There are 54.965 boxer records, at least 535.524 bouts and 10.274 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

FREO PARLA DEL DISTACCO DA BOSCHIERO

 

 

Gino Freo: "Perché ho lasciato Boschiero"

"Occorre essere coerenti e di parola, questo è mancato a Devis, in occasione di una serata in cui era l’ospite più atteso."

di  Giuliano Orlando

Il maestro di pugilato, Gino Freo, 63 anni, riconosciuto tra i migliori in Italia, è il fondatore delle Boxe Piovese, nata nel 1985, dopo aver appeso i guantoni al chiodo, al termine di una milizia decennale da professionista, consumata senza il lampo dell’impresa, con modestia e dignità, come specchia il record di 19 vittorie, 18 sconfitte e 3 pareggi, tra il 1974 e il 1984.
 
Anche se la boxe è sempre stata la mia passione, ho sempre dato la precedenza al lavoro, svolto presso una società telefonica, dedicando agli allenamenti il tempo libero anche da professionista. Non ero un talento naturale, boxavo in linea senza quella potenza che un mediomassimo deve avere per fare la differenza. Non possedevo la mascella d’acciaio e ne pagavo le conseguenze. Ho il rimpianto di non aver conquistato il titolo italiano. Ci ho provato due volte, ma Cometti e Cavina, che ho affrontato cinque volte, mi hanno battuto. Branchini mi aveva allestito la terza opportunità nel 1983, contro Cevoli, ma all’ultimo momento la riunione saltò. Un vero peccato, per la prima volta mi ero preso le ferie per preparare il match. Era scritto nel destino”
 
Nel gym di Piove di Sacco nel padovano, sono passati centinaia di ragazzi, la palestra non è solo il luogo dove si scambiano pugni, semmai l’occasione di crescere e maturare il carattere per formare il futuro uomo. Tra i tanti figurano Cristian Sanavia e Devis Boschiero, i meglio riusciti di tutte le covate.
 
Gino Freo e Devis Boschiero dilettante
 
Cristian arrivò a dieci anni, mentre Devis ne aveva già 14 e praticava calcio a buon livello. Entrambi dotati naturalmente e come i cavalli di razza, con carattere non facile. Tutti e due ottimi dilettanti, il primo ha raggiunto l’europeo e il mondiale da professionista, l’altro solo il titolo europeo, anche se moralmente il mondiale l’aveva conquistato a Tokyo contro Ao.
 
Senza contare il periodo dilettantistico, per la prima volta dal 2004 non eri all’angolo del tuo allievo in occasione del tentativo di tornare europeo superpiuma lo corso 10 ottobre. La tua assenza non è passata inosservata, evidenziata dalla sconfitta, stavolta giusta contro Romain Jacob a Calais in Francia, che manteneva la cintura con pieno merito. E’ stato detto che Boschiero ha sbagliato tattica, ha cercato il colpo duro, senza costruire un percorso tecnico che avrebbe potuto dare la svolta al match. Cosa è accaduto tra voi due, ben sapendo che il pugile non è la prima volta che fa qualche capriccio. Anche se alla fine, tutto si è sempre risolto, visto che nelle occasioni più delicate, sei sempre stato pronto a tendergli la mano.
 
In effetti questa è la prima sconfitta vera di Devis e mi spiace davvero. Il primo segnale di pericolo nel nostro lungo e fruttuoso rapporto di maestro e allievo, è avvenuto sempre a Calais in occasione del primo confronto con Jacob a febbraio. Tra la settima e l’ottava ripresa, cerco di spronarlo in modo che non perda concentrazione e mantenga il ritmo alto. L’ho sempre fatto, conoscendolo bene, sia tecnicamente che caratterialmente, l’aspetto più debole e delicato. Per tutta risposta mi ha mandato a quel paese. Non era mai accaduto e questo mi ha fatto davvero male. Ho assorbito l’offesa, anche se nelle ultime tornate mi sono limitato al minimo indispensabile, senza insistere troppo. Al ritorno le cose sembravano essere tornate nella normalità, Devis si allenava ed io cercavo di operare al meglio. Quando la OPI2000 vince l’asta, mi adopero per trovare gli aiuti necessari per far svolgere la rivincita con Jacob a casa. All’improvviso vengo a sapere che Salvatore Cherchi si è accordato col clan francese e il match si disputerà ancora a Calais. Sicuramente sia il manager che il pugile avrebbero guadagnato di più, ma il rischio del fattore campo, non so se valeva gli euro in più. Comunque, essendo Devis un professionista non potevo certo oppormi, anche se non ero d’accordo”. (Boschiero con la cintura di campione d'Europa)
 
Il motivo della rottura è un altro. Si tratta del mancato intervento di Boschiero alla riunione che viene allestita a Piove di Sacco ormai da vent’anni, un appuntamento importante per la città e per la società.
 
Esatto, si tratta della manifestazione che coinvolge tutta Piove. Sui manifesti campeggia Boschiero che è il personaggio principale, il più atteso. Presenti la tv locale, il sindaco e gli assessori, per la foto di rito, con lo speaker in grande difficoltà, e il pubblico che aspetta di vedere e applaudire il suo beniamino. Non si presenta tra la delusione generale. Ci faccio una figuraccia e aspetto di conoscerne il motivo. Questo il sabato. Passa la domenica, fino al giovedì senza alcun segnale. Venerdì sera, con le orecchie basse, in silenzio si presenta e inizia ad allenarsi. Aspetto una sua giustificazione, che non arriva. Non dico nulla fino al termine per non creare imbarazzo davanti ai ragazzi. Quando finisce la doccia, lo affronto e gli chiedo spiegazioni. Mi risponde che era stanco. A quel punto gli dico che la palestra chiude in agosto, come è stato deciso dal consiglio della società. Chiaro che se avesse mostrato un minimo di intelligenza, vista la situazione, l’avrei aperta. Invece di cercare il dialogo chiama Salvatore Cherchi dicendo che non sa dove allenarsi perché Freo ha chiuso la palestra”.
 
Il gesto di Boschiero, può essere interpretato in vari modi. Non intende ammettere di aver agito male riguardo la mancata presenza alla serata di Piove, non vuol chiedere al maestro di riaprire la palestra o forse non vuol più essere preparato da Gino Freo.
 
Tutto è possibile. Di fatto Cherchi coglie al volo l’occasione per farlo allenare a suo modo. Due mesi isolato a Malaga in Spagna, un tempo infinito per uno che ha bisogno almeno una volta la settimana di interrompere la routine della palestra. Deve staccare per riprendere con la testa snebbiata. Questo lo so io, non gli altri che il pugile lo seguono al telefono. Purtroppo quello che temevo è accaduto. Ha combattuto senza una guida all’angolo capace di spronarlo nel modo giusto. Per la prima volta in carriera ha veramente perso. Le due sconfitte precedenti sono stati due furti.
Stavolta niente da dire. Sarà un caso che non ero all’angolo?
 
Quali sono i punti deboli di Boschiero?
Come tutti gli introversi ha bisogno di sentirsi protetto, avere una persona sulla quale contare, che goda della sua fiducia. Mi spiace abbia detto che mi volevo intromettere nei suoi affari privati. Anche su questo ci sarebbe molto da dire, Se fosse così vero, forse non avrebbe inciampato di brutto come è accaduto. Ma io voglio essere ottimista, anche se la situazione non è delle più rosee. Ho ripetuto che sono pronto ad accoglierlo se dimostrerà di aver capito gli errori commessi. In apparenza fa vedere di essere un duro, nella realtà ha mille dubbi. Faccia l’esame di coscienza e forse capirà perché in Francia ha sbagliato tattica e meritato la sconfitta”.
 
Giuliano Orlando

 

 

 

Archive

UN GIORNO COME OGGI, IL 25 SETTEMBRE DEL 1974

Freschi supera Bergamasco di Priminao Michele Schiavone L’udinese Bruno Freschi divenne campione italiano dei pesi superleggeri al secondo tentativo il 25 settembre 1974 a Forni di Sopra, in pro...

25/09/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 24 SETTEMBRE DEL 1964

Brandi batte Lopopolo di Priminao Michele Schiavone L’aretino Piero Brandi realizzò la sua sagace e penetrante prestazione della carriera professionistica la sera del 24 settembre 1964, q...

24/09/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 23 SETTEMBRE DEL 1958

Baccheschi sconfigge Mazzola di Priminao Michele Schiavone Il terzo appuntamento sul ring tra il toscano Domenico Baccheschi ed il lucano Rocco Mazzola ebbe luogo a Civitavecchia il 23 settembre 1958,...

23/09/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 22 SETTEMBRE DEL 1935

Magnolfi vincitore di Negri di Priminao Michele Schiavone Il fiorentino Alfredo Magnolfi divenne campione italiano dei pesi gallo la seconda volta il 22 settembre 1935, nella sua città, quando ...

22/09/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 21 SETTEMBRE DEL 1962

Fabio Bettini, romano campione di Francia di Priminao Michele Schiavone Il pugile Fabio Bettini godette di due cittadinanze, prima quella italiana per la sua nascita a Roma, poi la francese per scelta...

21/09/2017

'TORO SCATENATO' HA PERSO L'ULTIMA BATTAGLIA

LaMOTTA MORTO A 96 ANNI DOPO BREVE MALATTIA di Primiano Michele Schiavone Mercoledì 20 settembre 2017 – Dagli Stati Uniti è rimbalzata la notizia della morte dell’ex ca...

20/09/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 20 SETTEMBRE DEL 1942

Roberto Proietti, tre volte europeo di Priminao Michele Schiavone In un passato alquanto lontano capitò più volte che due italiani si affrontarono per la disputa di due campionati, cosa ...

20/09/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 19 SETTEMBRE DEL 1970

Zampieri su Proietti per ferita di Priminao Michele Schiavone Sono molti i casi in cui un pugile si afferma su un altro con il medesimo risultato prima del limite, nella stessa ripresa. Uno di questi ...

19/09/2017

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS