There are 54.971 boxer records, at least 535.570 bouts and 10.307 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

BRUNO ARCARI COMPIE 70 ANNI

 

Bruno Arcari compie 70 anni
di Alfredo Bruno
 
Ogni anno con l’1 gennaio scatta l’Anno Nuovo e per noi appassionati di boxe diventa automatico fare gli auguri a Bruno Arcari, nato proprio l’1 gennaio del 1942 ad Atina nel frusinate, costretto ad emigrare ancora bambino a Genova. E’ stato uno dei più grandi campioni della storia pugilistica italiana; per Rino Tommasi, se non il più bravo, è stato senz’altro il più forte, un uomo scolpito nel ferro che detenne il titolo mondiale dei superleggeri per circa 4 anni vincendo tutte le 10 sfide mondiali.

Arcari si appassionò alla boxe seguendo le imprese di Duilio Loi, triestino-sardo, che iniziò la sua carriera dilettantistica proprio a Genova. Su consiglio dello zio si presentò alla “G. Mameli”, importante società dove insegnavano Alfonso Speranza e Armando Causa. Sono questi i personaggi fondamentali insieme a Rocco Agostino (procuratore) e Rino Tommasi (organizzatore romano) che saranno gli artefici di un’ incredibile carriera. Arcari dimostrò fin da dilettante di avere qualcosa in più degli altri: classe, rabbia, forza, cattiveria agonistica. Era un mancino ma faceva male anche con il destro; aveva, però, nella fragilità delle sue arcate sopraccigliari, il suo tallone d’Achille. Dopo le sfortunate Olimpiadi di Tokyo nel 1964 passò professionista firmando un accordo con Rino Tommasi, che per primo aveva creduto nelle sue grandi possibilità.
 
 
Era stato eliminato a Tokyo per ferita e neanche a farlo apposta perde il suo primo incontro da professionista per ferita, battuto dal non trascendentale Franco Colella, pugile scorbutico, che ancora oggi nel suo biglietto da visita tiene scritto “Franco Colella, vincitore di Bruno Arcari”. Infila una serie di vittorie che lo portano alla sfida con Massimo Consolati per il titolo italiano dei superleggeri. Anche qui una brutta ferita alle sopracciglia lo costringe alla resa medica al decimo round. Sembra un controsenso: Arcari subirà le sue uniche sconfitte da pugili italiani ed entrambe per ferita.
 
 
Si prende un’immediata rivincita con Consolati e il titolo italiano conquistato unito ad una bella serie di vittorie lo portano a battersi per l’europeo. Il campione all’epoca era l’austriaco Johann Orsolics, un superleggero con il fisico da medio, molto forte e aggressivo. Il 7 maggio 1968 a Vienna di fronte a 15mila spettatori frantumò in maniera quasi scientifica il suo avversario che crollò al 12mo round, malmenato e sfinito. Quel match fu trasmesso in televisione e fu una fortuna, perché fece conoscere il valore di questo atleta, che non amava i riflettori e conduceva una vita riservata.
 
 
Ben presto anche il titolo europeo cominciava ad andargli stretto e Tommasi propose la sua candidatura ai due campioni dell’epoca Antonio Cervantes (WBA), grande pugile colombiano, e il filippino Pedro Adigue Jr (WBC) che accettò l’offerta e venne a Roma. Il match di 15 riprese si disputò il 31 gennaio del 1970 al PalaSport dell’Eur davanti a circa 8.000 spettatori. Al terzo round Adigue sparò un destro che avrebbe abbattuto un bue, ma non una roccia come Arcari. Dall’ottava ripresa si vedeva chiaramente che il filippino, comunque sempre pericoloso, aveva speso le migliori energie, mentre il “ciociaro”, che aveva all’angolo Rocco Agostino, conservava ancora energie per disputare altre 15 riprese.
 

Bruno Arcari e Pedro Adigue dopo il combattimento

Fu un capolavoro come lo sarà più tardi la seconda sfida con il brasiliano Joao Henrique, che si disputò a Genova il 10giugno 1972. Al brasiliano, che era considerato in assoluto all’epoca il migliore della categoria, riservò lo stesso trattamento di Orsolic. Il match finì alla 12ma ripresa con un duro ko che pose fine alla carriera di Henrique.
 

Arcari non era alto, ma aveva un fisico robusto, cosa che lo costringeva a grossi sacrifici e fu così che decise di abbandonare il titolo per passare tra i welter. Si cercava di allestire un match con il campione Josè “Mantequilla” Napoles, ma questi non ne volle sapere, in pratica sparando cifre spropositate. All’epoca si stava facendo largo Rocky Mattioli, un giovane italoaustraliano forte come un toro. Il 3 aprile 1976 i due combatterono a Milano. Sulla carta doveva essere un passaggio di consegne, Arcari aveva 34 anni e regalava qualche chilo all’avversario che era un superwelter. Il verdetto fu di parità ma qualcosa fu tolto al “ciociaro” che dimostrò di avere intatte molte delle sue qualità. Si ritirerà due anni dopo con un record di 70 vittorie, 38 per ko, due sole sconfitte e un pari. Un altro suo record è quello i aver sempre vinto da Campione: 5 da Campione Italiano, 5 da Campione d’Europa, 10 da Campione del Mondo WBC. Per un periodo fu maestro di boxe e procuratore. Ebbe incarichi come Consigliere anche in Federazione, ma fedele al suo clichè di uomo schivo di onori, si ritirò anche dalla dirigenza federale per ricevere la nomina di Presidente onorario della Pugilistica Spezzina.

 

 

Archive

ADDIO A WALTER CEVOLI

GRANDE CAMPIONE RIMINESE di Alfredo Bruno Un altro lutto ha colpito la boxe italiana. A Rimini ieri si è spento, all’età di 59 anni, Walter Cevoli, che fu campione italiano dei mediomassimi negl...

17/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 17 OTTOBRE DEL 1986

Jacobsen, un danese che fece la differenza di Priminao Michele Schiavone La storia pugilistica della Danimarca, anche se scritta da pochi pugili rispetto al maggior numero dei colleghi di altre nazi...

17/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 16 OTTOBRE DEL 1964

La rivincita di Serti su Mastellaro di Priminao Michele Schiavone Uno dei pochi pugili che conquistarono il titolo italiano per la prima volta, al secondo tentativo, dopo aver perduto la cintura europ...

16/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 15 OTTOBRE DEL 1969

Carmelo Coscia, un campione di lungo corso di Priminao Michele Schiavone Uno di quei pugili che si spesero a lungo prima di arrivare all’appuntamento con il campionato italiano professionistico ...

15/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 14 OTTOBRE DEL 1983

A Milano, un programma, tre titoli di Priminao Michele Schiavone Quando il capoluogo lombardo poteva essere definito un baluardo dell’organizzazione pugilistica italiana, il promoter milanese Eg...

14/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 13 OTTOBRE DEL 1956

Guido Mazzinghi batte Marino Faverzani di Priminao Michele Schiavone La prima ed unica difesa del titolo italiano dei pesi medi sostenuta dal toscano Guido Mazzinghi avvenne il 13 ottobre 1956 a Milan...

13/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 12 OTTOBRE DEL 1974

Efisio Pinna vincitore in Sudafrica di Priminao Michele Schiavone Il pugile cagliaritano Efisio Pinna fu l’unico vincitore prima del limite del sudafricano Kokkie Oliver, che affrontò a J...

12/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, L'11 OTTOBRE DEL 1984

Luigi Marini, due volte campione nazionale di Priminao Michele Schiavone Tra i pugili che hanno conquistato più di una volta il titolo italiano si trova il marchigiano Luigi Marini che l'11 ott...

11/10/2017

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS