There are 56.049 boxer records, at least 537.770 bouts and 10.857 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

ACCADDE OGGI, FUNARI TRIONFA SU LESAGE

 

 

Il primo aprile 1950, allo Sferisterio di Roma

di Alessandro Bisozzi

Marcel Lesage, peso piuma francese nato nel 1925, era un pericoloso guardia destra dal pugno particolarmente potente.
Professionista dal 1948, Lesage era rimasto imbattuto per due anni di fila, collezionando nove ko su tredici vittorie consecutive.
Quando il 29 gennaio 1950 si presentò a Roma per affrontare il campione italiano Alvaro Cerasani, c'era chi dubitava sul valore effettivo di tutte quelle vittorie. I suoi detrattori non lo reputavano all'altezza del "Palletta", il romano che aveva già all'attivo una cinquantina di combattimenti e ben trenta vittorie.
L'esito di quell'incontro chiarì ogni dubbio, compreso quello sulla fragilità della mandibola di Cerasani: Lesage vinse per ko alla terza ripresa.
Ancora un paio di successi e il francese fu pronto ad affrontare Dante Venturi, il forte pugile di Terracina che qualche settimana prima aveva pareggiato l'incontro per il titolo italiano proprio con Cerasani.
Alcuni disguidi causati dal Venturi, che pochi giorni prima dell'appuntamento accusò una malattia non avvalorata dalla Federazione, fecero saltare il confronto. Fu a questo punto che l'organizzazione "XX Secolo" propose a Nicola Funari (nella foto in basso) di affrontare il francese.
Il ventunenne civitavecchiese, vincitore di Gino Bondavalli, non se lo fece dire due volte; era un'occasione fenomenale per lui, professionista da appena un anno e aspirante al titolo italiano.
Nicola era un picchiatore straordinario: veloce, istintivo, versatile e spietatamente aggressivo.
La sua impassibilità nell'approcciare i combattimenti sembrava rasentare l'incoscienza. Senza far mai trapelare nessuna emozione, egli affrontava ogni tipo di situazione, adeguando, in maniera del tutto spontanea, la sua scherma alle caratteristiche dell'avversario.
Anche il francese era lo sfidante ufficiale al titolo nazionale e quel confronto avrebbe potuto dare indicazioni significative sul prossimo dominatore della scena continentale.
Il civitavecchiese era il più giovane tra i due, ma in quanto ad esperienza non aveva nulla da invidiare all'avversario, doveva solo affinare una tecnica ancora un po' nascosta tra le pieghe della sua acerba spavalderia.
Funari aveva fatto vedere cose strabilianti fin dal suo esordio nei dilettanti, avvenuto nel 1945, quando salì sul ring ad appena sedici anni in un'incontro sottoclou dell'ultimo match del suo idolo: Vittorio Tamagnini.
Erano tante le cose che lo accomunavano al campione olimpionico, con il quale ebbe il piacere di condividere gli allenamenti in palestra e gli ultimi lampi di una carriera memorabile.
Da quei bagliori deve averne tratto lezioni pregevoli, perché Nicola, dotato di un talento naturale ed istintivo per la boxe, si trasformò in breve in un pugile completo.
L'incontro rappresentava solo un match di affinamento per Lesage, un visto irrilevante da apporre sul record prima della sfida a Bonnardel, titolare della corona di Francia dei pesi piuma.
Funari era solo un sostituto, in fondo, un rimpiazzo dell'ultimo momento, e il francese arrivò a Roma sicuro di sbrigare la pratica così come aveva fatto tre mesi prima col campione italiano Cerasani, liquidato in tre riprese.
A dire il vero, anche taluni giornali italiani si chiesero, con un certo sgradevole sarcasmo, se il civitavecchiese non avesse azzardato un po' troppo per i propri mezzi.
Il primo aprile 1950, allo Sferisterio di Roma, Lesage sale sul ring con la piena certezza che l'unica superiorità effettiva dell'avversario fosse quella rilevata alla bilancia, che aveva segnato un chilo di differenza a favore dell'italiano. Null'altro.
Funari, dal canto suo, non sembra per nulla intimorito dal francese che assale fin dal primo secondo del combattimento. Una tattica studiata a tavolino e da lui adottata con feroce determinazione, nell'intento di impedire ogni replica e di bloccare qualsiasi iniziativa del pericoloso rivale.
 
 
Il civitavecchiese imprime alla battaglia un ritmo forsennato, colpisce Lesage ripetutamente e con una precisione millimetrica, riuscendo a dominarlo sia nei corpo a corpo che dalla distanza.
Marcel è sopraffatto dall'aggressività dell'avversario. Non riesce a trovare la misura né la posizione giusta per scaricare il suo potente sinistro contro un bersaglio mobilissimo ed efficiente come quello che ha davanti. Si copre, indietreggia, si sposta con rapidità, ma Nicola non lo molla, lo investe letteralmente con un fitto tiro di colpi sparati da ogni angolazione possibile.
Un bombardamento a tappeto preciso e violentissimo che si protrae fino alla sesta ripresa, quando Lesage, pesantemente provato e già sanguinante da una brutta ferita alla bocca, è costretto all'abbandono.
Con avveduta strategia, Funari aveva dominato un confronto che sulla carta lo dava sicuro perdente, un combattimento condotto ad un ritmo travolgente a cui il francese non seppe opporre alcuna valida difesa.
La sconfitta subita dall'idolo di Roma, Alvaro Cerasani, era stata vendicata da un giovane civitavecchiese di ventuno anni.
Fu una dura punizione per Lesage, una severa lezione intitolata: mai sottovalutare l'avversario.
 
Alessandro Bisozzi

 

 

 

Archive

UN GIORNO COME OGGI, IL 14 SETTEMBRE DEL 1962

Salvatore Burruni batte Pierre Rossi di Alfredo Bruno Il 14 settembre 1962 sul ring del Vigorelli non è certo una bella data da ricordare per la sconitta subita da Duilio Loi ad opera di Eddie Perkins in un ...

14/09/2019

UN GIORNO COME OGGI, IL 13 SETTEMBRE DEL 1958

Massimo Zanaboni batte Federico Friso di Alfredo Bruno Il 13 settembre 1958 alla Cavallerizza di Grosseto il colosso Massimo Zanaboni era chiamato ad un compito arduo ed era quello di affrontare il pugile patavino ...

13/09/2019

UN GIORNO COME OGGI, IL 9 SETTEMBRE DEL 1962

Pari tra Federico Scarponi e Giuseppe Linzalone di Alfredo Bruno Il 9 settembre 1962 al Palasport di Pesaro si disputava un derby, non di calcio, ma di pugilato. Federico Scarponi, residente a Porto S. Elpidio, aff...

09/09/2019

UN GIORNO COME OGGI, IL 7 SETTEMBRE DEL 1963

Sandro Mazzinghi diventa campione del mondo di Alfredo Bruno Il 7 settembre 1963 è una data storica per la boxe italiana. Al Vigorelli di Milano si disputa una grande riunione organizzata dalla SIS. Nell&rsq...

07/09/2019

UN GIORNO COME OGGI, L'1 SETTEMBRE DEL 1960

Giancarlo Garbelli batte Peter Muller di Alfredo Bruno L'1 settembre 1960 è una di quelle date che rimarrà scolpita nel cuore dei milanesi, Duilio Loi batte Carlos Ortiz e diventa campione del mondo d...

01/09/2019

UN GIORNO COME OGGI, IL 31 AGOSTO DEL 1950

Roberto Proietti batte Jorgen Johansen di Alfredo Bruno Il 31 agosto 1950 Roberto Proietti si trovava a Copenhagen per difendere il titolo europeo dei leggeri. Sul ring a sfidarlo si trovava Jorgen Johansen, un gio...

31/08/2019

UN GIORNO COME OGGI, IL 30 AGOSTO DEL 1995

Davide Ciarlante batte Teodoros Mitiku di Alfredo Bruno Il 30 agosto 1995 si disputava sul ring di Villapiana Lido, provincia di Cosenza, il titolo italiano dei superwelter saldamente tenuto da Davide Ciarlante. Lo sfidant...

30/08/2019

UN GIORNO COME OGGI, IL 28 AGOSTO DEL 1961

Mario Sitri batte Lino Mastellaro di Alfredo Bruno Il 28 agosto 1961 a Messina si disputava un match valevole per il titolo italiano dei piuma, lasciato vacante da Raimondo Nobile. A contenderselo eran...

28/08/2019

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS