There are 54.990 boxer records, at least 535.762 bouts and 10.362 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

RUSSO PROMOSSO, ALTRA SORTE PER VALENTINO E PICARDI

 

 

Russo vince a Roma, Valentino e Picardi cedono all'estero.

Sorprese nei 69, 81 e +91.

di  Giuliano Orlando

Russo promosso, Valentino e Picardi si fermano al primo ostacolo. A sorpresa il leggero bronzo mondiale, secondo pronostico il peso mosca. Partenza col botto per l’ABP che nel fine settimana ha esordito in cinque categorie. A Roma, bella vittoria di Clemente Russo nei massimi: costretto alla resa all’inizio del quinto round, l’ucraino Roman Golovashchenko, 27 anni, da sette professionista con un record di tutto rispetto (13+1-1nc), per un presunto stiramento alla spalla sinistra, in quel momento nettamente indietro. L’italiano rientrava dopo la sconfitta contro l’azero Abdullayev a Guba del 29 marzo 2014, nei quarti delle WSB. Situazione delicata, anche se l’esperienza di Clemente era la garanzia del pronto recupero.
 
 
Il pubblico accorso al PalaTiziano infatti ha capito tutto e atteso con pazienza di poter vedere il campione del mondo esibirsi come sa fare lui. Inizio prudente, senza rischiare nulla per un round, già al secondo il campano mostrava quelle movenze a lui abituali e nel terzo ritrovava la scelta di tempo e le movenze usuali. La quarta era in discesa, tenendo conto che all’aspetto imponente dell’ucraino non corrispondeva quella esplosività e velocità che avrebbero potuto creare problemi a Russo. Al gong d’avvio del quinto round Roman non si alzava dallo sgabello, accusando uno stiramento alla spalla sinistra. “Mi sono allenato molto bene, avevo il fiato per i sei round e avrei preferito farli. La resa dell’avversario ha abbreviato la fatica”. Partenza prudente, senza gigioneggiare. Il fantasma della sconfitta di marzo poteva condizionarti? “In questo mestiere ci stanno vittorie e sconfitte. Io sono uno che perde raramente. Dai Giochi di Londra, dopo la finale era la prima, il bilancio è decisamente in attivo. L’ucraino non lo conoscevo, era molto grosso e aveva qualche anno meno di me. Volevo semplicemente capire le sue caratteristiche. L’ho lasciato anche colpire, ma quando ha deciso di anticiparlo ho capito di avere più precisione e velocità. Ad ogni ripresa riprendevo le sensazioni positive, per cui l’andamento seguiva la linea prevista. Vittoria importante, fondamentale in questo torneo, perché ti permette di non essere fuori anche se perdi, e non me lo auguro, il secondo incontro, avendo possibilità di rientrare in gioco, nel successivo”. A Bergamo il 21 novembre, il compito sarà molto difficile contro il russo Egorov, campione europeo in carica, un demolitore notevole, attaccante totale. A Roma contro il non disprezzabile algerino Boulodinats, 27 anni, esperto, velocissimo sulle gambe e rapido di braccia, anche se privo di potenza, ha impressionato per la continuità offensiva. Il campione europeo non ha una difesa impenetrabile, ma assorbe i colpi con noncuranza, forte di una potenza e condizione ottimali. Fisico compatto, velocità di braccia, predilige la media distanza dove scarica serie impressionanti. Destinato ad inseguire, sembra non aver problemi nel ruolo. Un avversario di 23 anni contro 32, sarà l’incontro decisivo. Chi vince ha il biglietto assicurato per Rio. “Non sarebbe la prima volta che batto un campione più giovane. Indubbiamente è un signor pugile, compatto e molto forte. Forse un po’ ripetitivo. Devo evitare che trovi bersaglio fermo, giocare sugli spostamenti laterali e toccare in velocità. Abbiamo impostazione diversa, farò il possibile che la mia abbia la meglio. Intanto ho vinto prima del limite e questo è già un piccolo vantaggio. Importante era rompere il ghiaccio. L’ho fatto nel modo migliore. Non sono stato fortunato nel sorteggio, visto che nell’altro girone, pur rispettando ogni avversario, la qualità è un po’ più bassa. Comunque ogni match ha la sua storia”. In effetti, gli altri due incontri non hanno fatto sobbalzare per la qualità. Il kazako Anton Pinchuk, da due anni campione nazionale, ha mostrato più difetti che pregi contro l’argentino Yamil Peralta, a giudizio personale più bravo e continuo. Di parere diverso i giudici, che alla fine hanno indicato nell’asiatico il vincitore. Incontro molto confuso, entrambi imprecisi, con Peralta che almeno cercava di alzare il ritmo, mentre Pinchuk dopo ogni attacco legava e colpiva spesso dietro la nuca. L’arbitro lo ha richiamato dieci volte, sempre amichevolmente. Decisivo il quinto round, assegnato al kazako. Nell’altro confronto, il tedesco Ahmatovic, origini serbe, ha bene impressionato contro l’americano mancino di colore Javonta Charles, dalla struttura notevole, ma fermo all’abc della tecnica, oltre a non aver mascella robusta. Dopo un primo round senza emozioni ma solo intenzioni, già nella seconda ripresa il destro di Emir iniziava a far danni. col primo conteggio. Nel terzo l’americano tentava di recuperare ma finiva per fare il gioco del rivale che lo anticipava, mettendolo giù altre due volte e dall’angolo volava la spugna. Se nei massimi i risultati hanno seguito il pronostico, nelle altre quattro categorie messe in archivio, le sorprese non sono mancate. Nei leggeri, è stato il nostro Valentino a subire uno stop imprevisto e pesante contro il filippino Suarez, che aveva dimostrato ai Giochi Asiatici di essere in grande condizione. Split decision (2-1) purtroppo per Suarez e adesso la strada del nostro titolato atleta è decisamente impervia. Ha perso anche il russo Polyansky, vice campione d’Europa di fronte all’uzbeko Tojibaev, 24 anni, campione nazionale, presente ai mondiali 2009 a Milano a 19 anni, battuto dal marocchino Ouatne nelle eliminatorie. Ha vinto evitando lo scambio e rientrando in velocità. Se la vedrà per giungere in finale col brasiliano Conceicao, ex Thunder Italia, vincitore netto del tedesco Bril. Nella serata svoltasi ad Almaty in Kazakistan, il beniamino di casa Abadrakhmanov, bronzo ai mondiali 2013, svoltisi nella stessa struttura che ha ospitato la prima tappa, si è imposto tra gli applausi all’irlandese Joyce, inutilmente all’assalto. A Novisibirsk in Siberia, Vincenzo Picardi, non ha superato l’ostacolo russo Mickail Alojan, come era stato in passato. Il doppio campione del mondo (2011-2013) si è dimostrato troppo veloce e tempista per l’attuale condizione di Picardi. Vincitori nei 52 kg anche l’algerino Flissi, argento di Almaty, che ha costretto alla resa al secondo round il francese Asloum, professionista di 33 anni, il messicano Emigidio sull’argentino Martinez e il kazako Sulemeinov nei confronti di Latipov, uzbeko più titolato: bronzo e argento iridato nelle ultime due edizioni iridate. Altra sorpresa nei 69 kg. a Baku in Azerbajan, con la sconfitta dell’austriaco Marcos Nader, 24anni, molto sponsorizzato dall’AIBA, per la scelta, professionista con 13 vittorie, un pari e una sola sconfitta contro Blandamura. Lo ha battuto il keniano Okwiri, 28 anni, gran fisico che ha avuto il pregio di metterla sullo scambio e ha avuto la meglio. Battuto anche il tedesco Marutjan, 22 anni, bronzo ai mondiali, dotato di un grande destro, che il turco Sipal ha evitato anticipandolo sistematicamente. L’ucraino Lazarev, confitto da Mangiacapre ai mondiali, si è imposto sul magiaro Kate, che dopo il ritiro ha provato a risorgere, ma la migliore condizione di Lazarev ha fatto la differenza. Delusione del pubblico per la sconfitta, prevedibile, di Mammadov Fariz, 34 anni, professionista dal parecchi anni tra Russia e Germania, di fronte al più tonico e potente russo Zamkovoy, il mancino bronzo a Londra. Nei mediomassimi, ospitati a Sofia in Bulgaria, dove non c’era il pugile di casa, essendosi ritirato Genov, professionista di 33 anni (7+), sostituito dal tedesco Michel che ha superato nettamente St.Pierre della Mauritius, sostituto a sua volta del quotato algerino Benchabla. Il clou indicava la sfida tra due campioni europei, l’irlandese Ward, 20 anni (2011), talento precoce in fase di stallo e il russo Ivanov (2013) che ha dimostrato maggiore consistenza negli attacchi, mentre la boxe di rimessa del rivale, pur mostrando fraseggi di tutto rispetto, pagava scotto. Altra sorpresa la vittoria del francese Buaderlique, 25 anni, argento europeo nel 2010 a Mosca, poco attivo ma capace di tenere a bada il vice campione olimpico e mondiale, il kazako Niyazymbetov, troppo attendista e poco concreto, fuori forma. Infine l’uzbeko Mamazulunov, campione d’Asia, bronzo mondiale 2013 cedeva alla distanza a Rouzbahami, il miglior pugile iraniano, molto attivo nelle WSB nell’Astana, 26 anni, titolare a Londra. Anche i +91 regalavano sorprese ed era sempre un francese a compiere l’impresa meno attesa. Parliamo di Yoka, 21 anni, la grande promessa transalpina che al passaggio di categoria non aveva raccolto nulla. Finalmente ha messo a segno il colpo, battendo il mancino russo Omarov, campione europeo 2011, titolare a Londra, possente ma poco coordinato, incapace dopo la sfuriata iniziale di replicare alla miglior boxe del rivale. Anche se relativamente, la vittoria del marocchino Arjaoui sull’ucraino Verveyko desta sorpresa. Brutto match, molti abbracci, col magrebino più furbo al limite delle regole. E’ andata bene al romeno Nistor, grazie al ritiro dell’azero e grande favorito Medzhidov, duplice iridato (2011-2013), che ha trovato il più malleabile tedesco Kiydin, fresco campione nazionale, costretto in difesa stretta contro un attaccante che fa male. Nella norma la vittoria del tedesco Pfeifer, bronzo iridato 2013, 27 anni, radici russe, troppo bravo per l’egiziano Samir. Oggi tocca ai 64kg. L’AIBA non ha fatto conoscere sedi e date dei 56 e 75 kg.
 
Giuliano Orlando
 
RISULTATI di APB-AIBA Pro Boxing
 
APB Pre-Ranking 1 - 52Kg
26 ottobre 2014, Novosibirsk, Russia
Elias Eliseo Emigdio Abarca WPTS 6 Fernando Daniel Martinez
Mohamed Flissi W TKO 2 (1:24) Redouane Asloum
Ilyas Suleimenov WPTS 6 Jasurbek Latipov
Misha Aloian WPTS 6 Vincenzo Picardi
 
APB Pre-Ranking 1 - 69Kg
25 ottobre 2014, Baku, Azerbaijan
Rayton Nduku Okwiri W KO 2 (1:04) Marcos Nader
Onur Sipal WPTS 6 Eimantas Stanionis
Denys Lazarev WPTS 6 Gyula Kate
Andrey Zamkovoy WPTS 6 Fariz Mammadov
 
APB Pre-Ranking 1 - 91Kg
24 ottobre 2014, Roma, Italy
Emir Ahmatovic W TKO 3 (2:33) Javonta Charles
Anton Pinchuk WPTS 6 Yamil Peralta
Aleksey Egorov WPTS 6 Chouaib Bouloudinats
Clemente Russo W TKO 5, Rtd (0:08) Roman Golovashchenko
 
APB Pre-Ranking 1 - 60Kg
24 ottobre 2014, Almaty, Kazakhstan
Charly Coronel Suarez WPTS 6 Domenico Valentino
Hurshid Tojibaev WPTS 6 Dmitry Polyanskiy
Robson Donato Conceicao WPTS 6 Artur Bril
Berik Abdrakhmanov WPTS 6 David Oliver Joyce
 
APB Pre-Ranking 1 - 81Kg
24 ottobre 2014, Sofia, Bulgaria
Ehsan Rouzbahani WPTS 6 Oybek Mamazulunov
Serge Michel WPTS 6 Joseph Kennedy St Pierre
Mathieu Bauderlique WPTS 6 Adilbek Niyazymbetov
Nikita Ivanov WPTS 6 Joseph Ward
 
APB Pre-Ranking 1 - 91+Kg
24 ottobre 2014, Baku, Azerbaijan
Mihai Nistor WPTS 6 Ali Kiydin
Mohammed Arjaoui WPTS 6 Sergiy Verveyko
Tony Victor James Yoka WPTS 6 Magomed Omarov
Erik Pfeifer WPTS 6 Ahmed Samir
 
Combattimenti in programma oggi, 27 ottobre 2014
 
APB Pre-Ranking 1 - 64Kg
27 ottobre 2014, Novosibirsk, Russia
Georgiev Boris vs Harutyunyan Artem
Romero Marin Juan Pablo vs Aquino Carlos
Chadi Abdelkader vs Petrauskas Evaldas
Zakaryan Armen vs Kyslytsyn Vyacheslav

 

 

 

Archive

UN GIORNO COME OGGI, IL 24 NOVEMBRE DEL 1929

Jacovacci, secondo pari con Oldani di Priminao Michele Schiavone Il 24 novembre 1929 Milano ospitò per la seconda volta la sfida portata dal locale Giuseppe Oldani al titolare italiano dei pesi...

24/11/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 23 NOVEMBRE DEL 1966

Golfarini vincitore di Pellarin di Priminao Michele Schiavone Il nome del livornese Remo Golfarini occupa il posto numero 6 nell’albo d’oro dei campionati italiani dei pesi superwelter. Il...

23/11/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 22 NOVEMBRE DEL 1925

Edoardo Garzena s'impone a Pietro Bianchi di Priminao Michele Schiavone L'ultima difesa vittoriosa del titolo italiano dei pesi leggeri di Edoardo Garzena si svolse a Milano il 22 novembre 1925, contr...

22/11/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 21 NOVEMBRE DEL 1986

Ronzoni supera Scapecchi di Priminao Michele Schiavone Il campione italiano numero 17 dei pesi superleggeri fu Maurizio Ronzoni, che il 21 novembre 1986 tolse la cintura al grossetano Alessandro Scape...

21/11/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 20 NOVEMBRE DEL 1961

Truppi batte il tedesco Moll di Priminao Michele Schiavone Il peso medio modenese di origine brindisina Tommaso Truppi lasciò il ring di Modena da imbattuto la sera del 20 novembre 1961, quando...

20/11/2017

CAMPIONI DEL MONDO DI ORIGINE ITALIANA, MELIO BETTINA

Al secolo Emilio Antonio Bettina di Pietro Anselmi e Vincenzo Belfiore Melio Bettina. Anche se non viene annoverato tra i grandi della categoria fu sicuramente un ottimo pugile, un mediomassimo dal record...

19/11/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 19 NOVEMBRE DEL 1977

Azevedo pareggia con Backus di Priminao Michele Schiavone Il 19 novembre 1977 l’ex campione mondiale dei pesi welter Billy Backus, guardia destra originario di Canastota, New York, e nipote del ...

19/11/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 18 NOVEMBRE DEL 1972

Ugo Poli sconfigge Bruno Pieracci di Priminao Michele Schiavone La provincia di Sondrio trovò nel valtellinese Ugo Poli, originario di Ardenno, l’elemento di spicco per promuovere negli a...

18/11/2017

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS