There are 55.017 boxer records, at least 535.896 bouts and 10.388 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

ACCADDE OGGI, TAMAGNINI CONTRO KRETZSCHMAR

 

 

Il 22 gennaio 1937 a Berlino, l’italiano conferma l’eccezionale talento

di Alessandro Bisozzi

Il 23 febbraio del 1934, il pubblico dello Stadhalle di Dresda restò di stucco quando al terzo round, un potente gancio destro del giovane Rudi Kretzschmar mise al tappeto un mito del pugilato tedesco, Fritz Reppel, l'uomo che cinque anni prima batté il grande Paul Czirson per ko alla quinta ripresa conquistando il titolo tedesco dei pesi leggeri.
Rimasero di stucco soprattutto i più scettici, coloro che tre settimane prima, a Lipsia nell'alta Sassonia, credettero solo ad un colpo di fortuna quando l'ormai quarantenne Czirson fu messo fuori combattimento, dopo soli dieci minuti, dallo sfrontato giovanotto di Dresda. 
Dopo quei due successi, e ad appena sette mesi dal suo ingresso tra i professionisti, Rudi confermò subito di essere una tra le migliori promesse in circolazione.
Ma nella boxe, a quei tempi, ci voleva ben altro per dimostrare di essere un fenomeno e il ragazzo dovette aspettare quasi tre anni per battersi per il titolo tedesco.
Quella lunga attesa ebbe termine il 23 ottobre del 1936. Sul ring del Neue Welt di Berlino c'era un autentico fuoriclasse ad attenderlo, il cinque volte campione di Germania dei pesi leggeri Willy Seisler.
Il match ebbe un epilogo drammatico. All'ottavo round un potentissimo crochet si abbatté sul viso del detentore del titolo che finì per cadere rovinosamente oltre le corde. Pur ferito Seisler fece di tutto per risalire sul ring entro i termini previsti, ma l'inesorabile conta dell'arbitro pose fine al combattimento, decretando il nuovo campione di Germania.
Non c'era più niente da aspettare, Kretzschmar era pronto per conquistare la corona continentale, una sfida per la quale non doveva nemmeno scomodarsi da casa visto che il legittimo proprietario del trofeo aveva accettato di incontrarlo proprio a Berlino.
 
 
Vittorio Tamagnini era campione europeo da tre mesi. Aveva conquistato il titolo a Roma battendo il belga Raymond Renard, titolo che aveva poi difeso contro l'assalto del celebre Gustave Humery al Vel d'Hiv di Parigi.
Tamagnini aveva fama di pugile particolarmente difficile da affrontare, una furia scatenata sul ring, "un potente peso leggero con la velocità di un piuma", come di lui ebbe a dire il suo amico Cleto Locatelli. Il civitavecchiese, in effetti, oltre a detenere il titolo d'Europa nei pesi leggeri era anche campione italiano dei piuma, categoria nella quale aveva esordito da professionista l'anno dopo aver conquistato la medaglia d'oro alle Olimpiadi di Amsterdam del 1928.
Alla fine del 1936, Tamagnini stava faticosamente cercando di riprendersi dopo la sciagurata perdita della figlia di appena undici mesi di età, morta il giorno di Natale a causa di una polmonite fulminante.
Non fu facile per lui riprendere l'attività, ci riuscì solo dopo ripetute esortazioni da parte dei suoi amici e colleghi.
Una mattina, a pochi giorni dall'incontro, il campione d'Europa si ripresentò in palestra. Egli aveva l'abitudine di lasciare il libero ingresso in palestra a chiunque, durante le sue sedute di allenamento, ma quella volta le porte della piccola sala di via Trieste, a Civitavecchia, rimasero rigorosamente chiuse.
Con lui solo pochissimi amici e colleghi, come Tony Campolo e Gino Saladini, che collaborarono alla sua preparazione.
Nella monumentale Deutschlandhalle di Berlino, il palazzo dello sport fatto costruire da Hitler in occasione delle Olimpiadi del 1936, i diecimila posti a disposizione sono tutti occupati la freddissima sera del 22 gennaio 1937.
Kretzschmar è già salito sul ring quando Tamagnini fa il suo ingresso nell'immensa sala addobbata da decine di giganteschi striscioni rossi con l'emblema della svastica. L'italiano indossa un accappatoio azzurro, il suo colore preferito, e dopo i saluti infila un paio di bellissimi guantoni bianchi, proprio come quelli del suo avversario.
Nonostante il pubblico, a più riprese, intoni a gran voce il suo nome, il tedesco appare nervoso. Vittorio, all'angolo, mentre aspetta il suono del gong della prima ripresa non si gira nemmeno una volta verso di lui; rimane fermo, in piedi, con le mani appoggiate alle corde e lo sguardo rivolto a suo padre Benedetto che gli massaggia le spalle e gli sciorina le ultime raccomandazioni.
L'avvio è bruciante, il tedesco si catapulta in avanti lanciando larghe sventole alla figura, un attacco violentissimo nella speranza di incrinare subito l'apparente tranquillità dell'avversario.
Tamagnini schiva e para con estrema sicurezza e solo pochi colpi insidiosi lo centrano alla figura. Kretzschmar è un atleta massiccio e dal pugno piuttosto pesante, un pericolo da cui il campione d'Europa cerca in tutti i modi di tenersi alla larga.
 
 
Durante la terza e quarta ripresa una serie di assalti in rapida successione investono il civitavecchiese, il quale deve ricorrere a tutto il suo mestiere, e a qualche scorrettezza, per arginare la potente aggressività del pugile sassone. Un montante un po' troppo sotto la cintura, infatti, colpisce il tedesco che è costretto ad appoggiare una mano ed un ginocchio a terra per smaltirne gli effetti.
È una fase delicata per il campione italiano che in alcuni momenti appare poco concentrato, lasciando troppo spesso l'iniziativa all'atleta di casa. Ma il segnale del cambio di fronte giunge ancor prima dell'inizio della quinta ripresa, quando all'avviso del "fuori i secondi" Tamagnini va ad aspettare l'avversario al centro del ring.
Era sempre stata una sua caratteristica quella di alzarsi dallo sgabello prima del rivale, ma negli ultimi tempi quella consuetudine era piuttosto diventata un annuncio di imminente tempesta.
L'immensa platea ammutolisce all'istante, migliaia di spettatori osservano in religioso silenzio una scena da leggenda: "l'Uragano di Amsterdam" è fermo davanti all'arbitro che con le braccia allargate gli vieta di proseguire oltre. Lo sguardo è fisso su Kretzschmar ancora all'angolo, circondato dai suoi secondi.
Il suono del gong sembra rompere un incantesimo. Tutto ciò che per pochi secondi era rimasto sospeso tra la meraviglia e lo stupore riprende. In un attimo il Deutschlandhalle tuona, e sul ring esplode il furore.
Tamagnini si scatena e per il tedesco sono momenti difficilissimi. Un assalto dietro l'altro senza un attimo di respiro, decine di colpi piazzati per linee interne, precisi ed insistenti, così rapidi e frequenti da diventare difficili da seguire perfino per i giudici. Una demolizione in piena regola che lascia poche possibilità al pugile di Dresda, sopraffatto dalla terribile reazione del campione europeo.
Vittorio è irresistibile, non conosce pause, ad ogni nuova ripresa sembra più fresco della precedente, insegue di continuo l'avversario, lo colpisce ripetutamente da ogni angolazione, lo sfinisce con un accanimento e un'aggressività impressionanti, lo provoca per essere attaccato poi lo sorprende d'incontro schivando l'assalto, cerca in tutti i modi la soluzione prima del limite.
Kretzschmar è ferito allo zigomo sinistro, un grosso taglio da cui zampilla sangue ogni volta che viene colpito, barcolla da un lato all'altro del ring, cerca di uscire da quel tormento che lo assilla e gli impedisce perfino di respirare. Inciampa, si riprende, annaspa come una preda in fuga, ora sanguina anche dal naso e dal sopracciglio destro, la sua faccia martoriata è coperta dai lividi, non riesce quasi più a vedere quindi nemmeno a difendersi. Per lui è un calvario.
Eppure non molla.
Incredibilmente non si dà per vinto e continua a fare da bersaglio al furibondo accanimento di Tamagnini, stizzito dalla sua incredibile resistenza.
Quindici riprese massacranti. Kretzschmar è del tutto esausto, ferito e demoralizzato, ma in piedi.
Un match durissimo e una spietata lezione di boxe per lo sfidante alla corona europea dei pesi leggeri.
Era la seconda difesa del titolo per "l'Uragano di Amsterdam", la riconferma del suo eccezionale talento.
Ancora un successo per Vittorio Tamagnini:campione olimpionico dei pesi gallo, campione italiano dei pesi piuma e per la terza volta campione europeo dei leggeri.
 
Alessandro Bisozzi

 

 

Archive

UN GIORNO COME OGGI, IL 13 DICEMBRE DEL 1960

Piero Rollo pareggia con Ugo Milan di Priminao Michele Schiavone Nel secondo regno italiano dei pesi gallo il sardo Piero Rollo si trovò a fronteggiare il veneziano Ugo Milan, determinato a tog...

13/12/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 12 DICEMBRE DEL 1975

Vincenzo Ungaro professionista in Svizzera di Priminao Michele Schiavone Il 12 dicembre 1975 a Ginevra, Svizzera, il bresciano Vincenzo Ungaro chiuse la sua prima stagione professionistica, iniziata ...

12/12/2017

UN GIORNO COME OGGI, L'11 DICEMBRE DEL 1975

Vincenzo Ungaro professionista in Svizzera di Priminao Michele Schiavone Il 12 dicembre 1975 a Ginevra, Svizzera, il bresciano Vincenzo Ungaro chiuse la sua prima stagione professionistica, iniziata s...

11/12/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 10 DICEMBRE DEL 1982

Daniele Zappaterra supera Rosario Pacileo di Priminao Michele Schiavone Gli sportivi di Copparo esultarono la sera del 10 dicembre 1982, quando a Ferrara il loro beniamino Daniele Zappaterra conquist&...

10/12/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 9 DICEMBRE DEL 1982

Epifani e De Souza per la terza volta di Priminao Michele Schiavone Il 9 dicembre 1982 a Taranto il locale Eupremio Epifani affrontò per la terza volta il brasiliano Eloi Emiliano De Souza, il ...

09/12/2017

UN GIORNO COME OGGI, L'8 DICEMBRE DEL 1934

Enrico Urbinati batte Carlo Cavagnoli di Priminao Michele Schiavone La nona cintura di campione d’Italia dei pesi mosca fu assegnata ad Enrico Urbinati la sera dell’8 dicembre 1934, sul ri...

08/12/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 7 DICEMBRE DEL 1962

Lino Mastellaro prevale nella rivincita con Mario Sitri di Priminao Michele Schiavone Il lombardo Lino Mastellaro divenne campione italiano dei pesi piuma a Roma, la sera del 7 dicembre 1962, quando a...

07/12/2017

CAMPIONI DEL MONDO DI ORIGINE ITALIANA, SAMMY ANGOTT

Al secolo Salvatore Angotti di Pietro Anselmi e Vincenzo Belfiore Sammy Angott, iscritto all’anagrafe con il nome di Salvatore Angotti, nacque a Cleveland il 17 gennaio 1915. Più tard...

06/12/2017

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS