There are 54.971 boxer records, at least 535.570 bouts and 10.309 news archived

Home Italy Schedule Results Ratings Amateur Records Amateur Encyclopedia Contacts Reserved Area

Notizie

ADDIO A TEO BETTI, FIRMA STORICA DELLA BOXE

 

 

Cronista puro, marchio di garanzia del pugilato italiano

di Alfredo Bruno

Se ne è andato all’età di 83 anni Teo Betti, firma storica della boxe italiana e mondiale. Un vero e proprio pioniere del giornalismo sportivo, la sua firma era diventata un marchio di garanzia della boxe, che acquistava valore quando alla fine dell’articolo oppure sopra leggevi il nome di Teo Betti per il Messaggero, Franco Dominici, Dario Torromeo, Maurizio Roveri per il Corriere dello Sport; Roberto Fazi, Maurizio Mosca, Giuliano Orlando per la Gazzetta dello Sport, Sergio Sricchia per “Il Guerin Sportivo”; poi c’erano “battitori liberi” come Rino Tommasi, Gianni Minà, Mario Guerrini, Paolo Rosi, Paolo Valenti, Mario Mattioli, volti della televisione conosciuti e facilmente identificabili con il nostro sport. A questi si aggiungevano numerose altre firme, parliamo sempre di “storiche”, come Giuseppe Signori, Gianni Pignata, Mario Bruno, Emanuela Audisio e tanti altri, che poi si sono ramificati in vari sport, necessità della nuova epoca del giornalismo, una sorta di mobilità nello sport, per cui rimane difficile identificarli esclusivamente con la boxe; un ring, quello della stampa, per il quale i contendenti erano i giornalisti e la posta in palio le varie discipline.
Quando, parecchi anni fa, parlavo con Giuseppe Ballarati, manager e autore della “Bibbia” del Pugilato, l’annuario che ha avuto per lungo tempo la maggiore tiratura insieme a quello di “The Ring” di Nat Fleischer, mi chiedeva spesso notizie di Betti, perché lavoravamo entrambi al Messaggero, sia pure con incarichi ben distinti. Ballarati regolarmente mi parlava di episodi di gioventù quando lui e Teo erano due giovani pugili rampanti e si erano incontrati nel 1946 alle eliminatorie del Torneo Novizi dell’Orto Botanico: “Era uno tosto”- si divertiva a raccontare il Commendatore-“ veniva dentro e faceva male, ma io avevo più tecnica e alla fine vinsi”. Questa forza, resistenza e “tostaggine” Teo la riversò più tardi anche nel calcio e nel tennis, come componente del Messaggero, nei vari Tornei Giornalistici. Nel calcio giocava prevalentemente da terzino, era un “cagnaccio” che non lo schiodavi da torno “neanche se gli sparavi”, per dirla in gergo; nel tennis era un “pallettaro” che stroncava gli avversari proprio sul ritmo e sulla resistenza, cosa che avvenne anche dopo i 50 anni. Questa sua forza e inesauribilità fisica traspariva anche nei suoi articoli, dove scriveva pane al pane e vino al vino. Nel Messaggero cominciò nel 1952 da collaboratore. Sul pugilato all’epoca si cimentavano a turno il “capo” Rizieri Grandi, “il maestro” Gualtiero Zanetti ed un giovane rampante di nome Sergio Valentini. Poi pian piano Teo, Teodoro all’Anagrafe, che faceva tra l’altro buona esperienza a Boxe Ring, divenne il titolare della rubrica sul pugilato, bei tempi, altri tempi…
Nel giornalismo attraverso la boxe si fece largo a suon di penna e macchina da scrivere. I suoi articoli piacevano per uno stile senza fronzoli, per lui il giornalismo non era una gara a chi era il più bravo, lui scriveva quello che vedeva e riteneva giusto, senza sotterfugi e compromessi, altra cosa da non sottovalutare. Negli anni 50 e 60 la boxe aveva con regolarità il suo articolo, non parlo di notizia breve, e nel Messaggero appariva inconfondibile la firma di Teo Betti, o alla peggio con la sigla T.B. Divenne quindi inviato, ruolo della massima importanza di un giornale, e il suo primo grande servizio lo fece a Bologna per Cavicchi - Neuhaus, titolo europeo dei massimi. La sua escalation continuò anche come inviato speciale sui ring di quasi tutto il mondo, Stati Uniti in particolare. Si passava dall’epoca dei Mitri e Festucci a quella dei Benvenuti, Mazzinghi, Rinaldi, De Piccoli, Adinolfi, Oliva, Arcari, oro colato per la bravura di Teo. All’epoca, probabilmente anche per viaggi fatti insieme, nacque la sua amicizia con Roberto Fazi e Michele Galdi, il capo” della Redazione Romana della Gazzetta, quando si trovava nella centralissima Piazza San Silvestro. Più tardi a questo binomio si unì Dario Torromeo. Prima di ogni grande avvenimento i tre si telefonavano, oppure pranzavano insieme per scambiare la loro opinione sui protagonisti e gli avvenimenti della boxe.
Conobbi Teo nel 1964 quando entrai nel Messaggero, facemmo subito amicizia, perché avevamo una passione in comune. Divenni pubblicista nel 1968, purtroppo grazie al calcio, e cominciai a scrivere di boxe, soprattutto la parte dilettantistica, nel 1982. Io “divoravo” i suoi articoli e lui leggeva i miei con molta attenzione. Mi bacchettava spesso, non sullo stile di scrittura, ma sulla mancanza di coraggio di scrivere se c’era qualcosa che non andava. Io purtroppo per lui somigliavo un po’ al “medico pietoso”. Bastone e carota da parte di un maestro del campo come lui. La carota arrivava quando mi elogiava per la pazienza con cui andavo alla ricerca di un mondo sconosciuto, l’interno delle palestre.
Come abbiamo detto in precedenza il giornalismo sportivo cambiava, “la balena calcio” divorava tutto. Il pugilato scendeva di qualche gradino, mentre altri sport salivano nell’interesse della gente e soprattutto dei direttori di giornale. Betti, da buon duro, si cimentò come giornalista anche nel Rugby, un gioco di squadra che esprimeva il suo “credo” e la sua visione della vita, e il tennis, altra sua passione che non lo ha abbandonato mai. La boxe, pur aumentando le pagine sportive dei giornali, non aveva più il rilievo di un’ epoca, neppure tanto remota. La fedele macchina da scrivere lasciava il posto alla tastiera del Computer. Teo fu costretto a usarla, ma quando poteva, soprattutto a casa, spolverava la sua Olivetti per sentire il tintinnio dei tasti. Il suo stile con il passare del tempo non era cambiato, ma piaceva anche ai giovani, era diventato senza volerlo un maestro. Una scuola che purtroppo, non me ne vogliano i giovani, è totalmente cambiata in sudditanza di uno stile cibernetico, che ci sta spersonalizzando. 
I limiti di età nella seconda metà degli anni ’90 imposero il pensionamento a Betti, che rimase comunque, sia pure come collaboratore, al Messaggero. Per anni scrisse ancora vari articoli, mentre di boxe se ne parlava sempre di meno. Nella redazione sportiva aveva il suo telefono e la sua scrivania. Puntuale si presentava ogni giorno alle 15, era a disposizione di tutti, pronto a scrivere all’occorrenza. Il cuore cominciava a creare qualche problema, la roccia accusava il peso degli anni, come il dodicesimo round di un pugile. Un giorno Teo non si presentò in Redazione, per i colleghi non ci volle molto a capire che quel “romanaccio”, esperto di boxe, si era ritirato definitivamente in attesa…del verdetto.

 

 

 

 

Archive

UN GIORNO COME OGGI, IL 18 OTTOBRE DEL 1968

Vittorio Saraudi sconfigge Giovanni Biancardi di Priminao Michele Schiavone Il terzo campione italiano di Civitavecchia fu Vittorio Saraudi, figlio di Carlo, precursore del pugilato nella città...

18/10/2017

CAMPIONI DEL MONDO DI ORIGINE ITALIANA, MIKE BELLOISE

Al secolo Michele Belloise di Pietro Anselmi e Vincenzo Belfiore La famiglia Belloise ebbe dieci figli, quattro femmine e sei maschi. Di questi tre divennero pugili: Mike, Steve e Sal. Gli ultimi ...

18/10/2017

ADDIO A WALTER CEVOLI

GRANDE CAMPIONE RIMINESE di Alfredo Bruno Un altro lutto ha colpito la boxe italiana. A Rimini ieri si è spento, all’età di 59 anni, Walter Cevoli, che fu campione italiano dei mediomassimi negl...

17/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 17 OTTOBRE DEL 1986

Jacobsen, un danese che fece la differenza di Priminao Michele Schiavone La storia pugilistica della Danimarca, anche se scritta da pochi pugili rispetto al maggior numero dei colleghi di altre nazi...

17/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 16 OTTOBRE DEL 1964

La rivincita di Serti su Mastellaro di Priminao Michele Schiavone Uno dei pochi pugili che conquistarono il titolo italiano per la prima volta, al secondo tentativo, dopo aver perduto la cintura europ...

16/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 15 OTTOBRE DEL 1969

Carmelo Coscia, un campione di lungo corso di Priminao Michele Schiavone Uno di quei pugili che si spesero a lungo prima di arrivare all’appuntamento con il campionato italiano professionistico ...

15/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 14 OTTOBRE DEL 1983

A Milano, un programma, tre titoli di Priminao Michele Schiavone Quando il capoluogo lombardo poteva essere definito un baluardo dell’organizzazione pugilistica italiana, il promoter milanese Eg...

14/10/2017

UN GIORNO COME OGGI, IL 13 OTTOBRE DEL 1956

Guido Mazzinghi batte Marino Faverzani di Priminao Michele Schiavone La prima ed unica difesa del titolo italiano dei pesi medi sostenuta dal toscano Guido Mazzinghi avvenne il 13 ottobre 1956 a Milan...

13/10/2017

Other news

04/01/2017 - NUOVE REGOLE AIBA
17/01/2016 - IL RITORNO DI HAYE
23/12/2015 - IL CASO TEPER
24/06/2015 - THE REAL ROCKYS
21/05/2015 - IL FIGHTER D'ITALIA
02/04/2015 - ROMA SUL RING
31/03/2015 - XX MEMORIAL BIAGINI
16/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/01/2015 - NEWS SUL FRONTE EBU
08/06/2014 - PANORAMA LOMBARDO
15/05/2014 - RASSEGNA LOMBARDA
28/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
27/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
26/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
23/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
22/03/2014 - UN GIORNO COME OGGI
25/02/2014 - ITALIANI IN EUROPA
23/12/2013 - BOXE SOTTO L'ALBERO
22/10/2013 - ACCADDE OGGI
20/10/2013 - UN GIORNO COME OGGI
17/09/2013 - MISCELLANEA TOSCANA
17/09/2013 - CAROSELLO ITALIANO
07/12/2012 - I MAGNIFICI 9
25/09/2012 - WSB TERZA STAGIONE
10/08/2012 - CIAO GUERRINO
08/02/2012 - BOXE E ARTE VISIVA
03/02/2012 - NOTIZIE DALLA IBO
27/11/2011 - ADDIO A RON LYLE
17/11/2011 - UN CUTMAN ITALIANO
20/09/2011 - ALVAREZ PIEGA GOMEZ
15/09/2011 - CRITERIUM GIOVANILI
18/07/2011 - HUCK FERMA GARAY
14/07/2011 - BOXE A BINAGO
13/07/2011 - MINUTO DI SILENZIO
05/07/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
28/06/2011 - SUI RINGS CANADESI
20/06/2011 - LOMBARDIA IN TOUR
12/05/2011 - DILETTANTI A VARESE
09/02/2011 - RITORNA LUCA MESSI
04/02/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
03/02/2011 - TITOLI MONDIALI WBA
28/01/2011 - KESSLER
27/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
24/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
23/01/2011 - FURY AFFRONTA BOTHA
21/01/2011 - LE ULTIME DALL'EBU
14/01/2011 - VERSACI E LAGANÀ
08/01/2011 - MORTO GARY MASON
23/12/2010 - LA WBO IN CINA
06/12/2010 - MORMECK VUOLE HAYE
06/12/2010 - FROCH DOMINATORE
22/11/2010 - MARTINEZ FULMINEO
18/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
13/11/2010 - LE ULTIME DALL'EBU
01/11/2010 - L’EBU IN OTTOBRE
30/09/2010 - MURRAY DI FORZA
25/09/2010 - ANCORA SOLIMAN
17/09/2010 - RIECCO STURM
04/09/2010 - GOLOTA BALLERINO
21/08/2010 - ADDIO A MAC FOSTER
21/08/2010 - DAWS DI FORZA
21/08/2010 - ADDIO A DENNY MOYER
17/08/2010 - I PROGRESSI DI FURY
17/08/2010 - DAPUDONG SBRIGATIVO
03/07/2010 - RIPARTE ANNUNZIATA
23/06/2010 - FRANCESI IN MAROCCO
22/06/2010 - CONFEMA DI WATERS