There are 54.965 boxer records, at least 535.518 bouts and 10.268 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

LEONARD BUNDU, POTENTE CONFERMA EUROPEA

 

 

Prestigiosa vittoria di Bundu per ko

di Alfredo Bruno

ROMA, 6.4.2013 – La serata romana, se ce n’era bisogno, ha fugato ogni residuo dubbio sulle qualità di un campione come Leonard Bundu. L’ultimo si è dissolto di fronte al terrificante montante al fegato che ha paralizzato le forze di Rafal Jackiewicz, crollato al tappeto dolorante ben oltre il conteggio dei 10”, e di uno scatenato gruppetto di tifosi polacchi, che ha sostenuto il proprio campione per tutto il match. Questo è lo sport e la sua legge,a fronte di un vincitore c’è sempre uno o più sconfitti. Ci ha guadagnato lo spettacolo, perché altrimenti la serata, preparata da Mario Loreni ed Enrico Romanella, sarebbe stata catalogata con la voce  “fiacca”; e probabilmente avrebbe corso ancora di più il rischio se il discreto pubblico, accorso al “Tendastrisce”, avesse dovuto assistere ad un match di poche riprese. Per fortuna le riprese sono state 11 e il pubblico ha potuto vedere quanto vale la vera boxe e come riesce a solleticare le corde del nostro entusiasmo. Bundu, come dicevamo ha fugato ogni dubbio e stavolta è andato oltre, presentandosi al cospetto degli intervistatori Fabio Panchetti e Alessandro Duran con il volto meno segnato degli ultimi suoi incontri disputati di fronte ad avversari non paragonabili certo alla levatura di Jackiewicz. La fragilità dei suoi sopraccigli stavolta è andata “delusa”, anche questo fa parte del suo match capolavoro ed è stata, pur con una boxe aperta e invitante, un limpido segnale di bravura a non farsi colpire e soprattutto a non farsi danneggiare. Il campione lo vedi anche da questo oltre che all’ultima stoccata da matador inflitta allo sfidante.
 
Bundu esulta mentre l'arbitro dichiara l'out foto di Andrea Migliorati
 
Il match è partito agli ordini dell’arbitro inglese Philip Edwards con pochi tatticismi, perché ognuno ha attuato la boxe che conosceva a menadito. Fasi di studio pochissime, tensione tantissima, perché i due si giocavano le carte con l’intera posta di una prestigiosa carriera. Bundu scattante e attento prendeva subito in mano le redini del match di fronte ad un avversario coperto e pronto alla replica d’incontro con colpi secchi. Jackiewicz rappresenta un bersaglio mobile difficile da colpire, Bundu ci prova in tutti i modi con colpi isolati e con serie rapidissime, la sua specialità. Il fiorentino in pratica conduce la danza per tutte le riprese, ma alla resa dei fatti, usando la bilancia del farmacista, potevamo dargli, conti alla mano, ½ punto ad ogni ripresa, l’altra metà se la meritava per aver imposto il match sulla pressione continua e su un ritmo, che pian piano indeboliva le certezze del polacco, sempre pericoloso. Che qualcosa si stava incrinando nella corazza di Jackiewicz lo si capiva alla nona ripresa quando faceva cenno di essere stato colpito basso da Bundu, sinceramente avevamo visto un colpo al corpo. La cattiva notizia per lo sfidante è che il campione sembra invece aumentare il ritmo caricando con più veleno i suoi colpi. Il suo cambio di guardia continua disorienta un avversario i cui riflessi sembrano in debito. All’11mo round dopo appena 1’21” il capolavoro del montante sinistro al fegato, marchio inconfondibile del fuoriclasse. Arriva il ko e il pubblico finalmente esplode all’unisono…Roma ha trovato il Campione e la storia della noble art, coi suoi corsi e ricorsi, continua.
Diciamo subito a scanso di equivoci che il match di Bundu ha salvato la serata e da solo, con il suo svolgimento e drammatico epilogo, ha giustificato il prezzo del biglietto. Per il resto un po’ di noia e delusione è affiorata con il contorno.
 
L’età e l’assenza dal ring purtroppo hanno messo in luce alcune verità che appartengono alla legge del tempo. Il primo a pagarne le spese è stato Gianluca Tamburrini, un fisico ancora prestante per i suoi 40anni, ma una mascella fragile, che già era stata un campanello d’allarme negli incontri precedenti. Viene facile dire che il romano di fronte al giovane triestino, Fabrizio Leone, abbia pagato la dura legge del tempo. Dopo 2’10” un diretto sinistro allertava Tamburrini che veniva pescato dal gancio destro, un ko impressionante, ma una ricetta dove c’è scritto per Gianluca: “Basta con la boxe”. La sua passione può essere tranquillamente coltivata organizzando e insegnando, cose che sta già facendo con buoni risultati.
 
Altro rientro eccellente era quello di Michele Orlando, tra l’altro uno dei pochi vincitori di Bundu da dilettante. Il siciliano di Setteville ha mostrato in pieno cosa vogliono dire di cinque anni di lontananza dal ring presentando la classica pancetta della tranquillità quotidiana. Jorge Ortiz, colombiano di 43 anni, concede il bis al suo antico rivale; infatti 14 anni fa a Piove di Sacco i due si erano già incontrati e la potenza micidiale di Orlando aveva avuto il sopravvento. Molta acqua è passata sotto i ponti e Ortiz con il suo grande mestiere ha ammortizzato i colpi dell’avversario svicolando con abilità dalle situazioni più pericolose. Pian piano Michele, sollecitato da numerosi fans e colleghi di lavoro, acquistava più sicurezza e scioltezza, vincendo senza discussioni su quello che è apparso un buon sparring.
 
Tempi duri anche per Ortiz, costretto “al doppio lavoro”, visto che poco dopo lo vediamo all’angolo di Carlos Ramon Mairena, ultimo arrivo dal Nicaragua, e suo esordio italiano di fronte a Samuele Esposito, una sorta di Mike Tyson dei superleggeri ed ex campione italiano. Mairena non dispiace, ha un concetto chiaro della boxe: buona difesa e buon gioco di gambe. Due qualità che lo tengono lontano dai guai fino alla sesta ripresa quando Esposito alla ostinata ricerca del colpo duro lo costringeva ad inginocchiarsi nella sesta ripresa per essere contato, pochi duri colpi ancora e il naso sanguinante del nicaraguense richiede l’intervento del medico per il quale il match è concluso per ferita.
 
La serata era aperta da due match dilettantistici. Tra i 75 kg. Scaringella (Body Fight) si dimostrava più vario rispetto a Guainella, pugile solido e battagliero.
Toccava quindi ai supermassimi con Carbotti (Casalbruciato), una giovane promessa guidata all’angolo da Alessio Lucciarini, e il romeno Pascu proveniente dall’Abruzzo. Carbotti vinceva tranquillamente, permettendosi di curare oltre alla sostanza la qualità, tecnicamente parlando e logicamente virgolettato.

 

 

 

 

Archive

UN GIORNO COME OGGI, IL 22 SETTEMBRE DEL 1935

Magnolfi vincitore di Negri di Priminao Michele Schiavone Il fiorentino Alfredo Magnolfi divenne campione italiano dei pesi gallo la seconda volta il 22 settembre 1935, nella sua città, quando ...

22/09/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 21 SETTEMBRE DEL 1962

Fabio Bettini, romano campione di Francia di Priminao Michele Schiavone Il pugile Fabio Bettini godette di due cittadinanze, prima quella italiana per la sua nascita a Roma, poi la francese per scelta...

21/09/2017

'TORO SCATENATO' HA PERSO L'ULTIMA BATTAGLIA

LaMOTTA MORTO A 96 ANNI DOPO BREVE MALATTIA di Primiano Michele Schiavone Mercoledì 20 settembre 2017 – Dagli Stati Uniti è rimbalzata la notizia della morte dell’ex ca...

20/09/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 20 SETTEMBRE DEL 1942

Roberto Proietti, tre volte europeo di Priminao Michele Schiavone In un passato alquanto lontano capitò più volte che due italiani si affrontarono per la disputa di due campionati, cosa ...

20/09/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 19 SETTEMBRE DEL 1970

Zampieri su Proietti per ferita di Priminao Michele Schiavone Sono molti i casi in cui un pugile si afferma su un altro con il medesimo risultato prima del limite, nella stessa ripresa. Uno di questi ...

19/09/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 18 SETTEMBRE DEL 1951

Luigi Valentini batte Michele Palermo di Priminao Michele Schiavone L’undicesimo campione italiano dei pesi welter fu il romano Luigi Valentini che il 18 settembre 1951, nella capitale, spodest&...

18/09/2017

CAMPIONI DEL MONDO DI ORIGINE ITALIANA, TONY MARINO

Al secolo Antonio Marino di Pietro Anselmi e Vincenzo Belfiore Antonio Marino è l’unico tra tutti gli italo-americani elencati in questa rassegna di cui non abbiamo potuto trovare altri ind...

17/09/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 17 SETTEMBRE DEL 1975

Fanali, tre volte campione d'Italia di Priminao Michele Schiavone Il livornese Romano Fanali conquistò il titolo italiano dei pesi superleggeri per la terza volta il 17 settembre 1975 a Livorno...

17/09/2017

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS