There are 54.990 boxer records, at least 535.762 bouts and 10.361 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

ASSEGNATA LA VACANTE CINTURA ITALIANA DEI MEDI

 

 

Il titolo è andato a Goddi dopo 10 eccitate riprese combattute con Cosseddu

Per la prima volta nella storia italiana dei pesi medi si sono affrontati due sardi

Sarroch, Cagliari, 17 ottobre 2014 – La Sardegna vanta il suo primo campione italiano dei pesi medi. Alla fine della singolare sfida tra gli isolani Lorenzo Cosseddu ed Alessandro Goddi, valevole per il vacante titolo nazionale dei pesi medi, l’assegnazione della cintura è stata decisa con verdetto diviso. Al termine delle 10 riprese dirette dall’arbitro Marzuoli, l’apprezzamento finale dei tre  giudici é stato discordante: per Goddi si sono espressi favorevolmente Mordini e Randaccio, rispettivamente con 98-93 e 96-94; il terzo ufficiale, Ciafrone, ha sommato 96-92 per Cosseddu.
Questo responso ha eletto nuovo titolare italiano dei pesi medi il più giovane Goddi, kg 71.500, che alla fine del match ha usato espressioni di elogio e di amicizia per il collega Cosseddu, kg 72.
Nel Palazzetto dello Sport locale, sotto una temperatura afosa e tra un infuocato quanto corretto tifo innescato dai sostenitori dei due pugili, il confronto si è svolto ad un ritmo sempre sostenuto. I due avversari si sono affrontati senza risparmio; entrambi hanno profuso vitalità, efficienza e resistenza per convincere i giudici sulla validità del rendimento. Queste qualità sono state affiancate dalle rispettive strategie che hanno arricchito lo spettacolo pugilistico offerto dai due intraprendenti attori della noble art. Il confronto è stato offerto agli sportivi italiani da Raisport 2 che continua a ritagliare spazi per la soddisfazione dei tanti appassionati di pugilato.
Le schermaglie iniziali hanno visto i due protagonisti affrontarsi con confidenza e sicurezza derivata dal primo match sostenuto 14 mesi prima e finito con il risultato di parità. Goddi ha azionato l’uno-due in attacco; rapidi spostamenti sulle gambe lo portavano fuori dalla misura dei colpi di Cosseddu, piantato a centro ring e pronto a replicare. Goddi ha inciso anche con il sinistro al tronco doppiato al viso con il gancio. Cosseddu ha usato bene il movimento del tronco e si è avvicinato per chiudere gli spazi del dinamico avversario.
Nel secondo tempo Goddi ha continuato a scagliare con successo colpi diritti mirati al capo ma ha fallito l’uso del gancio sinistro apparso “telefonato” e troppo chiuso per andare a segno. Cosseddu di contro ha trovato la strada per entrare nella guardia avversaria con il gancio sinistro seguito dal montante.
Il match è salito di tono nel terzo round: Cosseddu ha riguadagnato il centro del ring ed ha costretto l’avversario ad indietreggiare, privo di spazio e di tempo utile per imporre il suo pugilato laborioso.
La quarta frazione ha visto i due pugili intensificare l’intreccio offensivo; fasi alterne risaltate da scambi ravvicinati favorivano ora l’uno ora l’altro.
Botta e risposta con i pugni hanno esaltato il quinto tempo. Cosseddu ha obbligato l’avversario ad indietreggiare; Goddi non è rimasto inoperoso ed ha trovato varchi per difendersi e replicare.
Nella sesta ripresa l’insistenza d’attacco di Cosseddu ha tenuto alto il ritmo del confronto: gancio  sinistro e montante venivano scagliati con agilità ed efficacia. Goddi ha ripreso l’uso dell’uno-due per frenare l’avanzata persistente dell’oppositore.
Goddi ha continuato a mulinare le braccia con opportunità nel corso del settimo round: i suoi attacchi sono diventati molesti e l’azione di rivalsa di Cosseddu si è conclusa con una testata accidentale.
L’arrembaggio di Goddi è proseguito nell’ottavo tempo. Cosseddu non è rimasto intimidito ed ha saputo rispondere all’aggressione. I colpi di entrambi sono rimasti efficaci nonostante la fatica accumulata, segno di una particolare preparazione per un impegno tanto importante. Per Cosseddu, avanti con gli anni, poteva trattarsi dell’ultima sfida importante o il dischiudersi di una fase nuova; per Goddi la primo acuto di una brillante carriera.
I due pugili hanno continuato a giocarsi il futuro con attacchi energici nelle ultime due frazioni; la compostezza delle riprese andate è stata sovrastata dalla convulsa voglia d’affermazione. Cosseddu ha continuato a cercate la corta distanza spingendo l’avversario verso le corde; lì gli spazi di manovra di Goddi, abile con i colpi lunghi, venivano a mancare. Le azioni disordinate hanno impegnato l’arbitro a dirimere le sciatte intenzioni dei pugili. Una delle sgraziate posture di attacco  hanno procurato una ferita sulla testa calva di Goddi. Poi è arrivato il suono dell’ultima campana e l’abbraccio liberatorio dei due contendenti. Tra i due il più rinfrancato è apparso Goddi, premiato subito dopo dal verdetto. La cintura di campione italiano lo ha rincuorato e riempito di gioia immensa.
Cosseddu, nonostante il grande impegno e la coraggiosa prova, ha fallito la sua quinta sfida tricolore ed ha lasciato il ring con il record di  28 vittorie (4 prima del limite), 11 sconfitte e 6 risultati di parità.
Goddi ha migliorato il record con il trionfo numero 16 (8 anzitempo), contro 1 insuccesso ed 1 verdetto nullo.
 
Il campionato italiano è stato preceduto dal ritorno sul ring del superwelter romano Emanuele Della Rosa, reduce dalla sconfitta contro lo spagnolo Isaac Real nella sfida per la vacante cintura EBU. “Ruspa” Della Rosa ha dato la sensazione di aver smaltito la brutta esperienza dello scorso maggio mostrando sicurezza contro il modesto collaudatore ungherese Aron Csipak, habitué delle riunioni italiane. Il laziale si è imposto nel corso della terza ripresa quando l’avversario, sanguinante e sottomesso, ha preferito abbandonare per evitare una inutile penitenza. Csipak si era esibito a Sarroch nel settembre del 2012 ed aveva ceduto al locale Valentino Sanna sulla distanza delle 6 riprese.
 
 Primiano Michele Schiavone
 

 

 

 

Archive

UN GIORNO COME OGGI, IL 23 NOVEMBRE DEL 1966

Golfarini vincitore di Pellarin di Priminao Michele Schiavone Il nome del livornese Remo Golfarini occupa il posto numero 6 nell’albo d’oro dei campionati italiani dei pesi superwelter. Il...

23/11/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 22 NOVEMBRE DEL 1925

Edoardo Garzena s'impone a Pietro Bianchi di Priminao Michele Schiavone L'ultima difesa vittoriosa del titolo italiano dei pesi leggeri di Edoardo Garzena si svolse a Milano il 22 novembre 1925, contr...

22/11/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 21 NOVEMBRE DEL 1986

Ronzoni supera Scapecchi di Priminao Michele Schiavone Il campione italiano numero 17 dei pesi superleggeri fu Maurizio Ronzoni, che il 21 novembre 1986 tolse la cintura al grossetano Alessandro Scape...

21/11/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 20 NOVEMBRE DEL 1961

Truppi batte il tedesco Moll di Priminao Michele Schiavone Il peso medio modenese di origine brindisina Tommaso Truppi lasciò il ring di Modena da imbattuto la sera del 20 novembre 1961, quando...

20/11/2017

CAMPIONI DEL MONDO DI ORIGINE ITALIANA, MELIO BETTINA

Al secolo Emilio Antonio Bettina di Pietro Anselmi e Vincenzo Belfiore Melio Bettina. Anche se non viene annoverato tra i grandi della categoria fu sicuramente un ottimo pugile, un mediomassimo dal record...

19/11/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 19 NOVEMBRE DEL 1977

Azevedo pareggia con Backus di Priminao Michele Schiavone Il 19 novembre 1977 l’ex campione mondiale dei pesi welter Billy Backus, guardia destra originario di Canastota, New York, e nipote del ...

19/11/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 18 NOVEMBRE DEL 1972

Ugo Poli sconfigge Bruno Pieracci di Priminao Michele Schiavone La provincia di Sondrio trovò nel valtellinese Ugo Poli, originario di Ardenno, l’elemento di spicco per promuovere negli a...

18/11/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 17 NOVEMBRE DEL 1985

Giampiero Pinna vincitore di Mario Bitetto di Priminao Michele Schiavone Il sassarese Giampiero Pinna, divenuto campione italiano dei pesi mosca al terzo tentativo, il 17 novembre 1985, a Vercelli, so...

17/11/2017

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS