There are 54.965 boxer records, at least 535.524 bouts and 10.269 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

WLADIMIR KLITSCHKO IN TRASFERTA CONTRO POVETKIN A MOSCA

 

 

Quattro cinture da difendere e la più alta borsa in carriera: 18 milioni di dollari, allo sfidante 6 milioni.

di Giuliano Orlando

Wladimir Klitschko ed Alexander Povetkin si salutano alle operazioni di peso
 
Due ultratrentenni sul tetto del mondo dei massimi, giocano su campi opposti. Il campione Wladimir Klitschko mette sul banco ben quattro cinture, mentre il padrone di casa Alexander Povetkin, visto che si combatte a Mosca, ha un solo titolo, ma anche il pubblico che lo spronerà a compiere il miracolo. Definire Wladimir Klitschko (60+ 3-) l’istituzione della boxe può essere una banalità, ma è pure la constatazione più logica di un pugile che calca il ring da vent’anni, mantenendosi sempre sulla cresta dell’onda. Il giovanotto nato casualmente a Solnechnoye in Kazakistan il 25 marzo del 1976, ma ucraino doc. Il padre colonnello dell’aeronautica dell’URSS, era in missione da quelle parti. Tornato nella sua Kiev, viste le misure di crescita non fu difficile indirizzarlo verso lo sport, tanto più che il fratello Vitali, cinque anni più anziano, stava facendosi largo nella kikboxe, cogliendo il mondiale massimi. Wladi ha 14 anni quando entra in palestra –  nel momento in cui l’impero sovietico sotto la spinta ragionata di Gorbacyov si sta sfaldando – e sceglie il pugilato, in accordo con Vitali. A 16 anni debutta ed è subito campione nazionale jr. L’anno dopo a Salonnico in Grecia diventa campione d’Europa, nel 94 solo il cubano Lopez lo ferma in finale. Da allora il cammino di questo gigante alto 1,98 con allungo smisurato è lastricato di titoli e cinture. Oro olimpico nel ’96 ad Atlanta, dove si prende la rivincita sul russo Lezin, che l’aveva superato agli europei in Danimarca per la vittoria. Getta la maglietta con un record di 134 vittorie e 6 sconfitte. Si accasa in Germania con la Universun e debutta assieme al fratello il 16 novembre 1996 ad Amburgo, battendo in meno di un round Fabian Meza che vanta 4 vittorie, un pari e una sconfitta. Alla vigilia del confronto di Mosca contro il russo Alex Povetkin (26) in cui mette in palio le quattro cinture (WBA, WBO, IBF e IBO) ha un record di 60 vittorie tre sconfitte, l’ultima risale al 2004, battuto da Lamon Brewster, un americano che nel quinto round trova il gancio al corpo che toglie il fiato all’ucraino, dopo aver sofferto nel round precedente le pene dell’inferno, sull’orlo della resa. Vince Brewster e si aggiudica il vacante mondiale WBO. Sei mesi dopo Wladimir torna a combattere e fino ad oggi nessuno ha più fermato la sua marcia. Riconquista le cinture lasciate, sconfiggendo tutti i pretendenti. Nella lista ci sono Samuel Peter, Calvin Brock il laureato, si prende la rivincita su Brewster, batte Ibragimov, Tompson nel 2008 che ritroverà nel 2012, entrambe le volte battendolo prima del limite. Ridimensiona l’inglese David Haye nel 2011 e gli sfila la cintura WBA. Difende il ricco bottino con avversari molto abbordabili, dal francese Mormeck, anziano e massimo ingrassato, lo scorso anno trova il polacco Wach che lo impegna per tutti e 12 round, ricevendo elogi, ma si scopre che per tenersi in piedi si era dopato. L’ultima relativa fatica lo scorso maggio a Mannheim, contro il coraggioso ma modesto italiano di Germania, Francesco Pianeta, mai nel match, arresosi al 6° round. Tutto perfetto questo campione che a 37 anni domina la categoria dei giganti? Sul piano dei risultati sicuramente, anche se la sua boxe non solleva entusiasmi e gli USA non lo quagliano. L’ultima esibizione nel 2008, poi silenzio. Con tutto questo è un campione strapagato che assieme al fratello ha costruito la più forte organizzazione pugilistica, dove agisce da manager e da pugile. Stavolta affronta un rivale che vuol vincere e sulla carta ha più mezzi di altri. Non solo per l’età. Il russo ha 34 anni e una minore usura di ring, forse è più motivato a gioco lungo potrebbe anche compiere il miracolo, spronato dal pubblico che all’Olimpiyskiy, sicuramente sarà tutto per lui. Personalmente ritengo che Klitschko possa mantenere la cintura, anche se non sarà la solita passeggiata. Il punto interrogativo è la fragilità della mascella del campione, che lungo il percorso dei tanti successi ha dovuto ingoiare l’amaro dei kd. e le tre sconfitte sono state tutte prima del limite. Povetkin è stato il dominatore nei dilettanti dal 2001 al 2004, oltre che la bestia nera del nostro Cammarelle, che ha battuto ben cinque volte. Per onestà e verità, almeno in tre occasioni, in cui ero presente, a Perm in Russia nel 2002, a Pola e ad Atene nel 2004, i giudici gli hanno porto una grande mano. Organicamente molto forte, un diesel che macina pugni e incassa bene. Non ha il colpo risolutore ma demolisce gradualmente con scariche al corpo. La sfida con Klistchko è la classica battaglia tra il longilineo e il normolineo, costretto ad accorciare e quindi superare la barriera di sinistri che il campione gli farà piovere addosso. Sarà capace l’ucraino a reggere l’urto, o sarà il russo a stancarsi prima? Nell’interrogativo la chiave del match. Povetkin è il campione regolare WBA, mentre Klitschko è supercampione. Oltre che veterano delle sfide. Quella di Mosca è la 25° mondiale, anche questo un record tra i tanti che ha messo in bacheca. Gioca in trasferta l’ucraino ma il rischio è compensato con 18 milioni di dollari. Una paga che non poteva rifiutare.
 
Giuliano Orlando

 

 

 

 

Archive

UN GIORNO COME OGGI, IL 23 SETTEMBRE DEL 1958

Baccheschi sconfigge Mazzola di Priminao Michele Schiavone Il terzo appuntamento sul ring tra il toscano Domenico Baccheschi ed il lucano Rocco Mazzola ebbe luogo a Civitavecchia il 23 settembre 1958,...

23/09/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 22 SETTEMBRE DEL 1935

Magnolfi vincitore di Negri di Priminao Michele Schiavone Il fiorentino Alfredo Magnolfi divenne campione italiano dei pesi gallo la seconda volta il 22 settembre 1935, nella sua città, quando ...

22/09/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 21 SETTEMBRE DEL 1962

Fabio Bettini, romano campione di Francia di Priminao Michele Schiavone Il pugile Fabio Bettini godette di due cittadinanze, prima quella italiana per la sua nascita a Roma, poi la francese per scelta...

21/09/2017

'TORO SCATENATO' HA PERSO L'ULTIMA BATTAGLIA

LaMOTTA MORTO A 96 ANNI DOPO BREVE MALATTIA di Primiano Michele Schiavone Mercoledì 20 settembre 2017 – Dagli Stati Uniti è rimbalzata la notizia della morte dell’ex ca...

20/09/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 20 SETTEMBRE DEL 1942

Roberto Proietti, tre volte europeo di Priminao Michele Schiavone In un passato alquanto lontano capitò più volte che due italiani si affrontarono per la disputa di due campionati, cosa ...

20/09/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 19 SETTEMBRE DEL 1970

Zampieri su Proietti per ferita di Priminao Michele Schiavone Sono molti i casi in cui un pugile si afferma su un altro con il medesimo risultato prima del limite, nella stessa ripresa. Uno di questi ...

19/09/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 18 SETTEMBRE DEL 1951

Luigi Valentini batte Michele Palermo di Priminao Michele Schiavone L’undicesimo campione italiano dei pesi welter fu il romano Luigi Valentini che il 18 settembre 1951, nella capitale, spodest&...

18/09/2017

CAMPIONI DEL MONDO DI ORIGINE ITALIANA, TONY MARINO

Al secolo Antonio Marino di Pietro Anselmi e Vincenzo Belfiore Antonio Marino è l’unico tra tutti gli italo-americani elencati in questa rassegna di cui non abbiamo potuto trovare altri ind...

17/09/2017

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS