There are 55.039 boxer records, at least 536.096 bouts and 10.655 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

UN GIORNO COME OGGI, L'8 MARZO DEL 1960

 

 

Giulio Rinaldi sconfigge Santo Amonti

di Priminao Michele Schiavone

La prima sfida portata dal laziale Giulio Rinaldi al titolo italiano mediomassimi fu per lui un successo strepitoso: l'8 marzo 1960 a Roma affrontò il campione Santo Amonti e lo costrinse all’abbandono nella seconda ripresa. Il pugile bresciano più giovane di oltre due anni del suo avversario, fino ad allora aveva registrato una sola sconfitta ai punti, patita in Germania nella chance al campionato europeo detenuto dal tedesco Eric Schoppner. La carriera di Rinaldi, invece, prima di quell’appuntamento, era stata intrisa di esperienze diverse che avevano forgiato il carattere di per sé combattivo. In qualità di dilettante nel 1956 Rinaldi, al limite dei pesi medi, ottenne il secondo posto agli Assoluti d’Italia e partecipò ai Giochi olimpici di Melbourne, in Australia. Nato ad Anzio in provincia di Roma il 13 febbraio 1935, iniziò la carriera a torso nudo il 23 marzo 1957 e alternò per tre anni risultati positivi a esiti negativi. Sconfitto da Domenico Baccheschi e dal franco-algerino Ahmed Boulgroune, si affermò su Artemio Calzavara e Sammy Langford; superato in Inghilterra da Johnny Halafihi, tongano attivo in Gran Bretagna, a causa di una ferita da Rocco Mazzola, distaccò nel punteggio lo spagnolo Mariano Echevarria, nella rivincita Rocco Mazzola e il tedesco Horst Niche, ma perse anche contro l’altro teutonico Dieter Wemhoner. Nel 1960, dopo la conquista del titolo tricolore, infilò una serie di fomidabili successi, ottenuti tutti nella capitale, contro Leen Jansen, Germinal Ballarin, Donnie Fleeman, Johnny Halafihi nella rivincita, e addirittura Archie Moore, la vecchia mangusta che non volle rischiare il titolo mondiale in suo possesso. L’anno seguente Rinaldi continuò a colpire i suoi sostenitori con altri successi a spese di Sonny Ray, Freddie Mack e Sixto Rodriguez, in attesa di avere l’occasione di affrontare ancora una volta Archie Moore, titolo mondiale in palio. La circostanza si realizzò il 10 giugno 1960 a New York ma il laziale non riuscì a ripetere la prestazione delle magica notte romana e dovette cedere all’americano dopo 15 riprese.

Il suo pubblico laziale continuò a sostenerlo nelle altre apparizioni vittoriose portate a termine nei confronti di Roque Maravilla, Rudholf Nehring, Dieter Wemhoner, suo vincitore di due anni prima, e Helmut Ball. La condizione psico-fisica dell’anziate lo sostenne anche l’anno seguente dinanzi a Renaro Moraes, Billy Ryan e Lino Rendon, in vista di una chance europea che si profilava all’orizzonte. Il 28 settembre 1962 a Roma impose la sua superiorità allo scozzese Chic Calderwood, portandogli via la cintura europea dei pesi mediomassimi al termine delle 15 riprese. In dicembre gareggiò per 10 tempi con Carlo "Bobo" Olson, statunitense di Hawaii ex campione mondiale dei pesi medi, concludendo la prova con il risultato nullo. Lo stesso verdetto rimediò con il più pesante e pericoloso americano Wayne Bethea il 5 aprile 1963. Il 23 maggio seguente respinse la sfida del tedesco Erich Schoppner, ex titolare continentale, arrivando primo sui cartellini della giuria dopo 15 frazioni. Dopo un lungo riposo, Rinaldi tornò sul ring nel febbraio 1964 e piegò alla lunga Bob Young; vi ritornò nell’ultimo giorno dello stesso mese contro il tedesco Hans Werner Wolhers, ex titolare nazionale dei medi, ma una squalifica gli fu fatale nel secondo tempo, verdetto che si ripeté il 4 aprile a Dortmund, in Germania, dinanzi all’altrp tedesco Gustav Scholz, mentre difendeva il titolo europeo. Il pubblico romano lo sostenne negli altri appuntamenti della stagione, quando affrontò Floyd McCoy e Johnny Alford, vinti, e pareggiò con Herschel Jacobs. Roma rimase la culla dei suoi combattimenti anche nell’anno seguente. Dopo il successo su Don Turner, il no-contest e la vittoria contro Jose Menno, l’8 luglio 1965 ritornò in possesso del vacante titolo europeo mediomassimi nella sfida portata al tedesco Klaus Peter Gumpert, conclusa anzitempo nella tredicesima tornata. Il secondo regno continentale di Rinaldi si concluse l’11 marzo 1966 a Roma, dove era iniziato, per opera dello sfidante pisano Piero Del Papa, che gli fu preferito al termine delle 15 riprese. In settembre a Colonia, Germania, impose il pari al tedesco Jurgen Blin e in dicembre riportò il no-contest con il conterraneo Giulio Saraudi. L’anno successivo volò a Manchester, Inghilterra, dove venne squalificato dinanzi a Billy Walker. Nel 1968 pareggiò a Roma con il londinese John Hendrickson e perse da Bob Dunlop a Melbourne, in Australia. Nel 1969 si esibisì solo in Germania, ingaggiando tre combattimenti con WilhelmVon Homburg, uno vinto e due perduti, ed uno contro il vincente Jurgen Blin. Aprì il nuovo anno con un’altra trasferta in Germania, dove venne superato dal tedesco Horst Benedens. Tornò ad esibirsi di fronte ai suoi concittadini di Anzio per la terza volta dal lontano 1958 e sconfisse Vasco Faustinho, brasiliano residente in Ancona. Poi volò a Johannerburg e sconfisse il sudafricano Kosie Smith. Il 22 agosto, per la quarta volta salì sul ring montato nella sua città natale e sfidò il campione italiano mediomassimi Gianfranco Macchia, vincendo il confronto nell’ottava ripresa, quando il ferrarese di Consaldolo venne squalificato dall’arbitro. Così, dopo oltre dieci anni, Rinaldi tornò ad essere campione nazionale mediomassimi. Intanto la stella nascente del giovane Domenico Adinolfi, laziale di Ceccano, Frosinone, aveva innescato il dualismo nella capitale e alla data del 23 ottobre 1970 il conflitto verbale si traduscce nello scontro coi pugni tra due generazioni. Rinaldi dovette capitolare nella quinta frazione e lasciare allo sfidante la palma del successo anzitempo. La sua bella storia pugilistica, durata 14 anni, si concluse quella sera, dopo 67 incontri: 44-16-5-2 nc.

Primiano Michele Schiavone
 

 

 

 

 

 

 

Archive

CAMPIONI DEL MONDO DI ORIGINE ITALIANA, MIKE ROSSMANN

Al secolo Alberto Del Piano di Pietro Anselmi e Vincenzo Belfiore Nato a Turnesville nel New Jersey l’1 Luglio 1955 da padre calabrese, che gli fece anche da manager, e da madre ebrea dalla ...

23/06/2018

ADDIO A FRANCO ZURLO

Morto a 77 anni compiuti di Primiano Michele Schiavone Lunedì 18 giugno 2018 – Dopo una breve malattia è venuto a mancare il più rappresentativo esponente del pugilato brindisino, F...

18/06/2018

CAMPIONI DEL MONDO DI ORIGINE ITALIANA, WILLIE PASTRANO

Al secolo William Raleigh Pastrano di Pietro Anselmi e Vincenzo Belfiore Era nato il 27 novembre 1935 a Miami in Florida, dove trascorse gran parte della sua vita. Era poco più che un bam...

10/06/2018

UN GIORNO COME OGGI, L'1 GIUGNO DEL 1974

Emili batte Masala sulla via del tricolore di Priminao Michele Schiavone Il segno dei tempi che il pugilato italiano sta vivendo, connesso ai suoi mutamenti, fornisce la stima del suo valore intrinsec...

01/06/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 31 MAGGIO DEL 1961

Angelo Favari, aspettative senza fiducia di Priminao Michele Schiavone ono stati tanti i pugili che non hanno creduto fino in fondo nei propri mezzi ed hanno lasciato l’attività senza spe...

31/05/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 30 MAGGIO DEL 1956

Umberto Vernaglione alla vigilia del titolo italiano di Priminao Michele Schiavone Il pugilato di Taranto è stato sempre un valido serbatoio per la boxe nazionale. Negli anni '50 si fece largo ...

30/05/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 29 MAGGIO DEL 1945

Ernie Roderick da welter a medio e ritorno di Priminao Michele Schiavone La categoria dei pesi medi ha creato sempre un fascino ed un’attrazione per alcune eminenze dei pesi welter. Il 29 maggio...

29/05/2018

UN GIORNO COME OGGI, IL 28 MAGGIO DEL 1942

L'olandese Jo de Groot vincitore di Nico Diessen di Priminao Michele Schiavone Nei professionisti i campionati nazionali olandesi non sono stati tantissimi per il numero limitato dei praticanti. Per u...

28/05/2018

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS