come una furia al suono del nono round. Ha ripreso a muoversi con agilità senza trascurare il fuoco di sbarramento. Il disorientato Purdy è caduto all’indietro ma non è stato contato dall’arbitro. L’italiano ha continuato a girare intorno all’avversario, colpendo a due mani. Nel finale l’inglese ha messo a segno colpi pesanti al volto del campione.
La tattica dispendiosa di Bundu, l’unica possibile per frenare l’avanzata dell’inglese ha continuato a dominare lo scenario del decimo tempo. In alcune fasi l’inglese si è fatto pericoloso con le mazzate che affondava a due mani. Purdy ormai non aveva la velocità di esecuzione delle riprese precedenti, tantomeno la forza per prevalere.
Le ultime due frazioni sono state interpretate con lo stesso canovaccio preparato dal clan italiano fino all’epilogo determinato a 2:73 della dodicesima ed ultima ripresa.
Bundu non ha il classico pugno che mette fuori combattimento ma la sua determinazione e la continuità dei colpi utili a conseguire, alla lunga, risultati per fuori combattimenti. Dopo il polacco Rafal Jackiewicz, stesso nell’undicesima frazione, si è ripetuto in questa occasione.
Purdy, 20-5-1 (13), ha chiuso l’anno con la seconda sconfitta prima del limite dopo quella patita lo scorso maggio contro l’americano Devon Alexander. La mancanza di movimento sul tronco lo ha esporto oltremodo alle folate poco potenti dell’italiano, ma sufficientemente precise per sommare il conto pesante del risultato anzitempo.
 
In precedenza l’inglese Kevin Mitchell, 36-2-0 (26), ha vinto facilmente contro lo spagnolo Karim El Ouazghari, 15-4-2 (4), ingaggiato tre giorni prima per sostituire l’italiano Brunet Zamora, rimasto in Italia per motivi burocratici. Mitchell ha difeso la cintura IBF intercontinental dei pesi leggeri chiudendo il conto a 2:07 della nona ripresa.
 
Il campione WBA interim dei pesi medi Martin Murray, 26-1-1 (11), ha superato ai punti in 8 riprese il bielorusso Sergey Khomitsky, 28-10-2 (11).
 
L’ex titolare IBF dei pesi supergallo Jamie McDonnell, 23-2-1 (10), ha sconfitto il dominicano con licenza spagnola Abigail Medina, 9-3-2 (5), con decisione in 8 tempi.
 
L’inglese Anthony Ogogo, medaglia d’oro alle Olimpiadi di Londra, ha combattuta sulla distanza delle 6 riprese contro il connazionale Dan Blackwell, 5-26-0 (1). Ogogo, 4-0-0 (2), ha vinto ai punti.
 
Primiano Michele Schiavone
 

 

 

 

 

Archive

UN GIORNO COME OGGI, IL 18 OTTOBRE DEL 1968

Vittorio Saraudi sconfigge Giovanni Biancardi di Priminao Michele Schiavone Il terzo campione italiano di Civitavecchia fu Vittorio Saraudi, figlio di Carlo, precursore del pugilato nella città...

18/10/2017

CAMPIONI DEL MONDO DI ORIGINE ITALIANA, MIKE BELLOISE

Al secolo Michele Belloise di Pietro Anselmi e Vincenzo Belfiore La famiglia Belloise ebbe dieci figli, quattro femmine e sei maschi. Di questi tre divennero pugili: Mike, Steve e Sal. Gli ultimi ...

18/10/2017

ADDIO A WALTER CEVOLI

GRANDE CAMPIONE RIMINESE di Alfredo Bruno Un altro lutto ha colpito la boxe italiana. A Rimini ieri si è spento, all’età di 59 anni, Walter Cevoli, che fu campione italiano dei mediomassimi negl...

17/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 17 OTTOBRE DEL 1986

Jacobsen, un danese che fece la differenza di Priminao Michele Schiavone La storia pugilistica della Danimarca, anche se scritta da pochi pugili rispetto al maggior numero dei colleghi di altre nazi...

17/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 16 OTTOBRE DEL 1964

La rivincita di Serti su Mastellaro di Priminao Michele Schiavone Uno dei pochi pugili che conquistarono il titolo italiano per la prima volta, al secondo tentativo, dopo aver perduto la cintura europ...

16/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 15 OTTOBRE DEL 1969

Carmelo Coscia, un campione di lungo corso di Priminao Michele Schiavone Uno di quei pugili che si spesero a lungo prima di arrivare all’appuntamento con il campionato italiano professionistico ...

15/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 14 OTTOBRE DEL 1983

A Milano, un programma, tre titoli di Priminao Michele Schiavone Quando il capoluogo lombardo poteva essere definito un baluardo dell’organizzazione pugilistica italiana, il promoter milanese Eg...

14/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 13 OTTOBRE DEL 1956

Guido Mazzinghi batte Marino Faverzani di Priminao Michele Schiavone La prima ed unica difesa del titolo italiano dei pesi medi sostenuta dal toscano Guido Mazzinghi avvenne il 13 ottobre 1956 a Milan...

13/10/2017

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS