There are 54.990 boxer records, at least 535.762 bouts and 10.354 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

INTERVISTA A LUCIANO ABIS

 

Il sardo riepiloga la carriera prima dell’appuntamento tricolore

di Giuseppe Giallara

E' arrivato il momento per Luciano “Bazooka” Abis (33-3-1, 15 ko) di affrontare una nuova tappa della sua carriera, un match che il prossimo 3 maggio, sul ring di Alghero, lo vedrà incrociare i guantoni con il salernitano di stanza a Milano Gianluca Frezza (19-2-2, 7 ko) con in palio il titolo tricolore dei pesi welter. Sarà questo fight il clou della riunione organizzata dalla Promosport Sardegna di Tonino Puddu in collaborazione con la OPI 2000 di Salvatore Cherchi. Tanto il detentore che lo sfidante cagliaritano hanno 33 anni e ancora frecce nella faretra.
Abis (nella foto) è reduce dalla vittoria ai punti sul lituano Arvydas Trizno del 20 ottobre dello scorso anno; Frezza viene dalla difesa del titolo italiano contro Antonio Moscatiello del 7 dicembre 2012. La carriera del fighter cagliaritano residente a Quartu Sant'Elena negli ultimi tempi ha subìto un paio di scossoni, come la sconfitta (kot 7) contro il polacco Rafal Jackiewicz che gli è costata il titolo EU della categoria e la possibilità di battersi contro Leonard Bundu per la corona europea (cosa che ha poi fatto Jackiewicz perdendo il confronto prima del limite). Prima ancora, a sorpresa, Abis era finito ko alla prima ripresa davanti al lettone Semjons Moroseks, ma si era riscattato subito dopo a Laval in Francia difendendo il titolo EU con un perentorio ko al secondo round inflitto al francese Stanislas Salmon. Incidenti di percorso che fortunatamente non hanno inciso più di tanto sul morale del welter isolano, il quale ha alle spalle una militanza non avara di successi. Già campione Inter-Continental IBF e WBO e del Mediterraneo WBC, Luciano Abis si è battuto per il titolo italiano dei welter contro Leonard Bundu il 15 giugno 2007 a Milano (TD 3), quindi ha affrontato Rafal Jackiewicz per il titolo europeo il 28 febbraio 2009 a Lublin in Polonia perdendo onorevolmente ai punti complice anche un infortunio al gomito destro. Il 24 luglio del 2010, a Quartu Sant'Elena, ha conquistato il vacante titolo dell'Unione europea dei welter contro il belga Kobe Vandekerkhove (TD 7) e lo ha difeso il 15 aprile del 2011 a Capoterra (Cagliari) contro il britannico Mark Lloyd (TD 7). Dopo averlo nuovamente conservato contro Salmon, lo ha ceduto a Jackiewicz in un match che lo ha visto esprimersi al di sotto del suo abituale standard. Nella boxe, si sa, non ci si può meravigliare di nulla, così come non si può mai dare niente per scontato. E come si cade si può anche risorgere, a patto che si sia forti non solo fisicamente ma anche nello spirito di sacrificio e nella volontà di riscatto.
Per il detentore Gianluca Frezza, meno incontri all'attivo ma una carriera sin qui nobilitata dalla conquista del titolo di campione d'Italia avvenuta il 2 dicembre del 2011 ai danni di Giuseppe Langella (sq. 10). Il 9 settembre del 2012 il boxeur milanese d'adozione ha difeso il titolo battendo ai punti Italo Brussolo e si è ripetuto il 7 dicembre successivo respingendo l'assalto di Antonio Moscatiello. La terza difesa della corona Frezza la sosterrà contro Luciano Abis (che nell'occasione disputerà il suo dodicesimo fight con un titolo in palio) e non sarà una pratica facile da sbrigare. Almeno sulla carta. Poi sarà il ring a dare il suo responso, come sempre inappellabile.
Nell'attesa, il “Bazooka” isolano è tranquillo e consapevole del compito che lo attende. Si sta preparando puntigliosamente come sempre e ha piena fiducia nei propri mezzi. “Sono molto motivato – fa presente – perché per me questa è un'occasione importante di riscatto dopo la sconfitta contro Jackiewicz, una buona chance che in caso di vittoria mi consentirà di riprendere a puntare nuovamente in alto. Ho sempre considerato assai prestigioso il titolo italiano, e ho aspirato a più riprese a battermi per cercare di conquistarlo. Mi è stato concesso di farlo una volta sola, contro Leonard Bundu; non ho vinto, ma non ho neppure perso visto il verdetto di pari tecnico per ferita. Adesso ci riproverò contro Frezza, che conosco per averlo visto combattere e che ritengo alla mia portata, pur con tutto il rispetto che nutro nei suoi confronti. Non voglio addentrarmi a parlare di tattiche perché ritengo che non serva a niente; capirò sul ring in quale modo mi converrà comportarmi. L'importante è l'allenamento, la preparazione scrupolosa per sostenere il combattimento, e sotto questo profilo sono un professionista serio che cura tutti i dettagli. Come sempre, mi sto preparato nell'Accademia pugilistica “Franco Loi” con i miei maestri Marco Scano e Fabrizio Cappai che è anche mio zio”.
Quale bilancio stilerebbe della sua carriera dall'esordio a oggi?
Direi che la mia carriera sin qui è stata piena, ho combattuto un po' dovunque, anche all'estero, e non sto arrivando al titolo italiano da novellino ma da boxeur che ha una storia alle spalle. Ho 37 match all'attivo e un'età, 33 anni, che oggi non è sinonimo di “anzianità” nella boxe, come confermano i tanti pugili di valore europeo e mondiale che hanno anche più anni di me. Per quanto mi riguarda, sono ancora integro e ritengo di poter fare ancora tanto con l'aiuto di allenamenti mirati e di una vita sana.
Come si può portare avanti e poi concludere degnamente la sua carriera?
Potrei dire vincendo il titolo italiano e poi riprovando per l'europeo. Tuttavia, sono abituato a fare un passo alla volta, anche per una questione scaramantica. Oggi mi si presenta la possibilità di conquistare il titolo italiano. Spero di riuscirci, ma mi fermo qui; al resto, se tutto andrà bene, penseremo dopo.
Non ha un sogno nel cassetto?
Lo abbiamo tutti, credo. Il mio è comune a quello di tanti altri pugili: mi piacerebbe salire un giorno sul ring per battermi per il titolo mondiale a prescindere da quello che potrebbe essere il risultato. Sarebbe un grande traguardo, il coronamento di una carriera nel corso della quale mi sarei battuto per tutti i titoli importanti. Ho combattuto per il titolo italiano e per quello europeo, mi manca solo il mondiale. Ovviamente, lo abbiamo premesso, si tratta solo di un sogno, anche se nella vita non si può mai dire, e a sognare non si fa peccato.
Ha dei rimpianti?
Si, uno: essere andato in Polonia e non essere riuscito a mettere a segno il montante sinistro su Jackiewicz dopo averlo scosso con un gancio destro alla seconda ripresa. Purtroppo avevo il gomito destro infortunato e ciò mi ha costretto a combattere praticamente con un braccio solo. Pazienza, vuol dire che doveva andare così.
Cosa non rifarebbe se potesse ritornare indietro?
Rifarei tutto. Ogni momento della vita ha un suo fascino, un suo significato. Sono nel pugilato sin da quando ero bambino, ho vinto titoli, medaglie, ricevuto applausi. Ho anche perduto dei match, ma ci sta pure quello, nel pugilato si vince e si perde. Diciamo che sono soddisfatto delle cose che ho fatto. Questo, tuttavia, non significa che mi senta appagato, anzi ho più fame di vittorie di prima e cercherò pertanto di togliermi altre soddisfazioni.
Cosa le ha dato il pugilato e che cosa, eventualmente, le ha tolto?
Partiamo dalla fine: non mi ha tolto nulla. Cosa mi ha dato? Tutto. Sono cresciuto nell'ambiente del pugilato dove ho imparato tante cose e mi sono forgiato. Tutto quello che sono oggi lo devo alla boxe, intorno alla quale la mia vita continua a ruotare. E' uno sport che consiglierei a tutti i ragazzini perché è ricco di insegnamenti non solo sportivi ma anche di vita.
Un saluto ai suoi fan?
Più che volentieri. Li abbraccio tutti e chiedo loro di venire a vedere il match e a sostenermi come sempre. Sono convinto che non li deluderò e che vedranno in azione un Luciano Abis che ce la metterà tutta per vincere e per diventare finalmente campione italiano.
 

 

 

 

Archive

UN GIORNO COME OGGI, IL 18 NOVEMBRE DEL 1972

Ugo Poli sconfigge Bruno Pieracci di Priminao Michele Schiavone La provincia di Sondrio trovò nel valtellinese Ugo Poli, originario di Ardenno, l’elemento di spicco per promuovere negli a...

18/11/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 17 NOVEMBRE DEL 1985

Giampiero Pinna vincitore di Mario Bitetto di Priminao Michele Schiavone Il sassarese Giampiero Pinna, divenuto campione italiano dei pesi mosca al terzo tentativo, il 17 novembre 1985, a Vercelli, so...

17/11/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 16 NOVEMBRE DEL 1967

Franco Innocenti supera Antonio Villasante di Priminao Michele Schiavone L’aretino Franco Innocenti tornò al successo il 16 novembre 1967, nella sua città, dove affrontò l&r...

16/11/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 15 NOVEMBRE DEL 1973

Giorgio Braconi sconfigge Cosimo Convertino di Priminao Michele Schiavone Il bresciano Giorgio Braconi per accedere al campionato italiano dei pesi superleggeri dovette disputare una semifinale al tit...

15/11/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 14 NOVEMBRE DEL 1970

Luciano Sarti vince contro Mario Lamagna di Priminao Michele Schiavone Il padovano Luciano Sarti divenne campione d’Italia dei pesi medi il 14 novembre 1970, nella sua città, dove vinse s...

14/11/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 13 NOVEMBRE DEL 1977

Giancarlo Usai batte Vincenzo Quero a Rimini di Priminao Michele Schiavone La seconda stagione come campione italiano dei pesi leggeri del sardo Giancarlo Usai fu proficua rispetto alla precedente, qu...

13/11/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 12 NOVEMBRE DEL 1949

Belardinelli batte Fattori per il titolo di Priminao Michele Schiavone Il 12 novembre 1949, nella sua Roma, il campione italiano dei pesi mosca Otello Belardinelli difese per la prima volta la sua cin...

12/11/2017

UN GIORNO COME OGGI, L'11 NOVEMBRE DEL 1967

Mirko Rossi supera Armando Pellarin di Priminao Michele Schiavone Il miglior anno professionistico di Mirko Rossi, veneziano di nascita cresciuto a Genova, fu l’ultimo della sua carriera, quando...

11/11/2017

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS