There are 54.965 boxer records, at least 535.524 bouts and 10.274 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

AL PRICIPE, DI ROCCO SI CONFERMA, CACCIA SPIETATO

 

 

Non basta il coraggio a Bruun, troppo fragile Di Donato.

Caccia Tutto esaurito a Milano.

Milano, 28 febbraio 2015 – Tutto esaurito al Teatro Principe di Milano per l’europeo superleggeri Di Rocco-Bruun e la cintura Latina WBC welter tra Caccia e De Donato. La seconda serata di qualità non ha tradito le attese, confermando la giusta intuizione di Alex Cherchi, giovane promoter che ha indovinato la formula ma ha pure un problema da risolvere: la limitata capienza della struttura, strapiena all’inverosimile, con molte richieste di biglietti inevase. “Mi hanno chiamato anche dalla Danimarca - ricorda - ma ho dovuto spiegare che i biglietti erano esauriti da tempo. Se ci fossero stati i posti, avrei raddoppiato gli spettatori. L’aspetto confortante è che i 600/700 presenti sono usciti soddisfatti al 100%. Lo spettacolo promesso non è venuto meno. Quello che la OPI2000 si è proposta lo stiamo rispettando. Mi auguro, visto l’interessamento dei media e del pubblico, si facciano avanti nuovi sponsor che credono in questo sport”.
 
Michele Di Rocco esulta con la cintura europea  /  foto di Marco Chiesa
 
A loro volta, i protagonisti diretti, ovvero i pugili, non sono venuti meno all’impegno, dando il meglio. Risposta importante, per far capire come la collaborazione tra organizzazioni e atleti è totale e responsabile. Michele Di Rocco (39-1-1) è stato di parola: “Vincerò prima del limite, debbo dare spettacolo per meritare l’applauso del pubblico”. Lo sfidante volontario Kasper Bruun (19-2-1) ha cercato in ogni modo di arrivare al traguardo dei 12 round. Niente da fare, nonostante il danese fosse partito deciso a smentire il pronostico, usando l’uno due veloce e preciso, sorprendendo il campione, che pensava ad una fase di studio. Di Rocco impiegava qualche secondo per riordinare le idee e attuare le contromosse.
 
Michele Di Rocco attacca Kasper Bruun  /  foto di Marco Chiesa
 
Messe in atto perfettamente, muovendosi sul tronco e guadagnando la giusta misura per usare il sinistro che apre la difesa dello sfidante, preparato alla perfezione, ma di livello inferiore. Bruun, per Di Rocco è un libro aperto, troppo scolastico e rigido, il che accentua l’impatto dei diretti e montanti che il campione inizia a snocciolare senza soluzione di continuità. Il match anche se a senso unico è piacevole e spettacolare, ma la demolizione appare implacabile. Primo segnale al quarto round. Un perfetto montante sinistro offende il fegato di Bruun. che si inginocchia ma riesce a recuperare in tempo. Di Rocco non ha fretta, il rivale ha coraggio e cerca l’impossibile rimonta.
 
Di Rocco si allontana mentre l'arbitro inizia il conteggio di Bruun  /  foto di Marco Chiesa
 
Impresa disperata. Al nono round la soluzione annunciata, Bruun è sfinito, altro conteggio e poi lo stop dell’arbitro inglese John Lewis, che ha diretto con estrema facilità, vista la correttezza dei due atleti. Brunn ha fatto l’impossibile per non arrendersi, ma questo Di Rocco è troppo bravo e motivato e come ha detto alla vigilia: “Il danese è solo una tappa intermedia, il mio traguardo è molto più avanti”. I Cherchi sono da tempo al lavoro per offrire all’umbro, l’opportunità iridata. Anche se prima di raggiungerla, potremmo vedere Michele ancora a Milano,in quel di maggio-giugno. 
 
L’altro clou tra Alex Caccia (13-1) e il mancino milanese Renato De Donato (14-3), vale non solo la cintura welter Latina WBC, ma il ruolo di sicuro protagonista nei programmi in prospettiva, cominciando magari dal tricolore che Moscatiello tiene saldamente in mano. Il match è intenso e piacevole, scorre sul filo dell’equilibrio apparente per cinque round, ma gli intenditori capiscono che la metamorfosi sta indicando nel ragazzo dal pizzetto alla D’Artagnan, l’uomo del destino.
 
Caccia in una fase di attacco con il gancio sinistro
 
De Donato dopo una buona partenza, sfruttando l’allungo e la bella scelta di tempo, incrociando gli attacchi frontali di Caccia, quando questi inizia a variare i colpi sopra e sotto, le difese di De Donato si affievoliscono e su un preciso destro al plexus De Donato deve farsi contare per ritrovare il fiato. Soluzione rinviata di pochi secondi, Caccia è spietato e preciso, colpisce volto e stomaco e per Renato lo stop dell’arbitro è la liberazione, evitando ulteriori danni. Lo sconfitto è il primo a complimentarsi con Caccia, che esulta giustamente per una vittoria importante e non scontata. “Mi alleno a Ferrara con un grande maestro come Max Duran, ma sono calabrese di Crotone, la mia terra vera. Questa vittoria la volevo fortemente, non solo per cancellare una sconfitta imprevista ma per dimostrare che Caccia non è una tigre di carta. Adesso mi rimetto al mio manager e al mio maestro per gli impegni futuri”. Il titolo italiano? “Non sarò certo io a rifiutare”. 
 
Alessandro Caccia con la cintura WBC Latino  /  foto di Marco Chiesa
 
Il resto della locandina vede il croato Granic (3) battere il modesto montenegrino Kaludjeovic (3-12), entrambi a ritmo blando con netta prevalenza per il giovane massimo, dal fisico imponente. Vince anche il laziale Podda (5) dai nobili trascorsi in maglietta. Trova il brevilineo croato Benzon (10-9) che lo minaccia con la sventola destra, spesso a bersaglio. Podda porta tanti sinistri, peccato manchino il bersaglio nove volte su dieci. Solo nella sesta ripresa si vede qualcosa in più e Podda merita la vittoria. Come ha fatto Rondena (2) che ha picchiato niente male l’altro croato Behlulovic (4-26) 34 anni portati male, anche se fa onestamente il suo lavoro di collaudatore. Rondena cerca di attuare la tattica d’attacco, ma il mestiere del rivale spesso lo irretisce e il pur promettente giovanotto di Magenta non fornisce una prestazione entusiasmante. Vittoria larghissima, tanto impegno e sicuramente utile esperienza in prospettiva.
 
Tornando alle parole di Alex Cerchi, le sottoscriviamo in pieno. Dichiarazioni che rispecchiano la situazione di una piazza come quella milanese, in passato capitale europea della boxe. E’ passato più di mezzo secolo, visto che l’epoca di Loi data agli anni ’60, seguita da quella di Parisi, anni ’90, poi il buio totale. Salvatore Cherchi ci ha provato in tutti i modi, affidandosi a quello che passava il convento, raschiando il fondo del barile, visto che dal 2000 ad oggi, l’incremento dei professionisti è stato totalmente assente. In questa situazione avere tre campioni d’Europa (Marsili, Di Rocco e Gianluca Branco) è un miracolo, col difetto d’origine della loro data di nascita. Inoltre il numero dei professionisti in attività è assai ridotto, ne abbiamo meno della Spagna. La Lega Pro Boxe, di recente nascita sta tentando un rilancio coraggioso, ma assai problematico, dovuto in particolare al disinteresse delle emittenti importanti, la RAI in prima linea, verso una disciplina che ha uno zoccolo duro consistente, ma disorientata per la mancanza di quella continuità che è alla base per assicurare ascolti e presenze in sala. Buccioni a Roma svolge un ruolo importante, ha coraggio e spera che qualche suo amministrato compia il salto di qualità. La vittoria di Ricci in Germania contro l’imbattuto Koelling è stata un bel tonico, ma al momento è la solita rondine che non fa primavera. Per amore di verità, l’avvocato romano da tempo opera come sta facendo Alex Cherchi, sia pure con meno atleti di vertice. C’è Mario Loreni col figlio, che ha la seconda scuderia italiana, dirige Bundu e Modugno, organizza in Italia ma anche per lui, sponsor e tv sono latenti. Sergio Cavallari, che merita grande rispetto per il coraggio di proporre match non facili per i suoi amministrati, sembra aver tirato i remi in barca, limitandosi ad organizzare riunioni locali. In questo momento la OPI2000 gioca il tutto per tutto sui fronti più disparati, potendo contare sull’80% della forza italiana professionistica e un rapporto importante di Salvatore e ora anche di Christian, con le varie sigle, in particolare il WBC.
 
Giuliano Orlando

 

 

 

 

Archive

UN GIORNO COME OGGI, IL 25 SETTEMBRE DEL 1974

Freschi supera Bergamasco di Priminao Michele Schiavone L’udinese Bruno Freschi divenne campione italiano dei pesi superleggeri al secondo tentativo il 25 settembre 1974 a Forni di Sopra, in pro...

25/09/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 24 SETTEMBRE DEL 1964

Brandi batte Lopopolo di Priminao Michele Schiavone L’aretino Piero Brandi realizzò la sua sagace e penetrante prestazione della carriera professionistica la sera del 24 settembre 1964, q...

24/09/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 23 SETTEMBRE DEL 1958

Baccheschi sconfigge Mazzola di Priminao Michele Schiavone Il terzo appuntamento sul ring tra il toscano Domenico Baccheschi ed il lucano Rocco Mazzola ebbe luogo a Civitavecchia il 23 settembre 1958,...

23/09/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 22 SETTEMBRE DEL 1935

Magnolfi vincitore di Negri di Priminao Michele Schiavone Il fiorentino Alfredo Magnolfi divenne campione italiano dei pesi gallo la seconda volta il 22 settembre 1935, nella sua città, quando ...

22/09/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 21 SETTEMBRE DEL 1962

Fabio Bettini, romano campione di Francia di Priminao Michele Schiavone Il pugile Fabio Bettini godette di due cittadinanze, prima quella italiana per la sua nascita a Roma, poi la francese per scelta...

21/09/2017

'TORO SCATENATO' HA PERSO L'ULTIMA BATTAGLIA

LaMOTTA MORTO A 96 ANNI DOPO BREVE MALATTIA di Primiano Michele Schiavone Mercoledì 20 settembre 2017 – Dagli Stati Uniti è rimbalzata la notizia della morte dell’ex ca...

20/09/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 20 SETTEMBRE DEL 1942

Roberto Proietti, tre volte europeo di Priminao Michele Schiavone In un passato alquanto lontano capitò più volte che due italiani si affrontarono per la disputa di due campionati, cosa ...

20/09/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 19 SETTEMBRE DEL 1970

Zampieri su Proietti per ferita di Priminao Michele Schiavone Sono molti i casi in cui un pugile si afferma su un altro con il medesimo risultato prima del limite, nella stessa ripresa. Uno di questi ...

19/09/2017

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS